Archive for luglio 16th, 2018

16 luglio 2018

Terra piatta: modello zetetico confermato

https://i.imgur.com/UCMTkQy.gif
L’osservazione “zetetica”, ossia fatta coi nostri occhi, corrobora il modello piano. Il Sole è preannunciato da un arco di luce. Luna e Sole orbitano alla stessa altezza dal suolo.

16 luglio 2018

Baalbek: la Storia fuori ordinanza

Baalbek's Roman Temple Of Jupiter's Ruins: Out-of-place Artifacts (OOPArt)
Ancora molte che altre cose ancora più meravigliose sono stati raggiunti in passato lungo volte. A est si trova Libano una città chiamata Baalbek che può veramente laici sostengono di alcune delle più spettacolari rovine sulla terra: le rovine del Tempio di Giove. Ora nel tentativo di identificare la vera origine delle costruzioni a Baalbek, ci viene detto da accademici che nel 27 A.C., l’imperatore romano Augusto venne presumibilmente la decisione piuttosto insondabile di costruire ciò che è assolutamente e inconfutabilmente la più grandiosa, più potente e più sontuoso tempio costruito in di tutta l’antichità e di farlo in quello che è letteralmente, nel mezzo del nulla.
Baalbek's Roman Temple Of Jupiter's Ruins: Out-of-place Artifacts (OOPArt)
Le rovine di Baalbek sono assolutamente enormi con il suo enorme cortile costruito su una vasta piattaforma che è ancora mantenuta da tre enormi mura. Questi muri di sostegno contengono blocchi di calcare di ventisette, di dimensioni maggiori rispetto a quelli che possono essere trovati altrove nel mondo. Ciascuno dei blocchi in queste mura pesa oltre 300 tonnellate, tuttavia ci sono tre blocchi nel muro che pesano oltre 800 tonnellate ciascuno. Questo trio di blocchi ha guadagnato fama mondiale e è conosciuto collettivamente come il “Trilite”.
Baalbek's Roman Temple Of Jupiter's Ruins: Out-of-place Artifacts (OOPArt)
Il Tempio di Giove è davvero uno dei più imponenti templi antichi nel mondo. Misura 88 x 48 metri e sorge su una piattaforma o un podio raggiunto tramite una larga scalinata che può anche solo essere descritto come veramente monumentale. Il podio effettivo si erge in completo 13 metri sopra il terreno circostante. La Trillithon in muri di contenimento sono tre dei quattro blocchi di pietra più grandi mai scavati.
Ora se dobbiato davvero pensare a tutto questo e considerare eventi nell’ambito accademico ufficialmente accettato che ci è dato di storia, il sito scelto per il Tempio di Giove non ha alcun senso reale a tutti e si può non trovare nessun apparente o evidente rima o motivi ma Augustuo hanno avuto per selezionare il sito a Baalbek per tale un elaborato Tempio.
Baalbek's Roman Temple Of Jupiter's Ruins: Out-of-place Artifacts (OOPArt)
In epoca romana, Baalbek (apparentemente) era solo una piccola città su un itinerario commerciale a Damasco. Ha non tenuto alcun significato religioso o cultura speciale per Roma, oltre ad essere al centro di una regione ambita sepoltura che è stata favorita dalle tribù locali. Inoltre sembra completamente fuori del personaggio per la Roma innegabilmente egoista se ne sono andati a tutti i problemi di creazione di tale architettura sontuosa e stravagante in Libano – e in un posto come Baalbek che si trova così lontano da Roma. I Romani erano, dopotutto, un impero enormemente e innegabilmente avido e sono stati nel processo di rubare tesori storici da altri paesi, come gli obelischi dall’Egitto, allo stesso tempo che il Tempio di Giove era in costruzione.
Baalbek's Roman Temple Of Jupiter's Ruins: Out-of-place Artifacts (OOPArt)
