Meningite, le due studentesse uccise dallo stesso batterio

Alessandra Covezzi e Flavia Roncalli

[Esplora il significato del termine: La conferma arriva dall’Istituto superiore di Sanità che ha appena terminato le analisi in corso] La conferma arriva dall’Istituto superiore di Sanità che ha appena terminato le analisi in corso
[Esplora il significato del termine: Il risultato è arrivato. Ed è come si temeva. Le due studentesse della Statale, Alessandra Covezzi e Flavia Roncalli, entrambe 24 enni, entrambe morte per meningite nel giro di quattro mesi, sono state uccise dallo stesso batterio, un sottotipo di meningococco C, particolarmente aggressivo. La conferma arriva dall’Istituto superiore di Sanità che ha appena terminato le analisi in corso. Le due giovani, dunque, con ogni probabilità sono state contagiate dalla stessa persona, un compagno o un prof della facoltà di Chimica, che frequentavano entramb] Il risultato è arrivato. Ed è come si temeva. Le due studentesse della Statale, Alessandra Covezzi e Flavia Roncalli, entrambe 24 enni, entrambe morte per meningite nel giro di quattro mesi, sono state uccise dallo stesso batterio, un sottotipo di meningococco C, particolarmente aggressivo. La conferma arriva dall’Istituto superiore di Sanità che ha appena terminato le analisi in corso. Le due giovani, dunque, con ogni probabilità sono state contagiate dalla stessa persona, un compagno o un prof della facoltà di Chimica, che frequentavano entramb ( http://milano.corriere.it/ )

Guardacaso l’escalation di casi dovuti al Meningococco C (la variante esotica in Italia) avviene da quando milioni di immigrati che giungono dalla Africa subsahariana (“cintura della meningite”) dove la meningite è endemica ed epidemica. Da quando, dalla legge Martelli in poi, ci hanno costretto ad aprire le frontiere, i casi sono decuplicati di cui molti mortali.
Queste ragazze impiegavano sicuramente i mezzi pubblici per recarsi in ateneo su cui ciondolano migliaia di clandestini appena sbarcati, che si trovano in precarie condizioni igienico-sanitarie per le quali i meningococchi prosperano.
Il ceppo C è fortunatamente sensibile al vaccino, pertanto informatevi bene. Io non sono un medico, ma non fidatevi di ciò che dice il ministero della Sanità. Questi sono gli stessi che dicono che l’euro è un successo e che la droga (solo se legalizzata!) cura il cancro (per intenderci).
ADDENDUM 3-1-17 Basta osservare la recrudescenza della meningite da quando l’Italia è stata inondata da africani con l’operazione Mare Nostrum, specie in Toscana dove i comuni sono tutti “equo-solidali”. Oltre il ciarpame pubblicato sul sito di Mazzucco e i commenti lombrosiani della marmaglia che ancora frequenta quel sito.

https://i1.wp.com/www.gazzettadellasera.com/wp-content/uploads/2015/10/target_region.jpg

Fascia africana della meningite.

Advertisements