Archive for ‘Cronache marziane’

10 giugno 2016

ENIGMI di giugno 2016 recensisce CALEIDOSCOPIO MARTE

La rivista mensile Enigmi, nel numero di giugno 2016 ora in edicola, pubblica una recensione del mio ultimo libro CALEIDOSCOPIO MARTE. Buona lettura!

ENIGMI giugno 2016

Annunci
4 giugno 2016

Marte visto con una Nikon P900 a 83x

Il pianeta Marte ci viene descritto con abbondanza di dettagli dalle innumerevoli fotografie scattate nelle varie missioni della NASA.
Ma come appare immortalato con una fotocamera dal teleobiettivo potentissimo? Esso appare in maniera totalmente diversa. Un’aberrazione ottica causata dall’atmosfera terrestre? O di che altro si tratta?

21 maggio 2016

Da Hubble un nuovo ritratto di Marte

Marte colore

Questa immagine di Marte è fresca fresca! E’ stata ripresa dal telescopio spazile Hubble il 12 maggio 2016.
La grande regione scura a destra è Syrtis Major Planitia, una delle prime caratteristiche individuate con le osservazioni terrestri seicentesche, usata da Christiaan Huygens per misurare la velocità di rotazione del pianeta. Oggi sappiamo che la Syrtis Major è un antico vulcano a scudo inattivo, coperto dalle nubi del tardo pomeriggio marziano.
L’area arancione nel centro dell’immagine è Arabia Terra una vasta regione montagnosa dell’emisfero nord, probabilmente uno dei terreni più antichi di Marte.
Una fitta coltre di nubi copre il polo sud.
Questa osservazione globale, che è in grado di risolvere caratteristiche di 30 – 50 chilometri circa, è stata ripresa pochi giorni dell’opposizione del 22 maggio, quando il Sole e Marte si troveranno esattamente ai lati opposti della Terra.
Il 30 maggio il Pianeta Rosso si troverà nel punto più vicino a noi degli ultimi 11 anni.
Marte è particolarmente fotogenico durante l’opposizione perché può essere visto completamente illuminato dal Sole.
Questo emisfero ospita siti di atterraggio di diverse missioni robotiche tra cui Viking 1 (1976), Mars Pathfinder (1997) e l’instancabile Opportunity. I siti di atterraggio dei rover Spirit e di Curiosity sono, invece, dall’altra parte del pianeta. ( http://aliveuniverse.today/ )

Fino a qualche anno fa, veniva negata la possibilità che nubi si formassero nella tenue atmosfera di Marte. E che i colori fossero diversi dal rossastro, color ruggine o, tuttalpiù, ocra.
Oggi il pianeta “rosso” si riveste di nuovi e sconcertanti colori.
Osservate poi la chiazza biancastra a destra posizionata a livello equatoriale. Essa è solcata da una linea retta scura. Di cosa si tratta?
Per me, sono tutte immagini tarocche, ci prendono per il sedere.

11 maggio 2016

Ossigeno su Marte, NASA conferma ma non si può respirare

Dopo 40 anni la NASA torna a misurare l’ossigeno atomico nell’atmosfera di Marte: è importante per capire meglio l’atmosfera del Pianeta Rosso.
Per la prima volta in 40 anni i ricercatori della NASA hanno rilevato la presenza di ossigeno atomico nell’alta atmosfera di Marte, grazie allo Stratospheric Observatory for Infrared Astronomy (SOFIA). Che nella mesosfera di Marte ci fosse ossigeno atomico non è una novità assoluta, l’avevano già rilevato in passato le sonde Viking e Mariner.

marsgreat 0
Da quattro decadi però non si effettuava una misurazione simile, perché l’ossigeno atomico è difficile da rilevare dato che si debbono impiegare lunghezze d’onda all’infrarosso: un requisito che obbliga a trovarsi a quote molto alte.
Ecco perché è stato fondamentale SOFIA, un aereo di linea Boeing 747SP modificato su cui è stato caricato un telescopio a infrarossi da 254 centimetri. Frutto di un progetto congiunto della NASA e del Centro aerospaziale tedesco, l’aereo si è portato a 13mila metri di altitudine, in modo da trovarsi al di sopra delle nuvole e del 99 percento del vapore acqueo dell’atmosfera terrestre.

