Incidente nel Foggiano, morti 12 braccianti a Ripalta

Nuovo scontro tra un tir e un furgone carico di stranieri che avevano appena finito di lavorare nei campi

https://immagini.quotidiano.net/?url=http://p1014p.quotidiano.net:80/polopoly_fs/1.4077086.1533572958!/httpImage/image.JPG_gen/derivatives/gallery_800/image.JPG&h=495&pos=top&w=626&mode=clip

Foggia, 6 agosto 2018 – Un altro tragico incidente nel Foggiano. Dopo quello avvenuto due giorni fa in cui hanno perso la vita quattro braccianti e altri quattro sdono rimasti feriti, questo pomeriggio altre 12 persone sono morte in uno scontro avvenuto tra un furgone, targato Bulgaria, e un Tir sulla SS 16 nei pressi di Lesina, al bivio di Ripalta. Anche questa volta le vittime sono cittadini stranieri che avevano appena finito di lavorare nei campi dopo aver raccolto pomodori. L’impatto del furgone contro il mezzo pesante, che trasportava prodotti farinacei è stato violentissimo. Ancora da chiarire la dinamica dell’incidente che però ricorda molto quanto avvenuto sabato scorso tra Ascoli Satriano e Castelluccio dei Sauri. ( https://www.quotidiano.net/cronaca/incidente-foggia-ripalta-1.4076807 )

Quante volte abbiamo sentito i politici dal dopoguerra in poi dire: “bisogna combattere il lavoro nero”, “bisogna investire nel trasporto su rotaia”, “bisogna incentivare il trasporto pubblico”, “bisogna investire nella sicurezza stradale”.
Ma la realtà qual’è?
Si consente agli immigrati di guidare con patenti i stati manco più esistenti, senza obbligo di assicurazione e revisione. Quando sappiamo bene che, se l’esame psico attitudinale per conseguire la patente di guida fosse minimizzante serio, il 50% (almeno) della popolazione italiana non potrebbe guidare! Si stanno chiudendo le ferrovie e il trasporto pubblico locale, non si asfaltano più le strade che è la causa prima dell’incremento degli incidenti stradali. L’Italia è l’unico paese occidentale in cui gli incidenti stradali sono in aumento.
A proposito di cause di incidenti stradali di cui non si parla mai, dimostrando che la storiella della “sicurezza stradale” è una bufala per i coglioni che ci credono: “Roma, autotrasportatore uccide l’amica: aveva bisogno di soldi per comprare la droga”. Tanto per essere chiari.

https://it.blastingnews.com/cronaca/2018/08/roma-autotrasportatore-uccide-lamica-aveva-bisogno-di-soldi-per-comprare-la-droga-002677775.html

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: