Archive for settembre 7th, 2016

7 settembre 2016

Il cielo di L’Aquila sotto assedio chimico! Il consiglio comunale chiede chiarezza al Governo

 
Il consiglio comunale dell’ Aquila intende chiedere al Governo di fare chiarezza sul fenomeno delle scie chimiche e di informare i cittadini delle conseguenze sulla salute pubblica.Il Consiglio comunale dell’ Aquila ,ha dibattuto un ordine del giorno bipartisan che intende chiedere al governo di fare chiarezza sul fenomeno delle scie chimiche e, soprattutto, di informare i cittadini delle possibili conseguenze sulla salute pubblica.
A presentarlo, il capogruppo di Centro Democratico Ermanno Giorgi che ha raccolto le firme del capogruppo del Pd in Consiglio, Stefano Palumbo (che ha poi deciso di ritirare la firma, però), Marco Cimoroni (Api), del capogruppo di Forza Italia Guido Quintino Liris e di Emanuele Imprudente (Noi con Salvini) tra gli altri. 
“È la prima volta che da un’istituzione pubblica arriva un’esortazione di questo genere al governo”, ha dichiarato soddisfatto Giorgi. “Non si capisce perché di questo fenomeno si parli soprattutto sul web e mai nelle aule istituzionali. Vogliamo che il governo dica la verità perché i cittadini hanno il diritto di sapere. È particolarmente importante che a stimolare questo dibattito sia la città dell’Aquila, il capoluogo della Regione verde d’Europa”.
Dunque, l’analisi accademica: “Tutti coloro che affermano che le scie siano da ricondurre a fenomeni di condensazione dicono una sciocchezza, che può essere confutata facilmente sul piano scientifico. Se fosse così, il fenomeno dovrebbe verificarsi in un clima freddo ad almeno 8000 metri di altitudine, mentre gli aerei che lasciano le scie si incrociano ad altezze molto più limitate. Non si capisce, inoltre, quale sia la provenienza di questi mezzi, che immaginiamo si possa tuttavia ricondurre ad aeroporti militari”.
Poco importa se la comunità scientifica, e gli enti governativi, abbiano ripetutamente dimostrato l’assoluta inconsistenza e incoerenza scientifica di tali asserzioni. Poco importa se il Governo Italiano sia stato chiamato a fornire analoghe risposte a diverse interrogazioni parlamentari, poco importa se numerosi piloti ed esperti di meteorologia, riviste e programmi di divulgazione scientifica, abbiano definito nient’altro che “una bufala” la discussa teoria delle scie chimiche: il capoluogo della Regione verde d’Europa non può che interrogarsi sul fenomeno, a livello istituzionale.

La notizia non fa che confermare ciò che sto subodorando da un po’ di tempo a questa parte: le chemtrails sono una qualche forma di operazione psicologica. Fra l’altro, la correlazione fra scie chimiche e terremoti, con ogni probabilità, serve a sviare dal modo col quale i sismi artificiali vengono generati. Certamente non tramite le scie chimiche. Conosco abbastanza i poteri occulti da sapere che, se volessero davvero svolgere operazioni di geoingegneria clandestina, lo farebbero tramite irrorazioni di sostanze invisibili ossia perfettamente trasparenti. Ho anche puntualizzato che lo strano coinvolgimento di Marcianò in indagini giudiziarie reali solleva sospetti. Voglio dire, i poteri forti non coinvolgono nessuno in vicende verbalizzate a meno non vogliano cooptare qualcuno e integrarlo nel sistema. Se un caso finisse in tribunale, infatti, nessun organo d’informazione potrebbe più definire la questione “complottista” e priva di senso. Mi chiedo quale sia il ruolo svolto dai fratelli Marcianò in questa storia, volenti o nolenti. Staremo a vedere.

