Archive for dicembre 7th, 2020

7 dicembre 2020

Un’aviorimessa buia

vaccini pratica di mare

La costituzione italiana impone la lingua italiana come idioma ufficiale dello stato. Perchè le scritte in inglese? Ah già, siam “europei” per cui la parola “centro” è scritta con grafia britannica.

Sarà il sito della Difesa a Pratica di Mare l’hub nazionale di stoccaggio per la campagna di vaccinazione anti-Covid 19 che il governo italiano sta approntando. Lo annuncia, d’accordo con il Ministro della Difesa Lorenzo Guerini ed il ministro della Salute Roberto Speranza, il Commissario Straordinario all’emergenza Domenico Arcuri. Un hub intermodale militare, di ampie dimensioni, ottimale per la successiva distribuzione dei vaccini, in grado di accogliere vettori aerei, elicotteri e baricentrico per la connettività stradale. Le fiale di vaccino verranno concentrate nel sito, in cui sono disponibili shelter di ampie dimensioni, che garantiranno la massima efficacia per la conservazione e i massimi livelli di sicurezza per gli stock.

Mi vengono i brividi ogniqualvolta penso a un hangar dell’aeronautica militare. Sarà che Bob Lazar disse che negli spazi coperti di Area 51 gli USA ci nascondono alcuni UFO. Sarà che nel film Incontri ravvicinati del terzo tipo, gli extraterrestri vengono accolti in un’aviorimessa. Sarà che nel film Capricorn One i panorami marziani del finto sbarco su Marte sono allestiti in un hangar. E ciò, con tutta probabilità, è avvenuto anche per l’altrettanto fasullo sbarco lunare della NASA dato che il film è tratto dal libro di Bill Kaysing. E lui era dell’idea che in qualche base segreta militare ci fossero gli studi dove l’allunaggio venne inscenato. Ma questa è una nota a margine.
Più preoccupante è che i vaccini siano conservati pure dentro un sito militare dall’aspetto sinistro.
Chissà cosa contengono ‘sti vaccini. Magari manco esistono.
Pertanto, se mettono Alvaro Vitali e la “dottoressa del distretto” a guardia dei vaccini anti-covid stiamo tranquilli!

7 dicembre 2020

Il piano Kalergi blocca la “patrimoniale”

È ovvio che la proposta di una imposta patrimoniale in Italia è una bufala.
Non solo perché, coi bizantinismi del nostro sistema fiscale-finanziario, è difficilissimo valutare correttamente il “patrimonio” di chicchessia. Ci vorrebbe una perizia giurata per ogni singolo nucleo famigliare.
C’è anche il solito discorso immigrati. Ci sono tantissimi stranieri che sono integrati nel tessuto bancario e fiscale italiano ma mantengono la cittadinanza d’origine. In tal caso, non potrebbero essere toccati dall’operazione. Si produrrebbero delle storture incredibili.
Infatti, giova ripetere che, parimenti alla questione vaccini obbligatori, la patrimoniale riguarderebbe solo coloro in possesso della cittadinanza italiana. NON A CASO, i giornali parlano di patrimoniale a carico degli “italiani”, non dei “residenti in Italia”. Difatti, l’operazione varrebbe anche per i soldi depositati (legalmente) all’estero ma solo per i cittadini italiani. L’intreccio finanziario globale impedisce di realizzare una tassazione equa. Esempio i cinesi i quali hanno grossi giri di denaro nel circuito finanziario italiano ma che sarebbero esclusi dall’intervento.
Qualcuno menziona ancora il famoso prelievo forzoso del “sei per mille” che Soros organizzò nottetempo in spregio all’Italia tramite il massone Amato.
Ma nel 1992, la patrimoniale riguardò solo i conti correnti e non l’intero patrimonio come dovrebbe essere una vera imposta “patrimoniale”, appunto. Rimane la questione degli immobili, titoli, veicoli, conti correnti cointestati da una persona italiana e da una straniera. Nel ’92, non c’erano ancora la legge Martelli e la Turco Napolitano che, su ordine degli americani, hanno fatto entrare forse 10 milioni di immigrati in 20 anni.
Rammentiamo che il governo Conte, in ritardo su tutto, ha sentito il bisogno addirittura di varare un decreto legge per abolire il decreto Salvini e fare entrare centinaia di migliaia di africani.
La mia sensazione è che il dibattito sull’imposta sui patrimoni sia solamente uno spauracchio agitato per indurre le famiglie a spendere. Il loro terrore è che la gente capisca che il sistema consumista fintamente ambientalista è una imposizione mentale a lavorare per guadagnare soldi per acquistare oggetti che non servono a migliorare la vita.
Perciò, mandano in scena i pagliacci tipo Sgarbi, Fusaro e Saviano a distrarre l’attenzione dividendosi sulla “patrimoniale”.

IMPORTANTE:  Le coppie miste possono scegliere il regime patrimoniale del membro straniero (logicamente i massoni della UE hanno un occhio di riguardo per le coppie omosessuali):

https://www.agi.it/cronaca/matrimoni_stranieri_regime_patrimoniale-4915296/news/2019-01-29/

OT e vi dissi che la riduzione dei parlamentari era una minaccia per fare approvare tutte le porcate:

https://m.facebook.com/story.php?story_fbid=126898769090288&id=109837580722063&sfnsn=scwspwa

I DPCM valgono solo per gli italiani, non lo si vuole capire, l’autorità non può intervenire sugli stranieri: