Archive for ottobre 21st, 2016

21 ottobre 2016

Dove puntano veramente le parabole satellitari?

Un video che metto sotto mi sprona a tornare sulla questione dell’esistenza o meno dei satelliti geostazionari ossia fermi rispetto alla superficie terrestre. Essendo molto distanti (quasi 36.000 km), le parabile riceventi dovrebbero essere orientate verso il cielo. Ho semplicemente cercato in rete immagini per “parabole Milano” ed è uscito un articolo globalista dal Corriere della Sera sul fatto che le mogli degli immigrati si isolano guardando la TV del loro paese. L’immagine a corredo mostra diverse parabole per la ricezione televisiva diretta nella città meneghina, nessuna delle quali è puntata verso l’alto. Da dove proviene in realtà il segnale “satellitare”?
Probabilmente da impianti che emulano i segnali satellitari. Essi sono verosimilmente controllati da misteriose  organizzazioni “provider” per le emittenti nazionali e locali che desiderano “andare sul satellite”.

https://i0.wp.com/lacittanuova.milano.corriere.it/files/2012/03/parabole-500x333.jpg

21 ottobre 2016

Gli esorcisti della Terra piatta

È illuminante ascoltare il professor Corrado Malanga sulla questione “terra piatta”. I massoni come lui che sugli “alieni” hanno costruito carriere mediatiche perfino più brillanti di quelle universitarie, devono arrampicarsi sugli specchi.
La neolingua orwellina spinta al suo estremo rigurgito. Gli spiriti che Malanga evoca (se non sono attori i suoi “pazienti”) sono entità che si nascondono dentro l’animo delle persone influenzandole negativamente perlopiù. Del resto, Orwell di cognome faceva Blair ed era uno delle élite dominanti, (come le definì Gramsci) pure lui. Malanga invece non è neanche ufficialmente professore, ritengo. Ma solo un ricercatore che insegna. Uno dei tanti “miracolati” del sistema accademico italiano in cui i semestri durano tre mesi e le ore 45 minuti. Un tale salito in cattedra ope legis. Ora che il mondo reale non può più essere nascosto e gli “alieni” torneranno a essere chiamati col loro nome, “demoni”, dalla cattedra, mi rendo conto, sarà difficile scendere.