Archive for maggio, 2017

13 maggio 2017

Attentato terroristico a Berlino, espulso tunisino in contatto con Amri

Un cittadino tunisino di 36 anni, irregolare, abitante nella provincia di Catania, è stato espulso dall’Italia per motivi di pericolosità sociale. Lo rende noto il Viminale precisando che l’uomo “è emerso all’attenzione delle indagini investigative, svolte dalle DIGOS di Roma e di Catania, per i contatti avuti in Italia con il noto attentatore di Berlino Anis Amri“. Con questo rimpatrio, il 42/o del 2017, salgono a 174 i soggetti gravitanti in ambienti dell’estremismo religioso espulsi con accompagnamento nel paese di provenienza dal gennaio 2015 ad oggi. ( http://catania.blogsicilia.it/ )

Classica fake news. Gli attentati “islamici” in Europa sono stati inscenati. Pertanto, anche questa notizia è un falso. Serve a rafforzare l’idea che lo stato funziona, che le espulsioni di clandestini e delinquenti avvengono mentre, in realtà, nessuno straniero può essere costretto a lasciare l’Italia contro la sua volontà. La legge Bossi-Fini ci aveva provato. Nel giro di pochi mesi fu fatta dichiarare incostituzionale dalla consulta nei suoi punti cardine. Fra i quali, vi era la possibilità di un allontanamento coatto per un immigrato raggiunto da decreto di espulsione.
Notizia inventata, così i coglioni che ci credono continuano ad avere “fiducia nelle istituzioni” e pagare le tasse. Sopratutto la seconda cosa.

12 maggio 2017

La schiavitù delle ferie

Ciao Marco, il lavoro salariato è schiavitù, se il lavoratore non può decidere del suo tempo, un tempo invece i contratti si decidevano tra lavoratore e “padrone”, era uno scambio reciproco, io ti do la mia manodopera, tu mi dai dei soldi, ma decidiamo insieme come e quanto lavorare e a che condizioni, oggi no, o accetti la merda proposta o dentro un altro bisognoso…
Chi lavora in proprio in parte è già libero, in quanto unico amministratore del suo tempo, ma la burocrazia, l’Iva e le tasse stellari, tutt’ora impediscono agli autonomi di vivere decentemente di quello che fanno, ovviamente il discorso cambia quando si parla di pesci grossi.
Quella che manca oggi è la visione stessa di una società migliore, tutti semplicemente si accontentano di ciò che viene loro proposto: lavori precari, stipendi vergognosi, turni snervanti, zero diritti, straordinari e flessibilità obbligatorie.
Tutto questo “menù” d’alto sfruttamento è stato servito alla gente un poco alla volta, in modo tale che la massa distratta non si rendesse conto del cambiamento in atto, ecco perché oggi mi chiedi a me una soluzione invece che pensarla tu stesso. ( http://laschiavitudellavoro.blogspot.it/ )

Mi fanno ridere coloro i quali, prima maledicono la schiavitù del lavoro, poi corrono a prenotare le ferie. Come se andare via non costituisse un lavoro, uno stress, uno speco di denaro e risorse ambientali persino superiore alle infauste zone industriali. Giova solo rammentare l’impatto ambientale devastante causato dalle seconde case (case-vacanza) e dai villaggi turistici ubicati giocoforza in aree di grande valore naturalistico. Qui dalle mie parti, colpisce quanto un pugno in un occhio la cementificazione bestiale attorno il lago di Garda. Una persona attende un anno intero per trascorrere due settimane striminzite di ferie in cui si stancherà di più della routine quotidiana solo per potere vantarsi al bar di essere stato in un certo posto. Fra l’altro, la storia delle ferie dimostra come sia efficace ed effettivo il condizionamento mentale della greggi umane: la gente pensa veramente di riposarsi di più in “vacanza” con aeroporti, trasferimenti, documenti, attese, prenotazioni e poche ore trascorse in spiaggia escogitando disperatamente qualcosa da fare per passare il tempo!

