Archive for giugno 8th, 2017

8 giugno 2017

Sulle tracce della mappa scomparsa di Albertino de Virga

Mappa del mondo Alertinius da Virga

Un capitolo increscioso riguarda le antiche cartine geografiche non più consultabili poiché andate perdute. Una di esse è una mappa del mondo attribuita al veneziano Albertino de Virga. Fu realizzata tra il 1411 ed il 1415. Essa ha iscritto “A. 141.. Albertin diuirga me fecit in vinexia” (“Albertino de Virga mi fece nel 14.. a Venezia”). La ultima cifra dell’anno è illeggibile in quanto cancellata da una piaga della mappa stessa. Fra le caratteristiche salienti dell’opera, la presenza dell’America e dell’Australia ben prima che venissero scoperte. Altra evidenza che balza subito all’occhio è che si tratta di una proiezione azimutale polare cioè è la mappa della terra piatta. Infatti, si tratta di un circolo del diametro di 41 cm su di una pergamena misurante 70 x 44 cm.
La pergamena fu riscoperta nel 1911 in un negozio di libri usati da Albert Figdor, un collezionista d’arte. Dopo la sua morte, avvenuta nel 1927, fu sottoposta al professor Franz Von Weiser della Università Statale di Vienna. Furono scattate alcune immagini, dopo che fu autenticata, che ci consentono di vederla, conservate nella Biblioteca Britannica. Infatti, l’originale, a colori, fu rubato durante un’asta nel 1932 e mai più ritrovata. Si suppone fu d’ispirazione alla mappa che, sempre a Venezia, Fra’ Mauro disegnò nel 1457 prima che venisse doppiato il Capo di Buona Speranza.

8 giugno 2017

Si fa presto a dire “vaccini”

Delirio vaccinazioni forzate: un governicchio illegittimo di una Spa, pretende di iniettare sostanze neurotossiche ai bambini umani che hanno avuto la poca accortezza di nascere sul territorio italiano. Spero che i popoli italici sappiano reagire a tanta scemenza e prepotenza. Le righe che seguono sono tratte da AdnKronos, la frasi tra parentesi e le immagini sono di freeskies.
Il presidente della Repubblica (l’Italia non è una Repubblica ma una Società per Azioni, quindi un ente privato senza autorità giuridica) Sergio Mattarella (presidente sedicente, eletto da un parlamento dichiarato da lui stesso illegittimo) ha firmato il decreto che introduce l’obbligatorietà delle vaccinazioni per andare a scuola (la scuola dell’obbligo non esiste, esiste solo un obbligo all’istruzione sino a 16 anni di età). Il ministero della Salute (loro) ha annunciato anche una campagna straordinaria di sensibilizzazione (becera propaganda falsa della peggiore specie) per illustrare e favorire la conoscenza delle nuove disposizioni.
1) Le vaccinazioni obbligatorie e gratuite passano da quattro a dodici. Per i bambini di età compresa tra 0 e 16 anni sono obbligatorie e gratuite (non è vero che sono gratuite: le paga profumatamente lo stato italiano, quindi tutti i suoi abitanti con le tasse) – in base alle specifiche indicazioni del Calendario vaccinale relativo a ciascuna coorte (ma coorte non è un termine militare latino? D’altronde siamo tutti schedati presso l’esercito degli Stati Uniti …) di nascita – le seguenti vaccinazioni: anti-poliomielitica, anti-difterica, anti-tetanica, anti-epatite B, anti-pertosse, anti-Haemophilus Influenzae tipo b, anti-meningococcica B, anti-meningococcica C, anti-morbillo, anti-rosolia, anti-parotite e anti-varicella.
2) Tali vaccinazioni possono essere omesse o differite solo in caso di accertato pericolo per la salute (quindi sempre?) in relazione a specifiche condizioni cliniche documentate e attestate dal medico di medicina generale o dal pediatra di libera scelta. (le vaccinazioni sono sempre pericolose per tutti).


