Sulla questione Halloween

La parola Halloween deriva dell’espressione anglosassone “All Hallows Eve” (cioè “vigilia d’Ognissanti”) e coincide con una festa a dir poco pagana, che con la commemorazione dei santi non ha nulla a che fare.
Anzi! Si tratta di una ricorrenza magica che gli occultisti ben conoscono, dal momento che nell’ambiente questa inquietante “controfesta” è considerata come “il giorno più magico dell’anno” legato – tra l’altro – ai riti dell’antica tradizione dei druidi celti; il capod( https://movimentosovrano.blogspot.com/ )

Ovviamente è così. Non trovate strano che i “soloni” che si stracciano le vesti per rimuovere il crocefisso, canzoni di Natale e ogni riferimento alla religione cristiana nelle scuole, per rispetto dei “bimbi migranti”, non dicono niente su Halloween?
Non riuscite proprio a fare due più due?
Credete voi che a un miliardario come Soros e alle sue amichette italiote Bonino e Boldrini, freghi davvero qualcosa dei milioni di disgraziati africani che vogliono fare entrare in Europa?
Se la vostra risposta e sì, lo fanno per pura filantropia, significa che siete troppo stupidi per vivere. Ma tranquilli, adesso vogliono fare passare il “diritto al suicidio” e vedrete che i parlamentari italiani, forti dei loro 15 mila euro mensili di stipendio, lo faranno passare. Del resto che volete, il denaro non è un problema del diavolo.