Il canone RAI TV nella bolletta elettrica è una beffa

Scade il 16 maggio 2016 il termine ultimo per inviare l’autocertificazione che non si possiede un televisore in casa. Altrimenti da luglio si pagheranno 100 euro inclusi nella bolletta elettrica della medesima abitazione.
Se si invia la disdetta entro il 31 maggio, essa vale solo per il secondo semestre 2016, si dovranno pagare i primi 6 mesi di quest’anno.

Scarica gratis il modulo per l’esenzione dal canone RAI (PDF)

Il modulo me lo sono guardato e credetemi se vi dico che è una presa in giro. Pur nella sua apparente semplicità.
Prima di tutto, non si trova la casella per indicare il numero identificativo del contatore (c’è su ogni bolletta) al quale il balzello verrebbe o meno addebitato. Poi, quadri e caselle sembrano fatti apposta per favorire errori e malintesi, quindi l’agenzia delle entrante avrà buon gioco ad applicare multe e sanzioni evocando errori di forma.
Se loro volevano davvero riscuotere il canone TV tramite bolletta, dovevano inviare il modulo attraverso la documentazione cartacea dei gestori della distribuzione elettrica. In questo modo, ci sarebbe stata una corrispondenza diretta fra il singolo contatore e la relativa autocertificazione di non possesso del televisore. Così è come tentare di appioppare una multa a una certa automobile scrivendo il modello e il colore della carrozzeria, ma omettendone la  targa.
Finirà tutto “a schifio” come dicono in Sicilia.