Messaggio ai genitori sui vaccini: STATE FERMI!


Bisogna mantenere il sangue freddo.
Prima di tutto, aspettare che la legge divenga definitiva (e pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale) con tutti i suoi dettagli. Infatti, una legge entra in vigore soltanto dopo il momento in cui viene stampata sulla GU. Poi, aspettare l’esito dei ricorsi annunciati da alcune organizzazioni dei consumatori (apparentemente il Codacons).
Questi vogliono la morte dei vostri figli. Buttate nel cesso la TV, smettetela di leggere i giornali (e meno ancora comprarli).
Nel 2002 ci fu in Italia una “grave epidemia” di morbillo per la quale morirono meno di 10 persone, quasi tutti bambini:

http://www.epicentro.iss.it/problemi/morbillo/pdf/morbilloERRapporto.pdf

Ora, ogni anno in Italia muoiono 10 mila persone per incidenti stradali e forse più per fumo passivo di sigaretta. Vostro figlio ha molta più probabilità di morire girando in bicicletta nel quartiere che di morbillo, se non è vaccinato. Io invece sono abbastanza sicuro che in Italia decedono assai più di 10 persone a causa dei vaccini causa reazioni avverse o poiché inquinati o scaduti. Ciò però non risulta nelle statistiche mediche. Discorso diverso si applica alla meningite che può avere una alta mortalità, ammesso e non concesso i vaccini contro i meningococchi funzionino.
Pensateci bene prima di dare retta a Gentiloni. A loro della vostra famiglia non importa niente, per questo citano sempre le “famiglie italiane”. Jean Paul Sarte, filosofo francese, diceva che “la cosa peggiore che può capitare a un genitore è di sopravvivere ai propri figli”.

Annunci