3) In caso di violazione dell’obbligo vaccinale ai genitori esercenti la responsabilità genitoriale e ai tutori, è comminata la sanzione amministrativa pecuniaria da 500 a 7.500 euro. (quindi i ricchi possono non far vaccinare i figli?) Le sanzioni vengono irrogate dalle Aziende sanitarie (e come faranno a riscuoterle?) . Non si incorre nella sanzione se si fa somministrare il vaccino o la prima dose nel termine indicato dalla Asl nell’atto di contestazione, a condizione che completino il ciclo vaccinale nel rispetto delle tempistiche stabilite.
4) Anche nella scuola dell’obbligo il dirigente scolastico è tenuto a segnalare alla Asl competente la presenza a scuola di minori non vaccinati. La mancata segnalazione può integrare il reato di omissione di atti d’ufficio punito dall’art. 328 c.p.
5) Il genitore o l’esercente la potestà genitoriale sul minore che violi l’obbligo di vaccinazione è segnalato dalla Asl al Tribunale dei minorenni per la sospensione della potestà genitoriale (sospendere la potestà per aver protetto un minore dall’attacco farmacologico?).
6) Non possono essere iscritti agli asili nido e alle scuole dell’infanzia, pubbliche e private, i minori che non abbiano fatto le vaccinazioni obbligatorie. In tal caso, il dirigente scolastico segnala, entro 10 giorni, all’Azienda sanitaria competente il nominativo del bambino affinché si adempia all’obbligo vaccinale.
7) Anche nella scuola dell’obbligo, i minori che non sono vaccinabili – ovvero quelli per cui la vaccinazione è stata omessa o differita – per ragioni di salute sono inseriti in classi nelle quali sono presenti soltanto minori vaccinati o immunizzati naturalmente. I dirigenti scolastici comunicano all’Asl competente, entro il 31 ottobre di ogni anno, le classi nelle quali sono presenti più di due alunni non vaccinati.
8) Se un bambino ha già avuto le patologie indicate, deve farsi attestare tale circostanza dal medico curante che potrà anche disporre le analisi del sangue per accertare che abbia sviluppato gli anticorpi.
9) Il Ministero della Salute promuoverà apposite campagne di comunicazione e informazione istituzionale per illustrare e favorire la conoscenza delle nuove disposizioni. Inoltre, il ministero della Salute e il ministero dell’Istruzione, dell’università e della ricerca avvieranno, dall’anno scolastico 2017-2018, iniziative di formazione del personale docente ed educativo e di educazione delle alunne e degli alunni, delle studentesse e degli studenti sui temi della prevenzione sanitaria e in particolare delle vaccinazioni, anche con il coinvolgimento delle associazioni dei genitori (programmazione mentale di massa all’adesione allo scientismo fine ottocento, il pensiero unico obsoleto dei governi dittatoriali occidentali).
10) Le misure del decreto entrano in vigore dal prossimo anno scolastico. Entro il 10 settembre 2017, per l’avvenuta vaccinazione può essere presentata la relativa documentazione oppure un’autocertificazione mentre entro il 10 marzo 2018, nel caso in cui sia stata precedentemente presentata l’autocertificazione, deve essere presentata la documentazione comprovante l’avvenuta vaccinazione.

E’ giunta l’ora di farsi sentire, è giunta l’ora di disobbedire. Lo stato non può invadere l’interno del corpo di un individuo. Tutto il decreto è contrario ai diritti dell’uomo, nonché alla Costituzione italiana. Resta solo da chiedersi com’è mai che un’istituzione dittatoriale come quella del governicchio italiano si sia presa la briga di inoltrare un decreto demenziale come questo sulle vaccinazioni forzate. Prove di nuovo ordine mondiale? Selezione dei dissidenti? Operazione psicologica di massa? Tranello legislativo? Operazione diversiva?
La farmacopea ufficiale occidentale è una delle principali cause di morte, di cosa stiamo parlando? Dove vogliono arrivare i ministri, allo scontro diretto? Vogliono farci credere che lo stato si preoccupa della salute dei suoi sudditi? Qual’è il vero obiettivo di questo decreto demenziale? ( http://offskies.blogspot.it/ )

8 giugno 2017

El Vaticano compara a Trump con los que creen en la tierra plana por su visión del cambio climático

Donald Trump Vaticano tierra plana

El Vaticano, que bajo la insistencia del Papa Francisco ha respaldado fuertemente el acuerdo climático de París, ha calificado la decisión de Donald Trump de retirar a EEUU del acuerdo, como un “desastre” y una “enorme bofetada”.
El obispo Marcelo Sánchez Sorondo, jefe de la Academia Pontificia de Ciencias, se mostró furioso en una entrevista con el periódico italiano La Repubblica.
El obispo dijo que la retirada “no sólo era un desastre, sino que era totalmente anticientífica”.
“Decir que necesitamos depender del carbón y del petróleo es como decir que la Tierra no es redonda; es un razonamiento absurdo dictado solo por la necesidad de ganar dinero”.
El obispo agregó que creía que el lobby petrolero estadounidense estaba detrás de la decisión y que la industria había “manipulado” a Trump.
En su reunión del mes pasado, el Papa Francisco le dio al presidente de los Estados Unidos un ejemplar firmado de su carta encíclica de 2015 que llamaba a proteger el medio ambiente de los efectos del cambio climático y respaldaba la evidencia científica de que es causada por la actividad humana.
Por su parte, el secretario de Estado del Vaticano, el cardenal Pietro Parolin, instó a Trump, en una reunión separada, a no abandonar el acuerdo de París.
Pocos días después, Trump hizo todo lo contrario. ( https://elmicrolector.org/ )