Archive for aprile 12th, 2019

12 aprile 2019

Troppo comodo sputare sugli amici signor Tinelli

Temevo che Tinelli facesse un video del genere. La sua malattia mentale sta degenerando come prevedevo.
Lui è sempre stato invitato a tutte le nostre conferenze e sarebbe anche stavolta stato accolto con un tappeto rosso. Invece, i suoi problemi di ordine psichiatrico glielo impediscono. Però, addossa la colpa agli altri.
Se qualcuno ha ancora il numero di Luciano, lo può chiamare e sincerarsi del fatto che noi Dino lo abbiamo sempre aiutato. Calogero, lui ed io ci conosciamo da anni, abbiamo viaggiato insieme, dormito assieme e vissuto tante avventure noi tre. Tuttavia, Dino non ha mai voluto migliorarsi.
Io non tollererò che lui rovini il nostro lavoro a causa delle sue paturnie, sebbene lui sappia benissimo che io e Calogero gli vogliamo un bene dell’anima.
Io ho la febbre a 40 per essere andato a Roma in RAI settimana scorsa. Fra parentesi, beccata per i filtri dell’aria condizionata che su Frecciarossa e Italo li cambiano una volta ogni morte di papa.
Quelli che si dissociano dalla nostra conferenza o sono dei pavidi “guerrieri da tastiera” o sono in malafede come Furatillo, Igienista e Spektro i quali lavorano per Lucifero, esistono solo per seminare zizzania.
Dino Tinelli si deve solo vergognare, ammesso e non concesso che la sua tara glielo consenta.
Sulla questione delle Iene, una certa divergenza di opinioni è dovuta al fatto che io non guardo la TV. Quindi, ogni pubblicità è buona, altri “tengono famiglia” e temono i giudizi di famigliari e colleghi.
Io non ho nessuna reputazione da difendere, pertanto, a me delle Iene non frega niente, se vogliono venire, si accomodino! Io non sono così stupido da guardare la televisione, solito esempio: se Ronaldo vuole che lo vada a vedere giocare, mi deve pagare lui il biglietto, mi accontenterei largamente di guadagnare in un anno ciò che lui guadagna in un giorno! (82 mila euro!)
Infine è vero, io non sono più un ricercatore della Terra piatta dato che do ormai per scontato che la Terra sia piatta! Così come sono 20 anni che do per scontato che lo sbarco sulla Luna è un falso.
Io mi sto svenando per la Terra piatta, qualcuno dica a Dino che non si deve più permettere di fare video “ad minchiam” per sabotare l’impegno altrui mentre lui se ne sta in panciolle nel suo “buen retiro” di Ravenna smanettando in internet.

Ecco di cosa mi occupo adesso: https://tartaria.video.blog/2019/04/11/la-santa-sindone-conferma-la-vera-cronologia/

12 aprile 2019

Perchè si paga alle nostre conferenze?

