Archive for marzo 14th, 2017

14 marzo 2017

Il Conto Corrente diviene Obbligatorio

direttanews – Il decreto, approvato in via definitiva dal Consiglio dei Ministri, in attuazione della direttiva 2014/52/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 23 luglio 2014, prevede importanti cambiamenti nei conti correnti bancari. Il principale consiste nel fatto che avere un conto corrente bancario sarà obbligatorio, ma per chi ha un Isee sotto gli 8mila euro e più basso dei 18mila per i pensionati dovrà essere totalmente gratuito. Lo ha stabilito la convenzione firmata tra Abi, Poste e Bankitalia.
Come si legge sul sito del Governo, il decreto “garantisce ai consumatori che utilizzino conti di pagamento, maggiore trasparenza informativa, procedure semplificate per il trasferimento del conto stesso e un regime tariffario agevolato nel caso di apertura di un conto di pagamento con caratteristiche di base”. Per conto base si intende un conto dotato di bancomat che permetta di fare e ricevere bonifici ed effettuare pagamenti. Non saranno previste invece possibilità di gestione del risparmio.
Il conto corrente obbligatorio è un altro passo verso l’asservimento totale degli esseri umani al grande sistema di controllo mondiale. La prossima sparizione del contante renderà indispensabile ricorrere agli istituti privati di emissione e gestione della moneta che, una volta smaterializzata del tutto, diverrà di loro totale appannaggio. La digitalizzazione si espone ora, sempre più, per quello che è: un sofisticato mezzo di controllo intimo della popolazione, per di più a totale spese dei controllati!
Quando saremo tutti schedati per benino, il malaffare organizzato continuerà imperterrito a prosperare con la copertura diretta degli istituti di credito, mentre i singoli individui dovranno sottostare ai desiderata dei pochi che detengono già da oggi la gestione delle cartelle nelle quali giace il nostro alter ego digitale, quella persona giuridica che ci appartiene sempre meno e dalla quale anzi è opportuno sganciarsi il più possibile. Sempre che non sia troppo tardi.
Il fine ultimo è l’imposizione del microchip sottocutaneo a bio-energia, senza il quale non si potrà né vendere né comprare. In un Pianeta Corporation, come il nostro dell’immediato futuro, ciò significherà non poter sopravvivere a meno che non si sia accettato l’asservimento disumano al microchip. ( http://offskies.blogspot.it/ )

Annunci
14 marzo 2017

Per sconfiggere la povertà #VotateRedditoDiCittadinanzaM5S

di MoVimento 5 Stelle

Da qualche giorno i partiti si sono accorti che il Paese sta sprofondando nella povertà. Erano troppo impegnati a viaggiare con l’aereo blu, a accumularsi la pensione d’oro e a regalare miliardi di euro alle banche. Ora si sono svegliati. Buongiorno! Rispetto a dieci anni fa gli italiani in condizioni di povertà assoluta sono raddoppiati e il trend è in crescita. I governi che si sono succeduti non hanno mosso un dito per porre fine a questa piaga, anzi hanno portato avanti politiche che hanno impoverito ulteriormente con tagli al sociale, aumenti di tasse e livellamento al ribasso delle pensioni. Adesso tutti tirano fuori la loro proposta che scimmiotta il Reddito di Cittadinanza proposto dal MoVimento 5 Stelle come primo punto del programma politico presentato agli italiani nel 2013. Renzi e Berlusconi farneticano e parlano di “lavoro di cittadinanza”: non si sa cosa sia, quanto costi, a chi sarebbe destinato e come si farebbe a creare 9 milioni di posti di lavoro per i poveri italiani. Il Senato ha approvato una legge delega bluff sul “reddito di inclusione” che stanzierà (forse) risorse sufficienti solo a prendere in giro chi muore di fame. Oggi è il turno di Orlando, ministro della Giustizia senza aver neppure la laurea in giurisprudenza nonchè cocco di Napolitano, a sparare la sua: propone il “reddito di connessione” senza dire nulla sulle coperture nè dove prenderebbe i soldi, nè in cosa consiste e chi ne avrebbe diritto. Orlando si connetta alla realtà.
La povertà è un’emergenza che non si risolve con le chiacchiere in tv. Deve essere fatta una legge al più presto. L’unica proposta seria che è depositata in Parlamento ormai da quattro anni è quella del MoVimento 5 Stelle. La nostra proposta di Reddito di cittadinanza prevede:
– di garantire a tutti gli italiani un reddito di 780 euro, che è la soglia di povertà: beneficerebbe del Reddito di Cittadinanza chiunque percepisca un reddito inferiore ricevendo un contributo pari alla differenza tra il reddito percepito e questa soglia. Guadagni 400 euro? Con il Reddito di Cittadinanza del MoVimento 5 Stelle ricevi 380 euro che ti consentono di uscire dalla povertà. Guadagni 0? Ne ricevi 780. Hai una pensione di 500 euro? Ne ricevi 280. I nuclei familiari percepiranno di più, per esempio una coppia con 2 figli avrà diritto a percepire un minimo di 1.482 ed un massimo di 1.950 euro. Qui trovi tutti gli esempi e gli scaglioni.
– di garantire alle persone che percepiscono il Reddito di Cittadinanza di trovare un lavoro utilizzando i centri per l’impiego e facendo corsi di formazione
– di usufruire per due anni del Reddito di Cittadinanza durante i quali devi dimostrare di essere attivamente impegnato nella ricerca di lavoro. Qualora rifiutassi due proposte di lavoro il Reddito di Cittadinanza verrebbe revocato
Reddito subito e aiuto nella ricerca del lavoro. Questa è la ricetta del MoVimento 5 Stelle. La legge con le coperture è depositata in Senato, pronta per essere discussa. Smettetela di farneticare e prendere in giro i poveri italiani e votatela subito. ( http://www.beppegrillo.it/m/2017/03/per_sconfiggere_la_poverta_votateredditodicittadinanzam5s.html )

Sempre più palese il gioco sporco di Grillo. Prima, col pretesto della casta, ha contribuito a tagliare diritti e sussidi agli italiani. (Rammento solo la sua campagna d’odio contro i “vecchi” propedeutica alla riforma Fornero). Ora, dice che ci vuole il reddito di cittadinanza, in massima parte destinato a mantenere gli immigrati che lui sta facendo entrare. Dato che in parlamento italiano ed europeo il M5S ha votato a favore di ogni provvedimento pro-clandestini e profughi. Vi ho detto più volte che, se il reddito di cittadinanza in Italia non esiste ancora, è solo perchè non hanno scovato lo stratagemma “equo-solidale” per darlo solo a loro. State tranquilli che delle persone di razza bianca ai grillini frega niente. Il riferimento alla “razza” non è arbitrario, il piano Kalergi impone il melting pot in spregio al capitolo 11 della Genesi.
Quanto volte vi avrò avvisato della pericolosità di Grillo? Ditemelo voi.
NOTA A MARGINE Secondo voi, tutti i magrebini, negri, pachistani, indiani, albanesi, romeni, che bighellonano in giro, rinuncerebbero a 780 euro il mese facendo niente per lavorare a 600 euro coi “vaucher”!?!