Archive for ottobre 15th, 2018

15 ottobre 2018

Quattro piloti di linea ammettono che la Terra è piatta

Già il giroscopio, presente nell’orizzonte artificiale di tutti i velivoli, è indicativo che sulla superficie terrestre non si riscontra alcuna curvatura. A 900 km/h, un velivolo percorre 15 km al minuto. Significa che ogni qualche minuto di volo dobrebbe abbassare il muso per seguire l’andamento della curvatura terrestre. Ciò non avviene mai nella realtà.

15 ottobre 2018

ISS: stanno inscenando un altro Apollo 13?

soyuz falsa

Essendo stato un atterraggio d’emergenza, non c’era nessuno a filmarlo. Hanno portato la capsula bruciacchiata appesa a un elicottero (forse lo stesso che si vede) nel deserto senza neanche bisogno di farla scendere col paracadute.

Dopo il fallimento della missione Soyuz MS-10 del 11 ottobre 2018, qualcuno avanza una ipotesi interessante: la NASA potrebbe stare architettando un altro dramma spaziale come fu quello dell’Apollo 13 nel 1970. I tre astronauti rimasti ancora a bordo della ISS (Serena Aunon-Chancellor, Alexander Gerst e Sergey Prokopyev)  potrebbero avere difficoltà a rientrare e quindi si proporrebbe un intervento di soccorso d’emergenza. Dopodiché, la Stazione Spaziale Internazionale rimarrebbe abbandonata a se stessa, pertanto, precipiterebbe disintegrandosi nell’atmosfera. Ipotesi che io avevo già avanzato alcuni anni fa.
Probabilmente, si fingeranno dissapori fra NASA e Roscosmos, l’ente spaziale russo, per porre fine alla farsa dei viaggi spaziali.
Nell’aprile 1970, il mondo rimase col fiato sospeso per la sorte degli astronauti Lovell, Haise e Swegert ma si trattò di una messa in scena.
Non è escluso che la cosa si ripeta, sempre nel tentativo di alimentare il mito del globo. Del resto, ormai Hollywood vive di rifacimenti, seguiti e riletture.

15 ottobre 2018

Il nuovo “articolo 18”

La strada verso la matrix globale passa per la totale legalizzazione e imposizione dell’uso di droga similmente similmente a quanto sta avvenendo coi vaccini.
In Nevada, USA, gli “attivisti” stanno cercando di pare passare leggi che escludano il consumo di cannabis dai parametri dal famigerato DUI (guida in stato di ebrezza) piaga sociale in America per via del consumo di super alcolici. Inoltre, vogliono inibire ai datori di lavoro la possibilità di licenziare dipendenti scoperti a farsi una canna. In pratica, l’articolo 18 redivivo ma solo per salvaguardare i drogati. Così come da noi hanno vietato di fare spegnere agli studenti lo smartphone in classe. Facebook è più importante dell’apprendimento. Del resto, per non “penalizzare” i “bimbi migranti” stanno di fatto vietando le bocciature e ambiscono perfino eliminare l’esame di maturità.
Notate come il tutto faccia parte della dicotomia giusto-sbagliato, lecito-illecito, legar-illegale cardine del sistema di controllo mentale tramite il “politicamente corretto”. Ad esempio, quotidiani comunisti quali “Il Manifesto” si sono schierati per la legalizzazione dello spinello stando a dimostrare come comunismo-marxismo-socialismo non sono altro che il rovescio della medaglia del Potere.
Infatti, gli “antiproibizionisti”, “ambientalisti”, “vegani” e “antirazzisti” che vogliono istituzionalizzare la tossicodipendenza sono gli stessi che promuovono campagne per la “sensibilizzazione” sui danni da fumo passivo e attivo diventando proibizionisti rispetto al tabacco.
In pratica, stanno rimpiazzando la nicotina con le droghe leggere le quali danno molta più assuefazione, in molti soggetti, in modo tale da avere clienti ancora più affezionati.
Osservare l’uso compulsivo della lingua inglese che lascia trapelare l’origine “oltreatlantica” dell’operazione:

https://ilmanifesto.it/cannabis-light-store-lultima-frontiera-del-proibizionismo/

https://lasvegassun.com/news/2018/oct/14/marijuana-advocates-want-changes-to-nevada-employm/

https://photos.lasvegassun.com/media/img/photos/2018/09/20/AP18263114971472_t653.jpg?214bc4f9d9bd7c08c7d0f6599bb3328710e01e7b