Archive for febbraio 25th, 2017

25 febbraio 2017

La Banca d’Italia non è mai stata proprietà dell’Italia

Questa banconota della Banca Nazionale NEL Regno d’Italia ne è la prova. Avete letto bene. NEL Regno e non DEL Regno d’Italia. Infatti era una banca privata nata dalla fusione di altre banche private per INTERESSE dello stesso Cavour che ne possedeva ingenti quote.
Dopo lo scandalo della Banca Romana ( spalleggiato proprio come gli attuali scandali bancari ), si istituì la Banca d’Italia che assorbì la “Banca Nazionale NEL Regno d’Italia” accrescendo un potere maggiore ai suoi soci privati in quanto alla nuova Banca d’Italia furono assegnate funzioni di Tesoreria in modo da garantire il rientro di moneta prestata al REGNO D’Italia attraverso il prelievo fiscale versato nelle sedi dislocate sull’intero territorio peninsulare. Particolare da notare è il fatto che le banconote venivano fatte stampare in America.
( https://movimentosovrano.blogspot.it/ )

Ma è ovvio, lo stato è una struttura pensata per controllare i bifolchi. Non ha nulla a che vedere col vero potere. In America, si chiama “Riserva Federale” alludendo al fatto che gli USA sono unione federale di stati (“stati uniti”)” ma è una istituzione i cui azionisti sono banche private.

Annunci
25 febbraio 2017

La verità sulle liti PD: guadagnare tempo

Primarie Pd il 23 Aprile. Anzi no: il 30 aprile. Il pasticcio Pd continua, liti in commissione per il congresso


Le primarie per l’elezione del segretario del Pd si terranno il 23 aprile. Anzi no. In commissione congressuale si continua a litigare. E così gli accordi di qualche ora fa svaniscono sull’onda di un nuovo accordo: il 30 aprile. Durerà?
Nello specifico, quella del 23 aprile è stata contestata da Michele Emiliano. L’altro candidato Andrea Orlando gli è andato dietro. E a quel punto l’intesa è sfumata a favore di una nuova opzione: il 30 aprile.
( http://www.huffingtonpost.it/ )

Tutto il mulinare di nullità serve a distrarre l’attenzione mentre i poteri occulti fanno passare ciò che interessa loro:

  • Fare approvare lo ius soli e poi renderlo “irreversibile” grazie a qualche sentenza della consulta.
  • Fare passare la legalizzazione delle droghe in modo da creare il business delle multinazionali del tabacco.
  • Trovare il sistema, grazie a qualche solida “sentenza” dei “grandi magistrati”, per rendere irreversibile l’euro.
  • Imporre e rendere irreversibile i matrimoni gay con le adozioni a coppie omosessuali.

Leggi che verrebbero sonoramente bocciate, se sottoposte a regalare consultazione popolare. Quindi, ci troviamo in pieno regime stalinista, o nazista se preferite, in cui anche la parvenza di democrazia cui eravamo usi è inessenziale.
Siamo piombati in pieno Terrore alla Robespierre.
Vi ricordate la ridicola pantomima Tsipras-Varoufakis-referendum? Una tragedia greca inscenata intanto che Tsipras faceva entrare un milione di clandestini nella UE dal territorio greco.
Pertanto, la situazione economica e sociale italiana, al pari della ellenica, continuerà a deteriorarsi, i dati pubblicati sui giornali diverranno sempre più inverosimili. Lo scrissi nel 2010 che la Grecia eravamo noi. “Stessa faccia, stessa razza” o no?