Un attentato può far sempre comodo

ilfattoquotidianoTutta la Francia è mobilitata per cercare Cherif Chekatt, il 29enne sospetto attentatore di Strasburgo, che intorno alle 20 di martedì sera ha fatto fuoco nel mercatino di Natale uccidendo 3 persone e  ferendone altre 13, nove delle quali in modo grave. Il ministro dell’Interno Christophe Castaner ha parlato di “Francia in emergenza attentato” di “controllo rafforzato dei confini“. Il killer ferito si è dileguato in taxi dopo essersi scontrato due volte con la polizia francese: ferito alla mano anche un militare dell’operazione Sentinelle. L’autista del taxi ha raccontato alle forze dell’ordine che l’uomo era ferito ad un braccio e si è fatto lasciare in prossimità del commissariato di polizia del quartiere di Neudorf.

Evidentemente i Gilet Gialli fanno talmente paura che: ecco un bell’attentato terroristico dell’ennesimo radicalizzato posticcio a dare una mano all’esecutivo morente di Macron. Come sempre la strategia della tensione funziona. A beneficare di questo stato di cose è il potere costituito per cui sembra davvero improbabile che un attentatore scelga proprio questo momento per mettere in pratica la sua assurda rivalsa socio-psicotica. Tutti gli attentati strombazzati dai media di regime come opera di radicalizzati islamici altro non sono stati che operazioni di intelligence utili per rafforzare gli esecutivi e porre in atto misure di intimidazione e controllo della popolazione civile. Vedremo se si tratta di un falso attentato, come i precedenti, oppure se qualcuno si è fatto veramente male. Ridicolo infine che il presunto attentatore posticcio si sia fatto lasciare dal Taxi vicino ad un commissariato di Polizia! Andava dai suoi colleghi? ( http://offskies.blogspot.com/ )

In risposta all’amico Ghigo, dirò che sì si è trattato del l’usuale attentato farsa organizzato dalla CIA. Ma anche Macron e i gilet gialli sono operazioni dei servizi. Al pari di ogni “rivoluzione colorata” e “popolo viola”, “magliette rosse” che si rispetti. Chi so la, tutto un’arma di distrazione di massa mentre cercano di fare passare ovunque il global compact per fare entrare nella UE 10 milioni di africani a creare il “popolo europeo” del super-stato europeo multirazziale americanizzato. Cose che scrivo da dieci anni e passa.