takeoff ed09 0342 08 full

Il risultato è stata una misurazione dell’ossigeno atomico negli strati superiori dell’atmosfera marziana (mesosfera appunto), da cui è risultato che la sua presenza è pari a circa la metà della quantità prevista. Il dato ha una rilevanza perché l’ossigeno atomico influenza il modo in cui altri gas sfuggono dall’atmosfera marziana e quindi ha un impatto significativo sul clima del pianeta.
Il suo valore può essere dovuto a variazioni nell’atmosfera marziana, ed è per approfondire questo aspetto che gli scienziati continueranno a utilizzare SOFIA. L’obiettivo della ricerca è infatti quello di cercare di comprendere meglio l’atmosfera del Pianeta Rosso. ( http://www.tomshw.it/ )

Tutto finto. I dati ufficiali riportano da sempre piccole quantità di ossigeno nell’atmosfera marziana. Per me, non sanno più cosa inventare per giustificare i loro stipendi.

7 maggio 2016

UFO International Magazine presenta CALEIDOSCOPIO MARTE

caleidoscopio-marte-UFO-Magazine
Nel numero di maggio 2016 la rivista ufologica UFO International Magazine riporta una breve presentazione del mio ultimo libro CALEIDOSCOPIO MARTE nella rubrica “Visti e letti”.
Il prestigioso mensile di scienza alternativa è diretto da Roberto Pinotti, massimo ufologo nazionale, della cui gentile prefazione il mio nuovo libro si fregia.

UFO International Magazine Maggio 2016

3 maggio 2016

La partenza di ExoMars 2018 slitta al 2020

Dopo un’attenta valutazione, l’Agenzia Spaziale Russa Roscosmos ed Europea ESA hanno deciso di posticipare il lancio della seconda parte della missione ExoMars dal 2018 al 2020. La notizia è stata rilasciata ieri in un comunicato.
“Tenendo conto dei ritardi nelle attività e nelle consegne degli strumenti scientifici, un lancio nel 2020 sarebbe la soluzione migliore”, ha dichiarato l’ESA.
Mentre l’orbiter TGO (Trace Gas Orbiter) ed il lander Schiaparelli sono in ottima forma e stanno viaggiando verso Marte, la seconda parte della missione costituita dalla Rover and Surface Platfor, cioè da un lander russo che rilascerà un rover europeo sulla superficie del Pianeta Rosso, probabilmente in Oxia Planum, è stata sottoposta alla valutazione di un team ESA-Roscosmos che ha presentato la propria relazione in occasione dell’incontro Joint ExoMars Steering Board (JESB) a Mosca. La situazione è stata ulteriormente discussa dal direttore generale dell’ESA Johann-Dietrich Woerner e dal direttore generale del Roscosmos Igor Komarov che hanno convenuto in accordo di posticipare la partenza alla finestra di lancio successiva disponibile per Marte, a luglio 2020. ( http://aliveuniverse.today/ )

La partenza di ExoMars 2018 slitta al 2020

28 aprile 2016

Curiosity fora la sua decima roccia su Marte

Perforazioni Marte

Curiosity ha usato il trapano per la decima volta su Marte durante il sol 1320 (23 aprile 2016), forando un’affioramento dell’altopiano Naukluft, chiamato “Lubango”. La roccia è un alone chiaro sulla cosiddetta unità Stimson, l’arenaria scura resistente all’erosione trovata alla base del monte Sharp. […] ( http://aliveuniverse.today/ )

Voi ci credete? Che da Marte possano essere inviate a Terra immagini così nitide? Senza il minimo sporco sopra l’obbiettivo della fotocamera? Chi lo pulisce periodicamente? Eppure i famigerati “diavoli di polvere” dovrebbero insozzare sistematicamente le lenti delle telecamere. Non è una contraddizione?

