Archive for dicembre, 2017

13 dicembre 2017

Attentato di New York: solito clichè

Come al solito, và in onda una farsa che ha del ridicolo. Basta solo guardare i danni che “l’attentatore” si e’ auto inflitto, con quelli dei petardi di fine Anno. Poi parlano di Fake news…
Attentatore: notare il sangue, le ferite…. ( https://movimentosovrano.blogspot.it/ )

Articoli di approfondimento: Per chi avesse dubbi sulla falsità degli “attentati islamici”

‘Blitz anti-terrorismo in Francia, sei arresti: “Volevano colpire i mercatini di Natale” (La Stampa) I terroristi non minacciano mai le nuove “festività” luciferine tipo Halloween o Black Friday. Non è strano?

ADDENDUM Rammento, per chi non lo avesse capito, che i canali Youtube di Tommix e di Alessandro di Gaia sono stati chiusi perchè parlavano di manichini e falsi attentati “islamici”. Non per altro.
attentati falsi

https://pianetax.files.wordpress.com/2017/12/a45a6-2011-12-28468_3.jpg?w=370

Annunci
12 dicembre 2017

Breatharianismo e alimentazione pranica: il cibo spirituale

Vivere senza mangiare

Stadi successivi verso l’inedia (totale assenza di alimentazione).

Breatharianimo (dall’inglese “breath” = respirare, “vivere di aria”) si riferisce alla pratica di sostenersi senza ingerire cibo. Questo concetto non è nuovo; infatti, per migliaia di anni, diverse culture in tutto il mondo hanno scritto di tale capacità. Ad esempio, nel terzo libro degli Yoga Sutra, circa 25 Siddhi sono citati come dotati di straordinarie abilità. Questo è un tema comune in tutto il buddismo e in altre correnti religiose. Chiaroveggenza, pranoterapia e psicocinesi sono solo alcuni dei tratti speciali attribuiti ai Siddhi, così come la liberazione dalla fame e dalla sete.
Sebbene la scienza moderna abbia osservato prove di estese capacità umane come la telepatia, la visione a distanza e la precognizione, molto poco è stato dedicato all’esame del breatharianismo. Alcune menti brillanti credono che sia possibile, comunque, incluso Nikola Tesla. Nel 1901, argomentò come segue:

La mia idea è che lo sviluppo della vita deve condurre a forme di esistenza che siano possibili senza nutrimento e che non saranno incatenate da limitazioni conseguenti. Perché mai un essere vivente non dovrebbe essere in grado di ottenere tutta l’energia di cui ha bisogno per l’esecuzione delle sue funzioni vitali dall’ambiente, anziché attraverso il consumo di cibo e trasformando, con un processo complicato, l’energia delle combinazioni chimiche in energia vitale?

La liberazione dalla fame suona essere davvero un’idea irrealistica e, da ciò che sappiamo della biologia dei nostri giorni, sembra impossibile. Ma la storia della scienza ci ha mostrato molte volte che l’impossibile può diventare il possibile in un istante. Un grande esempio di ciò è la recente scoperta che gli esseri umani possono effettivamente influenzare il loro sistema nervoso autonomo usando il potere della mente.
C’è stato un caso famoso e studiato scientificamente. Prahlad Jani è un abitante di Ahmedabad, in India, che afferma che all’età di 11 anni, la dea indù Amba gli sarebbe apparsa dicendogli che non avrebbe più dovuto assumere cibo. Ha vissuto in una grotta dal 1970, e afferma di non aver mangiato nulla per gran parte della sua esistenza.
Jani è stato sottoposto ad analisi nel 2003 e nel 2010 presso lo Sterling Hospital di Ahmedabad dal dottor Sudhir Shah e dal suo team di medici. Il dottor Shah è un neurologo, consulente che esercita da 20 anni, oltreché professore e capo dipartimento di neurologia presso la KM School di PG Medicine and Research.
Durante il primo test, che ha avuto luogo nel 2003, Jani è stato monitorato 24 ore su 24 dallo staff ospedaliero e dalle videocamere, dove è stato confermato che non ha né mangiato né bevuto. Inoltre, non ha mostrato alcun cambiamento fisiologico – un fatto che, secondo la medicina moderna, dovrebbe essere impossibile. Questo test ha avuto luogo per un periodo di 10 giorni. Anche se potrebbe non sembrare una quantità significativa di tempo, passare 10 giorni senza cibo e acqua e non sperimentare alcun cambiamento fisiologico è, in realtà, abbastanza sorprendente.
Un caso italiano fu quello, nel 16° secolo, del veneziano Luigi Cornaro del quale parlo nel libro: LA PENNA PIÙ VELOCE DEL WEST.
La scienza nutrizionista ufficiale nega la nutrizione pranica, dato che si tratta di una realtà biochimicamente inspiegabile.
NON tutte le persone possono raggiungere un’elevazione spirituale tale da potere rinunciare integralmente al cibo. Però, tutti possono moderarne l’assunzione, per poi non dovere sudare onde smaltire in palestra il grasso accumulato in eccesso dall’organismo.

