Archive for dicembre 13th, 2017

13 dicembre 2017

Trump: torneremo sulla Luna e andremo su Marte

Donald Trump, presidente degli Stati Uniti, ha firmato una nuova direttiva per la NASA che ha l’obiettivo di riportare l’uomo sulla Luna e, successivamente, su Marte. A darne notizia è la stessa Casa Bianca, a 45 anni dall’ultima missione Apollo ad arrivare sulla Luna.
La nuova Space Policy Directive 1 ordina alla NASA di porsi alla guida di un “programma innovativo di esplorazione spaziale” che porti di nuovo astronauti sulla Luna e crei le condizioni per arrivare anche su Marte. L’intento è, infatti, quello di creare le condizioni per una missione marziana; la Luna è quindi un passo intermedio per perfezionare le tecnologie in vista del passo verso il Pianeta Rosso, come riporta Reuters.
Trump ha affermato che “questa volta non pianteremo solo la nostra bandiera e non lasceremo solo la nostra impronta, stabiliremo delle fondazioni per una successiva missione su Marte e forse, un giorno, per molti altri mondi al di là [di quest’ultimo]”.
Nello stabilire la nuova iniziativa, Trump ha però cancellato quella avviata dal suo predecessore: Obama aveva infatti finanziato una missione verso un asteroide per studiarne meglio le caratteristiche, ma questa missione verrà abbandonata in favore delle missioni verso i corpi celesti più grandi.
La NASA ha affermato che includerà questo programma nelle richieste di finanziamento già a partire dal 2019, dunque sembra che l’intento sia di avviare le missioni in tempi relativamente brevi.
Due considerazioni nascono da questa svolta. Da un lato c’è il fatto che molti contestano la missione verso la Luna, ritenendolo un passo aggiuntivo che sposta troppo in là nel tempo l’arrivo su Marte del primo uomo. Quanto questo sia reale è oggetto di dibattito, dal momento che la missione lunare potrebbe e dovrebbe portare a un raffinamento delle tecnologie che saranno poi utilizzate anche sul nostro pianeta vicino.
Una seconda considerazione riguarda il ruolo dell’Europa nell’esplorazione spaziale, finora marginale nelle grandi missioni con equipaggio umano. Una maggiore azione dell’ESA in questo campo sarebbe auspicabile, visti gli impatti estremamente positivi che ha la ricerca spaziale su tutti i settori. Anche se i risultati sono ottimi in tutti i campi (con le missioni sulla ISS a fare da esempio), non sembra ancora esserci un progetto che porti l’ESA sul suolo lunare o marziano. Per quanto ancora gli Stati Uniti rimarranno in testa in questo settore lasciando l’Europa a raccogliere briciole (seppur sostanziose)? ( https://www.hwupgrade.it/ )

In vista del cinquantenario del primo volo lunare con uomini a bordo (Apollo 8, dicembre 1968), il governo americano si mobilita per fare credere che nello spazio e su altri pianeti sia possibile andare. Trump, da perfetto burino americano quale è, emana ordini a destra e manca per mescolare le carte e intorbidare le acque della verità.

13 dicembre 2017

Attentato di New York: solito clichè

Come al solito, và in onda una farsa che ha del ridicolo. Basta solo guardare i danni che “l’attentatore” si e’ auto inflitto, con quelli dei petardi di fine Anno. Poi parlano di Fake news…
Attentatore: notare il sangue, le ferite…. ( https://movimentosovrano.blogspot.it/ )

Articoli di approfondimento: Per chi avesse dubbi sulla falsità degli “attentati islamici”

‘Blitz anti-terrorismo in Francia, sei arresti: “Volevano colpire i mercatini di Natale” (La Stampa) I terroristi non minacciano mai le nuove “festività” luciferine tipo Halloween o Black Friday. Non è strano?

ADDENDUM Rammento, per chi non lo avesse capito, che i canali Youtube di Tommix e di Alessandro di Gaia sono stati chiusi perchè parlavano di manichini e falsi attentati “islamici”. Non per altro.
attentati falsi

https://pianetax.files.wordpress.com/2017/12/a45a6-2011-12-28468_3.jpg?w=370