BEAM gonfiato e pressurizzato

BEAM ISS

Il Bigelow Expandable Activity Module (BEAM), il prototipo di habitat gonfiabile trasportato sulla Stazione Spaziale Internazionale (ISS) durante l’ultimo viaggio della capsula Dragon, è stato correttamente gonfiato e pressurizzato alle 20:34 UTC di ieri. Ora, è lungo 4 metri con un diametro di 3,20 metri circa per creare un volume di circa 16 metri cubi. ( http://aliveuniverse.today/ )

Voi ci credete? Come fa, dal punto di vista matematico, a reggere una struttura flessibile nello spazio contro il “vuoto (pressoché) assoluto”?
Come fa a resistere ai micrometeoriti (sancito nelle specifiche) che viaggiano a diversi km/s? Avete mai fatto il calcolo della forza d’impatto? (Esempio, un oggetto equivalente a  50 grammi che viaggia a 27.600 km/h, velocità della ISS, o 36.000 km/h = 10 km/s stando ai dati NASA)
Da quando lo pseudo-astronauta Tim Peake è stato sorpreso davanti a una grigia di riferimento dello schermo verde, le immagini della NASA sono zeppe di griglie dal significato recondito!
Articoli di approfondimento: La Stazione Spaziale Internazionale non può essere reale