11 dicembre 2017

Italia: cronaca di un disastro economico annunciato

Ma mitica Trabant.

La mitica Trabant della DDR.

Mentre il papa e i politici dibattono di eutanasia, legalizzazione delle droghe, diritti di omosessuali e islamici, lotta al razzismo e alle discriminazioni, si consuma il collasso economico dell’ex bel paese. Cosa che pronosticavo 10 anni fa quando parlavo già di “Italia terminale”. Stanti dati del genere, secondo voi che destino possono, ad esempio, avere il mercato immobiliare e degli autoveicoli? Che modello di auto si può permettere uno che lavora 3 giorni al mese?!?

Milano, mini-contratti da pochi giorni. I lavori precari del commercio
Camerieri, colf e commessi, il 99 per cento è a termine e nel 2016 l’80 per cento delle nuove assunzioni aveva durata da 1 a 10 giorni. La Cgil: «Giovani sempre sotto ricatto»

di Giampiero Rossi

Precari a tempo indeterminato. Potrebbe essere questo ossimoro a definire la vita di molti lavoratori del settore del commercio. Perché a Milano, nel 2016, nel terziario 80 contratti su cento hanno avuto durata da uno a dieci giorni e quelli che hanno superato l’anno sono soltanto lo 0,25 per cento. I dati che fotografano la realtà del comparto che — secondo i manuali di Storia economica — ha preso il posto dell’industria nel trainare l’economia ambrosiana, emergono da una ricerca realizzata dall’università Statale per la Filcams, la sigla della Cgil che rappresenta i lavoratori del commercio. Sotto osservazione sono finiti i 116.475 avviamenti al lavoro segnalati ai centri per l’impiego della Città metropolitana dalle imprese con meno di 15 dipendenti. Si tratta, dunque, in buona parte di occupati nel commercio al dettaglio (39,4 per cento), di lavoratori domestici (23,5), di addetti a bar e ristoranti (14,2) o di portinai, addetti alle pulizie e alla manutenzione dei giardini negli edifici (11,3). All’interno di questo mondo, secondo i dati elaborati dal gruppo di ricerca della Statale, più della metà dei contratti (55,3 per cento) sono a tempo determinato, l’altra fetta consistente riguarda i rapporti di lavoro domestico (43,6), mentre il tempo indeterminato rappresenta una quota minima (1,01 per cento).
Per quanto riguarda la durata dei singoli contratti i numeri sono eloquenti: nel 38 per cento dei casi (36.533 avviamenti) durano un solo giorno e se a questi si sommano i 40.727 contratti da 10 giorni si raggiunge l’80 per cento dei rapporti di lavoro del 2016. Aggiungendo i 9.622 contratti da 1 mese si arriva al 90 per cento del totale e con i 7.200 accordi semestrali e 1.354 annuali si raggiunge il 99,75 per cento. Quindi, l’anno scorso, tra commercio e servizi, le imprese con meno di 15 dipendenti dell’area metropolitana di Milano hanno offerto soltanto 235 contratti (0,25 per cento) con durata superiore ai 365 giorni. va da sé, quindi, che in molti casi quei contratti siano stati sottoposti alla firma dello stesso lavoratore, che nell’arco di un anno può arrivare a sommarne qualche decina, spesso co lo stesso datore di lavoro, per lo stesso tipo di attività.
«È evidente che si tratta di rapporti di lavoro che hanno tutte le caratteristiche della continuità — spiega il professor Luciano Fasano, docente di Istituzioni politiche e processi decisionali alla Statale — e quindi che attraverso queste forme contrattuali avviene la precarizzazione di lavori sostanzialmente stabili. E pur vivendo situazioni molto diverse presentano profili contrattuali molto simili». In questo scenario, almeno sotto il profilo della durata contrattuale media, appaiono più fortunati i lavoratori domestici (in prevalenza stranieri) rispetto a commessi, camerieri, baristi e portinai. Ma per il sindacato resta molto complicato offrire risposte che vadano oltre la tutela individuale. «Si tratta di lavoratori estremamente ricattabili — sottolinea Marco Beretta, segretario generale della Filcams Cgil di Milano — che se reclamano i propri diritti rischiano di essere allontanati. Ma in molti casi, per esempio nel settore dell’abbigliamento — aggiunge il sindacalista —, le aziende esigono una rotazione di “facce nuove” a prescindere, quindi esigono la massima flessibilità e disponibilità». E come si vive con un contratto che scade al massimo tra dieci giorni? «In sospeso, te la puoi cavare finché sei giovane e magari lavori per pagarti gli studi — spiega Beretta — dopodiché ci si ritrova a vivere alla giornata, senza prospettive».

