Archive for novembre 4th, 2016

4 novembre 2016

“Sisma castigo divino per le unioni civili”, il Vaticano deplora Radio Maria: “Scandalosa e offensiva”

Lʼemittente cattolica però difende il suo direttore accusato di aver pronunciato quella frase: “Non era lui in onda”. Padre Cavalcoli: “Lʼho detto io e confermo tutto”

In realtà padre Livio non ci è andato lontano. Il sisma è innaturale e generato artificialmente per costringere l’Italia a demolire ogni forma di frontiera, innanzitutto, di rispetto della religione cristiana nelle leggi dello stato poi. Renzi, Boldrini e Grillo e le altre sagome liciferine nella stampa e potere politico intendono fare passare non solo i cosiddetti “diritti civili”, i matrimoni e le adozioni gay ma anche l’incesto, la droga come diritto, l’eutanasia, le unioni con animali e piante. Il tutto mascherato dal “politicamente corretto” equo-solidale dell’Onestà, il veganismo, l’Europa, Obama.
Il Vaticano è sempre stata una organizzazione al servizio di Lucifero. Ora digrigna i denti scopendo il fianco all’intuizione di chi vuole capire cosa c’è è dietro veramente. Addirittura la manipolazione mentale del clero è giunta a tal punto da fare raccogliere firme da parte dei sacerdoti per costruire moschee come avvenuto in Trentino! L’islamizzazione dell’Italia, voluta dal papa regnante e da alti prelati massoni, tra i quali Galantino e Scola, mira eliminare ogni riferimento religioso nella vita scolastica e civili come in Francia. Il pretesto sono i “diritti dei musulmani” che loro hanno provveduto  a fare affluire in massa (a nostre spese). In Francia e Belgio dove hanno vietato nemmeno di nominare le festività cristiane le possessioni diaboliche tutto il NWO stanno devastando quei territori. Politicamente incarnati dai partiti “progressisti” e “radicali” più che da altri.
Bergoglio e le cerchie demoniache che oggi più di un tempo reggono le sorti della cattolicità cercano di spegnere le voci quali Medjugorie. Sempre più vilmente.
ADDENDUM ‘Radio Maria sul terremoto, il Vaticano chiede scusa’ (Il Giornale). Tutto per indurre a credere il sisma sia di origine ‘divina’. Rammentiamo che Berlusconi è un piduista, perciò cosa scrive Il Giornale non è più attendibile di ciò che trovate scritto sul Manifesto o Repubblica.
Articoli di approfondimento: La profezia di Malachia sull’ultimo papa: una questione di ermeneutica

4 novembre 2016

NASA & Facebook & Jeeg Robot & Piero Pelù

Dove sta l’inganno psicologico?
Il trucco sta nel fatto che la gente comune è talmente intontita che la stragrande maggioranza di coloro che hanno assistito alla presunta diretta, non ha tempo e modo di verificare che si è trattato di un falso.
Vi faccio un esempio italiano. Anni fa, qualcuno mise in giro la voce, divenuta subito ‘virale’, che Piero Pelù avesse inciso la sigla italiana di Jeeg Robot d’Acciaio, un vecchio cartone animato giapponese nello stile “robottoni”.
Nonostante la cosa fosse stata smentita, la notizia fece così presa che in molti ci credettero e forse ci credono ancora. Il concetto è che la maggior parte della popolazione è talmente indaffarata che vive solo delle notizie “mainstream”. Se le smentite alla bufala, non vanno “mainstream”, i coglioni che si fidano di “Striscia” o “Report” non accederanno alla verità delle cose.
Un altro esempio clamoroso è costituito dai fatti di Ustica. Si sa che vi fu almeno un sopravvissuto ma la narrazione ufficiale sancisce che l’aereo esplose in volo, pertanto non vi furono superstiti.
È così che il Potere controlla le masse, capito? Le masse non possiedono gli strumenti intellettuali ne culturali per discernere fra un fatto reale e uno potenzialmente inverosimile.
Quanti hanno saputo che il filmato dalla ISS trasmesso su Facebook era una ciofeca?
E a onore di verità musicale, diamo a Cesare quel che è di Cesare:
https://it.wikipedia.org/wiki/Roberto_Fogu
Incredibilmente, esiste anche la versione realmente eseguita da Pelù. Chissà se i sardi Pelù e Fogu non si fossero accordati per combinare lo scherzo…

4 novembre 2016

Terremoto, ordina casa nuova su Internet e si salva

La storia di un pensionato di San Pellegrino, frazione di Norcia
Si è salvato dal nuovo violento terremoto dello scorso 30 ottobre grazie a una casetta in legno acquistata on line. E’ la storia di Emidio Di Stefano, un pensionato di San Pellegrino, frazione di Norcia. L’uomo era rimasto senza casa, dopo che la sua era stata distrutta dal devastante sisma del 24 agosto. Così ha deciso di comprare una nuova abitazione, ma questa volta fatta di legno, su ruote (così non ha avuto bisogno di permessi), ma soprattutto antisimsica in modo da non dover lasciare la terra natia. Si è munito di un computer e ha fatto una minuziosa ricerca: alla fine ha trovato la casa che faceva al suo caso al costo di 34mila euro. Nel giro di una settimana, l’azienda produttrice gliela ha fatta recapitare con consegna eccezionale e l’ha ‘parcheggiata’ a pochi metri della vecchia abitazione crollata
( http://www.rainews.it/ )

Articoli di approfondimento: Una bella casa indipendente a soli 7200 euro