25 aprile 2016

La Cina volerà verso Marte nel 2020

La Cina ha ufficialmente approvato una missione su Marte per il 2020 che prevede l’invio di un rover per l’esplorazione del pianeta: “Quello che vogliamo fare è raggiungere l’orbita di Marte, atterrare e schierare un rover in una sola missione, sarà molto impegnativo”.
La Cina sta portando avanti un ricco ed costoso programma spaziale al pari degli Stati Uniti e dell’Europa ma su Marte è rimasta indietro, battuta da un suo vicino asiatico, l’India, che a settembre 2014 ha raggiunto il Pianeta Rosso con la sua Mars Orbiter Mission (MOM) il cui orbiter è tutt’ora operativo.
Un paio di anni fa, aveva presentato il designer del rover al salone aerospaziale cinese dall’Aerospace Science and Technology Corporation (CASC), molto simile a Yutu della missione lunare Chang’e 3, ma più grande e con qualche modifica necessarie per affrontare il pianeta.
In base a quanto dichiarato da Xu Dazhe, direttore dellla National Space Administration, gli obiettivi scientifici saranno studiare il suolo, l’atmosfera, l’ambiente e cercare tracce di acqua.
“Solo completando una missione su Marte, la Cina potrà dire veramente di aver intrapreso l’esplorazione dello spazio profondo”, ha aggiunto.
Nel 2011 la Cina, in collaborazione con la Russia, aveva già tentato di raggiungere Marte con la missione Yinghuo-1 Mars Orbiter ma il razzo Russo, purtroppo, non uscì dall’orbita terrestre, portando al fallimento anche la missione russa Fobos-Grunt che faceva parte dello stesso lancio. ( http://aliveuniverse.today/ )

Notizia sceneggiata di sana pianta. Il solito riferimento all’Europa come se fosse uno stato unico. La Cina falsificherà lo sbarco su Marte esattamente come ha fatto per la Luna. Siccome non riescono a riprodurre i paesaggi lunari in maniera abbastanza credibile rispetto a quanto fece la NASA, pure i “gialli” optano per il pianeta rosso. Sono tutti d’accordo a ingannare la popolazione mondiale.

La Cina volerà verso Marte nel 2020

6 aprile 2016

Microsoft e NASA insieme per simulare il viaggio su Marte

NASA e Microsoft fanno squadra per un progetto denominato Destinazione Marte. Si tratta di un giro turistico del pianeta rosso utilizzando gli stessi occhiali olografici impiegati dagli scienziati per guidare il rover Curiosity che sta attualmente esplorando la superficie marziana. Con tutta probabilità, la NASA sta, come al solito, cercando di mischiare realtà con cyberspazio in modo da rendere più credibile il prossimo (e fasullo) sbarco umano sul pianeta rosso. Hanno assoldato allo scopo quella vecchia cariatide di Buzz Aldrin, (per renderlo “immortale”, dicono nel video) che fu il secondo uomo a sbarcare per finta sulla Luna nel 1969.

4 aprile 2016

Un diavolo di Sabbia su Marte

Bellissimo scatto della sonda Opportunity

Diavoi di polvere Marte

Nonostante l’atmosfera molto rarefatta, anche su Marte possono verificarsi fenomeni atmosferici spettacolari. Oltre alle gigantesche tempeste, che arrivano a coprire vaste aree del pianeta, può capitare che si ‘sveglino’ anche i “diavoli di polvere”. Come questo, fotografato da Opportunity, uno dei rover della Nasa che sta esplorando il pianeta rosso da ormai 13 anni. I ‘dust devils’ sono piccole trombe d’aria che, all’aspetto, ricordano un tornado in miniatura. Fenomeni osservabili sulla Terra e abbastanza frequenti anche su Marte ma, data la notevole distanza che implica ritardi fino a oltre 20 minuti per la ricezione dei segnali, è impossibile avere immagini ‘live’ per sapere dove puntare l’obiettivo. In passato sia i rover Spirit e Opportunity che le sonde in orbita sono riusciti a riprenderli con scatti affascinanti che mostrano del movimento nell’immobilità della superficie desertica. In un’occasione il rover Spirit ha tratto beneficio dall’incontro con uno di questi vortici che lo ha investito. In quell’occasione il vento ha infatti ripulito dalla polvere i suoi pannelli fotovoltaici rendendoli più efficienti. Fonte La Repubblica ( http://www.meteogiuliacci.it/ )

Ma sarà vero? Nel mio ultimo libro la cosa viene messa in discussione: CALEIDOSCOPIO MARTE.

