La bufala del naufragio dei barchini dei clandestini

Migranti. Madre e figlio abbracciati nel relitto in fondo al mare vicino a Lampedusa

Ritrovato a 60 metri di profondità il barchino affondato nei giorni scorsi a poche miglia dell’isola. Dopo i 13 cadaveri, individuati altre 12 vittime. Soccorsi 180 migranti al largo di Malta
Abbracciati, sul fondo del mare. Cullati dalle correnti. Così sono stati ritrovati un bambino piccolo e la sua mamma. Sono morti insieme in un naufragio avvenuto la notte tra il 6 e il 7 ottobre a 6 miglia a sud di Lampedusa. Il barchino su cui inseguivano la speranza di una vita migliore è stato ritrovato a 60 metri di profondità a pochi metri dal luogo dell’affondamento. ( https://www.avvenire.it/attualita/pagine/migranti-barchino-affondato-trovati-12-cadaveri )

L’Avvenire, giornale controllato interamente dai seguaci del tizio cornuto, ci da questa notizia completamente inventata.
La donna annegata abbracciata al figlio rappresenta la Madonna, i 12 “migranti” morti sono gli apostoli.
Secondo voi, in pochi giorni hanno visionato e recuperato un relitto a 60 metri di profondità?
Tutto falso. Chiunque abbia svolto attività subacquea, ben sa che 60 metri sono tanti, ci vorrebbero settimane solamente per preparare una ispezione con telecamere comandate dalla superficie, a quella profondità.
Si tratta della manipolazione mentale per realizzare il piano Kalergi. Per aggirare le leggi anti-immigrazione clandestina, li trasformano in naufraghi per costringere l’Italia ad accoglierli tutti con la complicità dei massoni nella magistratura e nelle istituzioni nostrane. Fanno finta di portarli a Malta, ma i paesi del Commonwealth sono esentati dall’accoglienza essendo, evidentemente, già angloamericanizzati. Li porteranno tutti da noi.
Ricordiamoci che costoro lavorano per il padre delle menzogne.
A tre settimane dall’insediamento del nuovo governo, avete visto voi stessi che la priorità era già lo ius soli e la rimozione dei crocefissi dalle scuole col pretesto dei “nuovi italiani”. E torneranno alla carica con l’obbligo dell’insegnamento dell’inglese nelle scuole pubbliche in barba alla costituzione italiana che recita espressamente che la sola lingua nazionale deve essere l’italiano.
Voi pensavate di essere più scaltri di Lucifero.

http://www.ocean4future.org/archives/14934