Archive for ‘Attività UFO’

19 giugno 2018

Trump dà vita alla Space Force con un annuncio a sorpresa al National Space Council

https://images01.military.com/sites/default/files/styles/full/public/2018-06/trumpspaceforce1800.png?itok=ydU1w-Cw

Il Presidente degli Stati Uniti d’America Donald Trump ha annunciato a sorpresa la creazione di una nuova forza armata, denominata Space Force, in occasione del National Space Council che si è tenuto ieri. Sarà la sesta divisione delle Forze Armate americane.
“Da oggi in poi avremo non solo l’Air Force, ma anche la Space Force, due organi separati ma che si equivalgono. Sarà qualcosa di veramente importante” commenta il Presidente.
Il National Space Council era stato ricomposto da poco per dar voce al primo tentativo di regolamentare il traffico spaziale, e nessuno dei presenti si aspettava un annuncio del genere da parte di Trump. Bryan Weeden, il direttore della divisione program planning per la ONG Secure World Foundation, ha affermato che: “Il motivo per cui abbiamo indetto questo meeting non era assolutamente questo; ci siamo trovati qui oggi per decidere in che modo regolamentare il traffico spaziale”.
Ad ogni modo, l’intenzione di creare la Space Force non dovrebbe meravigliare così tanto, dato che Trump aveva già espresso il desiderio di creare una nuova forza armata “spaziale” nel marzo di quest’anno; un’ipotesi bocciata dal Segretario della Difesa Jim Mattis, che in una lettera al Commitee on Armed Services aveva etichettato questa opzione come una fonte non necessaria di scartoffie e burocrazia.
Trump definisce l’esplorazione dello spazio da parte degli Stati Uniti “una questione di identità nazionale, ma soprattutto di sicurezza del Paese. Una faccenda molto importante per l’America e per le nostre forze armate, anche se nessuno ne parla”.
Dura la replica di Weeden: “Per creare una nuova Space Force, Trump avrà bisogno del permesso del Congresso, che dovrà emanare nuove leggi non solo per istituirla, ma anche per finanziarla”. Al momento infatti il Presidente non ha ancora dichiarato quali saranno i compiti che la neonata divisione dell’Esercito dovrà svolgere, tanto meno con quali soldi verrà resa operativa. ( https://tech.everyeye.it/notizie/trump-vita-alla-space-force-con-annuncio-sorpresa-national-space-council-334059.html )

Logico che per contrastare la terra piatta, ne inventano di nuove. Dopo gli aerei senza finestrini, per celare le rotte aeree dimostranti la piattezza terrestre, arrivano le Sturmtruppen spaziali di Domald Trump.
Fa tutto parte del progetto di inscenare una “invasione aliena” della quale già parlò all’ONU Ronald Reagan negli anni ’80. Un modo per accelerare il NWO al pari del piano Kalergi e il microchip.
Secondo me, tuttavia, Trump in questo caso sta “trollando” il deep state.
AGGIORNAMENTO 21-6-2018 Notare il flip-flop dei gatekeeper come Mazzucco passato da “I filmati e foto lunari sono certamente falsi, quindi anche lo sbarco lo è” a “Probabilmente sulla Luna ci sono andati ma, per un qualche motivo, foto e filmati sembrano falsi”. Dimostrando che la querelle con l’altro massone al servizio degli USA, Attivissimo, è sempre stata una pantomima.
https://www.luogocomune.net/LC/30-scienza-e-tecnologia/4957-che-bello,-torniamo-sulla-luna

17 giugno 2018

John Lennon e la Terra piatta

Per quale strano motivo, John Lennon e l’inseparabile Yoko Ono avrebbero dovuto lanciare palloni muniti di cinepresa? Con tutte le volte che avevano volato, non avevano visto come sono le nuvole da sopra?
Forse perchè sapevano o sospettavano che la Terra è piatta.
La morte di Lennon, assassinato da Mark Chapman l’8 dicembre 1980 analizzata in retrospettiva, appare essere una messa in scena come l’assassinio dei Kennedy e di molti altri personaggi famosi. Il mondo in cui viviamo è un palcoscenico.

L’ex componente dei Beatles John Lennon, catapultato alla celebrità con i capelloni rocker britannici negli anni ’60, è stato ucciso la scorsa notte di fronte al suo lussuoso appartamento nell’Upper West Side di Manhattan, come ha riferito la polizia. Le autorità affermano che Lennon, 40 anni, è stato trasportato di corsa su un’automobile della polizia al Roosevelt Hospital, dove è stato dichiarato morto poco dopo il suo arrivo. I medici hanno detto che aveva sette ferite profonde nel torace, sulla schiena e sul braccio sinistro, ma che non sapevano quanti proiettili lo avessero colpito. Il Dr. Stephen Lynn ha detto: “Sono sicuro che è morto quando è stato colpito”. La polizia afferma che la sparatoria è avvenuta all’esterno del Dakota, il lussuoso appartamento vecchio un secolo in cui Lennon e la moglie Yoko Ono vivevano. Si trova di fronte a Central Park. La polizia dice di aver fermato un sospetto e lo descrive come “un pazzoide” senza apparenti motivi per sparare a Lennon. Il tenente John Schick ha detto che l’uomo, sui 25 anni, verrà trattenuto tutta la notte. La moglie di Lennon non è stata ferita. Il capo degli investigatori James Sullivan ha detto che Lennon e sua moglie stavano passeggiando nel cortile del Dakota intorno alle 22,50, quando 5 colpi sono stati esplosi. Lennon ha barcollato entrando nell’edificio e poi è caduto. L’agente Anthony Palma, è stato uno dei primi ad arrivare, e ha detto ai colleghi di aver trovato Lennon riverso a faccia in giù nell’ufficio del palazzo a nove piani e lo ha portato alla macchina di servizio. Yoko Ono è stata portata in ospedale con un’altra automobile, ha detto l’agente. Palma ha detto che la donna ha avuto una crisi isterica quando i medici le hanno detto che Lennon era morto. “Dimmi che non è vero” avrebbe detto gridando. Sullivan afferma che il sospettato è un 25enne delle Hawaii che era stato visto girare intorno al Dakota da un po’ di tempo. Jack Douglas, il produttore di Lennon, ha detto che si trovava con i Lennon in uno studio di registrazione chiamato Record Plant e che l’artista era uscito intorno alle 22,30. Lennon ha detto che si sarebbe procurato qualcosa da mangiare per poi andare a casa. Un passante, Sean Strub, ha detto che stava camminando verso Sud sulla 72esima Strada quando ha sentito sparare 4 colpi. Ha detto di aver girato l’angolo e di aver visto mentre Lennon veniva caricato su un’automobile della polizia. Qualcuno ha detto di aver udito 6 colpi e che John sarebbe stato colpito due volte, afferma Strub. Al Roosevelt Hospital il Dr. Lynn ha annunciato la morte di Lennon dopo la mezzanotte. Ha detto che era stato portato in ospedale prima delle 23. “Tentativi di rianimazione estensivi sono stati provati e nonostante trasfusioni e altri metodo non c’è stato modo di rianimarlo” ha detto. “Danni significativi ai vasi sanguigni nel torace” ha detto il Dr. Lynn “e una grave emorragia, non poteva essere salvato… Sono sicuro che era già morto quando è stato colpito… la sua casa è a circa un chilometro da qui e non credo che fosse possibile salvarlo in alcun modo”.

Yoko Ono e David Geffen (produttore di Lennon) lasciano l’ospedale dopo avere avuto la conferma del decesso di John.

Nella canzone “Watching the wheels” dice: “Non ti perdere questo grande momento ragazzo, non stai più su di una palla“. Evidentemente aveva intuito tutto. Per ciò, decise ti togliersi di mezzo inscenando la sua morte. E Lennon sapeva dell’invenzione degli UFO. Nel video sotto, finge di averne visto uno proprio nel centro di New York.

