Nuova Zelanda, strage in due moschee a Christchurch: il killer in tribunale ammanettato e scalzo. Identificate due delle vittime

Brenton Tarrant sogghigna ai reporter che lo fotografano. Sette feriti dimessi dall’ospedale, identificate le prime due vittime
Sono state identificate due delle 49 vittime dell’attentato a due moschee a Christchurch, in Nuova Zelanda. Si tratta di Haji Daoud Nabi, un afghano emigrato nel Paese con i suoi due figli nel 1977, e Khaled Mustafa, un rifugiato siriano che invece era arrivato con la famiglia solo qualche mese fa. Il nome di Haji è stato rivelato ai media da uno dei figli, Yama Nabi, che avrebbe dovuto partecipare alla preghiera del Venerdì con il padre ma è arrivato dieci minuti dopo di lui e ha trovato la moschea sotto attacco. Intanto le autorità sanitarie di Christchurch hanno fatto sapere che sette feriti sono stati dimessi dall’ospedale, altri 39 stanno ricevendo le cure necessarie per ferite da arme da fuoco e 11 sono ancora in terapia intensiva. Intanto Brenton Tarrant, l’australiano di 28 anni accusato delle strage è comparso per la prima volta in tribunale in abiti bianchi da detenuto, mani ammanettate e scalzo. Ha sogghignato quando i reporter lo hanno fotografato in aula, affiancato da due agenti di polizia, e ha fatto ‘OK’ con le mani, un gesto utilizzato dai suprematisti bianchi e dai razzisti su internet.
Le due mitragliatrici usate dal killer erano coperte con scritte in inchiostro bianco che facevano riferimento ad antiche battaglie e più recenti attacchi contro le comunità musulmane: tra queste, una riportava anche il nome ‘Luca Traini’, l’estremista di destra autore dell’attacco contro migranti compiuto l’anno scorso a Macerata. Parla il suo legale: “Sconcerto e condanna”
( http://www.ansa.it/sito/notizie/mondo/oceania/2019/03/15/nuova-zelanda-sparatorie-in-due-moschee_5a9fb8f3-4dc9-497a-8c78-3eb128fe7504.html )

La solita bufala pro-immigrati e pro-musulmani. Forse organizzata per distogliere l’attenzionedai problemi della Boeing nel risolvere le falle dei suoi aeroplani.
Ci sono tutti gli ingredienti: le moschee, il razzismo, Facebook (un po’ di pubblicità non guasta mai) e la numerologia.
Il riferimento a Traini indica che anche gli episodi di “razzismo e xenofobia”, in Italia sono inscenati per costringere la popolazione ad accettare l’invasione africana e islamica.
A dimostrazione che magistratura e apparati degli stati sono al servizio dei poteri occulti.

© ANSA