11 dicembre 2017 | 07:01 © RIPRODUZIONE RISERVATA ( http://milano.corriere.it/notizie/cronaca/17_dicembre_11/mini-contratti-pochi-giorni-lavori-precari-commercio-95c8559a-dde0-11e7-8c94-7eddeb8854ff.shtml )

10 dicembre 2017

Domanda sui satelliti artificiali

Salve, ho scoperto da poco il vostro sito e trovo gli argomenti che trattate molto
interessanti! … per quanto riguarda i satelliti artificiali ho una domanda:

Voi sostenete che non esistono ma quest’estate ho partecipato ad una serata
organizzata da astrofili i quali mi hanno fatto notare che quando guardo il cielo
e vedo una luce fissa (non lampeggiante) che si muove come un aereo quello è
un satellite.

Dicono che è la luce del sole riflessa sui pannelli solari.

Che ne dite? grazie

Massimo

Salve, non si sa cosa siano quelle luci vaganti. Probabilmente “orb” come sono chiamati dagli ufologi. Si dice siano sonde aliene. Molti sono invisibili a occhio nudo e rintracciabili solo con strumenti ottici artificiali.
Si dice siano anime disincarnate. Potrebbero essere oggetti immateriali vagabondi esistenti anche a livello della superficie. Di certo, non oggetti prodotti dall’uomo. Fa tutto parte del sofisticato meccanismo psicologico di negazione della spiritualità.

Orbs

10 dicembre 2017

PIANO DI ESISTENZA – l’intervento di Dino Tinelli

Dino Tinelli TERRA PIATTA
L’intervento video di Dino Tinelli che ieri mattina ha aperto il convegno PIANO DI ESISTENZA. L’evento è andato piuttosto bene nonostante il forfait sia di Junior Dos Santos che di Santos Bonacci, causa di forza maggiore. Calogero Greco e Dharma Bernardi sono stati eccezionali, pure io mi sono dato da fare.
Mi è stato più volte richiesto il libro sulla terra piatta, durante la conferenza. Essendo stampato a richiesta (“print on demand”), purtroppo a me non conviene acquistarlo per cederlo pressoché al prezzo mio di acquisto, tenendo conto delle spese di spedizione. Il volume si ordina direttamente via internet con pagamento tramite carta di credito o Paypal e viene stampato al momento in modo da risparmiare carta e alberi: QUADERNI DALLA TERRA PIATTA.

9 dicembre 2017

PIANO DI ESISTENZA – lavori in corso

8 dicembre 2017

Youtube scimmiotta la Terra piatta

La prima pagina di Youtube mostra corpi celesti sferici e orizzonte piatto. Chiaro riferimento al fenomeno terra piatta di sempre più arduo contenimento. Notare l’ombreggiatura che da l’apparenza di curvatura, tuttavia inesistente.

7 dicembre 2017

SCIE CHIMICHE. Leggi il cielo!

Video appena uscito di Tommix sulle scie chimiche. Buona visione!

6 dicembre 2017

Cronache dalla Grande Sostituzione

Peccato che il “terrorismo islamico” sia una messa in scena come ampiamente dimostrabile da innumerevoli prove dirette e indirette.