11 giugno 2018

Piemonte, allarme nei cieli: “Ufo e caccia militari si inseguono tra i monti del Canavese”

Denuncia di un residente del paese di Corio ai carabinieri, altre testimonianze in val di Lanzo e vicino all’aeroporto di Caselle. Il Pd annuncia un’interrogazione parlamentare

Due Eurofighter Typhoon dell’Aeronautica Militare

di FEDERICA CRAVERO
La descrizione fatta ai carabinieri di quanto avvenuto mercoledì sera nel cieli piemontesi ha del surreale. Si segnala infatti intorno alle 23 un “oggetto volante non identificato emanante forte bagliore che, dopo aver sorvolato il centro abitato di Corio, si allontanava repentinamente alla vista di due aerei verosimilmente militari”. Ora, che cosa fosse l’ipotetico “ufo” che emanava un forte bagliore non è possibile ricostruirlo.
Sulla presenza dei due caccia, invece, nonostante non risultino passaggi nello spazio aereo del Torinese di voli aerei militari, vi sono numerose testimonianze raccolte nelle valli di Lanzo: persone che raccontano di aver sentito il fragore dei motori e visto anche il colore rosso dei reattori che spiccava nel buio della notte, mentre un cittadino di San Francesco al Campo ipotizza che i due aerei siano partiti da Caselle, avendo sentito quel rumore a un’ora anomala.

Proprio per fare chiarezza sul mistero, la deputata Pd Francesca Bonomo e il senatore Pd Mauro Marino hanno annunciato un’interrogazione parlamentare. ( http://torino.repubblica.it/cronaca/2018/06/10/news/_ufo_e_caccia_militari_si_inseguono_nei_cieli_di_corio_-198644180/ )

Tentativo disperato di fermare la rivelazione che la Terra è piatta. Semi-ufficializzano il fenomeno UFO coinvolgendo organi d’informazione a larga diffusione ed esponenti politici. Misterioso “avvistamento”. Strano però che le scie chimiche, che in due giorni hanno innalzato la temperatura di 15 gradi, non siano mai “avvistate” da giornali e politici. Tanto meno da La Repubblica o dall’aeronautica militare!
Cosa potrebbero essere, in realtà, gli alieni l’ho spiegato in un libro: QUADERNI DALLA TERRA PIATTA.

9 maggio 2018

L’addio a Pamela. La madre ai funerali: ‘Ti hanno massacrata ma sei viva’

I funerali a Roma. Tante corone di fiori, anche di Traini

https://i1.wp.com/www.ansa.it/webimages/img_457x/2018/5/5/b028771d86195c1175a7325dcfc694a6.jpg

E’ gremita la chiesa Ognissanti di via Appia Nuova per i funerali di Pamela Mastropietro, la 18enne romana uccisa a Macerata e ritrovata a pezzi in due valigie. In prima fila la sindaca di Roma Virginia Raggi e il sindaco di Macerata Romano Carancini che hanno proclamato oggi il lutto cittadino nelle due città. La sindaca, arrivando in chiesa, ha abbracciato a lungo la mamma di Pamela. Amici, parenti e cittadini comuni hanno portato le loro condoglianze ai familiari della ragazza. Tra gli esponenti politici arrivati in chiesa Giorgia Meloni, Maurizio Gasparri, Domenico Gramazio e Stefano Fassina. Davanti l’altare la bara bianca della ragazza coperta da un grosso cuscino di rose rosse dei genitori, una sua foto sorridente e un palloncino a forma di cuore rosa con su scritto “Ciao Pamela”.
Un piccolo corteo funebre aveva accompagnato Pamela Mastropietroì fin davanti la chiesa Ognissanti di via Appia Nuova per la camera ardente prima dei funerali. Dietro al carro funebre la mamma Alessandra con un mazzo di rose rosse. Ad attendere fuori dalla chiesa il feretro di Pamela, in una bara bianca, diversi amici. All’esterno della parrocchia di via Appia alcune amiche hanno esposto uno striscione rosa con su scritto “Infinitamente… manchi ma ci sei!”. Tra le numerose corone di fiori presenti in chiesa, quella della sindaca di Roma Virginia Raggi, della nonna Giovanna, dei professori e di Luca Traini, l’uomo che per ‘vendicare’ la ragazza sparò all’impazzata a Macerata contro alcuni migranti qualche giorno dopo il ritrovamento del corpo della ragazza.
Madre, ti hanno massacrata, ma tu sei viva – “Hai meritato il paradiso e non tutti se lo possono permettere. Anche se ti hanno fatto un male atroce tu sei viva alla faccia di tutte quelle persone che ti hanno massacrata”. Così Alessandra Verni, la mamma di Pamela. “Questo, amore, non è un addio. Un giorno ci rincontreremo e sarà per sempre. Ti amo Pamy”, ha aggiunto la mamma
Famiglia, contro la barbarie vogliamo giustizia – “Lotteremo fino in fondo affinché questa ragazza di 18 anni, questa bambina uccisa con delle coltellate, fatta a pezzi e messa in due trolley trovi giustizia”. Lo ha detto lo zio di Pamela Mastropietro e legale della famiglia Marco Valerio Verni davanti la chiesa dove si svolgono i funerali della ragazza. “Lo faremo per lei – ha detto – per la sua famiglia e per tutto il mondo civile perché questa è la battaglia di tutto il mondo civile contro quello della barbarie”.
“Non lasciatevi rubate la speranza sul vostro futuro”. È l’invito del parroco della chiesa Ognissanti ai tanti giovani presenti ai funerali di Pamela. “Il signore è con voi, vi accompagna” ha aggiunto don Francesco ricordando che la ragazza, uccisa e fatta a pezzi a gennaio a Macerata, era nel primo gruppo di cresima quando diventò parroco della chiesa sull’Appia Nuova. “Pamela è tornata a casa e ora vogliamo stringerla con un forte abbraccio spirituale per farle sentire tutto il nostro amore – ha detto il parroco iniziando la messa – Con umiltà chiediamo perdono di tutte le nostre mancanze”. (ANSA)

Tutte le caratteristiche della messa in scena. Traini e i tre africani sono personaggi pagati o manipolati dai servizi segreti. Per rafforzarne la credibilità, tuttavia, hanno convocato pure i politici alle finte esequie. Notare l’insistenza nell’uso della neolingua orwelliana “sindaca” per la Raggi che forse è una trans. Ecco come i poteri occulti si prendono gioco dei cretini che vanno a lavorare per pagare le tasse.
La Raggi è stata messa li per legalizzare le adozioni gay, legalizzare la droga, riempire la città di immigrati musulmani, regalando loro le case popolari, in funzione anticristiana esattamente come la Appendino a Torino. E imporre la lingua inglese come “lingua franca” delle nuove città metropolitane multirazziali americanizzate. “Altrimenti i bimbi migranti piangono perchè non possono studiare l’inglese” certificherà l’agenzia ANSA.
I dettagli dell’omicidio di Pamela sono talmente efferati da risultare poco credibili. Si tratta di una sceneggiata integrale (la ragazza è viva e vegeta con un altra identità) oppure è deceduta in circostanze “esoteriche” le quali non possono essere rivelate.

10 aprile 2018

Buzz Aldrin: “Ho visto un Ufo mentre andavamo sulla Luna”. E la macchina della verità conferma le sue parole

Astronauta Buzz Aldrin.

