Terremoto, deliberato lo stato di emergenza: stanziati i primi 50 milioni e blocco delle tasse

ROMA. Il consiglio dei ministri ha deliberato lo stato di emergenza e lo stanziamento dei primi 50 milioni di euro per l’emergenza. Lo annuncia il premier Matteo Renzi al termine del consiglio dei ministri. ( http://gds.it/ )

Non volevo dirlo prima per non passare ancora più per pazzo di quanto i miei lettori mi considerino già. Il terremoto è il nostro “attentato islamico”, il nostro “11 settembre”. Il pretesto per dichiarare lo stato di emergenza come in USA, Francia e Turchia a seguito degli “attentati”. Era l’occasione che aspettavano ma l’occasione è stata creata ad hoc. Ancora un indizio che quelle cittadine sono state barbaramente devastate e 250 vite spezzate per uno scopo preciso: deliberare lo stato di emergenza. Da diverse settimane, avevo un tarlo in testa: come faranno per decretare lo stato di emergenza da noi?
Solo che attentati erano finti con qualche vittima vera en passant, qui hanno compiuto una vera e propria strage di stato con l’aiutino dello zio Sam. Quello che, attraverso la CIA, ha finanziato la Leopolda e l’ascesa di Renzi e, su conti svizzeri, pagato Grillo e Casaleggio per creare l’M5S. Mentre quel frocio di Berlusconi ammicca qua e la per fare i suoi interessi, come sempre, ma prevedo che pure il suo cuore si stancherà di lui presto.
Aveva ragione Renato Curcio, capo delle Brigate Rosse, “bisogna ammazzarli tutti”. Coincidenza il capo della Protezione Civile fa Curcio di cognome, nomen omen.
Consiglio dei ministri, stato di emergenza, terremoto, Sicilia, Politica