17 marzo 2016

Statistiche sulla distanza percorsa, posizione, velocità e altezza del rover Curiosity

https://lh3.googleusercontent.com/proxy/Ri-RNbY00uQ8jcHg6i33QrwZOxUH4ShSCrBqepPQAS_ljh72A-PpUm1SZAUjmF3JAmxEcsxPVILmit5ZcgMqeAak7nsDQA2r8KMiUxd83SrIEfHJFy7BxJ0lstKbAe8XAAimULE8eFWN=w506-h398

erzo drive consecutivo in 3 giorni, stavolta verso Ovest, nella “Stimson unit”, addentrandosi nell’altopiano Naukluft. Più sotto, sono stati aggiornati sia i grafici storici che la mappa.
Gli aggiornamenti qui sopra (ultimi 2 mesi) sono quasi quotidiani e le fonti principali delle informazioni sono http://curiosityrover.com/ e http://astrogeology.usgs.gov/news.
The plots above, showing last 2 months progress, are updated (almost) daily. Main data sources are http://curiosityrover.com/ and http://astrogeology.usgs.gov/news
Qui sotto, invece, i grafici integrali a partire dall’inizio della missione (compreso il numero di immagini trasmesse dal rover); nelle targhette sono indicati anche i nomi dei principali siti di indagine. Naturalmente, questi grafici sono aggiornati meno spesso (tipicamente 2-3 volte ogni mese). Ultimo aggiornamento: 16 Marzo.
Herebelow, integral plots from the beginning of the mission, including picture statistics; main waypoints names are indicated as labels. Last update on Sol 1283.

MSL 1603o3

MSL 1603e3
Drive-map ufficiale, aggiornata al Sol 1281:

MSL TraverseMap Sol1281 br2Image Credit: NASA/JPL-Caltech/Univ. of Arizona ( http://aliveuniverse.today/ )

15 marzo 2016

I vettori spaziali sono semplici missili balistici?


Il recente lancio della sonda ExoMars ripropone il tema della veridicità dei voli spaziali. Si tratta con tutta probabilità di una delle più grandi bufale della Storia umana. Le immagini televisive mostrano che il razzo assume traiettoria orizzontale molto prima di raggiungere una sedicente orbita. In tutti i casi. Ne è esempio il filmato sopra.
Immagini fotografiche scattate con pellicola ad alta sensibilità durante i lanci notturni del programma Shuttle mostrano inequivocabilmente (foto sotto ad esempio) che la rotta del velivolo è indistinguibile da quella seguita da un missile balistico. Il vettore arriva a 30 o 40 km massimi di altitudine disegnando una traiettoria parabolica che ritorna verso terra. Probabilmente il razzo, evidentemente privo di equipaggio, viene fatto inabissare in una zona remota dell’oceano lontano da occhi indiscreti.
Per la cronaca, lo spazio inizia convenzionalmente a 100 km di altezza (linea di Karman) e lo Shuttle avrebbe dovuto raggiungere fra i 190 e 960 km di altezza, a seconda del tipo di missione, onde immettersi in orbita.

Space Shuttle traiettoria

10 marzo 2016

Intervista a Ralph Renè

Bart Sibrel realizzò una intervista televisiva al compianto scrittore Ralph Renè che ha condiviso su Youbute.
Chi fosse interessato ad approfondire la conoscenza dell’istrionico personaggio, nel mio libro LA LUNA DI CARTA ci sono un suo articolo e la trascrizione di una lunga intervista che mi rilasciò nel 2009. Nel mio recente CALEIDOSCOPIO MARTE, ho inserito un suo altro  articolo, inedito in italiano, riguardo alle problematiche che si incontrerebbero in una spedizione umana verso il pianeta rosso.

9 marzo 2016

Una pistola su Marte?

Pistola rivoltella Marte

Il rover Opportunity ha fotografato uno strano oggetto sulla superficie marziana. L’immagine sopra risale al 2014 ma alcuni ufologi hanno scovato l’affare solo di recente. Si annida tra il monte Edgecumbe e la cresta denominata Wdowiak. Per qualcuno, si tratterebbe di una arma da fuoco proveniente da un UFO precipitato su Marte. Attorno infatti ci vedono detriti che sembrano rottami di un qualche scafo. Probabilmente un caso di pareidolia, tuttavia di immagini come queste, se ne trovano a bizzeffe. Molte di queste fotografie inspiegabili si trovano nel mio ultimo libro integralmente a colori CALEIDOSCOPIO MARTE.

