Archive for luglio 19th, 2018

19 luglio 2018

PIANO DI ESISTENZA 3 – sbrigatevi a prenotare!

Ho saputo via email stamane che v’è crescente interesse per la conferenza PIANO DI ESISTENZA 3 che si svolgerà a Punta san Lazzaro, comune di Agerola (NA). Il giorno è il 24 agosto entrante.
I B&B sono numerosi attorno al Ristorante Leonardo’s ma si avvicina il tutto esaurito per cui è importante prenotare al più presto:

https://www.google.com/maps/place/Ristorante+B%26B+LEONARDO’S/@40.6271704,14.5630519,15z/data=!4m10!1m2!2m1!1sagriturismo+agerola+punta+san+lazzaro!3m6!1s0x133b9427d5ad5f27:0xc9c40b347b1aa19!5m1!1s2018-08-23!8m2!3d40.6237199!4d14.5684518

La vicinanza colla sede del convegno permetterà meglio a chi ha modelli, idee ed esperimenti sulla forma della Terra di sottoporli ai relatori e parlare col giornalista de le Iene. Mi hanno detto che si chiama Giorgio Romiti che vi confesso non sapere chi sia. Qualcuno di voi lo conosce?
Nel settembre scorso, un altro giornalista loro, di cui non rammento il nome, mi aveva telefonato ed era rimasto un poco interdetto quando gli avevo rivelato: “So chi siete ma guardi che sono 10 o 12 anni che io non guardo la TV“.
Come disse Andy Warhol: “In futuro, tutti quanti saranno famosi per 15 minuti“.

https://pianetax.wordpress.com/piano-di-esistenza/

Locandina PIANO DI ESISTENZA 3 (Agerola, 24-8-2018). Si prega di scaricare e distribuire in rete.

19 luglio 2018

I dati sui morti annegati in mare sono inventati

Ricordiamoci che Saviano è un massone ebreo come Lerner, Mentana e quasi tutti gli amici degli immigrati.

Durante le guerre ci sono battaglie, le battaglie producono morti, feriti e dispersi. Ci sono eventi bellici dei quali nessuno storico è riuscito a calcolare con precisione il numero delle vittime. Ciò perchè è oggettivamente difficoltoso, se non impossibile in un campo di battaglia ricostruire accuratamente i fatti coinvolgenti militari e civili.
Stranamente, per i morti nel mare Mediterraneo le fonti ufficiali forniscono cifre precise all’unità nel giro di poche ore o giorni. Come si fa a sapere esattamente il numero di persone dentro un barcone e quante esattamente ne annegano se esso si rovescia?
Riescono a recuperare e ricomporre con sicurezza tutti cadaveri?
Certo che no. I numeri che giornali, radio e TV sbattono in prima pagina sono fasulli. Lo scopo è psicologico: costringere gli stati europei (e solo della UE) ad accoglierne milioni in modo da mescolare le razze e creare il “popolo europeo” del super-stato europeo in fieri.
Il fatto che nemmeno i politici “sovranisti” accennino allo strano fatto significa che è tutto finto, stanno solo rallentando l’afflusso per non fare insospettire la gente, la quale deve continuare a pagare le tasse e “tifare” per il proprio paese di appartenenza in modo da essere controllata.

https://scontent-mxp1-1.xx.fbcdn.net/v/t1.0-0/p526x296/37334798_1058313574332572_6349593557786951680_n.jpg?_nc_cat=0&oh=c35cdf7a84fe30f6cbcb2d4a27faddff&oe=5BE634A7

Alcune notizie di questo tenore, per me, sono fake news.

19 luglio 2018

Gli alberi sono creature intelligenti dotate di una rete sociale simile al Web

Secondo gli studi di un neurobiologo italiano e le osservazioni di una guardia forestale tedesca gli alberi avrebbero una “mente” ed una spiccata socialità.

L’uomo spesso fatica a provare empatia nei confronti di altri mammiferi, animali dotati di un cuore e di un cervello come lui, pensare dunque ad un albero come un essere senziente e dotato di vita sociale potrebbe sembrare surreale, inverosimile. Eppure c’è chi sostiene il contrario.

Possono ricordare, imparare e contare

Fra i sostenitori principali dell’intelligenza della specie vegetale c’è un neurobiologo italiano, Stefano Mancuso, a capo del laboratorio di neurobiologia vegetale di Firenze. Anche Peter Wohlleben, guardia forestale tedesca ha recentemente pubblicato un libro dove afferma che gli alberi sono delle creature dotate di spiccata socialità. A detta di Wohlleben infatti “Gli alberi possono contare, imparare e ricordare. Si avvisano inoltre l’un l’altro in caso di pericolo tramite l’invio di segnali elettrici che formano una vera e propria rete denominata Wood Wide Web”.

alberi-creature-intelligenti

Comunicano grazie alle radici

Secondo le ricerche del neurobiologo italiano gli apici radicali, area della pianta dotata di neurotrasmettitori, al pari dei nostri neuroni elaborano e rispondono agli stimoli e alle informazioni che ricevono, persino dalle altre piante, con le quali intessono una vera e propria rete sociale capace di estendersi anche per chilometri. Anche quando una pianta perde il 90% della sue radici, riesce ugualmente a sopravvivere e a comunicare con gli altri esseri vegetali. Ogni apice radicale è capace di monitorare almeno 15 tipi differenti di parametri fisici e chimici al contempo, hanno perciò dei sensi molto più sviluppati rispetto agli animali.

alberi-creature-intelligenti

Il modo di comunicare delle piante è sorprendente. Interagiscono fra loro e sono in grado di riconoscere gli alberi appartenenti alla propria famiglia e quelli di un’altra specie. Sono persino capaci di scambiarsi informazioni, chimicamente, attraverso il terreno e l’aria, circa il loro stato di salute o la presenza di parassiti. Se ad esempio vengono attaccati da patogeni comunicano ai loro simili tramite gas e sostanze volatili che è presente un pericolo e li invitano ad aumentare le difese immunitarie.

Sono solidali con gli altri alberi e stringono legami

Ovviamente cercare di antropomorfizzare le piante, attribuendogli caratteristiche e qualità umane, è errato giacché si tratta di creature con cicli vitali differenti dai nostri e dotate dunque di un tipo di intelligenza diversa. Tuttavia gli alberi sarebbe capaci anche di gesti di solidarietà. Secondo Wohlleben sarebbero in grado di mantenere in vita i ceppi di altri alberi abbattuti anni prima, trasmettendogli tramite le radici parte della loro linfa. Gli alberi svilupperebbero anche dei rapporti molti simili all’amicizia umana. Alcuni sarebbero talmente legati l’uno all’altro tramite le radici che quando uno muore ne risentirebbero anche gli altri, sino a morirne.

alberi-creature-intelligenti

Creature viventi reali, non degli automi biologici

Le osservazioni di Wohlleben e le ricerche del dottor Mancuso offrono un interessante punto di vista per osservare il regno vegetale con occhi nuovi. Ricordare quindi che gli alberi non sono, come l’immaginario comune attuale crede, una sorta di “automi biologici” generatori di ossigeno ma delle creature viventi reali, che seppur diverse da noi, possiedono ugualmente diritto alla vita e rendono la nostra possibile.

alberi-creature-intelligenti

Il Team di BreakNotizie ( http://www.breaknotizie.com/alberi-intelligenti/ )