Libro sullo “scollocamento”: LA PENNA PIÙ VELOCE DEL WEST.

sfruttamento lavoro

10 maggio 2017

Il significato esoterico del “veganismo”

Ho già sottolineato come il cosiddetto veganismo abbia un significato esoterico. Parificare il valore della vita di un animale a quella umana in spregio delle sacre scritture. Facile intuirlo dalla simbologia e lessico adottata dalle organizzazione vegane, prettamente di tipo esoterico. Del resto, costoro difensori a spada tratta degli animali, tuttavia, sono favorevoli ad aborto, eutanasia (in realtà suicidio assistito), incesto, autodistruzione attraverso la droga legalizzata. E matrimoni-gay in attesa di legalizzare e regolamentare pure le unioni con animali, sempre in spregio ai Sacramenti (gli stessi che vogliono fare pagare l’IMU alla Chiesa mentre regalano soldi pubblici per costruire Centri Islamici e moschee). Il veganismo proviene dagli USA dove esiste la pena di morte. Si possono uccidere gli esseri umani ma non gli animali. E, nel braccio della morte, ci finiscono quasi sempre innocenti: malati psichiatrici o gente “incastrata” da prove false.
Detto questo, bisogna osservare che l’allevamento intensivo per produrre carne è dovuto al “progresso”, al “consumismo” voluto dagli stessi che oggi inneggiano al veganismo. Nelle società antiche il consumo di carne era limitato, le uccisioni di animali si chiamavano “sacrifici” onde marcarne la gravità e l’eccezionalità.
ADDENDUM Pensate a personaggi allucinanti quali Lucio Magri. Non era abbastanza coraggioso da imparare a usare un cellulare o il bancomat ma voglioso di farla finita. Se è morto davvero, poi.
http://www.repubblica.it/politica/2011/11/29/news/magri_suicidio_assistito-25763126/

10 maggio 2017

“La Terra in origine era piatta”. La scoperta choc degli scienziati australiani

SYDNEY – Un team di ricercatori australiani avrebbe fatto una scoperta davvero incredibile: “Quattro miliardi di anni fa la Terra era piatta”. Come riporta il sito Metro.co.uk, Antony Burnham, il ricercatore della Australian National University spiega: “La nostra ricerca indica che durante i primi 700 milioni di anni di vita, sulla Terra non c’erano montagne e collisioni continentali”. ( http://www.leggo.it )

Clamorosa bufala, dato che non sanno più come fare a controllare il fenomeno. Ciò conferma la sensazione che ho avuto sin dall’inizio: le “fake news” sono state escogitate nel disperato tentativo di frenare la terra piatta.

terra piana

8 maggio 2017

Tutto secondo copione il processo farsa a Marcianò

L’ho letto solo stasera. Tutto previsto. Il processo ai fratelli Marcianò è finito in un nulla di fatto. Una bolla di sapore a scopo pubblicitario.
Cosa farà adesso il prode Marcianò? Si darà finalmente all’ippica? Peccato che sia un settore sul viale del tramonto.
Il quesito ci toglie il sonno.
Sul serio ragazzi. Qualcuno di voi pensa che un vero complottista possa essere legittimato trascinandolo in tribunale?
E come farebbe qualche grande “maggistrato” a dimostrare che le scie chimiche non esistono? Si vedono tutti i giorni. E quando concedono un turno di riposo ai loro disseminatori, le nuvole ritornano di aspetto normale e piove.
Mi è venuta un’idea: si potrebbe ricavare una sceneggiatura per un film narrante la travagliata relazione fra Rosario nuovo Zampanò e la pubblico ministero nel ruolo di Gelsomina.

http://straker-61.blogspot.it/2017/03/il-pubblico-ministero-infranse-il.html#.WRC-hjQlF-I