3 marzo 2016

Astronauti NASA di fronte a George Bush (a allo schermo blu)

George W. Bush ha recentemente visitato la sala operativa della NASA al Centro Spaziale di Houston. Sorprendentemente, nel filmato del vecchio Bush in carrozzina, dietro s’intravede l’astronauta Tim Peake sullo schermo di fronte a una grigli su sfondo blu. Sembra proprio lo schema grafico usato per il chroma key ossia l’aggiunta di un paesaggio digitale fittizio dietro gli attori nei film.
Probabilmente la cosa è voluta perchè stanno cominciando a rivelare che tutta l’avventura spaziale della NASA è un colossale imbroglio. Non è un caso che la “svista” sia avvenuta in presenza del ex inquilino della Casa Bianca.
Lo ho dimostrato in tutte le salse nei miei libri: LA PENNA PIÙ VELOCE DEL WESTLA LUNA DI CARTA
CALEIDOSCOPIO MARTE.

Il video seguente sembra smontare la teoria dello “schermo verde”. Però strano che, poichè la pallina è verde, lo sfondo sia blu cioè, in anni recenti, il blu è impiegato quando sulla scena ci sono oggetti verdi, altrimenti scomparirebbero cancellati dall’eliminazione digitale del colore verde.

22 febbraio 2016

Pianeta rosso, tramonto blu

Tramonto blu Marte

Il rover per l’esplorazione marziana Opportunity ha scattato diverse immagini del tramonto su Marte che appare di un intenso colore blu. Opportunity sta vagando sul pianeta rosso da oltre un decennio. Nel 2015, ha stabilito il record di percorrenza sul suolo marziano con oltre 37 km e scattando migliaia fra “selfie” e foto panoramiche. Rimane da chiarire come le batterie al litio di bordo, alimentate da pannelli solari, possano ancora funzionare avendo sopportato migliaia di cicli di ricarica in condizioni di temperatura rigidissima durante la notte marziana. In ogni caso, la NASA ha effettuato un collage delle immagini scattate durante il tramonto producendo un filmato accelerato piuttosto attraente.

30 gennaio 2016

Opportunity: 12 anni su Marte, ma doveva durare 3 mesi

Questa settimana il rover della Nasa festeggia i 12 anni dallo sbarco sul pianeta rosso. Una missione ricca di successi, che inizialmente sarebbe dovuta durare solamente 90 giorni

Opportunity rover marte

Dovevano essere 90 giorni, ma Opportunity continua ostinatamente a esplorare la superficie di Marte, e ad accumulare record. Lo scorso lunedì, il rover della Nasa ha celebrato infatti il suo dodicesimo compleanno sul suolo marziano, proseguendo l’esplorazione del cratere Endevour nella Marathon Valley, dove lo scorso anno ha completato la prima maratona marziana della storia. Eppure la missione ufficiale del rover, atterrato sul pianeta rosso il 25 gennaio del 2004, sarebbe dovuta durare solo 90 giorni. Come ha fatto dunque a superare di 12 anni la data di scadenza? Fortuna, spiegano dalla Nasa, e un bel po’ di duro lavoro.
La missione di Opportunity, e del rover gemello Spirit atterrato a poche settimane di distanza, era quello di individuare tracce della presenza di acqua su Marte. Nei piani della Nasa, le due sonde avrebbero esplorato e analizzato la superficie per 90 giorni, trascorsi i quali i loro pannelli solari sarebbero stato irrimediabilmente coperti dall’onnipresente polvere marziana, e gli apparecchi si sarebbero quindi spente.
In soccorso dei rover però è arrivato un fenomeno meteo inatteso: i dust devil, trombe d’aria estremamente localizzate che di tanto in tanto colpiscono la superficie del pianeta. Uniti all’azione dei forti venti marziani, i dust devil hanno pulito periodicamente i pannelli solari delle sonde, quel tanto che basta per continuare ad ottenere un po’ di energia dal debole sole marziano (che ha solo il 50% della potenza di quello che arriva qui sulla Terra).
Nel frattempo, i tecnici della Nasa hanno sviluppato nuovi aggiornamenti per il software della sonda che hanno permesso di operare con livelli energetici molto inferiori a quelli previsti inizialmente. In questo modo, dai pochi mesi della missione originale, il viaggio di Opportunity ha potuto proseguire per più di un decennio. Grazie al suo incessante lavoro, gli scienziati hanno potuto raccogliere preziose informazioni sull’atmosfera di Marte, effettuare osservazioni astronomiche dalla superficie del pianeta, e soprattutto, confermare che nel passato sul pianeta sono esistite grandi quantità di acqua liquida. ( http://www.wired.it/ )

