Come vivere senza lavorare

La soluzione sarebbe il tempo parziale, lavorare metà giornata. Per avere tempo per auto-produrre parte del proprio cibo. Il segreto è di spegnere la TV e radio, non farsi abbindolare dalle pulsioni consumistiche inculcate dalla pubblicità. Non cadere nelle trappole psicologiche tipo “Black Friday” in cui offrono forti sconti ma sempre soldi spesi sono.
È avvantaggiato chi riesce a ereditare/acquistare appartamenti da porre in affitto agli insegnati che vengono sbattuti in giro per l’Italia. Bilocali e monolocali, dato il basso costo degli immobili, sono l’investimento più redditizio a dispetto delle tasse. Naturalmente, nei comuni dove ci sono scuole superiori e ospedali in modo che ci sia richiesta di affittare da parte di insegnanti, ATA, infermieri e personale sanitario proveniente da altre zone. I dipendenti pubblici sono, in genere, i migliori pagatori.
Il segreto è ciò che dice Francesco: per lavorare di meno bisogna imparare a spendere di meno.

https://www.ibs.it/smettere-di-lavorare-cambiare-vita-ebook-francesco-narmenni/e/9788868202446?lgw_code=1122-E9788868202446&gclid=Cj0KCQiAi57gBRDqARIsABhDSMq9IiSNx_PrV5XK4bbrM7AqfzT2av5m3piJygHRH_frRu3Pu0KyzAIaAte0EALw_wcB

LA PENNA PIÙ VELOCE DEL WEST

Scappare dall’Italia rimanendo in Italia? Si può!