Ha molto più senso ipotizzare che Baalbek possa aver avuto qualcos’altro romani volevano dal sito. Forse qualcosa nessun altro posto, nemmeno Roma, poteva offrire loro. Potrebbe anche essere la ragione perché così tante persone hanno voluto essere sepolto lì. Ma ci viene detto da accademici che no, il tempio è sicuramente e indiscutibilmente di origine romana.
Baalbek's Roman Temple Of Jupiter's Ruins: Out-of-place Artifacts (OOPArt)
Tuttavia, ci sono seri problemi con questa affermazione. I blocchi nel muro di contenimento del sito del Tempio di Baalbek: indagine mostra molto chiaramente loro di essere molto più erosa che la buona fede rovine romane del Tempio di Giove e i due altri templi romani che si trovano nel sito. Ora poiché la pietra del muro di contenimento è dello stesso tipo come il tempio, è ragionevole e logico supporre che i blocchi pesantemente erosi sono naturalmente, molto più vecchi.
Baalbek's Roman Temple Of Jupiter's Ruins: Out-of-place Artifacts (OOPArt)
Quindi è anche logico supporre che il tempio romano era infatti, un aumento di una piattaforma pre-esistente molto più vecchio, e questo naturalmente inoltre aiuterebbe a spiegare perché sulla terra ad un sito remoto è stato scelto per il tempio – perché offriva ad Augusto un ready made , pre-esistente piattaforma su cui costruire.
Baalbek's Roman Temple Of Jupiter's Ruins: Out-of-place Artifacts (OOPArt)
Il problema è davvero molto semplice e dritto in avanti ed è difficile capire perché l’idea che la costruzione della piattaforma e del muro di sostegno potrebbe avere avuto luogo prima del tempio è deriso dalla comunità archeologica tradizionale. La notevole quantità di erosione visibile sui grandi blocchi del muro di contenimento si qualifica abbastanza adeguatamente come prova materiale della loro età di gran lunga maggiore rispetto alle effettive rovine del Tempio di Giove. È ragionevolmente evidente che se abbastanza sostanza evidenza geologica apposes significativamente la teoria quindi la teoria è ovviamente corretta!
Ma c’è un problema con questo per accademici, perché questo naturalmente avrebbe dovuto dire che quando i Romani avevano costruito il Tempio di Giove, avessero fatto su una piattaforma che era stato precedentemente costruita da una parte molto più antica, che in questa fase rimane unk nown e certamente non vogliono visualizzare nuovamente quella cosa di “Civiltà”.
Un punto notevole a questo problema è che l’impero romano era ben noto di essere stato abbastanza un regime egoistico e ancora non troviamo alcuna pretesa di costruire l’incredibile muro di sostegno ovunque nel retaggio rmano. Esiste ancora, testi attuali che registrano la capacità di trasporto romano durante il Regno di molti Roman Emperors, tra cui Augusto. Queste registrazioni mostrano chiaramente che il limite di carico per il trasporto di grossi blocchi altrove nell’impero romano al tempo era solo un po’ più di 300 tonnellate metriche e che è stato raggiunto solo con la maggiore quantità di difficoltà. Il trasporto molto celebrato della tonnellata 323 Obelisco del Laterano a Roma, per esempio, era un compito enormemente difficile e pericoloso che ha misurato il Regno di tre imperatori. E ancora troviamo che trasporto dei blocchi massicci 800 ton a Baalbek per il Tempio di Giove non è menzionato dalla storia romana ovunque a tutti. Questo fatto pone anche domande immediate.
Baalbek's Roman Temple Of Jupiter's Ruins: Out-of-place Artifacts (OOPArt)
È anche molto la pena di notare che il Regno di Augusto, i romani anche sapevano e molto spesso utilizzati, calcestruzzo. Il Colosseo ancora in piedi a Roma oggi è un buon esempio di una struttura in calcestruzzo romano classico. Non è semplicemente mai stato in stile romano di costruire con blocchi megalitici. In realtà tale architettura megalitica non appare nessun dove altro affatto in tutto l’impero romano. È anche significativo che Tolomeo ha conferito il titolo di Heliopolis a Baalbek.