ROMA – Buzz Aldrin, astronauta della Missione NASA Apollo 11, dopo aver ricordato un incontro con un UFO durante la storico primo sbarco del 1969 sulla Luna, avrebbe superato la prova della macchina della verità.
Aldrin, 88 anni, è stato sottoposto al test con una nuova tecnologia all’Institute of BioAcoustic Biology in Albany, Ohio, nel corso del quale sono state analizzate anche le interviste agli astronauti Al Worden, Edgar Mitchell e Gordon Cooper.
Secondo gli esperti i risultati dimostrano che erano “completamente convinti” della veridicità delle loro affermazioni sugli alieni, come riportato dal Daily Star.
L’Institute of BioAcoustic Biology ha condotto un’analisi del tono della voce degli astronauti mentre parlavano dei loro incontri.
Sharry Edwards di BioAcoustic ha dichiarato al Daily Star che i test hanno rivelato che Aldrin è certo di aver visto l’UFO anche se la mente logica “non può spiegarlo”.
L’anno scorso, il pilota dell’Apollo 15 Al Worden, 86 anni, ha dichiarato a Good Morning Britain di aver visto degli extraterrestri durante la missione.
Aldrin ha sempre sostenuto di aver individuato un UFO:”C’era qualcosa là fuori, abbastanza vicina da essere osservata, una sorta di L”, ricorda Aldrin, il secondo uomo a mettere piede sulla Luna.
Sono state analizzate anche le registrazioni vocali degli astronauti della NASA, Edgar Mitchell e Gordon Cooper, entrambi defunti.
In un’intervista del 2009, Mitchell, che faceva parte della missione Apollo 14, dichiarò di aver visto più UFO.
Cooper aveva precedentemente descritto il tentativo di inseguire un gruppo di oggetti.
Secondo il Daily Star, i test hanno rivelato che Cooper e Mitchell erano convinti di dire la verità.
La tecnologia è ancora top-secret, ma è stato affermato che questi test sono più affidabili di quelli della macchina della verità attuali. ( https://www.blitzquotidiano.it/ )

Non sanno più a cosa aggrapparsi. Lo sbarco sulla Luna legittimato dagli alieni e dal responso della macchina della verità. Pure quest’ultima, con tutta probabilità, una fake news, le macchine della verità non esistono.

21 marzo 2018

Che fine ha fatto il Malaysia Airlines MH370?

Sono passati 4 anni dalla scomparsa del velivolo diretto da Kuala Lumpur in Malesia a Pechino. Ciò che si sa è che il Boeing 777 è improvvisamente svanito dai radar in piena notte e mai più ritrovato.
Ciò che è stato ipotizzato dopo, dalle tracce satellitari, al dirottamento, al pilota impazzito sono manipolazioni mediatiche, secondo me.
Verosimilmente il velivolo è stato vittima di un rapimento alieno di massa o è entrato in un “vortice spazio-temporale” e sbucato chissà dove. Inventarono i “ping via satellite” per spostare il centro delle ricerche verso sud in direzione dell’Antartide dove sapevano nessuno avrebbe mai trovato nulla. Non sono mancate false testimonianze di avvistamenti e notizie di presunti ritrovamenti dei rottami.

22 febbraio 2018

I risultati choc dell’autopsia: “Pamela Mastropietro senza il 20% di pelle”

Pamela Mastropietro mistero

Si rafforza la pista dell’omicidio sul caso di Pamela Mastropietro. I dettagli dell’autopsia lasciano ipotizzare che sia anche stata strangolata
Le indagini sull’omicidio di Pamela Mastropietro proseguono. Gli inquirenti investigano un altro nigeriano che stava fuggendo in Svizzera con Awelima, uno dei presunti complici di Innocent Oseghale.
Dopo gli esiti dell’autopsia si smorza la tesi dell’overdose come causa della morte.
I dettagli choc
L’esame autoptico – il secondo, effettuato da dottor Cingolani su nomina della procura – ha nuove e scioccanti dettagli. Ma in primis pare rafforzare la tesi dell’omicidio. Come spiega il gip, i risultati “inducono a ritenere superate le iniziali incertezze sulle cause della morte (omicidio o overdose), facendo propendere recisamente per l’ ipotesi omicidiaria”. La ragazza è stata trovata con la lingua “pinzata tra i denti”, elemento che sosterrebbe “una sofferta asfissia per soffocamento”. Elemento che unito al fatto che non sono stati rinvenuti i tessuti del collo – ipoteticamente rimossi per nascondere i segni di strangolamento – spalanche le porte all’accusa di omicidio. Nel decesso però avrebbe avuto un ruolo determinate le coltellate inferte “quando la giovane era ancora a cuore battente”.
Nell’ordinanza riporta da Il Tempo si legge: “È emersa la presenza su un’ ampia parte di cute di superficiali ferite da taglio parallele, ferite – si legge nell’ ordinanza – che il dottor Tombolini (primo medico legale, ndr) ha ritenuto inferte in vita, quasi a voler infliggere sofferenze alla vittima, mentre il dottor Cingolani (il secondo nominata dalla Procura, ndr) ha ritenuto effettuate post mortem verosimilmente in relazione alle pratiche si sezionamento del cadavere”. Non solo: Il fatto che “siano stati asportati ‘ampi tratti di cute in zona vaginale e anali’ che rafforzerebbe l’ ipotesi suggestiva circa la volontà di celare un pregresso atto sessuale, cui si riconduce anche il rinvenimento di tracce di saliva su un capezzolo”. (Il Giornale)

Notizia che mi aspettavo. Una delle caratteristiche delle mutilazioni aliene è il prelievo di epidermide come se i corpi fossero sbucciati come un’arancia. Quindi è proprio un caso di mutilazione aliena. Asportazione chirurgica di organi e apparati in vivo e cadavere abbandonato, spesso in prossimità di un corso d’acqua. La lingua è un’altra caratteristica mutilazione, ciò che hanno trovato è un lembo solamente ancora attaccato. Come da me anticipato, il resto delle storie scritte sui giornali sono semplicemente fumo negli occhi. Che io sappia, l’unico libro in italiano che parla di queste cose è il mio: QUADERNI DALLA TERRA PIATTA.
Fra l’altro, “lingua pinzata fra i denti” è sicuramente un messaggio di stampo mafioso-massonico per indicare ai media che di Pamela non bisogna più parlare.

 

15 febbraio 2018

Pamela, il negoziante li accusa: “Hanno comprato candeggina”

https://i1.wp.com/images2.corriereobjects.it/methode_image/2018/01/31/Interni/Foto%20Gallery/pamm.JPG

Convalidato ieri il fermo di Desmond e Awelima. L’ipotesi è di strupro di gruppo
Il titolare dell’Acqua e sapone di Macerata e la commessa che erano al lavoro nel pomeriggio del 30 gennaio ne sono certi.
Due dei nigeriani sotto accusa per l’omicidio di Pamela Mastropietro – uno fermato e uno a piede libero – sono andati lì a comprare la candeggina poi utilizzata per ripulire la casa dove la ragazza era stata uccisa.
“Sì sono proprio loro, sono venuti il pomeriggio del 30 gennaio a comprare la candeggina”, dicono ora, certi che Innocent Oselaghe e Lucky Desmond siano i due ragazzi a cui vendettero quel quantitativo ingenti di prodotti per la puliza della casa. E c’è anche un altro testimone ad accusare Desmond, un compagno di stanza che ha riconosciuto uno dei due trolley in cui il corpo è stato trovato.
“Gliel’ho visto più volte”, ha detto. Una ricostruzione che non è però confermata dagli altri nigeriani che vivevano con lui, il cui racconto non ha però convinto il gip che ha convalidato ieri due fermi: quello di Desmond, appunto. E quello di Awelima. ( http://www.ilgiornale.it/news/cronache/pamela-negoziante-li-accusa-hanno-comprato-candeggina-1494945.html )

