Archive for ‘FAKE NEWS – NOTIZIE FALSE’

23 aprile 2017

ISTAT: più di una famiglia su 10 in grave difficoltà economica nel 2016

L’11,9% delle famiglie italiane è in “grave deprivazione materiale”, ha sottolineato il direttore per la produzione statistica Istat in audizione in Parlamento, invocando “l’urgenza degli interventi previsti dal Governo per il contrasto alla povertà”
Oltre una famiglia italiana su dieci si è trovata in gravi difficoltà economiche nel corso del 2016. È quanto ha comunicato oggi l’Istat per bocca del direttore del Dipartimento per la produzione statistica Roberto Monducci, dando conto dei primi dati provvisori sulla povertà e l’economia italiana riguardanti lo scorso anno. L’11,9% delle famiglie italiane nel 2016 si è trovata nelle condizioni di “grave deprivazione materiale”, ha affermato infatti Monducci davanti ai membri delle commissioni Bilancio di Camera e Senato, nel corso dell’audizione sul Def. In generale “si tratta di una quota sostanzialmente stabile della popolazione italiana rispetto all’anno precedente” ha chiarito il rappresentante dell’istituto nazionale di statistica, aggiungendo però che l’indice peggiora per alcune categorie già svantaggiate
“Tra il 2015 e il 2016 l’indice peggiora per le persone anziane (65 anni e più) salendo dall’8,4% all’11%” e “per chi vive in famiglie con persona di riferimento in cerca di occupazione (dal 32,1% al 35,8%)”, ha elencato Monducci davanti ai parlamentari. “In lieve diminuzione rispetto agli anni precedenti” solo la quota di popolazione con meno di 18 anni: “1 milione 250 mila minori, pari al 12,3 per cento”. ( http://www.fanpage.it/ )

C’era una legge in Brasile (non so se ancora in vigore) che vietava di lavorare quando la temperatura raggiunge o supera i 40 gradi. Ovviamente, nelle fabbriche, i termometri aziendali rimanevano inchiodati sui 39 gradi anche se immersi nel piombo fuso!
Mi è venuta questa reminiscenza, leggendo la notizia. I dati ISTAT (come ogni altra statistica) sono grassamente fasulli, atti a conservare al governo coloro che ci vogliono distruggere in nome dell’iperuranico super-stato europeo e dell’euro.
Lo scrissi anni fa che, coll’andare del tempo, ci saremmo sempre più resi conto che ciò che scrivono i giornali è pura cacca. Notizie false. In Italia, per chiarire, le famiglie con l’acqua alla gola, se non già alla canna del gas, sono almeno un quinto, se non un quarto della totalità. In tal senso, siamo davvero all'”undici settembre”. Forse ciò intendono.
ADDENDUM 24-4 ELEZIONI IN FRANCIA Come era prevedibile, hanno fatto vincere Macron di un partito creato dal nulla con slogan fittizi tipo “innovazione”, “società digitale”, “rinnovamento della politica”. Stesso cliché impiegato per creare i fenomeni Renzi, Grillo, Tsipras, Iglesias, le rivoluzioni colorate in Europa e le primavere arabe in Nordafrica.

23 aprile 2017

23 chiamate per abortire. Non era vero.