Non si può ignorare la grande sostituzione in corso: una possente operazione di ingegneria sociale più o meno svolta in clandestinità. Tra pochi decenni intere regioni d’Europa diverranno islamiche. Il problema è ormai meramente esistenziale. Un’Europa islamica comporterà una rivoluzione dei valori e dei capisaldi dell’ordinamento sociale; l’eggregore dell’islam è infatti molto pervasiva e coinvolgente, molto più di quella cattolica, in via di disfacimento. Non che il sistema di valori europeo sia uno dei migliori al mondo, così prettamente indirizzato alla materialità, all’ipocrisia ed alla cupidigia. Non è però una questione di confronti ma profondamente culturale ed oramai esistenziale
Le battaglie delle Termopili e di Salamina nel 480 a.C. impedirono l’orientalizzazione dell’Europa. 2500 anni dopo, l’Europa cade ad opera di poche centinaia di massoni satanisti al potere che hanno deciso di rendere il continente dei lumi un inferno: il loro luogo d’elezione. Il caso di Milano, tratto da identità: 
In Lombardia sono un milione e 314 mila gli stranieri al primo luglio 2016. Gli irregolari, vengono stimati in poco meno di 97 mila persone in tutta la regione. In provincia di Milano, gli stranieri sono 525 mila, ovvero 163,5 ogni mille abitanti. Per macro-aree, “vince” l’Asia con 165.700 persone, segue l’Europa dell’Est con 139.800 persone, poi Africa (119.600) e America Latina (poco più di 100 mila).

SULLO SFONDO: LA FUTURA GRANDE MOSCHEA?

Questi sono numeri da Grande Sostituzione. Nel giro di una generazione, la principale città economica italiana potrebbe essere a maggioranza straniera. Nell’arco di due generazioni, se non iniziamo a bloccare e rimpatriare, islamica. Se si presentassero alla frontiera – che non c’è più – armati e urlanti, si invierebbe l’esercito. Ed invece ‘migrano’, e allora l’invasione non conta: ma il risultato è lo stesso ed anzi, è peggiore, perché le dominazioni di eserciti, quando terminano, non lasciano che ricordi, magari terribili: in questo caso, è un’occupazione a lungo termine. L’esercito che ci ha invaso non si ritirerà, un giorno.

Non sono numeri a caso. In una sola generazione siamo passati da quasi zero immigrati ad oltre il 21 per cento. La lega dovrebbe fare molto di più, almeno dove governa, per – almeno – frenare la Grande Sostituzione in attesa di una ‘reconquista’. Invece, apprendiamo, ha creato un Osservatorio regionale per l’integrazione e la multietnicità (ORIM – ndr), dando l’impressione, e non solo quella, che non abbiano alcuna intenzione di combattere il tumore multietnico, ma solo di ‘osservarlo’.

 LEONIDA IMPEDI’ L’ORIENTALIZZAZIONE DELL’EUROPA

Ma non è tollerabile, in generale, che questa invasione non armata avvenga senza trovare alcuna resistenza – e capite a cosa ci riferiamo – da parte della popolazione locale. Signori: siamo in guerra, anche se nessuno l’ha dichiarata. Ci stanno invadendo: anche se nessuno lo dice. Ma il futuro non è scritto: la società multietnica e il caotico degrado che porta con sé non sono inevitabili. Il futuro dipende da noi. Dipende da te che leggi. Dipende da quanti, di noi, si rendono conto che è il tempo della guerra di liberazione. ( http://offskies.blogspot.it/ )
Prima di tutto, i dati statistici sono inventati di sana pianta e smerciati per veri. Stranamente non lo nota nessuno.
La parola ‘islamofobia’ fa parte del del ‘politicamente corretto’ con cui i poteri occulti agiscono.
L’islamizzazione dell’Italia, favorita dalla Chiesa cattolica e dalla sua stampa a partire dal papa massone attuale, ha prettamente una funzione anticristiana. In Trentino la Curia ha raccolto firme per costruire la moschea. Come se Milan Channel facesse campagna abbonamenti per l’Internazionale FC!
Col pretesto degli “italiani che ormai sono di ogni colore, razza e religione”, vedi ius soli) vogliono eliminare ogni riferimento religioso nelle scuole e nella società civile. Abolire le feste patronali in nome del PIL (altro dato tecnicamente incalcolabile, perciò fasullo).
Rimuovere i crocefissi e le festività cristiane sostituendole con Halloween e Black Friday ‘così i bimbi musulmani non si offendono’ scrivono i giornali.
La maggior parte di coloro che guardano il TG3, si fidano di Repubblica o del Manifesto non si chiedono perchè mentre si vuole fare pagare l’IMU alla Chiesa, in nome dello stato “laico”, si elargiscono denari pubblici ai centri culturali islamici e si tollerano la macellazione rituale musulmana. Però si vorrebbe imporre il vegasnismo per legge!
I poteri occulti controllano la popolazione con la dissonanza cognitiva.
Per cui, gli stessi che dicono che bisogna lavorare di più, aumentare le imposte per abbassare il debito pubblico, nulla dicono sul costo immane dell’immigrazione maomettana: gli islamici, non pagano alcuna tassa, in genere, i loro numerosi figli non pagano tasse scolastiche, mensa, tasse universitarie, non versano affitti nelle case popolari, esenti da ticket sanitari, non pagano bollo e assicurazione auto in gran parte (poiché furbi o poveri). A proposito, che fine fanno le cartelle esattoriali inviate da Equitalia a cinesi e nordafricani?
I “migranti” (altra invenzione della neolingua orwelliana) sono una “risorsa” solo per massoni e satanisti (Boldrini col burqa!) in funzione anticristiana.
Guardate amici che, se voi interiorizzate bene questo concetto, avete capito tutto di ciò che succede in Europa e nel mondo. OK?