Non sanno più cosa escogitare. “Sono proprio loro”, cioè quelli del negozio si ricordano che 2 settimane fa, uomini di colore hanno acquistato candeggina e sono strasicuri. Negli esercizi commerciali non si entra con la carta di identità. Una fake news come quella del farmacista testimone dell’acquisto della siringa. Col passare dei giorni, sempre più gente in internet dubita della versione ufficiale. pertanto i giornali devono ripetutamente dare “conferme” alla tesi ufficiale.
La verità è che non c’è nessuna circostanza, nemmeno di malattia mentale, che autorizza a pensare che i tre nigeriani siano stati in grado di sezionare Pamela da viva in totale assenza di sangue versato, asportando chirurgicamente organi genitali, fegato e cuore con precisione assoluta. A ben guardarli in faccia, si ha l’impressione che i tre indiziati non saprebbero manco sezionare un lombrico senza tagliarsi un dito.
La Mastropietro era palesemente un ibrido e sapeva di esserlo. Molti di loro (forse tutti) intuiscono che prima o poi subiranno rapimenti e la fine atroce, vivisezionati e poi scaricati in un fosso mutilati. Per questo la ragazza aveva problemi psicologici, gli ibridi posseggono una intelligenza e sensibilità di molto superiori alla norma.
Bisogna capire chi sono questi “alieni”.

15 febbraio 2018

PIANO DI ESISTENZA 2 – UFO e rapimenti alieni sulla terra piatta

Alla conferenza PIANO DI ESISTENZA 2 che si terra il 7 aprile in riva al lago di Garda si parlerà di rapimenti alieni e mutilazioni umane. Mentre le mutilazioni animali vengono talora trattate dalla ufologia, le mutilazioni, identiche, degli esseri umani vengono taciute e negate.
Recentissimo il caso italiano di Pamela Mastropietro sembrata in totale assenza di sangue. Però i giornali ci dicono che il fegato è stato asportato mentre la ragazza era ancora viva. Elemento caratteristico delle mutilazioni aliene. Una totale contraddizione, dato che nessun chirurgo sarebbe in gradi di replicare: espianto di organi in vivo senza versare una sola goccia di sangue. I tre disgraziati nigeriani accusati del misfatto sono ovviamente incolpevoli. I media (e i RIS) hanno prodotto, in fretta e furia, le incredibili panzane della “candeggina” e “siringa”.
Alex Maltoni di Ravenna è un vero addotto e ha diversi ricordi delle sue adduzioni nonché prove tangibili dei suoi impianti. Ne parlerà di persona il 7 aprile. Egli è anche un terrapiattista il quale ha eseguito numerosi esperimenti di curvatura sul litorale romagnolo. In ambiente “terra piatta”, c’è chi sostiene si tratti di demoni.
L’unico libro, forse al mondo, che descrive dettagliatamente come riconoscere le vittime di rapimenti alieni con mutilazione è il mio QUADERNI DALLA TERRA PIATTA.

https://pianetax.wordpress.com/piano-di-esistenza/

Illustrazione di rapimento UFO a scopo di esochirurgia

Sulla mutilazione del bestiame bovino si sa qualcosa di più ma l’identico fenomeno avviene anche per gli esseri umani:

12 febbraio 2018

Stasera, Italia-Nigeria

Ho cercato brevemente e subito scovato, risalente a meno di una settimana fa. Una studentessa di Ozoro (Nigeria) è stata ritrovata mutilata e priva di occhi, un seno, altri organi genitali e cuore. Era scomparsa il 25 gennaio 2018. Caso identico a quello della diciottenne Pamela Mastropietro. Anche in questa vicenda si è arguito avesse problemi di vario tipo e un suo compagno di classe è stato sospettato. Le notizie online sostengono che l’uccisione con mutilazione sarebbe dovuta a motivazioni rituali. La ragazza nigeriana era la primo anno del “Politecnico Delta State” quindi pure essa aveva 18 anni.

https://www.informationng.com/2018/02/delta-state-polytechnic-student-found-with-her-body-parts-missing-was-dating-a-yahoo-boy-friends-say.html

Qui una immagine più chiara delle mutilazioni inferte alla ragazza. Come sempre, mancanza di sangue:

https://insightlinks.net/wp-content/uploads/2018/02/Screenshot_20180206-1158202.png

https://www.ayola.tv/wp-content/uploads/2018/02/delta-0-1v-2400x1524_c.jpg

Italia-Nigeria 2-1 (dopo i supplementari) Boston 5 luglio 1994 Reti: 26′ Amunike, 88′ Baggio R. 102′ Baggio R. (rigore)

11 febbraio 2018

Emerge il quadro sulla fine di Pamela Mastropietro

Pamela Mastropietro dai grandi occhi era un ibrido alieni-umani.

I giornali a fatica riescono a”coprire” con continue notizie false la verità sulla fine della ragazza.
Sempre più indizi portano al rapimento e alla mutilazione da parte di razze extraterrestri.
Fra i particolari ulteriori:

  1. Il macabro ritrovamento vicino a un corso d’acqua. (le “2 valige” è un falso)
  2. La mancanza di alcuni organi, asportatati e non più ritrovati.
  3. In particolare, gli organi genitali nelle donne.
  4. La assenza di indumenti e, scommetterei, le scarpe pure sono mancanti, altro elemento ricorrente.
  5. L’asportazione “scientifica” (“chirurgica”) degli organi. Le mutilazioni umane sono inferte con strumenti .sconosciuti, verosimilmente bisturi laser.
  6. DIMENTICAVO Sembra che il fegato sia stato asportato con la ragazza ancora viva. Altro elemento caratteristico e non facilmente riproducibile delle mutilazioni aliene. Si tratta di vivisezione in senso letterale.

Il resto della storiella raccontata dagli inquirenti è risibile. La ragazza aveva paura degli aghi e sarebbe entrata in farmacia per acquistare una siringa. Non ha l’aspetto di una che si faceva di eroina, invece di una che sapeva di essere una addotta..
Ovvio che poi i tre delinquenti africani sono semplicemente stati coinvolti, in quanto spacciatori, per reggere la narrazione del delitto legato al consumo di stupefacenti.

https://www.ilfattoquotidiano.it/2018/02/11/pamela-mastropietro-i-dubbi-dello-zio-avvocato-lei-aveva-paura-degli-aghi-lipotesi-dellomicidio-a-sfondo-sessuale/4152613/

https://pianetax.wordpress.com/2015/06/22/ufos-the-human-mutilation-cover-up/

https://pianetax.wordpress.com/2018/01/30/una-macabra-congiura-del-silenzio/

Notare che la disinformazione parte dal Corriere della Sera (quasi sempre in tutti i campi):

https://www.valigiablu.it/pamela-mastropietro-corriere-della-sera/

https://i2.wp.com/images2.corriereobjects.it/methode_image/2018/01/31/Interni/Foto%20Gallery/74668_326273167483318_670391400_n_MGTHUMB-INTERNA.jpg

9 febbraio 2018

Pamela Mastropietro era un ibrido alieno?

La domanda sorge spontanea osservando alcune immagini. Nella foto sotto, Pamela con la madre, a sinistra, la quale a sua volta appare con evidenza essere un ibrido. Sembra che l’ibridazione alieni-umani segua linee filetiche ben precise.

https://ii.yuki.la/e/d3/43e2b04198ec7469340a186250fdd497a600262d724c2d8ef75c8b3aeab75d3e.jpg

Alieno “grigio” ripreso accidentalmente da un videocitofono

Pamela mostra in viso i tratti tipici degli ibridi: (in sintesi) occhi grandi, naso fine, carnagione chiara, labbra sottili, mento piccolo.
C’è un altro elemento piuttosto significativo: la assoluta mancanza di sangue, (similmente alle mutilazioni bovine). Libero ci informa infatti: “C’è meno ottimismo invece per capire se ci sia stata anche una violenza sessuale, visto che il corpo di Pamela è stato “ripulito” con litri e litri di candeggina, rendendo ancor più complesso il lavoro dei medici.