Annunci
7 settembre 2016

Armi elettromagnetiche e terremoti in Italia

 di Gianni Lannes

Strumenti di morte su scala planetaria. Esistono e sono vietati dalla Convenzione ENMOD dell’ONU, entrata in vigore il 5 ottobre 1978. Ecco un dato ufficiale su cui riflettere, anzi una firma inconfondibile di un fenomeno innescato dalla mano armata dell’uomo: scarsa profondità, ovvero ipocentro anomalo.
 Il Corriere della Sera del 25 agosto scorso recita testualmente: “C’è un’anomalia in questo terremoto che ha portato per l’ennesima volta vittime e danni nella martoriata Penisola. È la scarsa profondità alla quale si è liberata la potenza accumulata nella roccia. «Tra cinque e sette chilometri appena, e questo ha portato più facilmente l’onda distruttrice ad abbattersi sulla superficie e provocare disastri e crolli» spiega Andrea Tertulliani, primo ricercatore e direttore di sezione dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia Ingv. C’è un’anomalia in questo terremoto che ha portato per l’ennesima volta vittime e danni nella martoriata Penisola. È la scarsa profondità alla quale si è liberata la potenza accumulata nella roccia. «Tra cinque e sette chilometri appena, e questo ha portato più facilmente l’onda distruttrice ad abbattersi sulla superficie e provocare disastri e crolli» spiega Andrea Tertulliani, primo ricercatore e direttore di sezione dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia Ingv”.
Indubbiamente l’Italia è a rischio sismico, ma i movimenti delle placche tettoniche possono essere indotti anche da impulsi elettromagnetici emessi dai riscaldatori ionosferici in uso al Pentagono (stazioni fisse mobili). Infatti, l’agenzia statunitense DARPA ha la tecnologia bellica a disposizione per innescare terremoti ovunque. Il sistema è l’uso onde elettromagnetiche a bassa frequenza che possono attraversare la crosta terrestre e gli oceani e sono usate per scandagliare gli strati superiori dell’atmosfera e la struttura interna della Terra. Il belpaese d’altronde, privo di sovranità dal 1945, è un laboratorio militare gratuito, dove non c’è bisogno di consenso delle cavie. Si possono generare eventi sismici, soprattutto in aree tettonicamente sensibili, basta avere le armi e la disponibilità di un territorio, o meglio di una colonia.
Da noi esiste l’Istituto per il rilevamento Elettromagnetico dell’Ambiente. Nel sito dell’IREA – una costola del CNR – SIGRIS – si legge del «Sistema di osservazione spaziale per la Gestione del Rischio Sismico, ACS Advanced Computer Systems – Roma, 2008-2010» nonché dell’ «Intesa Operativa tra la Presidenza del Consiglio dei Ministri – Protezione Civile e l’Istituto per il Rilevamento Elettromagnetico dell’Ambiente IREA: Sviluppo metodologie per l’elaborazione e l’analisi di dati telerilevati finalizzati alla valutazione delle deformazioni superficiali connesse a frane, subsidenza e altri dissesti, Dipartimento Protezione Civile, 2007-2012».
Dunque, in Italia, un organismo scientifico, o meglio istituzionale, si occupa di perturbazioni ed anomalie elettromagnetiche connesse ai terremoti.
Chi sa spiegare i boati e la serie di lampi senza fulmini, senza tuoni e senza pioggia che ha funestato l’Italia centrale il 23 agosto 2016? Le foto satellitari della NASA suggeriscono qualcosa?
Il New York Times del 20 febbraio 2003 fa riferimento alle armi elettromagnetiche in suo al Pentagono. Il Washington Times, nel marzo del 1992, riportava la notizia secondo la quale i satelliti ed i sensori di terra rilevarono misteriose radioonde ed un’attività elettromagnetica prima di disastrosi fenomeni tellurici in California, Armenia e Giappone tra il 1986 ed il 1989. Il sisma che colpì Los Angeles il 17 gennaio 1994 fu preannunciato da inconsuete radioonde e da due boati. Il 12 settembre 1989, a San Francisco, in California, furono rilevate inusuali onde a bassissima frequenza. Queste onde crebbero in intensità, quindi diminuirono il 5 ottobre. Il 17 ottobre, esse furono di nuovo registrate, con segnali così forti che andarono a fondo scala. Tre ore dopo avvenne il terremoto.
Armi elettromagnetiche sono in grado di causare terremoti in siti scelti come bersaglio. Negli ultimi 50 anni, l’esercito degli Stati Uniti ha condotto esperimenti nell’atmosfera, usando onde elettromagnetiche e sostanze chimiche. Test che coinvolgono lo strato di ozono, la manipolazione del tempo e l’uso di tecnologie per sondare l’interno della Terra, sono un preludio delle guerre che saranno scatenate nel corso del XXI secolo. 300 megatoni di esplosioni nucleari tra il 1945 ed il 1963, hanno ridotto lo strato di ozono del 4 per cento. Per ottenere il controllo del clima si usano il laser e le sostanze chimiche, per verificare se è possibile danneggiare lo strato di ozono al di sopra del territorio nemico, causare danni alle colture ed alla salute degli esseri umani. Le alterazioni nell’atmosfera provocano conformi cambiamenti nel tempo e nel clima terrestre. Queste onde, inoltre, sono impiegate per trasmettere effetti meccanici e vibrazioni anche a grande distanza. Possono manipolare il tempo metereologico, scatenando tempeste e piogge torrenziali in un’area. Queste onde possono generare sommovimenti della litosfera. Si sa che i terremoti interagiscono con la ionosfera: infatti molti dei sismi che sono occorsi negli anni recenti, sono stati preceduti da fenomeni inspiegabili. Ad esempio, il terremoto che squassò il Tang Shan in Cina, del 28 luglio 1976, in cui morirono 650 mila persone, fu preceduto da un bagliore causato dalle onde a bassa frequenza irradiate dai Sovietici per riscaldare la ionosfera.
Se vi accontentate della “verità” ufficiale, ignorate o dimenticate che il dubbio è la base della civiltà umana.