Se ben ricordate, una quindicina di anni fa, furono i Centri Sociali a introdurre il kebab e la moda dell’abbigliamento arabo.

5 dicembre 2017

PIANO DI ESISTENZA – libri di Albino Galuppini

Durante la conferenza in programma il 9 dicembre, il sabato entrante, parlerò brevemente della mi produzione libraria. A disposizione del pubblico a prezzo speciale e autografo alcune copie de: LA PENNA PIÙ VELOCE DEL WESTLA LUNA DI CARTA. In effetti, de “La Luna di carta ” ne ho una sola copia al pari della prima parte dell’edizione inglese della biografia di Kaysing. Si tratta di copie stampare a richiesta come sarà l’editoria cartacea del futuro. Si stampano solamente le copie già prenotate.
Spiacente, non ho copie de QUADERNI DALLA TERRA PIATTA poichè quelle che ordino per me, mi vengono “soffiate” quasi istantaneamente.
Adesso come adesso, sono uno scrittore squattrinato ma un giorno potrei divenire un autore di successo! Un mio libro autografato potrebbe valere un patrimonio, un giorno!
Chi volesse registrarsi in extremis alla conferenza può cercare di contattare il signor Luciano.
ADDENDUM Alla conferenza, io tratterò di falsi sbarchi lunari, dell’incredibile beffa dell’incidente dello shuttle Challenger e della simulazione dei satelliti artificiali. E come quel kazzo di navigatore che usate tutti i giorni in macchina sia, in realtà, emulato da impianti terrestri.

Lo scatolone che ho preparato stasera.

4 dicembre 2017

La luce della Luna favorisce le gelate

Questi sono giorni freddi e di plenilunio. Lo sapevano, per intuizione ed esperienza i nostri nonni: le gelate notturne più intense  si verificano con la Luna piena. Perché la luce emessa dal satellite raffredda. In contrasto con la tesi secondo cui la Luna rifletterebbe la caldissima luce solare. Innumerevoli misurazioni, tramite termometri di precisione, la smentiscono. Provare anche voi, ora, subito, stanotte che è luna piena.

4 dicembre 2017

Perchè mandano i clandestini a Castelvolturno?

https://www.repstatic.it/content/nazionale/img/2017/12/04/112630085-255a4e43-1ed7-416f-a3b2-183d0d019760.jpg

Stella a 5 punte (pentalfa) iscritta in un cerchio, simbolo prettamente occultistico. Ovvio che i “grembiulini” non amino Salvini. (scusate il gioco di parole). I capi delle Brigate Rosse, e degli attuali “centri sociali”, sono sempre stati massoni o alle dipendenze della CIA in funzione antisindacale e antioperaia.

