Archive for novembre 17th, 2018

17 novembre 2018

Nuovo «Padre Nostro», cambia il testo della preghiera: «Dio non ci può indurre in tentazione»

Via libera al cambiamento da parte della Cei che accoglie un invito arrivato un anno fa da Papa Francesco. Modifiche anche al testo del «Gloria»

Un massone argentino imposto dalla Casa Bianca al soglio pontificio per distruggere la cristianità dall’interno..

Cambia la preghiera del Padre Nostro. Il testo della nuova edizione del Messale Romano sarà sottoposto alla Santa Sede «per i provvedimenti di competenza, ottenuti i quali andrà in vigore anche la nuova versione del `Padre Nostro (´non abbandonarci alla tentazione’) e dell’inizio del `Gloria´ (`pace in terra agli uomini amati dal Signore´)». Lo comunica la Cei. L’Assemblea Generale della Cei ha anche approvato la traduzione italiana della terza edizione del Messale Romano, a conclusione di un percorso durato oltre 16 anni. Il testo della nuova edizione sarà ora sottoposto alla Santa Sede per i provvedimenti di competenza, ottenuti i quali andrà in vigore anche la nuova versione del Padre nostro e dell’inizio del Gloria. ( https://roma.corriere.it/notizie/cronaca/18_novembre_15/cambia-testo-padre-nostro-dio-non-ci-puo-indurre-tentazione-9a40c396-e8d4-11e8-b58d-37a073f6910a.shtml )

Il Corriere della Sera in mano agli Stati Uniti d’America da la notizia. Era evidente, in America la comunità cristiana, che di solito prende alla lettera le Sacre Scritture, con la rivelazione della terra piatta il dettato biblico torna di prepotente attualità.
Pertanto, corrono ai ripari, invocando “errori di traduzione”. Ma come, in centinaia di anni e di teologi, nessuno s’era accorto finora di un errore di traduzione?! Fra un po’ Bergoglio, ci scommetto, dirà che citazioni tipo “il Sole si fermò” (es. Giosuè 10) e analoghe sono errori di traduzione dato che la Terra è ovviamente una sfera rotante ed è essa solamente che si potrebbe fermare.

ADDENDUM Come preventivato, con la bufala di DJ fabo (individuo mai esistito) i massoni della consulta vogliono legalizzare il diritto al suicidio: https://www.tempi.it/caso-cappato-dj-fabo-la-consulta-scopre-le-carte-e-apre-al-suicidio-assistito/

Tutto vero ciò che dice questa donna, il comunismo è stato una manifestazione luciferina per cancellare Crisot e rimpiazzarlo con maghi e streghe. Ciò che da noi vogliono fare col pretesto dello “stato laico” e dei “bimbi musulmani”. Quindi, “ateismo” e “materialismo storico” sono invenzioni diaboliche.

17 novembre 2018

Carta d’identità, il Garante della Privacy boccia l’introduzione di “padre” e “madre”

