Ecco il vero ambientalismo, finalmente!

https://www.meccagri.it/wordpress/wp-content/uploads/2014/01/MACH2_Cabina.jpg

La cabina di guida di un Lamborghini sembra quella di una Lamborghini. Ci pensate voi all’allevatore che sale a bordo tutti i giorni cogli stivali intrisi di piscia di maiale e pigia i pulsanti coi guanti da lavoro sporchi di terra?!?!? Che senso ha?

Sottoscrivo in pieno ciò che dice il Greg, cose che vado dicendo da vent’anni. Mi sento stranito a sentirle anche da un perfetto sconosciuto.
E notare che ciò non è quello che solitamente sostengono le associazioni cosiddette “ambientaliste” o dei “consumatori”. “Ambientalisti” e “consumatori” sostengono l'”innovazione”, cioè altro consumo.
Ciò vale ancora di più per i mezzi agricoli. Trattori di 20 o 30 anni fa sono ancora i più efficienti e non affetti da tutta l’elettronica e gli “schermi” che hanno poco senso sulle auto, ancora meno su mezzi impiegati nel fango, polvere o nel letame. In agricoltura, sta avvenendo ciò che capita anche per le automobili. Macchine nuove talmente complicate che il meccanico di paese non le vuole toccare. Quindi, bisogna chiamare la “casa madre” che invia tecnici da chissadove i quali, facendosi pagare centinaia d’euro solo per la “uscita”, emettono il loro verdetto insindacabilità. Non importa se poi il guasto si è rivelato essere solo un fusibile bruciato o un filo staccato che un meccanico normale poteva mettere a 23 o 30 euro per mezz’ora di lavoro. Loro, invece, sono i  “guru” del terzo millennio giacché sanno interpretare la “diagnostica”.
Bravo Greg! Tanto di cappello!

Qui il Greg lascia trasparire ciò che vi ho già suggerito: le statistiche ufficiali sulle vendite di auto sono fasulli: per me, se si vendono mensilmente 50mila vetture in Italia è tanto. Quindi, 600mila auto l’anno, la metà di quello che dichiarano.