Bisogna capire il quadro della situazione a livello storico.
Le elite amano mescolare le razze e i popoli in spregio al capitolo 11 della Genesi.
La dottrina luciferina opera per ‘opposti’. All’esercito, fanno coltivare la marijuana per abituare le forse dell’ordine alla legalizzazione. Alla marina militare, che dovrebbe essere preposta alla sorveglianza dei confini, hanno affidato il compito di importare milioni di africani per trasformare l’Italia a livello di Haiti (come vi scrivo da anni).
Inviano personaggi come Salvini a denunciare il degrado, salvo poi accomunarlo ai naziskin. In tal modo, additandolo come personaggio sordido, da non votare.
Ma perchè gli africani li mandano nel Sud?
Il perchè è presto detto.
Gli Stati Uniti ci impiegano come “campo di rieducazione” per africani. Vi ho spesso detto che vogliono rieducarli al modello di cultura consumistica-edonistica nordamericano.
Vaste zone del Mezzogiorno sono spopolate a causa dell’impoverimento ed emigrazione, le infrastrutture, vengono utilizzate a tale scopo dato che l’ondata migratoria, che ha interessato l’Italia dall’approvazione della legge Martelli e Turco-Napolitano in poi, ha riguardato maggiormente il Centronord.
Già segnalato che Beppe Severgnini, dalle autorevoli pagine del New York Times, ha scritto che l’Italia dovrebbe essere ‘lungimirante’, dovrebbe regalare terreni demaniali in Abruzzo e Sardegna ai clandestini che già andiamo a importare GRATUITAMENTE con le navi militari. Doppio regalo!
La riforma Fornero fu concepita per finanziare Mare Nostrum.
Destra e sinistra sono uguali: la Meloni e Casa Pound non vogliono toccare la legge Fornero, sono favorevoli ai vaccini. Qual’è la differenza con Renzi o Pisapia? NULLA O QUASI.
La probabilità che l’Italia esca dall’euro è pari alla probabilità che Ruby sia la nipote di Mubarak!
A parlare di (giusta) uscita dall’euro, è rimasto solo un perdente nato, quale Paolo Becchi è. Scaricato dal M5S, cerca disperatamente di istituirsi a “ideologo” di Salvini. Mentre il massone Bagnai poi, solo finge di pontificare contro Bruxelles e le sue imposizioni, sicché, il super-stato continentale è funzione del progetto paneuropeo di iper-massoni quali Altiero Speinelli.

3 dicembre 2017

Democrazia, guardiano delle folle

Il nuovo video di Tommix sulla Agenda 21. Si tratta di una delle tante emanazioni degli “Illuminati” verso il NWO (Nuovo Ordine Mondiale). Il video si trova sul nuovo sito di Tommix: http://www.tvivo.net/

sTAVOLTA mARCIANÒ HA FATTO PIENO CENTRO:

2 dicembre 2017

Morto Salvo Mandarà

https://pbs.twimg.com/profile_images/1868006761/Salvo_bigger.jpgIn un commento che ho lasciato sul live di Byoblu, ho scritto che Salvatore Mandarà ha seguito la sua strada. Lui era un’anima persa, come tanti ahimè. Io ho rispetto per i morti veri, a differenza della Solesin e dei manichini delle Ramblas. Qui il mio commento si chiude. Condoglianze alla famiglia.

