Lo scarto umano

di Gianni Lannes

Un miliardo di persone nel sud soffrono la fame, ma altrettante sono obese o in sovrappeso nel nord.
Secondo stime ufficiali della FAO, ovvero dell’ONU, ben “3,1 milioni di bambini sotto i 5 anni muoiono ogni anno di fame”.
Non è possibile che ci sia la fame, perché il pianeta Terra è in grado di produrre abbastanza cibo per tutti. Ci sono circa 4 miliardi di ettari di superficie coltivabile. L’attuale produzione agricola potrebbe sfamare ben 12 miliardi di esseri umani.
Il vero problema è l’accesso al cibo. In effetti siamo prigionieri di strutture economiche (multinazionali, corporation, banche che controllano i governi) che causano proprio la fame per ragioni meramente speculative.
Peggio: la povertà materiale, i bisogni vitali, il dramma di moltitudini umane sopravvivono nella disattenta normalità. Così le persone vengono quotidianamente scartate alla stregua di rifiuti.
La crisi in corso non è solo una questione economica, ma soprattutto etica ed al contempo ecologica. Il sistema di sfruttamento continua sempre più, perché ciò che domina sono le dinamiche di un’economia e di una finanza carenti di valori morali. Quello che comanda oggi è soltanto il dio denaro, sulla base del dominio di pochi individui su tanti.
Donne, bambini, vecchi vengono sacrificati agli idoli del profitto e del consumo. Ma il compito di custodire la vita e la terra deve essere affidato agli umani, non al denaro.
Se in numerose parti del mondo ci sono bimbi che non hanno da mangiare, quella non è paradossalmente, una notizia, ma è un fatto marginale per i mass media telecomandati dal sistema di dominio.
Non può essere così. Eppure questi fatti atroci entrano nella normalità: tante persone che muoiono di freddo e non hanno un tetto, non fa notizia. Al contrario, un abbassamento di 10 punti nelle borse costituisce una tragedia per chi stabilisce l’agenda del mondo intero. Un essere umano che muore di stenti non fa notizia. In tal modo le persone vengono scartate come se fossero rifiuti viventi. Questa idea dello scarto tende a diventare mentalità corrente, che contagia tutti o quasi.
La vita umana non è più sentita dalla società e dalle sue istituzioni come un valore primario da rispettare e tutelare, specie se è povera in soldoni e magari disabile, se non serve ancora – come il nascituro – o non serve più, come l’anziano. Proprio questa mentalità contorta ci ha reso insensibili alla vita. ( http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/ )

Encomiabile analisi del mondo attuale. Qualche postilla, tuttavia, è possibile aggiungere. Una è che la decentralizzazione dell’essere umano nella società moderna ha sfondo esoterico, concorderebbe monsieur de la Palisse. Poi la giostra delle statistiche. La FAO sostiene morirebbero 8500 bambini ogni giorno di fame nel mondo, ma sarà vero?
Dove? Le popolazioni umane si autoregolano in base alle risorse disponibili e non fanno figli dove non possono mantenerli, neanche nel cosiddetto “terzo mondo”. I paesi “poveri” non erano tali prima del confronto-scontro con le civiltà europee che li sottomisero colonizzandoli. Quali sarebbero gli indici di “civiltà”? L’uso di contraccettivi? L’accesso a Youporn? Il meridione d’Italia non era terra d’emigrazione prima dell’unità nazionale. La Grecia era un paese florido prima dell’Unione Europea. L’ONU è l’embrione del governo unico mondiale la cui ira funesta ci sovrasta sempre di più.
L’impoverimento del cosiddetto terzo mondo è voluto e pungolato dalle organizzazioni sovranazionali quali ONU, FAO, UE e OMS onde mescolare le razze tramite le migrazioni instillando odio e dolore, esacerbare i conflitti di ogni sorta in spregio alla vita umana. Le sempiterne guerre hanno tale obbiettivo puro e semplice. Questa la postilla che mi sento di accodare al pezzo di Lannes.
PS Come ampiamente prevedibile dopo il Brexit, è iniziata la campagna per l’adesione della Turchia alla UE: ‘Istanbul, attacco all’aeroporto L’ombra dell’Isis: “36 morti”‘