Archive for gennaio 6th, 2018

6 gennaio 2018

Oceani divisi da barriere invisibili sulla terra piatta

https://www.adn.com/resizer/v0q1Y8wPAlApiGYaLPMClnHpH2Y=/992x0/arc-anglerfish-arc2-prod-adn.s3.amazonaws.com/public/Q2JHC2KFOFDD7GQYOOFCSIO7PI

Golfo dell’Alaska: oceano Pacifico e Atlantico si incontrano senza mescolare le loro acque.

Non solo le terre e le razze umane sono separate fra loro dalle acque ma le acque stesse sono state create per rimanere separate da una barriera fisica invisibile. Ii filmato sotto lo dimostra in modo eclatante. Gli “esperti” citano differenze di salinità e temperatura ma tali spiegazioni non convincono. Perfino il tipo di increspatura e l’altezza delle onde paiono differenti fra le due parti, non soltanto il colore. Le onde dell’uno si infrangono su quelle dell’altro, pazzesco! Anche la presenza di acqua dolce in sorgenti su isolette in mezzo agli oceani ha poco senso. A meno di non pensare che il nostro mondo sia stato creato intenzionalmente così.

Annunci
6 gennaio 2018

Morte Moana Pozzi, Attanasio: “Schicchi disse che è ancora viva”

Intervistata dal settimanale Nuovo, Debora Attanasio ha rivelato che prima di morire il marito di Eva Henger avrebbe confessato che Moana Pozzi vive in Polinesia. Ma subito dopo la confessione dell’ex segretaria di Schicchi è arrivata la replica del legale della Henger
Dopo 24 anni il mistero sulla morte di Moana Pozzi resiste ancora tra ricostruzioni e nuove ipotesi clamorose.
A parlare, ora, è l’ex segretaria di Riccardo Schicchi, Debora Attanasio. Intervistata dal settimanale Nuovo, la Attanasio ricorda l’ultima volta che ha visto in vita la mitica Moana: “Che fosse malata è innegabile. Era magrissima e fisicamente molto provata, ma questo non esclude che possa essere guarita. E poi c’è stata una telefonata della mia amica Eva Henger che ha riacceso la speranza”.
E proprio quella chiamata, oggi, rappresenta ancora un mistero. Debora Attanasio continua: “Mi ha raccontato che, pochi giorni prima di morire, suo marito Riccardo Schicchi, delirante a causa del coma diabetico, le ha detto: ‘Moana è viva e sta in Polinesia, dove è felice perché nessuno la riconosce!’. Ecco vorrei lanciare un appello a Eva perché torni sull’argomento e dica la sua verità: questo in nome di tutte le persone che, come me, hanno amato Moana e che oggi vorrebbero poter deporre un fiore sulla sua tomba o magari brindare alla sua nuova vita”.
Ma subito dopo le dichiarazioni di Debora Attanasio, il legale di Eva Henger ha precisato: “La mia assistita Eva Henger ha già raccontato – in una puntata di Mistero, trasmessa dalle Reti Mediaset qualche anno fa – ciò che sa in merito a questa vicenda! Pertanto non comprende la ragione per la quale la signora Attanasio ritiri fuori questa storia! Indi, dissociandosi totalmente da quanto asserito dalla signora Attanasio durante l’intervista, la signora Henger manifesta la propria volontà di non voler più tornare sull’argomento! Ritiene, infine che Moana Pozzi debba riposare in pace, ovunque essa si trovi”. (Il Giornale)

La matrix comincia a vacillare. I personaggi famosi, quando vogliono cambiare totalmente vita o vengono assoldati dai servizi segreti, “muoiono”e poi rinascere con altra identità (sempre in sprezzo al dettato evangelico che dice che abbiamo una sola vita).
La Pozzi voleva cambiare vita avendo guadagnato abbastanza soldi, forse avendo trovato l’amore. Un uomo brutto come la fame tipo Schicchi non poteva essere suo marito. Queste qua inscenano un matrimonio fittizio per avere addosso meno “spasimanti”.
Che si trovasse in Polinesia, è possibile dato che è una ex colonia transalpina. La pornostar era deceduta in una clinica privata francese dove, evidentemente, le hanno procurato un certificato di morte e passaporto fasulli. Dopodiché, travestitasi, è volata in Polinesia dove il documento francese viene considerato “nazionale”.
Probabilmente, la verità la lasciano trapelare oggi per motivi pubblicitari e ritengo anche per un altro. Essendo invecchiata, non è più facilmente riconoscibile, ritengo anche possa essere rimpatriata magari in una grande città. Penso a Roma, posto dove nessuno fa caso alle tante belle signore che circolano (turiste, ambasciate straniere eccetera).