2 dicembre 2017

I consigli dell’esperta di cybersecurity del Nyt per disinnescare le balle

Ogni democrazia occidentale in cui migliaia di persone hanno accesso a Internet e alla libertà d’espressione è vulnerabile alla disinformazione
Milano. Il disegno di legge del Partito Democratico “per contrastare la diffusione su Internet di contenuti illeciti” non è ancora stato depositato. Il dibattito è però già feroce, benché si tratti di una strada discussa altrove in Europa e intrapresa in Germania. Non è un caso che la bozza sia stata definita “alla tedesca”. La Germania, paese in cui le recenti elezioni sono sopravvissute indenni al contagio delle fake news, è un modello cui fare riferimento. Le regolamentazioni, però, da sole non bastano, spiega al Foglio la giornalista americana Sheera Frenkel che, dopo anni passati a seguire conflitti in medio oriente, è ora sul fronte di un’altra guerra, come cybersecurity correspondent del New York Times. I tedeschi “hanno sfruttato leggi già esistenti contro l’incitamento all’odio in modo da fare pressioni sui social media per rimuovere le fake news. Nel paese esiste inoltre educazione sulle false notizie: il pubblico è in grado di intercettarle e di riconoscere i media autentici”. Sia la stampa locale sia il governo, ricorda Frenkel, hanno fatto di tutto per dire ai cittadini: “Ehi, se vedete qualcosa online che vi sembra strano, qualcosa che è così folle da farvi credere che possa non essere vero, ecco: forse non è vero”. L’unico modello che può funzionare è quello in cui i cittadini hanno a disposizione media con alti standard di credibilità: “I paesi che non hanno un panorama mediatico affermato di cui il pubblico si fida finiscono più facilmente in preda alle fake news. Nelle nazioni in cui i governi non fanno uno sforzo e anzi continuano ad attaccare i media e a metterne in discussione la credibilità, le fake news circolano con maggiore intensità”.
Per capire come proliferano le fake news, Frenkel ha visitato anche diverse regioni dell’Asia. Una delle nazioni in cui le false notizie hanno fatto maggior danno è oggi al centro delle cronache per la visita di Papa Francesco. Il Pontefice è volato in Myanmar con l’esplicita richiesta del governo locale di non pronunciare la parola “Rohingya”, minoranza musulmana perseguitata. In Myanmar, spiega Frenkel, “molta disinformazione è scaturita dall’ignoranza: le persone hanno letto storie sui musulmani su piattaforme come Facebook senza avere una fonte di informazione di cui si fidavano che mostrasse loro le falsità. Hanno creduto a ogni sorta di racconto ingannevole, che ha portato alla crescita dell’islamofobia”.
Non è necessario andare fino al Myanmar o in nazioni in cui lo stato di diritto è ancora imperfetto. Ogni democrazia occidentale in cui migliaia di persone hanno accesso a Internet e alla libertà d’espressione è vulnerabile alla disinformazione. Accade con la questione dei vaccini negli Stati Uniti prima ancora che in Italia. “Molti credono che i vaccini siano causa di malattie mentali, basandosi su studi di decenni fa, mai provati. Ora, la comunità scientifica dice che non è vero, che i vaccini sono importanti, ma c’è chi posta articoli che sembrano veri, li condivide su gruppi Facebook che ospitano altre teorie del complotto – persone che credono agli alieni, o che la terra è piatta – e raggiungono un gruppo di persone già inclini a credere alle cospirazioni. Se credo a un complotto posso facilmente seguirne un altro. Così sembra che questi utenti abbiano milioni di follower”.
Educare allo scetticismo resta il miglior antidoto alle balle. E ad applicarlo, è il consiglio della reporter del New York Times, dovrebbero essere per primi i giornalisti. “Controlla ogni cosa. Sei un giornalista, se tuitti qualcosa, le persone penseranno che quel che dici ha un valore. Se tuitti un articolo leggilo, cerca di capire se quel che dice è vero sulla base della tua competenza. Sii sicuro, e solo allora decidi se condividerlo online: viviamo in un momento in cui tante persone condividono qualsiasi informazione non verificata, che potrebbe anche essere inventata. Cerchiamo almeno d’essere certi di non contribuire a questo circolo vizioso”. ( http://www.ilfoglio.it/ )

In questo articolo, si danno istruzioni ai giornalisti “accreditati” su come combattere le “fake news”. La nuova parola chiave è “islamofobia” poichè in Europa devono fare entrare milioni di musulmani solo ed esclusivamente in funzione anticristiana.
È facilmente dimostrabile, per dimostrazione diretta e indiretta, che gli “attentati islamici” sono fasulli, creati dagli Stati Uniti d’America:

https://pianetax.wordpress.com/2016/03/30/per-chi-avesse-dubbi-sulla-falsita-degli-attentati-islamici/

E ricordate solamente  la clamorosa messa in scena tragicomica del “bambino siriano Aylan” creata per cambiare le leggi sull’immigrazione nei paesi europei? Con le ridicole foto di scena?
E la “fake news” di DJ Fabo, personaggio di fantasia, per fare passare una legge favorevole al suicidio legale travestito da “eutanasia”. Come facilmente prevedibile, il massone Bergoglio ha pure “aperto” alla “buona morte”. Tutto contro i 10 comandamenti. E sotto Natale, ricomincerà la litania delle canzoni cristiane da rimuovere dalle scuole per “rispetto” di non si sa bene chi.

Notare le scritte stranamente non in inglese, come per le rivoluzioni colorate e primavere arabe con i manifestanti issanti cartelli in inglese in paesi dove l’inglese non lo parla nessuno.

1 dicembre 2017

I bitcoin spiegati per bene

Breve ma esaustiva spiegazione tratta da Radio Padania Libera.
Interessante osservare come (logicamente) i bitcoin siano stati escogitati per coprire ogni tipo di criminalità, ogni transazione illegale e creare denaro dal nulla al pari di ogni altro tipo di divisa, del resto. Si tratta di un tassello del piano luciferino riguardante la “moneta unica globale digitale” di cui si parla da lustri, ormai.