Rivolto ad Agostino Favari: Organizzano i convegni a pagamento PER SOTTRARRE I SOLDI AGLI IGNORANTI!!! Commento mentre ascolto ‘ste cose insensate. Intanto NON ESISTE NESSUN FAVARI ISCRITTO AGLI ORDINI DEGLI INGEGNERI DI PALERMO, CATANIA E MESSINA. L’intervistato dichiari in quale albo è iscritto o perchè non lo è. Faccio notare che spacciarsi per ingegnere quando non lo si è, è un reato. Ricordo che un ingegnere è colui che ha superato l’esame di stato, non è un semplice dottore o dottore magistrale in ingegneria. NESSUN INGEGNERE PUO’ SOSTENERE LA NON SFERICITA’ DELLA TERRA. Preciso. Per poter disquisire sulla forma della Terra è necessario aver superato l’esame di TOPOGRAFIA del corso di ingegneria civile. Non è la topografia che si studia per il diploma di geometra, infatti per poter accedere all’esame bisogna aver superato i propedeutici esami di: Disegno, Analisi 1, Analisi 2, Geometria algebra lineare, Fisica 1, Meccanica razionale. Faccio notare che, per questioni di tipologia di corso di laurea scelto, alcuni corsi, come quello di elettronica (probabilmente ancora denominato elettrotecnica ai tempi della laurea dell’intervistato) sono privi del corso di topografia. TUTTAVIA RISULTA EVIDENTE COME GRAN PARTE DELLE MATERIE PROPEDEUTICHE SIANO PRESENTI IN TUTTI I CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA. Essendo, quindi, un laureato in grado di studiare da solo, l’intervistato avrebbe potuto facilmente colmare il gap culturale e studiarsi la topografia. Inoltre la capacità di capire la topografia è logicamente presente in laureati in FISICA o GEOLOGIA. Le misurazioni delle distanze tra le isole Siciliane è inutile. Tali misurazioni sono già state fatte in passato. Sono ufficiali. Tutta l’Italia è cartografata. La disposizione e gli spostamenti del suolo siciliano sono costantemente tenuti sotto controllo da geologi per mezzo di satelliti per questioni relative allo studio dei sismi vulcanici. Il “calcolatore di curvatura”, ignorante in materia, non tiene conto di fenomeni rifrattivi dovuti a gradienti termici presenti per questioni meteorologiche, ma soprattutto fa riferimento ad una sfera che APPROSSIMA la superficie terrestre. Non citi a quale sfera o a quale ellissoide fai riferimento. Non dici niente sulla REALE FORMA DEL GEOIDE nei punti in cui fai misurazioni con strumentazione ormai datata. Il fatto che la curvatura non sia rilevabile da un ignorante in materie scientifiche, che, ovviamente non ha le basi per fare i conti, non significa che non ci sia. In realtà, il fatto stesso che non sia rilevabile da chiunque, non significa che non ci sia. Ma chi lo ha detto che serve la “verifica personale”? La specie umana si basa sul passaggio della conoscenza. Serve, invece, la verifica di un competente. In Antartide ci vai quando vuoi, come vuoi…Ma perchè parli di perforazione massima?…Ma quando spiegavano geologia all’università dov’eri?…Ma per essere un ‘ngegnere elettronico…onde ne hai studiate suppongo…” (commento su Youtube)

Rispondo per punti:

  • La laurea in Ingegneria è propedeutica a capire che la Terra è piatta. Il fatto che a Ingegneria non si studia la trigonometria sferica, impiegando come esempio la superficie terrestre, dimostra solamente che il “gap culturale” è del programma di ingegneria. Perché?
  • La quota di partecipazione serve a pagare l’affitto della sala conferenze (in un albergo 4 stelle) e per un minimo di rimborso spese ai relatori.

Ogni esperimento sul campo rileva l’assenza di curvatura.

12 aprile 2019

Interviste di Agostino Favari sul problema dei media

A Ezio Porto (Terra Magick) ho risposto nei commenti al video.

Intervista con Eleonora Dima (non so chi sia).

La mia presenza a Italia Sì su RAI 1:

https://www.msn.com/it-it/sport/video/albino-galuppini-vi-spiego-perch%C3%A9-la-terra-%C3%A8-piatta-06-04-2019/vp-BBVIRBI

12 aprile 2019

La sonda israeliana si è schiantata sulla Luna. “Problemi al motore”

Luna falso

Il lander Beresheet, il cui nome significa “in principio” non è riuscito nell’allunaggio. Fallisce la missione che avrebbe fatto diventare Israele il quarto paese ad avere raggiunto l’obiettivo.
NON ce l’ha fatta la sonda israeliana Beresheet, il cui nome significa “in principio”: si è schiantata prima di raggiungere il Mare della Serenità, dove l’11 dicembre 1972 era arrivata la missione Apollo 17 della Nasa. A riferirlo durante la diretta in streaming, l’Agenzia spaziale israeliana che ha coordinato le operazioni assieme a SpaceIL, l’organizzazione non-profit costruttrice del mini rover. Pochi minuti prima del blackout, aveva inviato un autoscatto con la superficie lunare a 22 km di distanza sullo sfondo, sfoggiando la scritta: “Small country, big dreams” (Un paese piccolo dai grandi sogni, ndr). Con questa missione Israele contava di diventare il quarto paese a raggiungere la Luna, dopo Russia, Stati Uniti e Cina. / https://www.repubblica.it/scienze/2019/04/11/news/il_primo_veicolo_privato_e_pronto_a_posarsi_sulla_luna-223802876/ )

Ovvio che il fine esoterico era di distruggere la Genesi (Bereshit), ora che scopriamo che la Genesi descrive esattamente come è il nostro mondo, piano e stazionario. Poi doveva fallire per forza, altrimenti, gli israeliani avrebbero forse mostrato immagini differenti da quelle cinesi a loro volta differenti da quelle della NASA.