Isis prepara attentati in Italia: metropolitana di Milano e basiliche

Vi predissi diversi mesi or sono che la Casa Bianca avrebbe atteso le elezioni comunali per inscenare attentati “islamici” in Italia. Puntualmente ciò sta avvenendo.
Gli USA vogliono forzare i politici italiani ad accogliere letteralmente milioni di africani e, tra l’altro, serve lo ius soli.
Avrete letto delle invettive scimmiesche della Boldrini in favore di tale legge. Loro hanno sempre bisogno del paravento “democratica”, necessitano dell’approvazione parlamentare.
Anche questo ve lo ho scritto spesso.
Vorrebbero imporre un grillino, falso rivoluzionario (Di Maio?), a palazzo Chigi ma l’architettura costituzionale italiana lo impedisce direttamente.
Infatti, non siamo una repubblica presidenziale, quindi non serve Mattarella. Hanno imposto il loro uomo Renzi ma evidentemente non basta più. Il problema è che alla camera e al senato non ci sono i numeri per un governo “pentastellato” monocolore. Pur avendo vinto bene l’M5S nel 2013, ha pure perso diversi parlamentari per strada nel frattempo.
Vi anticipai già nel 2012 che Washington aveva finanziato Casaleggio (con l’attore genovese) e la Leopolda onde creare la presunta alternativa Renzi – Grillo. Potrebbero caldeggiare un governo PD-M5S “di emergenza nazionale” dopo qualche sanguinoso “attentato”. L’esecutivo da me denominato “Renzillo” di cui vi avviso da sempre.
Stiamo a vedere.
PS In America persistono le voci di un complotto mirante alla permanenza di Obama in carica per un terzo mandato il che sarebbe incostituzionale. La Clinton intanto s’è messa sotto il mantello di lui affermando che, se venisse eletta, sarebbe come un “terzo mandato” di Obama.
REFERENDUM INGLESE Se non è manipolato, dovrebbe vincere il sì, gli inglesi sono isolani, non hanno l’euro, non impiegano il sistema metrico decimale, camperebbero molto meglio senza Bruxelles.
Vedete che ci impiegano come ‘campo di rieducazione’ per africani. Quando lo scrissi, anni fa, mi presi degli insulti: http://www.corriere.it/economia/16_giugno_22/inserire-lavoro-rifugiati-italia-accordo-confindustria-viminale-e4999b4e-38a9-11e6-af01-13e8abfd5afa.shtml