8 maggio 2017

La fregatura del “risparmio energetico”

basso consumoDevo sostituire lo scaldabagno elettrico che produce una bolletta salata. Mi sembra di impazzire. Non si trovano con resistenza minore di 1200 watt. Un rivenditore si è messo a sfogliare nervosamente un catalogo quando gli ho semplicemente richiesto un tipo da 50 litri, consumo 1000 watt e in Classe A o al limite B. Scovando solo un modello in Classe C, e da 30 litri.
L’idraulico, interpellato, mi addirittura detto che lui non guarda queste cose ma chiederà al fornitore avvisandomi, però, che gli scaldaacqua moderni, causa l’esteso impiego di elettronica, durano molto di meno.
In Italia, i petrolieri ci hanno fatto votare due volte contro il nucleare, ben sapendo che le centrali nucleari hanno un costo spaventoso. Ci converrebbe mille volte acquistare la corrente da paesi limitrofi, in qualunque modo essi la producano. Qualche anno fa, Berlusconi ha tirato fuori nuovamente la questione così da fare votare un referendum antinucleare preparando il terreno all’esplosione del Movimento 5 Stelle.
Per le isole maggiori, il premio Nobel Carlo Rubbia aveva proposto l’utilizzo di una grande centrale solare che potrebbe servire tutta l’isola. Dopodiché, è stato fatto sparire dai media “mainstream”.
Le lampadine a basso consumo costano 15-20 volte quelle a incandescenza di una volta. Probabilmente la loro costruzione richiede costi in materiali e manodopera molto superiore con danno all’ambiente più di quanto non ne preservino.
Come io predissi molti anni fa, per compensare un minore consumo di energia, la bolletta sarebbe stata farcita con voci e costi “fissi”. Per cui la corrente di casa ci costa comunque il doppio o triplo di 20 anni fa. Pur essendoci sollazzati con tutti elettrodomestici “classe A” come caldamente raccomandato dalle associazioni “ambientaliste equo-solidali”.
Il risparmio energetico è una bufala. Lo scopo è di incentivare il consumismo, fingendo l’opposto, costringendo la popolazione ad acquistare oggetti “energeticamente efficienti”, ammucchiando nelle discariche elettrodomestici che sarebbero potuti durare ancora anni. Vedi il caso delle automobili o dei televisori dopo l’avvento del Digitale Terrestre e degli schermi LCD.

6 maggio 2017

Corsi di laurea in italiano o in inglese?

È giusto difendere ad oltranza la lingua italiana e ritenere che sia l’unico veicolo di conoscenza in ambito accademico nel nostro paese?
La scorsa settimana una notizia ha suscitato scalpore ed è stata riportata da numerose testate giornalistiche: la sentenza della Corte Costituzionale a seguito della causa sollevata da un gruppo di professori del Politecnico di Milano.
Riepiloghiamo i fatti. Il Senato accademico del Politecnico di Milano ha attivato dall’anno 2014 dei corsi di laurea magistrale e di dottorato di ricerca esclusivamente in lingua inglese. Alcuni docenti dell’ateneo hanno fatto ricorso al TAR della Lombardia, ottenendo l’annullamento del provvedimento.
Contro la decisione del TAR hanno fatto appello al Consiglio di Stato il Politecnico di Milano e il MIUR.
Il Consiglio di Stato, esprimendo il dubbio sulla legittimità costituzionale della disposizione di legge, si è rivolto alla Corte Costituzionale.
La Corte Costituzionale ha respinto i dubbi di costituzionalità sul caso ribadendo tuttavia che la lingua italiana “nella sua ufficialità, e quindi primazia, è vettore della cultura e della tradizione immanenti nella comunità nazionale, tutelate anche dall’art. 9 della Costituzione. La progressiva integrazione sovranazionale degli ordinamenti e l’erosione dei confini nazionali determinati dalla globalizzazione possono insidiare tale funzione della lingua italiana, ma tali fenomeni non devono costringere quest’ultima in una posizione di marginalità: al contrario, il primato della lingua italiana non solo è costituzionalmente indefettibile, ma diventa ancor più decisivo per la perdurante trasmissione del patrimonio storico e dell’identità della Repubblica, oltre che garanzia di salvaguardia e di valorizzazione dell’italiano come bene culturale in sé. La centralità costituzionalmente necessaria della lingua italiana si coglie particolarmente nella scuola e nelle università. L’obiettivo dell’internazionalizzazione deve essere soddisfatto senza pregiudicare i principî costituzionali del primato della lingua italiana, della parità nell’accesso all’istruzione universitaria e della libertà d’insegnamento”
Dal Politecnico fanno sapere che la questione non è definitivamente conclusa: ora tocca al Consiglio di Stato pronunciarsi sulla base di quanto stabilito dalla Consulta (che infatti non si è espressa nel merito del ricorso proposto dai docenti).
In un’epoca di globalizzazione e in cui le università dovrebbero essere centri del sapere in grado di attrarre studenti internazionali, assumere una posizione di strenua difesa dell’italiano e limitare la diffusione dell’inglese forse è quanto meno anacronistico e discutibile. Non esistono lingue di serie A e di serie B, ma l’inglese è oggi di fatto la lingua franca per antonomasia e uno strumento straordinario per facilitare gli scambi culturali, in grado di aprire i nostri atenei al mondo. ( https://www.manageritalia.it/ )

