La magia di Luttwak

Genova – «Grillo è un populista sfrenato con qualche idea da pazzoide. È l’unico attore politico sulla scena italiana che preoccupa davvero gli Stati Uniti». Lo dice Edward Luttwak, storico e analista della geopolitica, a La Zanzara su Radio 24. «Berlusconi – dice Luttwak – esprime la volontà di ridurre le tasse, Mario Monti quella di un bilancio sano e ha credibilità, Bersani rappresenta la speranza di un certo tipo di riformismo. Tutti e tre hanno i loro estimatori negli Usa. Grillo invece rappresenta il populismo, il politico che dice: io ti riduco le tasse e aumento le spese, cosa che non si può realizzare. Lui urla sempre, promette l’impossibile ma non parla mai per non farti fermare e pensare a quello che dice». Per Luttwak Grillo è quello che «ha difeso il presidente iraniano Ahmadinejad, dicendo che è stato mal tradotto in Occidente». «Per me – ha aggiunto – Grillo può avere una o più mogli iraniane (ha una moglie iraniana, ndr), non importa. Ripeto: rappresenta un populismo sfrenato, da pazzoide».

Alla Casa Bianca temono il loro agente Grillo sia smascherato e gettano Luttwak nell’agone politico per salvaguardarlo.
E Grillo sarebbe un populista?
Grillo ha votato a favore di tutte le leggi pro-immigrati, favorevole alla droga legale, ai gay, alla “cittadinanza digitale” (Internet è una creazione del Pentagono). I 5S hanno solo lasciato credere, momentaneamente, di essere contro euro e immigrati per sottrarre voti a partiti, in particolare Lega Nord, invisi al NWO.
Vi scrissi già 5 anni fa quasi che il Dipartimento di Stato aveva dato ordine alla stampa italiana di creare il finto antagonismo Renzi-Grillo. Ciò puntualmente è avvenuto.
Il programma di Renzi è sostanzialmente identico a quello di Grillo: dall’abolizione delle province all’imposizione della lingua inglese nelle scuole e PA. Fingono di litigare sul “ponte di Messina” ben sapendo si tratta di un’opera tecnicamente irrealizzabile. Lo psicobuffone genovese stava a bordo del Britannia nel 1992. Ho più volte dimostrato che dietro l’immigrazione selvaggia e Mare Nostrum ci sono gli USA con tanto di loro navi operanti e ONG che distribuiscono volantini ai clandestini insegnando loro i trucchetti per venire in Italia e farsi mantenere dagli italiani, mica dagli americani.