Aviazione civile: inganno totale

https://soscorpio.files.wordpress.com/2018/03/landinggear.jpg?w=656Non solo le scie chimiche. Non anche i motori areazione che funzionano senza carburante.
Salta fuori che le dimensioni degli aeroplani di linea non sono quelle ufficialmente dichiarate.
Gli aeromobili sono molto più piccoli. Un B737 è lungo circa 30 metri e non 37 come dichiarato.
Il motivo, probabilmente, sta nel volere nascondere che gli aerei di linea volano più lentamente di quanto stabilito perché i motori a reazione posseggono un effetto antigravitazionale che li fa fluttuare in aria. Io stesso ho notato che i piccoli monomotori a elica, spinti da propulsioni a pistoni, volano più velocemente dei “grandi” velivoli passeggeri. C’è gente che ha verificato nei “cimiteri” di vecchi esemplari che nelle ali non c’è nulla, non ci sono serbatoi enormi per il kerosene. La cosa getta una luce fosca su elementi quali Rosario Marcianò ed Enrico Gianini. Costoro infatti asseriscono che il carburante avio esiste, anzi ci sarebbero appositi oleodotti NATO che riforniscono gli scali civili. Marcianò è un disinformato patentato affermando che le scie chimiche servono a dissolvere i corpi nuvolosi per favorire le comunicazioni radar-satellitari. I satelliti artificiali non esistono e la banda Ka (Ra) 26,5 – 40 Ghz ha una portata molto ridotta in rapporto alla presunta distanza di un satellite artificiale in orbita. Lo testimonia il fatto che viene impiagata per rilevazioni radar a breve raggio.
La prova che i motori a reazione non offrono la spinta dichiarata è nell’altezza di volo, oltre i 10 km apparentemente, per consentire un’alta velocità di crociera dove l’aria è molto rarefatta.
PS Oggi scie chimiche e caldo bestia sulla pianura padana.

Annunci