Gli esorcisti della Terra piatta

È illuminante ascoltare il professor Corrado Malanga sulla questione “terra piatta”. I massoni come lui che sugli “alieni” hanno costruito carriere mediatiche perfino più brillanti di quelle universitarie, devono arrampicarsi sugli specchi.
La neolingua orwellina spinta al suo estremo rigurgito. Gli spiriti che Malanga evoca (se non sono attori i suoi “pazienti”) sono entità che si nascondono dentro l’animo delle persone influenzandole negativamente perlopiù. Del resto, Orwell di cognome faceva Blair ed era uno delle élite dominanti, (come le definì Gramsci) pure lui. Malanga invece non è neanche ufficialmente professore, ritengo. Ma solo un ricercatore che insegna. Uno dei tanti “miracolati” del sistema accademico italiano in cui i semestri durano tre mesi e le ore 45 minuti. Un tale salito in cattedra ope legis. Ora che il mondo reale non può più essere nascosto e gli “alieni” torneranno a essere chiamati col loro nome, “demoni”, dalla cattedra, mi rendo conto, sarà difficile scendere.