Tutto previsto, la lingua italiana va a sparire

https://www.radiortm.it/wp-content/uploads/2018/03/C.I.-Sindaco.jpg
Già nelle scuole si impara forzosamente l’inglese, i temi di dottorato universitari devono essere solo in inglese mentre Di Maio e Salvini vi distraggono cogli immigrati e colla Fornero. Salvini aveva dichiarato che ci vorrebbe più inglese nelle scuole e, da me segnalato più volte, nel programma M5S v’è incluso di insegnare l’inglese fin dall’asilo. Quindi anche cosiddetto “sovranismo” tipo Casapound è fittizio.
E non è che sia questione di UE, visto che l’inglese è lingua di una sua piccola porzione, l’Irlanda (pure li lingua coloniale, a ben guardare).
È inammissibile che su documenti ufficiali dello stato italiano vi sia un’altra lingua ma nel paese dei cachi nessuno protesta, tanto tutti quanti sono convinti che il problema sia altrui, importante è coltivare il nostro “particulare” machiavelliano.
Fra l’altro, il governo Renzi ha obbligato i comuni a dare la carta di identità anche agli immigrati, quindi a cani e porci.
Se va bene, l’italiano rimarrà idioma secondario protetto (tipo Singapore con cinese, indiano, singaporiano) oppure un dialetto come gli attuali destinato a perdere prestigio sociale e col tempo abbandonato.
Un altro ottimo motivo per smettere oggi stesso di pagare tasse e balzelli di ogni tipo. Sono soldi buttati, dati a uno stato che manco esiste più (ammesso sia mai esistito).
Pensate a tutti gli stupidi che versano contributi previdenziali all’INPS. Ammesso modifichino in meglio la legge Fornero (non credo) occorreranno 40/41 anni di lavoro per andare in pensione. Ma a questo ritmo fra 20 anni l’Italia non ci sarà più tanto meno l’INPS!
Nelle città del centro nord, in particolare, ci sono classi nelle scuole di ogni ordine e grado ove la maggioranza degli alunni non sono italiani, e neanche di razza bianca. Ritenete voi che fra 10/15 anni queste persone pakistane, indiane, africane, cinesi ecc. (anche avuta la cittadinanza) lavoreranno per versare esosi contributi previdenziali, a pagare le pensioni agli italiani?!?

E a proposito della “pornogrillina” Giulia Sarti che, da deputato, incassa 15mila euro al mese senza lavorare per i prossimi 5 anni. Scusate,  quanto tempo ci impiegate voi a guadagnare 15mila euro netti SENZA LAVORARE?!