Come vi spiego da anni, uno dei cardini della dottrina luciferina è di imporre una lingua globale come prima della torre di Babele. Hanno scelto l’inglese, idioma grammaticalmente semplice e semplificato ischeletrendo il congiuntivo.
Gli atenei sono piena espressione dei poteri occulti e stanno imponendo l’inglese (non “lingue straniere” come eufemisticamente si dice) con il pretesto di attrarre fantomatici “studenti stranieri”. E il “mondo del lavoro”. Lo schiavo, infatti, non solo deve accontentarsi di un euro l’ora, ma bisogna pure che possieda “competenze linguistiche”.
I poteri occulti agiscono in sinergia: nel programma politico del M5S hanno inserito l’obbligo di insegnare l’inglese fino dall’asilo con l’obbiettivo di rimpiazzare progressivamente l’italiano come prima lingua d’insegnamento nelle scuole di ogni ordine e grado.
Apparentemente, la consulta ha posto dei paletti al progetto. Per ora.
ADDENDUM Fra l’altro, tutti i paesi anglosassoni sono economicamente al collasso. Le lingue del futuro sono cinese e russo, spagnolo, portoghese e tedesco. Alcune per importanza economica, altre per estensione dei territori dove sono parlate.

https://risultatim5s.it/portfolio/insegnamento-inglese-nella-materna/

5 maggio 2017

Meritocrazia e società multirazziale non vanno d’accordo, lo sapevate?

Princeton è una delle diverse università d’élite impegnate in battaglie con gli studenti per il rilascio di dati, avendo subito una serie di denunce e azioni legali contro atenei come Harvard, l’Università della North Carolina-Chapel Hill, Yale, Dartmouth e Brown. Le denunce sostengono che le università discriminano ingiustamente su base razziale nella procedura di ammissione, in particolare contro gli asiatici americani.
Il Dipartimento dell’Istruzione ha svolto la propria inchiesta sulle accuse contro Princeton, la indagine si ritiene abbia concluso che l’università non ha discriminato sulla base della razza.
( http://www.cnbc.com/2017/03/24/princeton-is-scrambling-to-block-release-of-admission-records.html )

In certe facoltà tipo Ingegneria e Informatica gli studenti di razza asiatica sono più bravi dei colleghi di razza “caucasica” (bianchi) e quindi le università tendono a penalizzarli nei test d’ingresso. In senso diametralmente opposto, tendono a favorire gli afro-americani che sono etnicamente meno portati per la logica-matematica e il rigore scientifico.
Ciò significa che anche concetti quali “meritocrazia” e “bravura scolastica” sono aleatori in una società multirazziale.
Notate che da noi nessuno parla di questo fatto. Nemmeno che, negli USA, ciò è possibile dato che sul documento d’identità viene indicata la razza d’appartenenza. Cioè una fra White, Black, Hispanic, Asian, Native American, and Other (Bianca, Nera, Ispanica, Asiatica, Nativa Americana e Altra).