riferimenti:

http://www.corriere.it/cronache/16_agosto_25/anomalia-una-scossa-poco-profonda-cd3693f0-6a3e-11e6-a553-980eec993d0e.shtml?refresh_ce-cp

http://edition.cnn.com/videos/us/2015/05/25/orig-boeing-electromagnetic-pulse-weapon.cnn

http://www.personalgrowthcourses.net/video/haarp_video_documentary

http://www.cbsnews.com/news/the-war-on-waste/

http://www.defense.gov/

http://comptroller.defense.gov/Portals/45/Documents/defbudget/fy2015/budget_justification/pdfs/03_RDT_and_E/RDTE_MasterJustificationBook_Defense_Threat_Reduction_Agency_PB_2015.pdf

http://www.defense.gov/News/Article/Article/756622/darpa-pentagon-event-showcases-more-than-60-research-programs

http://www.nytimes.com/2003/02/20/technology/circuits/20warr.html?th

https://worldview.earthdata.nasa.gov/?p=geographic&l=VIIRS_SNPP_CorrectedReflectance_TrueColor(hidden),MODIS_Aqua_CorrectedReflectance_TrueColor(hidden),MODIS_Terra_CorrectedReflectance_TrueColor,Reference_Labels(hidden),Reference_Features(hidden),Coastlines&t=2016-08-23&v=3.0208669304087614,35.29893119739667,27.03258568040876,47.04111869739667

http://www.esa.int/spaceinimages/Images/2016/08/Source_fault_of_Italy_s_earthquake

http://www.irea.cnr.it/images/stories/istituto/report%20irea%202012-2015.pdf

http://www.irea.cnr.it/

http://www.irea.cnr.it/index.php?option=com_k2&view=item&id=754:terremoto-di-amatrice

http://www.irea.cnr.it/index.php?option=com_k2&view=item&id=755:terremoto-di-amatrice

http://www.irea.cnr.it/index.php?option=com_k2&view=itemlist&task=category&id=2%3Apagine-istituzionali&Itemid=167&limitstart=48

http://www.irea.cnr.it/index.php?option=com_k2&view=item&layout=item&id=74&Itemid=106

http://webgis.irea.cnr.it/

http://webgis.irea.cnr.it

https://9e03c889-a-62cb3a1a-s-sites.googlegroups.com/site/ingvdpc2012progettos3/documents/Final%20Report%20S3.pdf?attachauth=ANoY7cobVLK2Bjk_7NwznZg6fJiSTTdGdhU3YZdCXjw3Hn2oiDbYsbNooYqAUQAWORAeqrhpFHuzdPRNWQu1hho9_NDmlSqyWzzH4KL9Ien7nhO3xw0reZtnPOuHLNuQbwvG2Z0GUmHHeWGTR9UI8JLoIsyAg7v5kUoSIo7LvXem7IiH6B4HpxcIxyyfw1-hskCbfPFAYlGYuQMoV5qxa1DaM3gewFGvXJ3j_Ivb92cPYsFgRxvRgDCjWYsy3J1pr1VVZ5FUTdWX&attredirects=0

https://sites.google.com/site/ingvdpc2012progettos3/

https://sites.google.com/site/cienelfvlf/our-company

https://sites.google.com/site/cienelfvlf/home

http://www.europarl.europa.eu/sides/getDoc.do?type=REPORT&reference=A4-1999-0005&language=IT
https://unoda-web.s3-accelerate.amazonaws.com/wp-content/uploads/assets/HomePage/ODAPublications/DisarmamentStudySeries/PDF/SS-25.pdf
http://www.europarl.europa.eu/sides/getDoc.do?type=REPORT&reference=A4-1999-0005&language=IT
http://www.europarl.europa.eu/sides/getDoc.do?pubRef=-//EP//NONSGML+REPORT+A4-1999-0005+0+DOC+PDF+V0//IT
http://www.europarl.europa.eu/sides/getDoc.do?pubRef=-//EP//TEXT+WQ+E-2004-1446+0+DOC+XML+V0//IT
http://www.europarl.europa.eu/sides/getDoc.do?type=WQ&reference=E-2015-003449&format=XML&language=IT
http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/2013/07/il-dominio-militare-del-clima-terremoti.html
http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/search?q=haarp 

http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/search?q=muos 

http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/2016/08/terremoto-unarma-ambientale-vietata.html 

http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/search?q=962 
http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/search?q=darpa

http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/2016/08/disastri-telecomandati.html

http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/2016/09/terremoti-militari.html

http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/2013/07/armi-segrete-per-terremoti-e-tsunami.html

Gianni Lannes, TERRA MUTA, LPE, Cosenza, 2013. ( http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/2016/09/armi-elettromagnetiche-e-terremoti-in.html )