Verso un giro di vite sulle pensioni di reversibilità

La sorpresa nel Def. Damiano (Pd): «Siamo contrari, in ogni caso la Commissione lavoro della Camera cancellerà l’intervento».
Torna a riscaldarsi il fronte delle pensioni. Il testo di uno dei decreti della delega legislativa sulla povertà depositati in Commissione Lavoro alla Camera, avevano denunciato a suo tempo i sindacati, prevede un intervento sulle pensioni di reversibilità. Il governo aveva negato ogni intenzione di tagliare questa prestazione, che spetta al coniuge o agli eredi alla morte del pensionato o del lavoratore che ha versato i contributi. Ma come fa notare il presidente della Commissione Lavoro della Camera, Cesare Damiano (Pd), anche nel testo del Def recentemente pubblicato dal governo questa intenzione viene ribadita con nettezza. ( http://www.lastampa.it )

Tutto come previsto. Hanno intenzione di defraudare nuovamente i cittadini italiani per finanziare il reddito di cittadinanza agli immigrati che, sempre coi nostri soldi, le navi NATO vanno a traghettare gratuitamente al di qua del Mediterraneo.
La storiella dell’ISEE è una fregatura in quanto, siccome gli stranieri, in genere, non hanno intestato nulla in Italia e dichiarano redditi bassi, tutti i sussidi contro la povertà sono destinati in massima parte a loro.
Ho già sottolineato come le famose depenalizzazioni dei reati minori, per lo stesso motivo, sono un regalo inaspettato per gli stranieri. Non possedendo niente e non avendo redditi ufficiali possono impunemente non pagare le bollette, le multe stradali, le imposte di ogni tipo eccetera. Basta invece che un cittadino italiano abbia intestata una casupola semidiroccata sulla Sila o sul Gennargentu che Equitalia gli può pignorare l’immobile a fronte di inadempienze fiscali.
Non è strano che i falsi rivoluzionari dell’Italia terminale, da Severgnini a Panebianco, da Travaglio a Santoro, non lo dicano mai? No, non è strano poiché essi sono tutti al servizio della massoneria e del piano di globalizzazione.
Qua a Brescia, la città più a nord del Terzo Mondo, c’è gente che ancora versa soldi all’INPS dopo che gli hanno rinviato la possibilità di pensionamento, prima da 35 a 40 anni di contribuzione, poi a 42 con la legge Fornero e, state tranquilli, presto a 43. Pensate solo alle pensioni-baby statali o con “contributi figurativi”. Perchè quelle sono intangibili?
Ma cosa volete, il bello del NWO è che quantomeno falcidia gli imbecilli.
Come al solito, avevano in precedenza mandato avanti il signor Grillo per fare credere che la gente “onesta”, “dal basso” vuole ciò:

http://www.beppegrillo.it/2015/04/il_movimento_5_stelle_contro_la_poverta_.html

Dimenticavo quasi, il riferimento alla flessibilità in uscita è una bufala elettorale. Renzi e Grillo non hanno la minima intenzione di dare un centesimo ad anziani italiani che non parlano inglese, non usano lo smarthphone e non navigano in internet per commerciare su Ebay.
‘Franco Roberti: “Reclutamento in carcere, 500 minori a rischio Jihad” Secondo me, la soluzione sarà di dargli il reddito di cittadinanza a vita!
Previsti tagli alla pensione di reversibilità Inps