Archive for giugno 11th, 2017

11 giugno 2017

Hanno paura di un crollo del mercato auto?

In Grecia, quando cominciò la “cura Troika”, le vendite di automobili calarono fino all’80%. Dato che noi stiamo seguendo la stessa sorte, corrono ai ripari preventivamente.
Parlano di lotta all’inquinamento ma progettano continuamente nuove grandi opere, parcheggi, centri commerciali, tangenziali dalle conseguenze ambientali devastanti. Vedi Brebemi, Tibre, Pedemontana, ecc.
Se c’è una cosa con la quale sono d’accordo con Grillo (forse l’unica) è quando dice che costruendo parcheggi, si incrementa il traffico.
Quindi le sparate del presidente dell’Emilia Romagna sono pure menzogne. Loro non vogliono diminuire l’inquinamento, vogliono costringere la gente a cambiare automobile. Ma solo se il proprietario è di razza bianca. Africani e arabi appena arrivati, loro possono guidare (con patenti di stati improbabili e manco più esistenti) anche macchine vetuste e molto inquinanti. Bisogna “integrarli”. Da notare, l’allucinante circolare del ministero che vieta di multare le auto straniere senza assicurazione, come se fossero fatte d’aria, senza alcun rischio di incorrere in un sinistro.
Se volessero diminuire l’inquinamento, sul serio, riaprirebbero le decine di linee ferroviarie secondarie che sono state chiuse per fare posto agli autobus (e a Uber). In Piemonte, sono state chiuse 13 strade ferrate per risparmiare 4 milioni di euro annui mentre il governo Renzi ha riservato 4 MILIARDI di euro per importare clandestini.
Addirittura abolite ferrovie come la Cremona – Piacenza, elettrificata e senza passaggi a livello. Roba che gli americani si sognano.
Se incontrate per caso in strada Bonacini, mandatelo a fare in culo. Dite che è da parte di PianetaX. Grazie.

Una firma che ha chiuso la due giorni di lavori su “Government policies on air quality and climate change”, dedicata alle politiche sulla qualità dell’aria e sul cambiamento climatico attuate a livello europeo, nazionale e nei territori del bacino padano, nell’ambito del Progetto comunitario Prepair.

( http://www.cartabiancanews.com/2017/06/aria-migliore-pianura-padana-firmato-laccordo-anti-smog/ )

Osservate il linguaggio “equo-solidale”, un misto di retorica pseudo-ambientalista e lingua inglese. Probabilmente intendono imporre ALTRE TASSE per affossare definitivamente l’economia padana.
COMMENTO SULLE ELEZIONI COMUNALI Prima di tutto, non si vota per le province, eliminando un fattore di democrazia. Poi, se sommiamo i voti di Forza Italia, PD e 5S siamo ancora al 70% cioè i partiti euristi, europeisti, vaccinisti e immigrazionisti. Quindi, la situazione economica e sociale continuerà a peggiorare.

11 giugno 2017

Il vero nemico


Quelle istituzioni gerarchizzate denominate stati hanno gettato la maschera. Sono recinti fisici e virtuali per il contenimento e lo sfruttamento degli esseri umani; figure giuridiche, per disporre di popoli e territori, in accordo fra di loro.
Un paese come l’Italia potrebbe assicurare ai propri cittadini i servizi essenziali indispensabili senza chiedere nulla in cambio, se solo fosse efficiente e chiedesse adeguati compensi per le concessioni elargite.

Agli stati nazionali si sono sovrapposte istituzioni ancora più inquietanti: i sovrastati antidemocratici, lontanissimi dai loro sudditi ma perentori nell’imporre vincoli e regolamenti assurdi e brutali.
L’affaire vaccinazioni forzate è un esempio della surrealità al comando. Un sistema che impone ai genitori di trasformarsi in kapò per sottoporre i propri figli (ignari di tutto) ad una serie di inoculazioni di sostanze sconosciute e neurotossiche, dalla dubbia utilità preventiva, non merita neanche attenzione.
Il collante che tiene insieme questi recinti si chiama paura, propaganda e convenienza. La paura è quello principale. Senza un recinto armato a protezione, l’individuo si sentirebbe solo ed indifeso; il suo corpo potrebbe cedere ed avrebbe quindi bisogno di una riaggiustata alla buona. Una lite richiederebbe l’intervento di un’autorità superiore …

La propaganda è quell’insieme di operazioni messe in atto per affermare con continuità il sapore ed il senso dello stato. In Italia la macchina dell’immagine nazionale funziona molto bene, soprattutto per coprire le enormi falle nell’erogazione di servizi insufficienti e maleodoranti.
La convenienza in Italia è spinta ai massimi livelli, per garantire al recinto una schiera di fedelissimi che, pur di non rinunciare ai lauti compensi ricevuti (tra i più alti del pianeta) sono pronti a difendere la mangiatoia a cui attingono con la vita.
Ciò premesso esistono numerosi movimenti libertari ai quali è giunto il momenti di accostarsi. Ridurre il recinto al minimo indispensabile è quanto mai necessario. Tanto l’Italia non esiste più come istituzione comune: è una Spa privata in mano ai militari statunitensi ed alle corporation per cui, cosa avremmo da perdere? ( http://offskies.blogspot.it/ )