Era stato Salvini a disporre la modifica nei moduli per il rilascio del documento elettronico per i minori. Lo stesso ministero dell’Interno ha chiesto all’Authority un parere. Che è negativo
ROMA. Il Garante della Privacy boccia la sostituzione dell’indicazione “genitore 1 e 2” con quella di “padre” e “madre” nei moduli per il rilascio della carta d’identità in formato elettronico per i figli minorenni. Ad annunciare il ritorno alla definizione che evidenzia il sesso dei genitori era stato il ministro dell’Interno, Matteo Salvini, che aveva dato disposizione agli uffici del Viminale di modificare tutta la modulistica a riguardo. Lo stesso ministero, a settembre, aveva richiesto il parere del Garante sullo schema di decreto che avrebbe introdotto la riforma. E l’Authority presieduta da Antonello Soro si è pronunciata a fine ottobre in modo negativo, rilevando una serie di criticità.
Per quanto riguarda i profili di protezione dei dati personali, sostiene il Garante, “la modifica è suscettibile di introdurre profili di criticità nei casi in cui la richiesta della carta di identità, per un minore, è presentata da figure che esercitano la responsabilità genitoriale che non siano esattamente riconducibili alla specificazione terminologica ‘padre’ o ‘madre’ . Ciò, in particolare, nel caso in cui sia prevista la richiesta congiunta (l’assenso) di entrambi i genitori del minore (documento valido per l’espatrio)”.
Le ipotesi sono quelle in cui la responsabilità genitoriale e la trascrizione nei registri dello stato civile dei figli seguono una sentenza di adozione in casi particolari, la trascrizione di atti di nascita formati all’estero, il riconoscimento in Italia di provvedimenti di adozione pronunciati all’estero, la rettifica di attribuzione del sesso, oppure quando a registrare sia direttamente il sindaco. In questi casi, spiega il Garante, il rilascio del documento “potrebbe essere impedito dall’ufficio – in violazione di legge – oppure, potrebbe essere subordinato a una dichiarazione non corrispondente alla realtà, da parte di uno degli esercenti la responsabilità genitoriale. Infatti, nella richiesta del documento, nella ricevuta rilasciata dall’ufficio e, soprattutto, nel documento d’identità rilasciato per il minore, il dato relativo a uno dei genitori sarà indicato in un campo riportante una specificazione di genere non corretta”. In pratica, si rischierebbe di imporre di dichiarare dati falsi o inesatti oppure di fornire dati di carattere estremamente personale non necessari.
“Condivido interamente il parere del Garante per la Privacy”, ha dichiarato Luigi Manconi, direttore dell’Unar, l’Ufficio nazionale antidiscriminazioni razziali della presidenza del Consiglio dei ministri. Secondo Manconi, infatti, la modifica esporrebbe “al rischio di disparità di trattamento” nei casi segnalati dal parere e di violazione della protezione dei dati personali. “L’Unar – conclude Manconi – chiede al governo di accogliere interamente il parere del Garante per la Privacy nella elaborazione delle modalità tecniche di emissione della carta di identità elettronica”.
E non si è fatta attendere la reazione di Salvini. “Noi andiamo avanti, non esiste privacy che neghi il diritto a un bimbo di avere una mamma e un papà”, ha replicato il ministro dopo la pubblicazione del parere. ( https://www.repubblica.it/cronaca/2018/11/15/news/carta_d_identita_il_garante_della_privacy_da_parere_negativo_su_introduzione_di_padre_e_madre_-211763253/amp/?fbclid=IwAR3rOCwaUKcEsIrJLVlfclKRsAo-tdDJs5MeTyiTULVn0KeNyLyvNMIxxZo )

Se tratta di una messa in scena come avvenne per il caso Diciotti. La dottrina luciferina è anti-identitaria. Loro vogliono, dopo i matrimoni e adozioni-gay, fare passare unioni legali con animali e piante (come proposto dal grillino Sibilia e perciò premiato immediatamente a sottosegretario nell’attuale governo). Nel caso specifico, vogliono affidare ai gay la marea di minori non accompagnati che stanno facendo arrivare dall’Africa per mescolare le razze.
Questi organismi massonici come la “privacy” (parola che non dovrebbe neanche esistere dato che in italiano c’è l’equivalente “riservatezza”) ci sono stati imposti dagli angloamericani. Essa serve a proteggere l’identità di pedofili, trafficanti di organi e consumatori di droga.
Sulla carta di identità, non c’è nemmeno la lingua italiana che tra meno di un decennio non si insegnerà nemmeno più nelle scuole colla scusa “per non offendere i bimbi migranti che, secondo un sondaggio, preferiscono imparare l’inglese”.
Dal vaticano alla CEI, da Famiglia Cristiana ad Avvenire sono tutti covi di satanisti capeggiati dal signor Bergoglio intenti e demolire Bibbia e Vangeli in ogni modo grazie al controllo mentale del “politicamente corretto”.
I cristiani devono cominciare a prendere in considerazione l’idea di smettere di pagare le tasse allo stato italiano con cui vengono prezzolati funzionari massoni al servizio di potenze straniere contro gli insegnamenti evangelici.