Pamela

Altro caso di ibrido pare essere la vittima del famoso caso di Avetrana, Sarah Scazzi.

Sarah, a destra, non assomiglia alla cugina con cui è ritratta, invece assomiglia a Pamela.

Il nigeriano “Innocent” è uno dei troppi africani che bighellonano in Italia, lo impiegano come capro espiatorio, tra qualche mese sarà scagionato per mancanza di prove e il mistero rimarrà insoluto come in tutti questi casi.
Anni fa, avevo condotto esperimenti digitali i quali, esposti in un articolo, furono pubblicati su Archeo Misteri Magazine nel 2013. Ora quell’articolo è incluso nel libro QUADERNI DALLA TERRA PIATTA.

Articoli di approfondimento: Mamma di due bambini ibridi alieni

ADDENDUMPamela, il legale dopo l’autopsia: “Lei non si bucava, aveva paura degli aghi” ‘ Ovvio, anche la storia della farmacia e della siringa è un bluff. Tutto inscenato per nascondere la verità, ma quale?

4 febbraio 2018

Pamela, lo sfregio: genitali mutilati Candeggina per lavare le prove

Pamela, lo sfregio: genitali mutilati Candeggina per lavare le prove
Pamela, lo sfregio: genitali mutilati. E candeggina per lavare le prove
https://www.corriereadriatico.it/photos/PANORAMA/37/70/3523770_2231_daniel_fermanelli_.jpg
di Daniel Fermanelli e Benedetta Lombo
MACERATA Nella galleria dell’orrore di quel che resta del corpo di Pamela Mastropietro spunta un altro nigeriano. E spuntano anche nuovi particolari raccapriccianti. Ieri sera i carabinieri hanno portato in caserma un giovane sospettato di aver accompagnato Innocent Oseghale ad acquistare le due taniche di candeggina con cui il trentenne ha poi lavato le parti del corpo della ragazza romana prima di metterle in due trolley. Un lavoro metodicamente folle con nuovi particolari agghiaccianti. Il nigeriano, infatti, ha sezionato il corpo della diciottenne in una quindicina di parti tagliando anche seni e monte del pube. ( https://www.corriereadriatico.it/macerata/omicidio_pamela_mastropietro_genitali_mutilati-3523770.html )

Naturalmente, la storiella del 29enne nigeriano con candeggina e mannaia è fittizia.
Si tratta di un caso simile a quello di Giulia di Sabatino e Marco Sossi dei quali mi sono già occupato.
Di questi casi si è molto interessato Richard D. Hall e i suoi collaboratori in Inghilterra. La conclusione cui sono giunti è che siano mutilazioni ad opera di alieni extraterrestri. Vi è anche la possibilità che siano rituali satanici (di alto bordo) mascherati da altro: un nero che si chiama “Innocente” e sbianca con la candeggina. Chiaro che è una storia farsesca, cosa c’è veramente dietro non lo si sa. Per me, quella di Traini è una messa in scena per coprire i veri mandanti del delitto Mastropietro,.

Di come riconoscere le mutilazioni aliene e sulla ibridazione alieni-umani, ne parlo nel libro: QUADERNI DALLA TERRA PIATTA.

30 gennaio 2018

Una macabra congiura del silenzio

Ragazzo trovato morto nel canale: il mistero delle scarpe

Tragedia di Genivolta, morte di Marco Sossi: gli inquirenti al lavoro per ritrovare le scarpe del giovane bresciano, potrebbero essere decisive per le indagini. Venerdì pomeriggio i funerali“

https://i2.wp.com/3.citynews-bresciatoday.stgy.ovh/~media/horizontal-mid/32433801521608/marco-sossi-scomparso-2.jpg

Borgo San Giacomo: continuano le indagini sulla morte di Marco Sossi, venerdì pomeriggio i funerali
Il mistero della morte del giovane Marco Sossi potrebbe essere legato al ritrovamento delle sue scarpe. Che fine hanno fatto? Gli inquirenti indagano, mentre si annunciano nuove ricerche nel canale dove il 29enne è stato trovato senza vita. La roggia nelle prossime ore potrebbe essere addirittura prosciugata, in cerca di indizi utili.
In attesa dei risultati dell’esame autoptico, che si è già concluso ma che per il momento rimane secretato. Motivi d’indagine. Gli esiti dell’autopsia potrebbero essere decisivi, e stabilire la vera causa della morte di Marco. Era uscito di casa domenica notte, intorno alle 3, per andare a lavorare: faceva il mandriano in un’azienda vicina.
Passano le ore, e al lavoro non si presenta. Vengono allertati i genitori, viene sporta denuncia di scomparsa: dopo giorni di ricerche serrate, il corpo di Marco viene trovato dal sindaco di Genivolta, dove Sossi abitava da otto anni con i genitori, che galleggiava nel canale con la testa nell’acqua. La sua bicicletta era poco lontano. ( http://www.bresciatoday.it/ )

I giornali locali pullulano di notizie sugli incidenti stradali. Le statistiche fornite dal ministero dei trasporti sono false. Sono almeno 10 mila i morti annuali in incidenti stradali di tutti i tipi.
Meno frequenti ma presenti sono notizie quali questa: ragazzi e ragazze che scompaiono misteriosamente e vengono ritrovati deceduti in circostanze sovente riconducibili a circostanze simili fra loro. Tra queste, il ritrovamento vicino a un corso d’acqua e la assenza di alcuni indumenti o essi indossato alla rinfusa o alla rovescia. Naturalmente, l’aspetto più comune a questi episodi è l’assoluta mancanza di colpevoli, gli inquirenti brancolano nel buio finché l’incartamento dell’indagine viene archiviato per mancanza di elementi per procedere.
Un altro caso noto in anni recenti è stato quello di Giulia di Sabatino a Tortoreto in provincia di Teramo. La ragazza fu ritrovata orrendamente mutilata sul ciglio di una autostrada. L’asportazione di alcune parti del corpo è caratteristica riscontrata spesso in questi casi. Può darsi siano episodi di rapimenti alieni con mutilazione dei corpi.
O che altro? Omicidi rituali a sfondo esoterico camuffati con una patina ufologica?

https://static.fanpage.it/wp-content/uploads/2016/10/giulia-di-sabatino-300x225.jpgADDENDUM L’immagine a fianco delle ferite inferte alla di Sabatino è un fake. La povera Giulia fu abbandonata totalmente smembrata e irriconoscibile tanto che diversi automobilisti non si fermarono pensando si trattasse di cadavere di un animale sbranato.

https://www.fanpage.it/giulia-volata-giu-da-un-cavalcavia-le-foto-choc-della-violenza-un-anno-prima-della-morte/

 

10 dicembre 2017

Domanda sui satelliti artificiali

Salve, ho scoperto da poco il vostro sito e trovo gli argomenti che trattate molto
interessanti! … per quanto riguarda i satelliti artificiali ho una domanda:

Voi sostenete che non esistono ma quest’estate ho partecipato ad una serata
organizzata da astrofili i quali mi hanno fatto notare che quando guardo il cielo
e vedo una luce fissa (non lampeggiante) che si muove come un aereo quello è
un satellite.

Dicono che è la luce del sole riflessa sui pannelli solari.