di Costanza Miriano

Era tutto falso. Purtroppo non è vero che non sia facilissimo abortire. Non è vero che ci siano troppi obiettori di coscienza. Un’inchiesta della magistratura ha ristabilito la verità.
Ricordate quella donna veneta di 41 anni, a cui i giornali avevano dato il nome di Giulia buttandosi a pesce sulla sua vicenda, raccontando che siccome “non intendeva inoltrarsi lungo il sentiero della gravidanza” (leggi: voleva uccidere il bambino che aveva in grembo) e non aveva trovato posto in numerosi ospedali era stata costretta a un calvario di 23 tentativi a vuoto prima di trovare un medico che la facesse abortire? Ricordate come tutti i media ci si erano buttati a pesce, rinnovando la bufala dell’obiezione di coscienza, per appoggiare il presidente della Regione Lazio che al San Camillo aveva indetto un bando per medici ginecologi riservato ai non obiettori, bando di dubbia costituzionalità?
Bene, anzi male. Era tutto falso.
Adesso Massimo Gramellini, il Corriere della Sera, la redazione di Uno mattina, il Fatto Quotidiano, Repubblica, tutti i tg che hanno dato risalto alla bufala senza prendersi la briga di verificarla chiedano scusa in ginocchio, o diano a un’ampia rettifica lo spazio che hanno dato alla falsa notizia, oppure siano radiati da tutti gli albi del pianeta. Massimo Gramellini in particolare, visto che è il firmone del Corrierone e che ci ha scritto un pezzo caramelloso, ne scriva uno altrettanto lacrimevole e pieno di buoni sentimenti in difesa del bambino che è stato ucciso rapidamente e, temo, in barba alla legge che prevede che lo Stato tenti tutte le vie per evitare che una donna decida per la morte di suo figlio. I magistrati che hanno indagato sulla denuncia della Cgil, il procuratore aggiunto Valeria Sanzari e il comandante dei nas Marco Passarelli hanno concluso che le tante telefonate la donna le ha fatte in preda a “uno stato di ansia”, e che nessun ospedale l’ha respinta, nessuno le ha negato l’aborto. Ha fatto la visita una settimana dopo la chiamata, e ha abortito tre settimane dopo, nel pieno rispetto dei termini della 194.
Adesso i media del pensiero unico siano onesti una volta tanto. Facciano un’indagine seria e senza preconcetti. Onestamente. Trovino una donna in Italia, una sola, che voleva abortire e non ha potuto farlo. Se non la trovano – non la troveranno, è certo – scrivano a caratteri cubitali che in Italia NON c’è un’emergenza aborto, che non ci sono troppi obiettori, che l’obiezione è un diritto sacrosanto e inviolabile, che la 194 garantisce alle donne la piena autodeterminazione, che purtroppo non la garantisce ai padri dei bambini né tanto meno ai bambini, che non è applicata nella parte fondamentale, scritta all’articolo 1, che prevede che l’aborto sia l’extrema ratio dopo che si siano provate tutte le strade per evitarlo. A questa Giulia in stato di ansia qualcuno ha detto che le sarebbe stato vicino nel tirar su il suo bambino? Se c’erano problemi economici, o di orari di lavoro, qualcuno le ha detto che questo bambino sarebbe stato un bene, che tutti tifavamo per lei? Qualcuno ha provato a calmare la sua ansia, a dirle che poteva anche lasciare il suo bambino in ospedale dopo nato, che qualcuno sarebbe stato infinitamente felice di poterlo adottare, se proprio lei non ce l’avesse fatta, neanche stringendolo fra le braccia? Qualcuno si scandalizza per questo, per le bugie gridate ai quattro venti, e le verità nascoste nelle brevi? (dal blog di Costanza Miriano)

Negli anni ’60, la massoneria fece approvare divorzio e poi aborto ovunque, partendo dai paesi “progressisti” dove il lavaggio del cervello attraverso la scuola pubblica ha avuto più successo “democratico”. Per esempio Nordamerica e Nordeuropa. Poi è stata la volta del “diritto” al suicidio mascherato da “buona morte” (eutanasia) e libertà di drogarsi venduto come “uso terapeutico”. Rammento solamente, in Italia, la recente sceneggiata di DJ Fabo, personaggio mai esistito, impersonato da attori quali Valeria Solesin e altre “vittime” degli attentati “islamici” nel vecchio continente.
Come io avevo subodorato, cercano di liberalizzare completamente l’aborto, sempre in spregio ai 10 comandamenti. Quasi una decina di anni fa, scrissi che Pannella e Grillo avrebbero legalizzato l’aborto perfino al nono mese e mezzo di gestazione!
Esempio di come funziona il sistema lo avete sotto gli occhi con Trump. Sta facendo esattamente l’opposto di ciò che ha promesso in campagna elettorale: in politica estera è perfino peggio di Obama e sta surrettiziamente facendo passare la droga legali in tutti gli USA. Dopo che, in campagna elettorale, aveva tuonato contro gli spacciatori messicani che “vendono droga ai nostri bambini”. Il “muro” al confine col Messico serve solo a devastare l’ambiente come tutte le “grandi opere” in spregio alla creazione divina. Identico discorso vale da noi per Berlusconi che ha sempre sostenuto radicali e sinistra fingendo di essere di destra e difensore dei valori tradizionali.
E pensate solo al filo-americano, filo-euro, filo-immigrati Travaglio che è diventato ricco sfondato grazie a una letteratura fondata sull’antiberlusconismo. Libri pubblicati da Mondadori, casa editrice di Berlusconi!

12 aprile 2017

Tunisia: studente presenta tesi di dottorato sulla “Terra piatta”

Il ministero dell’Insegnamento superiore tunisino ha annunciato ufficialmente che la commissione Tesi alla Facoltà di Scienze di Sfax, Scuola nazionale di Ingegneria, ha rifiutato la proposta di una tesi di dottorato intitolata: “Il modello della Terra piatta, argomenti e impatto sugli studi climatici, paleo-climatici”, depositata recentemente da uno studente che aveva suscitato un’ondata di proteste in rete dopo la diffusione della notizia a causa del fatto che nella tesi proposta si farebbe riferimento alla validità dell’ipotesi della terra piatta basandosi anche su assunti religiosi islamici.
Il ministero dell’Insegnamento superiore ha annunciato anche l’apertura di un’indagine per determinare precise responsabilità nella vicenda. Emergerebbe sin da ora infatti l’esistenza di irregolarità procedurali nelle formalità di deposito della tesi. ANSAMED ( http://www.imolaoggi.it/ )

Mi sono privatamente espresso a riguardo del caso della studentessa dell’università di Sfax. Per me, si tratta di una fake news escogitata per avvisare gli ambienti accademici “globali” che di terra piatta non si deve assolutamente discutere a livello universitario, pena il declassamento nella classifica (fittizia) delle università. La classifica degli atenei mondiali è un falso, ponendo sempre in cima gli istituti angloamericani.

