Archive for maggio 8th, 2017

8 maggio 2017

Tutto secondo copione il processo farsa a Marcianò

L’ho letto solo stasera. Tutto previsto. Il processo ai fratelli Marcianò è finito in un nulla di fatto. Una bolla di sapore a scopo pubblicitario.
Cosa farà adesso il prode Marcianò? Si darà finalmente all’ippica? Peccato che sia un settore sul viale del tramonto.
Il quesito ci toglie il sonno.
Sul serio ragazzi. Qualcuno di voi pensa che un vero complottista possa essere legittimato trascinandolo in tribunale?
E come farebbe qualche grande “maggistrato” a dimostrare che le scie chimiche non esistono? Si vedono tutti i giorni. E quando concedono un turno di riposo ai loro disseminatori, le nuvole ritornano di aspetto normale e piove.
Mi è venuta un’idea: si potrebbe ricavare una sceneggiatura per un film narrante la travagliata relazione fra Rosario nuovo Zampanò e la pubblico ministero nel ruolo di Gelsomina.

http://straker-61.blogspot.it/2017/03/il-pubblico-ministero-infranse-il.html#.WRC-hjQlF-I

8 maggio 2017

La fregatura del “risparmio energetico”

basso consumoDevo sostituire lo scaldabagno elettrico che produce una bolletta salata. Mi sembra di impazzire. Non si trovano con resistenza minore di 1200 watt. Un rivenditore si è messo a sfogliare nervosamente un catalogo quando gli ho semplicemente richiesto un tipo da 50 litri, consumo 1000 watt e in Classe A o al limite B. Scovando solo un modello in Classe C, e da 30 litri.
L’idraulico, interpellato, mi addirittura detto che lui non guarda queste cose ma chiederà al fornitore avvisandomi, però, che gli scaldaacqua moderni, causa l’esteso impiego di elettronica, durano molto di meno.
In Italia, i petrolieri ci hanno fatto votare due volte contro il nucleare, ben sapendo che le centrali nucleari hanno un costo spaventoso. Ci converrebbe mille volte acquistare la corrente da paesi limitrofi, in qualunque modo essi la producano. Qualche anno fa, Berlusconi ha tirato fuori nuovamente la questione così da fare votare un referendum antinucleare preparando il terreno all’esplosione del Movimento 5 Stelle.
Per le isole maggiori, il premio Nobel Carlo Rubbia aveva proposto l’utilizzo di una grande centrale solare che potrebbe servire tutta l’isola. Dopodiché, è stato fatto sparire dai media “mainstream”.
Le lampadine a basso consumo costano 15-20 volte quelle a incandescenza di una volta. Probabilmente la loro costruzione richiede costi in materiali e manodopera molto superiore con danno all’ambiente più di quanto non ne preservino.
Come io predissi molti anni fa, per compensare un minore consumo di energia, la bolletta sarebbe stata farcita con voci e costi “fissi”. Per cui la corrente di casa ci costa comunque il doppio o triplo di 20 anni fa. Pur essendoci sollazzati con tutti elettrodomestici “classe A” come caldamente raccomandato dalle associazioni “ambientaliste equo-solidali”.
Il risparmio energetico è una bufala. Lo scopo è di incentivare il consumismo, fingendo l’opposto, costringendo la popolazione ad acquistare oggetti “energeticamente efficienti”, ammucchiando nelle discariche elettrodomestici che sarebbero potuti durare ancora anni. Vedi il caso delle automobili o dei televisori dopo l’avvento del Digitale Terrestre e degli schermi LCD.