I profughi “devono” lavorare

Anni fa la Banca Mondiale, emanazione dei poteri occulti globalisti, aveva detto che l’Europa doveva accogliere e dare lavoro a milioni di “profughi”.
Da noi, la politica si adegua inventandosi la storiella dei “migranti che devono lavorare”. Li devono ammaestrare a perfetti produttori-consumatori di cibo spazzatura, sigarette e spinelli legali, pronti acquirenti di gingilli hi-tech.
In Italia, però di lavoro non c’è n’è, perciò dovranno istituire a breve il “reddito di cittadinanza”, magari travestito da Lavori Socialmente Utili. Come vi ho spiegato mille volte, si tratta di un processo di americanizzazione spinta per cui l’essere umano vale unicamente in quanto schiavo delle banche e dei consumi per il profitto di pochi.
Gli africani sono i nuovi “terroni”, se non lavorano, bisogna dargli un sussidio altrimenti se ne tonano in Africa o nella mafia. Non a caso, i grandi moralizzatori della politica quali Monti, Renzi e Grillo, l’assistenzialismo al Sud, non l’hanno praticamente toccato.
Salvini è pure lui un pupazzo nelle mani dei poteri occulti. Quantomeno, bisogna riconoscerglielo, alcune verità ha il coraggio di dirle come nel filmato sotto.

https://pianetax.wordpress.com/2016/01/07/banca-mondiale-il-flusso/

Annunci