4 maggio 2017

Lavaggio del cervello “equo-solidale” per avere lavoratori a 1 € l’ora

Da sempre, ma particolarmente in anni recenti, le organizzazioni sindacali hanno identificato i “diritti dei lavoratori” con il “diritto d’immigrazione”, assoluto e incontrovertibile, senza se e senza ma.
Similmente, i sindacati sostengono in tutto e per tutto il progetto di moneta unica e di super-stato europeo americanizzato.
Un esempio lampante di come la propaganda possa manipolare l’opinione pubblica.
A risultante di ciò, sta avvenendo in Italia e in tutta Europa un terrificante dumping sociale (svalutazione del lavoro) che sta riportando la classe operaia a condizioni ottocentesche. I voucher da noi e i mini-jobs in Germania ne sono esempi. Tutto con il pieno assenso, anzi la spinta forsennata di quelle organizzazioni che dovrebbero invece rappresentare e proteggere i ceti meno abbienti.
Mi viene in mente un parallelo. In Olanda, nel 1940, dopo l’occupazione nazista e la promulgazione delle leggi razziali, le organizzazioni ebraiche consigliavano agli ebrei di collaborare col governo fantoccio recandosi di spontanea volontà nei campi di lavoro. C’è scritto pure nel diario di Anna Frank.
In modo analogo, CGIL-CISL-UIL oggi richiedono di collaborare col governo, con la UE e con Confindustria. Bisogna fare grande l’Europa, lavorare di più e guadagnare di meno. Per non correre il rischio di passare per “razzisti”.

Westerbork

Il campo di lavoro di Westerbork in Olanda, uno dei punti di raccolta prima dello smistamento verso i campi di concentramento dell’Europa orientale. Con il pieno appoggio dei ‘sindacati’ ebraici.

2 maggio 2017

In America dilagano le targhe automobilistiche “terra piatta”

https://i.ytimg.com/vi/_Gk-KY1KYFM/maxresdefault.jpg

Negli Stati Uniti e Canada, la targa della propria vettura può essere personalizzata. Cosa che gli americani cercano di imporre anche in Italia da lunghi anni. All’inizio del 2016 in USA, c’è n’era solo una “itsflat” (“è piatta”). Oggi, sono un numero incalcolabile con svariate combinazioni di lettere e numeri facenti riferimento alla forma della Terra. Eccovi una raccolta di fotografie. Notate la targa “NASALIES” (“NASA mente”).

1 maggio 2017

Elezioni politiche in Italia il 22 ottobre 2017?

Lombardia e Veneto, sarà il 22 ottobre il referendum consultivo sull’autonomia
Il referendum consultivo per l’autonomia della Lombardia si terrà domenica 22 ottobre, lo stesso giorno del referendum in Veneto. Lo ha annunciato oggi il presidente Roberto Maroni (Lega Nord) al termine della riunione della Giunta della Regione Lombardia, a Bergamo.
(Il Sole 24 Ore)

Ipotizzo che, alla fine, terranno pure le elezioni politiche in quella data. La situazione economica e sociale italiana sta precipitando e, temendo sia troppo tardi per fare vincere Grillo, credo potrebbero puntare a un anticipo di sei mesi. I referendum sopra citati, puramente una distrazione, hanno lo scopo di danneggiare la coalizione di Salvini, unico (a parole) rimasto a difendere la popolazione dai soprusi del NWO. Rammentate bene che i poteri occulti hanno sempre bisogno del beneplacito “democratico”. Devono assolutamente trovare il sistema per proseguire l’azione di Renzi, attraverso l’M5S, lasciando credere si tratti di “alternativa”. Ve lo ho scritto mille volte che PD (di Renzi) e Grillo sono i rovesci della stessa medaglia.