Che ne dite? grazie

Massimo

Salve, non si sa cosa siano quelle luci vaganti. Probabilmente “orb” come sono chiamati dagli ufologi. Si dice siano sonde aliene. Molti sono invisibili a occhio nudo e rintracciabili solo con strumenti ottici artificiali.
Si dice siano anime disincarnate. Potrebbero essere oggetti immateriali vagabondi esistenti anche a livello della superficie. Di certo, non oggetti prodotti dall’uomo. Fa tutto parte del sofisticato meccanismo psicologico di negazione della spiritualità.

Orbs

19 luglio 2017

WOW! Un altro segnale radio alieno tiene occupati gli scienziati

Le stelle esaminate nella campagna guidata dal prof. Abel Mendez.

Le stelle esaminate nella campagna guidata dal prof. Abel Mendez.

Mentre ancora si discute sul famoso WOW! rilevato nel 1977, gli scienziati dell’Osservatorio di Arecibo hanno annunciato di aver ricevuto un altro misterioso segnale radio proveniente dal sistema della nana rossa Ross 128 (GJ 447), una stella che si trova nella costellazione della Vergine a soli 11 anni luce dalla Terra, troppo debole per essere osservata ad occhio nudo.
La scoperta è avvenuta nell’ambito di una campagna guidata dal professor Abel Méndez, direttore del Planetary Habitability Laboratory (PHL) di Peurto Rico, e Jorge Zuluaga dell’Università di Antioquia, Colombia.

Ross128

Misurando le emissioni radio naturali, gli astronomi stavano studiando la radiazione e l’ambiente magnetico attorno ad alcune stelle, dove piccole variazioni potrebbero anche indicare la presenza di pianeti in orbita.
I dati sono stati raccolti nella banda C (da 4 a 5 GHz) tra aprile e maggio 2017 su Gliese 436, Ross 128, Wolf 359, HD 95735, BD +202465, V* RY Sex e K2-18 e le successive analisi hanno mostrato qualcosa di molto interessante. Si legge sul sito del SETI:
Quello che gli astronomi portoricani hanno trovato era un segnale a banda larga.
Questo segnale non solo era ripetuto nel tempo ma è anche slittato giù in frequenza, un po’ come uno strumento musicale che passa da una nota alta ad una più bassa.
Ho chiesto via mail al prof. Méndez se fosse possibile avere un grafico del segnale o anche solo un disegno dato che spesso le immagini raccontano meglio delle parole ma questo ancora non è disponibile. Tuttavia, con l’occasione, ha generato per me una vista del campo stellato attorno a Ross 128 (vicino al centro). La mappa è stata condivisa anche su Twitter.

Campo stellato attorno a Ross 128

Per gentile concession del prof. Abel Méndez

Sospettando tre possibile cause per la bizzarra scoperta

flare stellari
sorgente astronomica più lontana
interferenze terrestri

il team ha subito dato il via alle osservazioni di follow-up con l’Allen Telescope Array del SETI e NRAO Green Bank Telescope del National Radio Astronomy Observatory. I segnali sono, invece, probabilmente troppo deboli per gli altri radiotelescopi terrestri e FAST è attualmente in calibrazione.

Seppur la vita intelligente è stata presa in esame ma come ultima ipotesi della lista, tutte e tre le spiegazioni scientifiche sembrano avere dei punti deboli:

i flare solari di tipo II si verificano a frequenze molto inferiori e la dispersione suggerisce una sorgente molto più lontana o un campo elettrico denso
non ci sono molti altri oggetti nel campo di vista di Ross 128
non sono noti satelliti terrestri in grado di generare interferenze come questa
I segnali sono stati rilevati la prima volta il 13 maggio 2017 alle 00:53:55 UTC e così li descrive Mendez sul blog del sito PHL:
I segnali consistevano in impulsi non polarizzati quasi-periodici a banda larga con caratteristiche molto dispersive.
Crediamo che non siano interferenze in radiofrequenze locali (RFI) in quanto sono uniche di Ross 128 e le osservazioni di altre stelle immediatamente prima e dopo non hanno mostrato nulla di simile.
Il team ha nuovamente osservato con successo la nana rossa e la stella Barnard il 16 luglio, in collaborazione con il progetto Red Dots dell’European Southern Observatory (ESO) e rilascerà probabilmente alcuni risultati entro questo settimana. Stay tuned! ( http://aliveuniverse.today/ )

Siccome devono arginare il fenomeno “terra piatta”, stanno rispolverando i vecchi ferri del mestiere globalista.

25 giugno 2017

Nuova mummia scoperta in Perù pare essere di origine aliena

Nazca crani allungati

Una nuova misteriosa mummia è stata appena trovata nella regione di Nazca (Perù).
I produttori di documentari del sito gaia.com e ricercatori provenienti da vari paesi sono arrivati per indagare sulla scoperta di un corpo mummificato al fine di determinare se si tratta di un essere appartenente ad una razza umana, o no. Le università e gli scienziati indipendenti stanno attualmente analizzando la mummia e hanno trovato materiali, che sono diversi da qualsiasi cosa mai scoperta prima in Perù.

Alieni mummia Perù

Il radiologo dell’ Ospedale ha fatto l’esame muscoloscheletrico presso l’University of Colorado, negli Stati Uniti. MK Jessie ha detto che da quello che ha potuto vedere sulle immagini CT, sono state riscontrate anomalie nelle dita e il teschio allungato che non sembra essere diventato così artificialmente ma sia naturale.
Il Dr. Zaloznaja Natalia, Direttore dell’Istituto di Medicina di Image Analysis MIBS, in Russia ha detto che non è tecnicamente una mummia perché i suoi organi interni non sono stati rimossi, come avviene nel processo di mummificazione. Tuttavia, il corpo è in realtà mummificato.
Jay Weidner, direttore di Gaia, ha detto che subito dopo che il corpo è stato trovato , ha cominciato ad esplorare il sito del ritrovamento, ed ha trovato una figura umanoide incisa in una parete (petroglifo).
Melissa Tittl, Content Director di Gaia dice che sono tutti impegnati per rivelare la verità su questa scoperta.
Sarebbe questo un essere umano primitivo con deformità o la prova innegabile che gli alieni hanno visitato la Terra?
Maggiori informazioni saranno pubblicate non appena saranno disponibili. ( http://www.hackthematrix.it/ )

Mummia UFO in Perù

22 giugno 2017

Cos’è e come lavora il Sistema giudiziario

Il caso giudiziario e criminale relativo alla tragica morte di Yara Gambirasio, mostra in modo quasi ostentato come funzioni realmente il sistema giudiziario italiano e quale sia il suo obiettivo. Ciò che viene denominato ‘giustizia’ infatti altro non è che uno strumento di intimidazione e controllo della popolazione umana, asservito ad un sistema privatistico com’è quello della Repubblica d’Italia spa. Una società per azioni appunto che è un ente privato in mano a privati. In un tale contesto, come può il sistema giudiziario rappresentare equilibrio e verità? Consiglio caldamente la visione di questo ottimo cortometraggio d’inchiesta che fa luce in modo inoppugnabile sulle vicende di questo orrendo omicidio e del destino del Bossetti, il capro espiatorio della situazione. ( http://offskies.blogspot.it/ )

In verità, il filmato è ridicolo. “La più potente famiglia mafiosa del Nord”. Tutti sanno che la mafia non esiste. La mafia è la mentalità meridionale di cosca la qual cosa, per motivi etnici, non ha ,ai accettato l’unificazione savoiarda. La parola “mafia” neanche esisteva prima del 1866. L’autore del filmato è solo un mistificatore a sua volta al servizio del potere.
Il caso Yara Gambirasio può essere ricondotto a due e solo due tipologie:

  1. DELITTO A SFONDO ESOTERICO
  2. EVENTO PARANORMALE QUALI RAPIMENTI ALIENI

In entrambi i casi possibili, la verità non verrà mai a galla. Nel primo poichè, attraverso la massoneria, i poteri occulti controllano e manovrano ogni apparato dello stato.
Nel secondo idem, dato che, nel corpus delle leggi (che è stato forgiato da esoteristi), è stato volutamente omesso il soprannaturale inteso sia come fatto religioso che come fenomeno “UFO”, per così dire.
Ho già scritto che trasmissioni TV quali “Chi l’ha visto?” sono congegnate ad arte per mascherare le sparizioni dovute ai due motivi di cui sopra. Ho pure detto che personaggi viscidi quali Saviano, non a caso citato nel filmato che è un fake, sono gli esecutori stessi dei delitti che descrivono minuziosamente nei loro libri.

