Archive for maggio 15th, 2017

15 maggio 2017

Bossi e Salvini: cosa c’è dietro

Umberto Bossi è stato uno degli uomini politici più lungimiranti in Italia. Fu il primo a intuire il progetto massonico di società multirazziale americanizzata. Si battè disperatamente con il senatore Leoni, unici, contro la legge Martelli che aprì indiscriminatamente le frontiere a tutti gli stranieri. Fu il primo a schierarsi contro l’intervento militare straniero in Kossovo presagendone le conseguenze. Fu il primo a impiegare la locuzione “unione sovietica europea” riferendosi alla UE.
Tentarono di farlo fuori l’11 marzo 2004, allo stesso giorno e ora degli attentati “islamici” di Madrid il cui scopo era di sovvertire i sondaggi facendo vincere Zapatero. Costui distrusse economicamente la Spagna ma fece la TAV e introdusse i matrimoni-gay. Cosa che in Francia fece Hollande. oggi Macron legalizzerà la pedofilia in modica quantità, introdurrà il veganismo e le unioni con animali, ci scommetto ciò che volete. In Italia, la morte di Bossi sarebbe stata coperta dalle notizie sui “tragici eventi” di Atocha. Rammento di averlo scritto tanti anni fa.
Bossi, si dice che fosse in compagnia della soubrette Luisa Corna quando gli venne il “coccolone”. Non sono in grado di confermare. Vero è che il “senatur”, come tutti gli uomini di potere, attrae come un magnete le donne. Poi Palazzolo sull’Oglio, paesone al confine fra le province di Brescia e Bergamo, è abbastanza ricco di belle gnocche.
Non riuscirono a toglierlo di mezzo. Dovendo impostare la nascente finta opposizione di Grillo, escogitarono l’affaire “diamanti in Tanzania” (che fa rima con Padania) orchestrato dai poteri occulti attraverso Rosy Mauro e Belsito, due terroni messi li apposta dal “cerchio magico”.
Sembrava fatta ma Bossi aveva preparato, se non la secessione, quantomeno la sua successione attraverso il Movimento Giovani Padani a cui capo v’era, da anni, un sempre-giovane milanese di nome Matteo Salvini. Da buon “bauscia” meneghino, con tutta probabilità, si buttò in politica in quanto ottimo espediente famigliare per non dovere lavorare 8 ore al giorno alla Pirelli. “Mamma scusa, non ho tempo di lavorare, devo allestire il gazebo“.
Salvini ha il grande merito di avere sparigliato le carte dei poteri occulti riportando la Lega Nord in auge e dando mazzate non da poco al processo di globalizzazione.
Ora, il Bossi invecchiato, manipolato facilmente essendo celebroleso, snocciola le stesse amenità di Grillo e Renzi, Berlusconi e Boldrini: la Le Pen è “cattiva”, Macron è “buono”, l’euro è una manna dal cielo e l’immigrazione selvaggia, non solo è del tutto naturale, ma è perfino una “benedizione”. Attraverso Bossi, a Salvini i poteri forti hanno pure inviato minacce di morte, lasciandoci capire che a nessuno sarà consentito di intralciare il processo di formazione del super-stato continentale europeo. Fra l’altro, che lui sia manovrato,  lo si capisce dal fatto che cerca di rinfocolare la contrapposizione destra-sinistra, nord-sud, finti antagonismi generati per controllare la popolazione.
Che cosa accadrà?
Lo scopriremo solo vivendo, come dice una canzone di Battisti.
ADDENDUM La “sostituzione etnica” cui allude il segretario della Lega nel video, è semplicemente il mescolamento delle razze contro il dettato biblico e il capitolo 11 della Genesi. Poiché tutto ciò che sta avvenendo ha eziologia esoterica.

Annunci