Ci credete? Una batteria costruita nel 2003 verosimilmente, alimentata da pannelli fotovoltaici, quanti cicli di ricarica può sopportare prima di esaurirsi? Per di più, in un contesto dalle condizioni ambientali severissime, in cui la temperatura scende fino a -100 la notte?
Se siete degli elettrauto o esperti di accumulatori di energia, fatemi sapere se conoscete la risposta a queste domande.

21 dicembre 2015

La Terra vista dalla Luna, una nuova affascinante immagine

Non sono molte le immagini della Terra ripresa sullo sfondo della Luna o di un altro pianeta del Sistema solare. Tutte però hanno una particolarità: sono spettacolari e anche emozionanti. Perché, a differenza di quelle riprese in bassa orbita dai satelliti o dalla Stazione spaziale internazionale, danno quella sensazione di «estraneità», di «lontananza da casa» che fanno accendere qualcosa in noi. L’ultima in ordine di tempo, e tra le più belle, è quella diffusa dalla Nasa il 19 dicembre. È stata realizzata componendo una serie di immagini riprese il 12 ottobre scorso dal Lunar Reconnaissance Orbiter, che è appunto in orbita intorno al nostro satellite naturale. Si nota quella che agli americani piace chiamare «Biglia blu» (Blue Marble) che sorge sopra il margine del cratere Compton (Nasa/Goddard/Arizona State University) (Corriere della Sera)

Voi credete che questa immagine sia autentica? Se sì, spiegate come mai non ci sono piccoli rover che vagano sul suolo selenico, al pari di Marte, che trasmettono in diretta impiegando una piccola telecamera tipo webcam. In fondo, la Luna dista soltanto 384 mila chilometri mentre il pianeta rosso, in media, si trova a 100 milioni di km da noi.

18 ottobre 2015

I “diavoli di polvere” dimorano su Marte

Mulinelli di polvere marziani

Nella immagine GIF animata si vedono i cosiddetti “diavoli di polvere” che sarebbero mulinelli di vento che si formano di frequente su Marte. Sarebbero costituiti da vortici di “aria calda” (?), cinquanta volte più larghi e dieci volte più alti di quelli rinvenibili sulla Terra. Secondo la NASA, potrebbero costituire una seria minaccia per le delicate attrezzature e strumentazioni scientifiche inviate di recente ed in futuro sul pianeta rosso.
Ma voi ci credete? L’immagine sopra è verosimile per voi?
I pannellini solari, che alimentano le sonde finora inviate, di tanto intanto, appaiono sporchi di polvere e detriti. D’incanto, dopo qualche tempo, tornano immacolati perfettamente lindi e funzionanti. Cosa li ripulisce in una pressione atmosferica quasi inesistente al suolo?

https://i2.wp.com/i.ytimg.com/vi/YQtRtkyxepQ/0.jpg

13 ottobre 2015

Marte si trova in Groenlandia?

Marte in GroenlandiaLe immagini del rover Cuuriosity della NASA che quotidianamente mandano in onda su tutte le televisioni del mondo sono davvero reali? Il dubbio nasce vedendo questo video che già da un annetto è in rete e che solo alcuni siti americani hanno messo in risalto. La cosa paradossale e che andando su Google Earth sull’isola di Davon che fa parte del Canada, ma molto vicino alla Groenlandia, troviamo una bella sorpresa: un ambiente che sembra essere Marte molto simile a quello che viene trasmesso dalle telecamere di Curiosity ma come è possibile? Ed in più dalla visione di terra che il sistema permette, si vedono chiaramente apparecchiature e postazioni dell’ente spaziale americano. BUONA VISIONE! ( http://terrarealtime.blogspot.it/ )