17 giugno 2017

Giulia Di Sabatino, tutto archiviato: la sua morte non ha colpevoli

Giulia di Sabatino UFO

Ad un anno e mezzo dalla morte di Giulia Di Sabatino, la 19enne di Tortoreto (Teramo) i cui resti furono rinvenuti sotto un cavalcavia lungo la A/14, la Procura di Teramo chiude definitivamente le indagini sul decesso della ragazza e lo fa con una richiesta di archiviazione del fascicolo per istigazione al suicidio, e quindi della posizione delle tre persone indagate, aperto all’indomani della sua morte.
Nel corso delle indagini, infatti, non sarebbe emerso alcun elemento a carico dei tre uomini, tanto da far ritenere alla Procura che non ci siano dubbi sul fatto che Giulia si sia suicidata. Adesso a decidere se archiviare o meno il fascicolo sarà il gip, con il legale della famiglia di Giulia, l’avvocato Antonio Di Gaspare, che annuncia fin da ora l’opposizione all’archiviazione. «La richiesta di archiviazione mi è stata notificata oggi. Faremo sicuramente opposizioni all’archiviazione – sottolinea il legale – Ci sono tante contraddizioni, tante cose che non sapevamo. E riteniamo che ci siano tutti gli elementi quanto meno per proseguire le indagini». Il cadavere di Giulia, straziato dalle auto, fu trovato il 1 settembre del 2015 sotto un cavalcavia lungo la A/14. Cavalcavia dal quale la ragazza si sarebbe buttata alle prime luci dell’alba, nello stesso giorno in cui avrebbe compiuto 19 anni. Un suicidio al quale la famiglia di Giulia non ha mai creduto, tanto da rivolgere più volte accorati appelli da giornali e televisioni. Inizialmente la Procura, come atto dovuto a fronte di tutta una serie di accertamenti, iscrisse due persone nel registro degli indagati:il 41enne che quella notte diede a Giulia un passaggio con lo scooter e il 25enne che, alla guida di una Panda Rossa, la accompagnò sul cavalcavia dopo aver avuto un rapporto sessuale con lei. A questi si aggiunse poi anche una terza persona: l’uomo già indagato per pedopornografia dalla Procura distrettuale dell’Aquila dopo che la Procura di Teramo, sempre nell’ambito degli accertamenti sulla morte di Giulia, aveva rinvenuto delle foto osè sul cellulare della ragazza. Foto, che secondo gli accertamenti, sarebbero partite proprio dal telefono dell’uomo. Fascicolo, quello per pedopornografia, che al momento è ancora aperto. ( http://www.leggo.it/ )

Che sarebbe finita così, io lo scrissi tre o quattro giorni dopo il fatto. Se si è trattato di un delitto a sfondo esoterico, nessuna verità poteva uscire, dato che loro controllano tutto, a partire dalla Giustizia e ogni apparato dello stato.
Se si è trattato di un rapimento alieno con mutilazione (come appare essere stato), certamente non possono ammettere l’esistenza di tali fenomeni.
Per riconoscere se una sparizione di persona sia riconducibile ad attività UFO, penso l’unico testo disponibile sia il mio: QUADERNI DALLA TERRA PIATTA.

10 giugno 2017

Sparisce da casa, lo trovano morto in un fiume: è il terzo caso da inizio anno nel Bresciano

Per tutta la mattina un intero paese lo aveva cercato ma di Francesco Baronio, 36 anni di Visano, comune di mille anime nel Bresciano, nessuna traccia. Non era infatti normale che non si facesse vivo per ore, tant’è che i familiari avevano temuto il peggio e così purtroppo è stato. Il corpo di Baronio è stato ritrovato nel pomeriggio nelle acque del fiume Chiese, poco lontano dal confine con Acquafredda. Ad accorgersi del cadavere tra le rocce, un agricoltore della zona, il primo a lanciare l’allarme. Stando a una prima ricostruzione il 36enne avrebbe perso l’equilibrio, scivolando sull’argine, caduta che si sarebbe rivelata per lui fatale.
Per tutta la mattina un intero paese lo aveva cercato ma di Francesco Baronio, 36 anni di Visano, comune di mille anime nel Bresciano, nessuna traccia. Non era infatti normale che non si facesse vivo per ore, tant’è che i familiari avevano temuto il peggio e così purtroppo è stato. Il corpo di Baronio è stato ritrovato nel pomeriggio nelle acque del fiume Chiese, poco lontano dal confine con Acquafredda. Ad accorgersi del cadavere tra le rocce, un agricoltore della zona, il primo a lanciare l’allarme. Stando a una prima ricostruzione il 36enne avrebbe perso l’equilibrio, scivolando sull’argine, caduta che si sarebbe rivelata per lui fatale.
ADVERTISING
Il magistrato ha comunque disposto per oggi l’autopsia per far luce sull’intera vicenda. Il caso di Francesco Baronio, allontanatosi da casa per una passeggiata e poi ritrovato morto annegato non è il primo nel Bresciano in questi primi sei mesi dell’anno. Il 19 marzo era toccato a Marco Sossi, mandriano di 29 anni, scomparso improvvisamente mentre andava al lavoro in un’azienda agricola di Genivolta, tra la Bassa Bresciana e il Cremonese. Una settimana più tardi il sindaco di Borgo san Giacomo, impegnato nelle ricerche lo aveva ritrovato morto in un canale di campagna, posizionato a testa in giù con la testa immersa nell’acqua.
Martedì 25 aprile a Lumezzane in Val Gobbia, era invece toccato a Ndour Modou, 49 anni, venditore ambulante di origine senegalese ma residente in paese da oltre 25 anni. Dell’uomo non si avevano più notizie da oltre dieci giorni. La sua scomparsa aveva infatti lasciato nello sconforto più totale l’intera comunità senegalese. A trovarlo morto nelle acque del Gobbia, un passante. Sebbene sui corpi dei due uomini non ci fossero segni di violenza nessuno è più riuscito a dare una spiegazione alle morti, tutt’oggi avvolte nel mistero. ( http://www.lastampa.it/ )

Questi ritrovamenti, e ce ne sono ovunque ogni giorno, conservano sempre tre cose in comune:

  1. Rimangono insoluti anche se gli inquirenti, per fare vedere che fanno qualcosa, alimentano i giornali con ipotesi.
  2. Avvengono in luoghi isolati senza mai testimoni.
  3. Avvengono in prossimità di bacini o corsi d’acqua.

Cosa c’è dietro?

ADDENDUM Come preventivato da me subito, anche il caso di Giulia di Sabatino è stato archiviato senza colpevoli ne movente: http://www.leggo.it/news/italia/giulia_di_sabatino_tutto_archiviato_la_morte_non_ha_colpevoli-2315226.html

26 gennaio 2017

Apollo 20: filmato del presunto ritrovamento di una ragazza extraterrestre

Apollo 20 Una missione della massima segretezza col ritrovamento di una ragazza aliena. Per alcuni, invece si è trattato di una perfetta bufala, con la testimonianza di colui che l’avrebbe progettata. Una pagina di WikiBooks indicherebbe in questo caso che la presunta missione segreta è proprio una messinscena di un artista video francese di nome Thierry Speth, che a quanto pare ammise di aver diffuso i filmati il 9 luglio 2007. Non abbiamo ancora certezze di verità.

