Archive for settembre 20th, 2018

20 settembre 2018

Remedello, sospetta legionella: morto un uomo di 57 anni

L’uomo era stato ricoverato in ospedale a Pavia per polmonite

Analisi mediche per legionella

Brescia, 20 settembre 2018 – Un uomo di 57 anni di Remedello, in provincia di Brescia, è morto all’ospedale di Pavia dove era stato ricoverato per polmonite. Analisi dovranno accertare se avesse contratto il batterio della legionella che si è sviluppato nella Bassa bresciana orientale a inizio settembre.
Remedello, paese di residenza della vittima, è uno dei Comuni colpiti dall’epidemia di polmonite batterica. Ad oggi nell’area fra la Bassa bresciana e il Mantovano, sono 450 gli accessi al Pronto scorso per polmonite e 43 i casi accertati di legionella con due decessi dovuti al batterio. ( https://www.ilgiorno.it/brescia/cronaca/legionella-morto-1.4193613 )

Be’, non tutto il male viene per nuocere! Abitando nel centro dell’epidemia, avevo notato un drastico calo del numero di cacciatori all’apertura delle ostilità domenica scorsa. Mi ero illuso che molti fossero rinsaviti ma mi sbagliavo. È solo paura della polmonite! Almeno si salvano gli uccelletti!

20 settembre 2018

Vaccini e scuole, 55 denunciati per false autocertificazioni

Circa l’1% di certificazioni e autocertificazioni non in regola, con relativa segnalazioni all’autorità giudiziaria. Il ministero alla Salute rende noti i risultati dei controlli dei carabinieri dei Nas svolti nelle scuole per controllare il rispetto delle norme sull’obbligo vaccinale. E’ stata proprio Grillo a reintrodurre per quest’anno, con una circolare le cui previsioni sono poi state inserite in un emendamento al decreto Milleproroghe che deve essere ancra approvato, la possibilità di autocertificare per i genitori dei bambini che fanno nido e materna. I Nas hanno controllato anche le certificazioni, cioè i documenti delle Asl che attestano l’avvenuta vaccinazione portati dalle famiglie alle scuole.I carabinieri dal 4 al 14 settembre sono stati in 1.493 istituti controllati in tutta Italia, su 55.700 documenti controllati ( dei quali 16.694 autocertificazioni e 39.057 certificazioni) 55 sono risultati falsi e hanno fatto scattare la segnalazioni all’autorità giudiziaria. La regione con più segnalazioni è la Campania (15), seguita dalla Basilicata (12). Il monitoraggio, spiegano dal ministero, si è svolto “in campo nazionale presso istituti scolastici ed educativi (selezionati tra asili nido, scuole dell’infanzia, scuole primarie e istituti comprensivi di tutte le province) finalizzato al riscontro a campione della veridicità delle certificazioni ed autocertificazioni di regolare adempimento degli obblighi vaccinali dei minori presentate dai genitori presso le segreterie degli istituti scolastici con i dati in possesso delle competenti Asl”. ( http://www.repubblica.it/salute/medicina-e-ricerca/2018/09/19/news/vaccini_e_scuole_55_denunciati_per_false_autocertificazioni-206880221/ )

Qualcuno lo aveva subodorato, la questione della autocertificazione per l’iscrizione a scuola era una trappola per i genitori: obbiettivo, spostare il terreno di scontro dalla legge Lorenzin alla violazione di altra legislazione.
La Grillo è una pupazza ignobile alla quale è stato dato ordine di parlare di autocertificazione appunto. Degno di Agata Christie. 55 le denunce = 5S (V x 11) verosimilmente dati inventati per intimorire la popolazione.
Vedete che è tutto finto: i NAS (nuclei antisofisticazione) invece di controllare la bontà dei vaccini, controllano chi si  rifiuta di sottomettersi al rischio.