8 ottobre 2015

L'”egoista” Curiosity tradisce Marte

Selfie Curiosity Marte
La NASA ci propone o meglio ci propina un nuovo e accattivante “selfie” del rover Curiosity. Selfie assomiglia a “selfish”, egoista, che la cultura imperante cerca di imporre.
A parte ciò, osservate le colline in lontananza. Sono quasi nascoste da una fitta foschia, se non da una vera e propria nebbia. Come è possibile una copertura simile, in presenza di una atmosfera quasi nulla? Solo pochi millibar, stando ai dati ufficiali, un centesimo di quella terrestre.
Si dice anche che sul pianeta rosso soffiano forti venti capaci di creare dune trasportando la polvere sollevata in giro per mezzo pianeta. Ma con quale forza, visto che la pressione superficiale viene considerata pari al vuoto fisiologico?
Sotto, una immagine del Monte Sharp, alto  5500 metri scattata da Curiosity il 9-9-2015. Marte (se lo è) non appare per niente rosso e il cielo è azzurro.

https://i2.wp.com/i.space.com/images/i/000/050/713/i02/curiosity-mount-sharp-foothills.jpg

28 settembre 2015

“Su Marte scorre acqua ed è salata”

La prova arriva dal satellite americano Mro pubblicata sulla rivista scientifica Nature Geoscience. Su Marte scorre acqua liquida e salata in minuscoli ruscelli che compaiono periodicamente, lasciando striature scure la cui origine era finora un mistero.

 La scoperta, fatta dal satellite americano Mro (Mars Reconnaissance Orbiter), è stata pubblicata sulla rivista scientifica Nature Geoscience. “È la prima prova che dimostra l’esistenza di un ciclo dell’acqua sulla superficie di Marte”, ha spiegato Enrico Flamini, coordinatore scientifico dell’Agenzia spaziale italiana (Asi). A fornirla è il gruppo dell’Istituto di Tecnologia delle Georgia guidato da Lujendra Ojha. Non si tratta certo dei canali d’acqua ipotizzati nell’800 da Giovanni Schiapparelli, ma “rivoli” stagionali con tracce di sali che si formano solo in presenza di acqua.
L’annuncio è stato dato dalla Nasa nel pomeriggio.
(Il Giornale)
Una messa in scena. Lo sanno da decenni, come ho già chiarito, che c’è acqua liquida su Marte. Hanno sempre negato il fatto per via della pressione atmosferica che sarebbe troppo bassa. Significa che anche i dati meteorologici del pianeta rosso sono fasulli. Lo ho sempre scritto e dimostrato nel miei articoli in edicola. La prossima mossa sarà di ammettere che c’è vita. Scommettiamo?
26 settembre 2015

NASA: Siamo pronti a partire per Marte

a7292-project-red-sun-uomo-su-marte-1Al cinema gli astronauti abbandonano il pianeta dimenticandosi qualcuno, nella realtà la NASA si dice certa di avere fatto grandi passi avanti per far diventare realtà la finzione (promettendo di riportare indietro tutti)
Forse è la spinta impressa dall’imminente The Martian Sopravvissuto, forse i test stanno procedendo a gonfie vele, resta il fatto che arriva un’aria molto positiva dalla NASA, come ha raccontato l’amministratore e ex astronauta Charles Bodendurante un evento tenuto nella serie centrale.
Per Boden il progetto sta prendendo velocemente forma: “Ci siamo parecchio avvicinati alla missione di mandare un equipaggio umano su Marte, in un punto vicino nella storia della NASA”.
Anche se, volendo essere cauto aggiunge “C’è ancora molto lavoro da fare per portare degli astronauti su Marte, ma ci stiamo arrivando.” ( http://www.queryonline.it/ )

The Martian è stato probabilmente girato per mettere a punto le tecniche di simulazione visive. Per me, anche Gravity, un film di poco senso ma con grandi attori, è stato congegnato per raffinare le tecniche filmiche dell’assenza di gravità. Fecero così anche con 2001: odissea nello spazio di Kubrick.
Panorama di Marte

12 settembre 2015

The Martian: cinque cose da sapere sul film

In attesa di tornare nel mondo di Prometheus (il film di fantascienza realizzato nel 2012 e ambientato nell’universo di Alien, NdR), Ridley Scott ha voluto intraprendere un viaggio nello spazio dal tono molto diverso, partendo dal romanzo The Martian di Andy Weir, da noi diventato L’uomo di Marte.
Ma The Martian non è il classico film di fantascienza, né vuole esserlo, per cui eccovi le cinque cose importanti da sapere, raccontate direttamente dai protagonisti:

La fantascienza è per lo più fantasia, ma…

Il vero motivo per cui il regista si è innamorato del progetto è “ciò che mi attraeva era la totale realtà del soggetto. C’è un film che amo molto, The Right Stuff (Uomini veri, 1983, regia di Philip Kaufmann), che è la vera storia dei primi astronauti. E, anche se la situazione è diversa, mi piaceva l’estremo realismo del film.”

