Incrinatura (nella “matrice”?)

Immagine ripresa dall'astronauta inglese Tim Peake

Questa immagine testimonia l’effetto di un minuscolo detrito spaziale (pochi micron) che ha recentemente impattato uno dei finestrini della cupola sulla Stazione Spaziale, provocando una incrinatura di circa 7 mm.
Fortunatamente, il quadruplo strato dei finestrini fa si che non ci sia un pericolo concreto di depressurizzazione… ( http://aliveuniverse.today/ )

Voi ci credete?
Oggi che la esistenza della ISS è messa in dubbio dato che viene sostanzialmente ignorato il pericolo rappresentato dai micrometeoriti, se ne escono con tale notizia.
F = M x a (la forza d’impatto è uguale alla massa moltiplicata per l’accelerazione) ci insegnano nei corsi di Fisica. Ma una stazione spaziale orbitante che viaggia a 27.500 km/h, come può resistere alla collisione di un oggetto roccioso dalla massa anche solo di un chicco di riso?
Pesate un chicco di riso e fate il calcolo!