Archive for luglio 17th, 2017

17 luglio 2017

Vaccini: l’epidemia di morbillo “atterra” i nuotatori azzurri


“Abbiamo fatto la figura dei cavernicoli, col mondo”, così Roberto Burioni il medico della nazionale di nuoto italiana, il mitico Settebello azzurro, ha commentato l’epidemia di morbillo che ha colpito parte degli atleti che dovevano partecipare ai prossimi mondiali in Ungheria. Una figura anche ridicola, se si pensa che nel resto del mondo civilizzato il morbillo è una malattia da bambini in età prescolare (l’età, cioè, prima della vaccinazione) mentre nessun adulto la contrae dato che vaccinarsi è pratica intelligente e diffusa ovunque… tranne che in Italia!

Atleti vittime dei vaccini facoltativi

Tre atleti di vent’anni col morbillo significa, prima di tutto, gare sportive a rischio; in secondo luogo significa rischio contagio per altri atleti italiani; in terzo luogo significa, per i ragazzi colpiti (due di loro sono in ospedale), conseguenze pesanti che potrebbero protrarsi anche per mesi dopo la fine della fase acuta. Per tutto questo, ovvero per il dramma degli atleti e per la figuraccia storica italiana, bisogna ringraziare la fallimentare politica del “vaccino facoltativo” e la superficialità di genitori che credono a tutte le false notizie che girano sul web senza informarsi. Furiosi i tecnici della nazionale di nuoto che se la prendono con i parlamentari: “Secondo loro sono esagerazioni e non esiste nessuna epidemia!”
( http://www.stilopolis.it/ )

Secondo voi, quante sono le probabilità statistiche che un evento simile avvenga proprio nel bel mezzo di una accesa polemica sui vaccini?!
Ciò non fa che confermare quello che ho già spiegato in un articolo sui campionati di calcio. Lo sport professionistico e nazionale è truccato e manipolato.
Per un motivo o per l’altro, almeno l’80% delle partite della serie A calcistica sono manipolate. Non solo da parte degli arbitri, ma anche da parte di calciatori professionisti che sono bravissimi a produrre autoreti. Un esempio banale: la partita Bologna-Juventus della stagione 1979-80 fu combinata dalle società con accordo dei calciatori. Ciò è stato confermato anche da Carlo Petrini e da inchieste giudiziarie dell’epoca legate al Calcioscommesse.
Ci furono due autogol, uno del portiere Zinetti e uno dello juventino Brio. Petrini ha dichiarato, mai smentito, che quando la Juve andò in vantaggio, i bolognesi si innervosirono credendo che i torinesi non volessero stare ai patti. Poi Bettega, gestore della combine, in campo disse di stare tranquilli. Cinque minuti dopo ci fu un calcio d’angolo per il Bologna… Il giornalista che firmò il servizio per la Domenica Sportiva lasciò trasparire (guardate il video originale sotto) che la partita fosse truccata, il giorno stesso. Ben prima delle inchieste giudiziarie.
Marcello Giannini (massone), della sede RAI di Firenze in trasferta a Bologna, lo fa capire. Ascoltatelo bene.

Articoli di approfondimento: I campionati di calcio sono manipolati? Basta ragionare!

AHAHAHAH (Scusate se rido): ‘Belluno, segretario Pd si ammala di morbillo e finisce in isolamento’. Notare che le persone comuni non si ammalano di morbillo in quanto questa epidemia non esiste!