Per lui hanno dato il posto che il titolo particolare, e ‘ ovvio che Baalbek doveva essere stato un antico luogo sacro e deve aver avuto già qualche architettura notevole o qualche collegamento significativo con altri il Heliopolis (città del sole), anche parte del Tolomei dominio in Egitto. E c’è ancora un ulteriore indizio: nel 636 D.C. il Tempio di Giove è stata rilevata da arabi che lo trasformò in una fortezza, anche facendo qualche ulteriore costruzione di propria iniziativa. Ciò significa che i blocchi utilizzati nelle sezioni arabi di Baalbek sono state poste circa 650 anni dopo i blocchi del Roman Temple.
Baalbek's Roman Temple Of Jupiter's Ruins: Out-of-place Artifacts (OOPArt)
Quindi prendere in considerazione questo enigma: grandi blocchi del muro di contenimento erano romani, se i blocchi più recenti di arabi avrebbero segnato l’erosione dei vecchi blocchi romani come erano dopo i primi sei o sette – cento anni poiché essi sono state poste. Ok? Così come allora, l’erosione dei grandi blocchi nel muro di contenimento possibile tanto maggiore l’erosione di entrambi i vecchi blocchi del tempio romano e i blocchi più recenti delle rovine arabe, durante gli anni successivi 1500 poiché la sezione araba è stata costruita?
Secondo la leggenda locale, Baalbek presumibilmente era stato un centro religioso dedicato a Baal in epoca fenicia e leggende locali arabi effettivamente posizionare i blocchi ciclopici del muro di contenimento risalgono ai tempi di Caino e Abele. Altri racconti dicono che la piattaforma è stata costruita dagli dèi del vecchio.
Baalbek's Roman Temple Of Jupiter's Ruins: Out-of-place Artifacts (OOPArt)
Vicino all’ingresso meridionale di Baalbek c’è una cava dove le pietre utilizzate in templi e muri di sostegno sono state tagliate. Nessuna traccia di qualsiasi antica strada si trovano tra la cava e il tempio che solleva anche interrogativi su come i monoliti enormi 800 ton estratta mai persino sono stati trasportati al sito. Questa mancanza di qualsiasi strada può significare solo una delle due cose: in entrambi i blocchi del muro di contenimento sono stati trasportati finora indietro nell’antichità che ogni traccia della strada è sparito, o: una strada non è mai stato richiesta per l’attività del loro trasporto. In realtà una strada sarebbe stato poco utile comunque a causa del peso puro dei blocchi. Le fondamenta di qualsiasi strada forte abbastanza per essere utilizzato per un tale compito avrebbe dovuto sono stati veramente immenso e se tale strada fosse mai esistita qualche traccia di esso sarebbe senza dubbio ancora rimangono oggi. Così come essi sono stati spostati?
Baalbek's Roman Temple Of Jupiter's Ruins: Out-of-place Artifacts (OOPArt)
Un altro enorme blocco di pietra, conosciuto come la “pietra della donna incinta” ancora oggi si trova nell’antica cava dove è stato tagliato nell’antichità. Misura 21,5 x 4,8 m x 4.2meters dimensioni, pesa circa 1.000 tonnellate ed è la più grande pietra sbozzata si trovano ovunque nel mondo.
Non c’è Nessun appaltatore o gru al mondo che è capace di spostare questi blocchi sbozzati dalla cava per il sito del tempio. Tale compito è ancora ben di là di qualsiasi delle nostre attuali capacità di trasporto.

( http://thebiggestsecretsoftheworld.blogspot.com/2011/02/baalbeks-roman-temple-of-jupiter-out-of.html )

Articoli di approfondimento: Eccolo il globo… piatto!