30 dicembre 2016

I Rottami, il Jumbo Jet e l’Uragano

Francis Crick (8 giugno 1916/28 luglio 2004) è stato uno scienziato inglese noto per essere il co-scopritore della struttura della molecola del DNA nel 1953, al fianco di James D. Watson.

Arjun Walia per humansarefree

Francis Crick e James Watson hanno ricevuto congiuntamente il premio Nobel nel 1962 per la Fisiologia e per la Medicina “per le loro scoperte riguardanti la struttura molecolare degli acidi nucleici e la loro importanza per il trasferimento di informazioni nella materia viva.”
Era chiaramente un brillante scienziato a cui purtroppo, come per molte altre menti brillanti che sono emerse con teorie che sfidavano i quadri accademici accettati in quel momento, non è stato dato allora molto risalto sulla ‘stampa’.
Nel suo libro pubblicato nel 1982 ‘La vita stessa’ egli sostiene come non sia possibile che la molecola del DNA abbia cominciato qui il suo cammino sulla Terra e che doveva quindi essere giunta da qualche altra parte.
All’interno della comunità scientifica ufficiale, la teoria generalmente accettata è che siamo il risultato di un gruppo di molecole urtatesi e combinatesi accidentalmente l’una nell’altra, creando così la vita.
Tuttavia, secondo Francis, siamo il risultato di ciò che ora è universalmente conosciuto come Panspermia Diretta. Crick ed un chimico britannico, Leslie Orgel, pubblicarono la loro ricerca sulla panspermia nel mese di luglio del 1973.
La loro teoria spiega che: “Gli organismi sono stati volutamente trasmessi alla Terra da esseri intelligenti provenienti da un altro pianeta. Abbiamo concluso che è possibile che la vita abbia raggiunto la terra in questo modo, ma che l’evidenza scientifica è insufficiente al momento per affermare qualcosa sulla probabilità dell’evento. Richiamiamo l’attenzione ai tipi di prove che possano gettare ulteriore luce sull’argomento“.
Per quanto riguarda i pensieri di Crick sulla teoria che siamo il risultato di molecole urtatesi accidentalmente le une nelle altre, ciò ha la stessa probabilità di un assemblaggio di un jumbo jet colpito da un uragano in un deposito di rottami. In altre parole, la teoria ufficiale ha poca o nessuna credibilità.


Quando si tratta della teoria di Crick, ci sono stati alcuni che hanno esteso il suo lavoro ed hanno effettivamente trovato alcune prove a favore. Forse Crick aveva qualche prova o non è stato in grado di collegare alcuni punti?
Dopo tutto, le teorie di questo tipo non nascono dal nulla e questo signore ha vinto il premio Nobel per lo studio del DNA. Pensieri come questo non dovrebbero essere presi alla leggera e le prove dovrebbero essere esaminate con attenzione per vedere se si tratta di una ipotesi plausibile.
Si prega di tenere a mente durante la lettura dell’articolo che segue che, anche se abbiamo scoperto molto, dobbiamo ancora identificare le funzioni biologiche di grandi porzioni del nostro DNA. ( http://offskies.blogspot.it/ )

24 dicembre 2016

Da Ufologi a Terapeuti (e viceversa)


Alcuni dei più eminenti ufologi contemporanei sono diventati terapeuti (o viceversa, come nel caso del Prof. John Mack, nella foto qui sopra). Dalle speculazioni e dalla ricerca esteriore infatti sono giunti all’essere umano ed hanno compreso come il vero campo di battaglia sia proprio quello.
Attraverso i nostri contenitori materiali insistono da millenni anime disincarnate ed alieni predatori, che si inseguono in un torneo medievale fatto di patti, giuramenti, inganni ed illusioni, simboli e colpi di scena, predazioni e malefatte. Attorno a tutto ciò aleggiano i manipolatori della biosfera che si affannano da millenni ad elaborare il contenitore umano più utile ai loro scopi.

In mezzo il mistero: noi umani. Un cesto di larve, un contenitore pieno di elementi sorprendenti, un sistema aperto multilivello tutto ancora da decifrare ed inquadrare, sempre che sia possibile. Esseri bipedi comunque poco coscienti.
Di questo mondo multiforme e variopinto ne emerge un quadro interessante dalle ipnosi terapeutiche di Calogero Grifasi. Sono ormai centinaia i casi da lui trattati disponibili in rete dal suo canale di you tube grazie ai quali è possibile rendersi conto dell’infinita diversità biologica dell’universo.

La nostra natura, nel bel mezzo del bene e del male, è situata in una dimensione densa e poco evoluta eppure ricca ed avvincente, preda ambita di numerosi algidi esseri predatori.
Se avete qualche ora di tempo a disposizione e molta pazienza, vi suggerisco quindi di ascoltare e vedere i video delle sue ipnosi. Molti dubbi sulle realtà terrifiche di cui non siamo in grado di farcene una ragione, prendono invece corpo grazie alle argute domande di questo insolito e potente terapeuta. ( http://offskies.blogspot.it/ )

PS Buon Natale! Una storia di Natale

1 dicembre 2016

“Sono aliena, ho Dna extraterrestre”: ragazza australiana racconta che…

bambini ibridi UFO

MELBOURNE – “Sono aliena, ho Dna extraterrestre“: Lea Kapiteli, 22 anni, di Melbourne (Australia), è convinta di non appartenere al genere umano. Secondo quanto riportato dal Daily Mail, si definisce una “starseed”, un essere che ha origini miste, proveniente da un altro pianeta, se non da un’altra galassia. A rivelarle la sua vera natura sarebbe stato uno spirito di nome Mezreth, che all’età di 13 anni le avrebbe fatto visita più volte. Lea ritiene di essere il frutto di una fecondazione ibrida. Qualcuno avrebbe rubato gli ovuli di sua madre mentre dormiva, per poi unirli a un alieno, dando vita a un tipo di Dna extraterrestre. Ipotesi oltremodo fantasiosa, che tuttavia la donna propone come veritiera.
A detta della 22enne, la “rivelazione” di Mezreth è stata di grande aiuto per lei. Prima di allora la sua vita non aveva molto senso e spesso si sentiva estranea alla realtà, o almeno, questo era quello che pensavano gli altri di lei. “Quando ho scoperto di essere una starseed, sapevo di essere qui per un motivo: per testimoniare la vita sulla terra”, ha detto. Lo spirito, o “presenza”, come lei ama definirlo, le avrebbe persino insegnato a fare viaggi virtuali fuori dalla Terra. “Con un po’ più di concentrazione e meditazione, volendo posso andare su Marte“, specifica Kapiteli.
Anche la madre di Lea sta iniziando ad accettare la presunta natura non umana della figlia, assecondandola di fatto nelle sue fantasticherie. “Mia mamma ci ha messo po’ di tempo per capire, ma è stata grande e ha cominciato a fare qualche ricerca su Internet “, racconta la giovane, che specifica: “Quando ero una bambina, spiegavo sempre queste cose e sono stata accusata di avere un’immaginazione troppo creativa. Ma dopo aver fatto le ricerche, anche per lei tutto ha perfettamente senso”. ( http://www.blitzquotidiano.it/ )

Personalmente, sono aperto all’idea di ciò. Gli alieni potrebbero essere di provenienza “intra-terrestre”. Notizie possibilmente inventate per distrarre l’attenzione. Forse vere.

Rapimenti donne alieni