Archive for settembre 9th, 2018

9 settembre 2018

Epidemia di polmonite: i sintomi, le cose da fare (e quelle da non fare)

La polmonite è un’infezione che colpisce i polmoni e si manifesta con difficoltà respiratorie e febbre: ecco cosa bisogna sapere.
9 settembre 2018 – Sono oltre 150 i casi di polmonite riscontrati a Brescia e la popolazione è sempre più preoccupata. Soprattutto perché non si conoscono ancora le cause che hanno portato l’epidemia.
L’Agenzia di Tutela della Salute di Brescia ha diramato un avviso alla popolazione in cui ha chiarito alcuni comportamenti precauzionali da adottare per evitare il contagio da polmonite. Secondo le prime indagini dell’ATS, infatti, il problema potrebbe essere negli acquedotti: ed è proprio per questo motivo che l’agenzia ha iniziato gli opportuni controlli. Dato che la polmonite è una malattia respiratoria, il primo sintomo che si verifica nelle persone è la difficoltà a respirare, spesso accompagnata da febbre molto alta, tosse e dolore al petto. I sintomi possono cambiare a seconda del soggetto, dell’età e della presenza o meno di eventuali – altre – patologie. In genere si prende a causa di un’infezione batterica, ma non sono escluse situazioni in cui il contagio può avvenire tramite virus, parassiti e funghi.
La prima cosa che bisogna fare, quando si hanno i sintomi della polmonite, è rivolgersi immediatamente a un medico. In genere la terapia consigliata è quella antibiotica. Nel caso in cui il soggetto affetto da polmonite sia un fumatore, questi deve interrompere immediatamente il consumo di sigarette, altrimenti potrebbe aggravare l’infezione.
L’Ats di Brescia ha invitato la popolazione a provvedere alla manutenzione dei punti di emissione dell’acqua del rubinetto e a far scorrere l’acqua calda e quella fredda prima dell’utilizzo. Nel corso di questa operazione è preferibile aprire le finestre e far arieggiare le stanze, soprattutto dopo un lungo periodo di assenza. Per quanto riguarda l’esterno dell’abitazione, invece, si consiglia di evitare le fonti di acqua vaporizzata, le vasche idromassaggio, e di non irrigare i giardini con i diffusori a spruzzo. Non bisogna lasciare al sole le canne adibite all’irrigazione di orti e giardini e non va usata l’acqua del rubinetto per apparecchi come l’aerosol e i macchinari per l’ossigeno. Per tre giorni, inoltre, l’Ats consiglia di portare la temperatura dell’acqua tra i 70° e gli 80°, facendola defluire da tutti i punti d’erogazione almeno per tre volte al giorno.
( https://dilei.it/salute/epidemia-polmonite-sintomi-cose-da-fare/561309/?ref=virgilio )

Ho appena sentito alcune mie fonti. Non riescono a individuare l’agente patogeno, le emocolture danno esito negativo. L’epidemia è ormai alle porte di Brescia. Gli acquedotti non c’entrano, il problema è nella falda (o nell’aria). Forse agente “esotico”. Alcune persone sono in gravi condizioni e le autorità sanitarie se la stanno facendo sotto.
AGGIORNAMENTO 10-9 8:57
Epidemia di polmonite, sono 18 i comuni coinvolti: l’elenco completo (FORSE I NUMERI SONO PIÙ ALTI DALLE MIE FONTI):

Carpenedolo: 34
Montichiari: 26
Calvisano: 20
Remedello: 11
Acquafredda: 9
Ghedi: 3
Fiesse: 2
Visano: 2
Isorella: 2
Lonato: 2
Desenzano: 2
Leno: 1
Alfianello: 1
Montirone: 1
Calcinato: 1
Sabbio Chiese: 1
Polpenazze: 1
Sirmione: 1

FUORI DALLA PROVINCIA

Mantova

Asola: 7
Castiglione d/S: 3
Canneto: 1
Casalmoro: 1
Guidizzolo: 1
Frascarolo: 1
Porto Mantovano: 1

Cremona

Drizzona: 1
Casalmaggiore: 1
Ostiano: 1

( http://www.bresciatoday.it/cronaca/polmonite-brescia.html )

9 settembre 2018

Genova: ci sono dentro tutti

camion Basko Morandi

Cosa che io avevo già sospettato. A partire dalle dichiarazioni del procuratore Cozzi che subito se l’è sbrigata sancendo che le telecamere si sorveglianza erano state messe fuori uso dal maltempo senza prima indagare.
E cosa dire di quelli della Scuola Politecnica subito pronti a suggerire che Morandi era un “ubriacone incompetente”?
Sorprendente il basso profilo tenuto da Beppe Grillo, genovese, come di Genova è Renzo Piano, architetto il cui progetto di nuovo ponte è già pronto. Per progettare un’opera mastodontica del genere, ex novo, ci vorrebbero anni. Basterebbe alludere alle prospezioni geologiche/sismiche preliminari.

9 settembre 2018

Perchè la farsa dell’avviso di garanzia a Salvini per sequestro di persona

Non ci voleva grande fantasia a scrivere, come feci dal primo momento,che l'”odissea” della nave Diciotti sarebbe finita con fatto che i clandestini celi saremo presi tutti noi e poi sarebbero spariti. Adesso i finti “educatori” e “cooperatori” cadono dalle nuvole.
E anche l’avviso di garanzia a Salvini ha un effetto psicologico ben preciso: nessuno deve toccare o bloccare i clandestini pena l’accusa di sequestro di persona. Esecuzione del piano Kalergi. Quindi, gli africani potranno scorrazzare liberamente per l’Italia finché una qualche legge “antirazzista” obbligherà i comuni a dare loro la carta di identità europea (*). Se non lavorano, poco male, saranno mantenuti dal reddito di cittadinanza. Finanziato, ovviamente, tagliando ulteriormente le pensioni ai cittadini italiani “perchè ce lo chiede l’Europa”.
L’Italia è molto probabilmente l’unico stato al mondo dove gli immigrati richiedenti asilo non vengono trattenuti/sorvegliati in attesa di stabilire se abbiano diritto o meno allo status di “profugo”. Quando si dice “un paese (a)normale”!
Ma mi raccomando, importante è “tifare Italia”, specie se gioca Balotelli!!! ahahahah

(*) Per questo vogliono la doppia cittadinanza per i sudtirolesi, in modo tale da implementare la “cittadinanza liquida”.

Vedete sotto che ci utilizzano come “campo di rieducazione” per giovani africani, hanno perfino vietato di bocciare gli alunni non bianchi nella scuola dell’obbligo volendo, a tutti i costi, mescolare le razze contro il dettato biblico.

9 settembre 2018

Terra piatta: Luigi Baratiri & Alex Semjase – Mondi oltre i poli

Filmato molto interessante e istruttivo.

Articoli di approfondimento: Antartide: il confine della Terra piattaCena con bistecche di mammut ibernato: l’evoluzione di una strana indiscrezioneEvacuazione di massa dell’Antartide, in arrivo forze speciali e militariTerritori sconosciuti oltre il polo Sud