La gravità non è totalmente accurata

Per garantire il più alto livello possibile di realismo, Scott ha chiesto e ottenuto la collaborazione della NASA fin nei minimi dettagli, ma su almeno uno ha dovuto prendersi una sorta di licenza: la gravità su Marte, che è il 40% di quella sulla terra. “In una situazione del genere, puoi solo suggerire l’idea. Non siamo in condizioni di simulare una gravità al 40%. Possiamo ricreare l’assenza di peso, usare i cavi per le parti ambientate nello spazio e possiamo simulare la Vomit comet (nomignolo usato per descrivere l’addestramento degli astronauti su aerei in cui si sperimenta una temporanea e repentina assenza di gravità), ma il 40%, puoi solo suggerirlo.”
Scott aggiunge poi che hanno inserito nella narrazione l’idea che la tuta da astronauta sia volutamente appesantita per consentire ai personaggi un movimento pressoché normale.

È facile trovare l’acqua su Marte, ma non lo sapevamo

Per poter sopravvivere il più lungo possibile, Mark Watney (Matt Damon) deve recuperare alcuni elementi essenziali, uno dei quali è l’acqua, per la quale deve affrontare sfide non indifferenti. Ma come ha spiegato l’autore del romanzo Andy Weir “Avevo finito il romanzo, era pronto a uscire, non potevi più fare cambiamenti. poi Curiosity atterra su Marte. Curiosity, quella piccola spina nel fianco, sonda il terreno e scopre che per ogni metro cubo di terreno ci sono intorno 35 litri d’acqua, per cui tutto quello che Mark doveva fare era prelevare un po’ di terreno, portarlo nell’hub e scaldarlo.”

Le GoPro, le nuove Wilson

“Le GoPro diventano le uniche compagne di Watney” racconta il regista: “che si trovi nel modulo abitativo o sul rover, Mark parla sempre, parla con loro come se fossero amici. Ho immaginato che nel campo base ci fossero circa 50 GoPro, il cui scopo fosse di essere una sorta di scatola nera, così che se fosse successo qualcosa ci sarebbe stato modo di scoprire cosa fosse andato male. Ma finiscono con il diventare l’unica compagnia del protagonista.”
Oltre a incarnare l’evoluzione del pallone di Castaway, le telecamere donano un effetto particolare: Matt Damon parla spesso direttamente al pubblico in sala.

The Martian è una lettera d’amore alla scienza

Come ha raccontato Matt Damon “Tutti i grandi film di fantascienza che sono rimasti nel nostro immaginario, sono quelli in cui ti senti coinvolto con i protagonisti. E questa storia è ambientata pochi anni nel futuro, pochissimi. quando lessi il romanzo pensai: Questo è un bel personaggio, è sveglio e simpatico e si ritrova in una situazione disperata. Ma soprattutto, ho pensato che questa fosse una lettera d’amore verso la scienza e credo sia un’ottima cosa da condividere nel mondo in questo periodo.”
E Drew Goddard, sceneggiatore del film (oltre che di Cloverfield e co-autore della serie Daredevil) aggiunge: “quando eravamo giovani io e Ridley l’umanità è atterrata sulla Luna, eravamo la generazione lunare. Poi Curiosity è arrivato su Marte, attirando l’attenzione del mondo. Ed è questo che vogliamo fare con The Martian: smuovere l’economia ispirando scienziati e ingegneri vecchi e nuovi, celebrare il futuro.”
Sopravvissuto – The Martian è previsto in uscita da noi il primo ottobre.

Leo Lorusso

Abilmente, gli Stati Uniti d’America, attraverso lo “star system”, mescolano scienza e fantasia per intorbidare le acque. La Massoneria europea cui fanno riferimento Query Online, CICAP fanno pubblicità gratuita a un film dal quale i cittadini italiani ed europei non guadagneranno assolutamente nulla. Se non l’usuale sventagliata di ottimismo distraente della durata di un paio d’ore.

Sopravvissuto