Archive for marzo 26th, 2019

26 marzo 2019

Aggiunti mille anni di Storia: siamo nel 1019

La data coniata è χ689. Qualche appassionato di numismatica, ha idee in merito da riferire?

Ancora una volta, la terra piatta cela bene altro. Qualcuno ha osservato che in antichi dipinti, su lapidi funerarie e monete la data è scritta in modo particolare: il primo numero, l’uno, è scritto sotto forma di lettera ‘i/I’ o ‘j/J’. Nell’Europa orientale, si usava la χ/X (lettera greca ‘chi’).

Moneta-russa-particolare

Moneta russa del “1748”. Il numero 1 non è mai stato scritto in quel modo. Assomiglia più a un χ748. Per quale motivo?

Suona molto strano, da che le altre cifre arabe sono scritte in modo corretto.
Quale ipotesi si possono avanzare?
Forse la I o la I lunga indicavano il tipo di datazione, a partire dalla nascita di Gesù (Iesus o Jesus in latino), in cirillico la χ stante per Cristo (in greco Χριστός),
Pertanto, da un certo punto in poi, invece, si sarebbe usato il numero uno aggiungendo di fatto mille anni esatti dalla data della nascita del Messia.
Un incantesimo, anzi un sortilegio, una magia per distanziare Cristo verso i recessi della Storia aggregandolo al mito. Similmente all’invenzione dell’universo infinito per allontanare Dio dal cuore degli uomini. In alcuni casi, sembra che la ‘i’ sia stata storpiata in ‘1’ in tempi successivi per congruenza con la nuova datazione.
Qualcuno suggerisce che il cambiamento sia avvenuto col pretesto della riforma gregoriana del calendario avvenuta nel 1582.
In verità, su alcuni conii e stampe, la vecchia grafia è proseguita fino all’800.
Del resto, se ci pensiamo, la penisola italiana ha subito trasformazioni enormi in soli 150 anni di unità d’Italia. Secondo gli storici, il Medioevo sarebbe durato ben dieci secoli: (dalla caduta dell’Impero romano, 476, alla scoperta dell’America nel 1492) durante i quali non ci sarebbe stata alcuna evoluzione culturale e scientifica.
Molto più logico che l’antica Roma risalga a soli mille anni fa e il Medioevo a 500. Ci sono rovine troppo ben conservate per essere delle ‘macerie’ vecchie di migliaia di anni.
L’eruzione del Vesuvio che seppellì Pompei ed Ercolano, secondo la data riconosciuta avviene il 79 d. C., mentre la data reale sarebbe il (1)631 come dimostrato in questo video:

https://tartaria.video.blog/2019/03/31/efimok-coin-fomenkos-phantom-time-and-added-1000-years-of-history/

Libri di approfondimento: QUADERNI DALLA TERRA PIATTA.

Pietra tombale con iscrizione J693 come data.

La data coniata è ♱ .I650

26 marzo 2019

Michael J. Fox finge di avere il morbo di Parkinson

Il mondo è un palcoscenico. Sul serio.
Scopriamo che anche l’attore canadese Michael J. Fox, famoso sopratutto per la trilogia di Ritorno al futuro di Robert Zemeckis, molto probabilmente simula di essere ammalato di Parkinson.
Ad accusarlo di “stare esagerando gli effetti della malattia” (overacting) è Rush Limbaugh che è sospettato di essere Jim Morrison, il cantate dei Doors morto a 27 anni. Se Fox fosse davvero ammalato, non avrebbe necessità di “recitare” i sintomi del morbo. Loro se la cantano e suonano fra di loro.