3 aprile 2017

Russia, bomba artigianale nella metro di San Pietroburgo, almeno 9 vittime

Una esplosione, pare causata da un ordigno artigianale con circa 200-300 grammi di tritolo e contenente frammenti (“shrapnel”), è avvenuta nella linea blu della metropolitana di San Pietroburgo alle 14.40 del primo pomeriggio, ora locale. Lo scoppio sarebbe occorso nel tunnel tra due stazioni, causando almeno 9 morti (fonte Comitato nazionale russo antiterrorismo) e alcune decine di feriti; inizialmente si era parlato di circa 50 feriti, cifra però rivista dal governatore di San Pietroburgo che, citato dall’agenzia Tass, parla di 20 feriti, mentre Interfax, citando autorità locali, parla di 25 feriti ricoverati negli ospedali della città, tra cui un bambino. ( http://www.ilsole24ore.com/ )

Era prevedibile. Siccome agli attentati “islamici” in Europa la gente ci crede sempre meno, montano la “controprova russa” la quale, essendo i russi nemici degli americani, deve essere per forza “attendibile”. Mero giochetto psicologico utilizzante il “divide et impera”. Un po’ come le imprese spaziali tra le quali lo sbarco sulla Luna. Siccome i russi, presunti antagonisti, non dicono niente, deve essere assolutamente vero.


27 marzo 2017

“Adamo Cadmoni” e la croce in cielo


Ci sono storie incredibili, come quelle di apparizioni fulminee, che in un baleno, ridanno speranza e fiducia alle persone di tutto il mondo. Sì, perché questa è la storia di Adamo Cadmoni, studente della provincia barese in volo verso Amsterdam con degli amici per una vacanza di piacere post-esami. Adamo, ad un certo punto, ha scattato quella che potrebbe essere la foto del decennio, forse del secolo: “Ero seduto sul posto accanto al finestrino e ho visto comparire quella visione. Inizialmente non ho creduto ai miei occhi, così ho chiesto confermai ai miei compagni di posti che increduli non hanno potuto che confermare le mie visioni. Quella in cielo, a 5000 metri di altezza era una croce di Cristo, una visione, un miracolo, chiamatelo come vi pare, abbiamo fatto decine di foto più o meno buone a quella immagine che ha lasciato tutti noi a bocca aperta per alcuni minuti. Subito dopo, si è smaterializzata di fronte ai nostri occhi, causando un senso di grande gioia e rivelazione. Che incredibile emozione”. Adamo ha rilasciato la foto al nostro giornale che ha potuto, quindi, pubblicarla in anteprima. Secondo l’esperto cristologico, Josef Lakatena si tratta di miracolo: “Il Signore, quasi per legge di vicinanza, si manifesta quanto più in alto. Non è raro trovare testimonianze di alcuni astronauti che dicono di aver visto il volto di Dio nell’universo. Bene, questa volta ha voluto dare un segno divino più in basso, incredibile ma vero, come si dice, le vie del signore sono infinite, è proprio così”. Vi lasciamo a meditare sulla foto che sta facendo da alcune ore il giro del web. (ilfattoquotidAIno.it )

Classica fake news (notizia completamente inventata) di un sito di adoratori di belzebu, riferimento al piacere e all’altra fake news Adam Kadmon (tutta la TV è inscenata) per “avvelenare i pozzi” della fede religiosa. Tipo l’ultimo ‘live dallo spazio’ della ISS dove dicono papa 1 e papa 2 inneggiando al fatto che hanno imposto al soglio pontificio uno di loro per smantellare la Chiesa dall’interno. Ratzinger (‘papa Ratzy’ come lo chiama Lady Gaga) è tenuto prigioniero in Vaticano in attesa di farlo morire (magari dicendo che è AIDS). Chiaro anche il riferimento, dalla foto, alle scie chimiche che è un complotto dei poteri occulti anche se il buon Marcianò stenta a dirvelo.

Minuto 21:50 (la tipa dice ‘papa 1, papa 2’, l’astronauta ripete e la tipa dice poi ‘papi’, ormai gli ‘sporcaccioni’ non si vergognano più di niente).

23 marzo 2017

Attentato di Londra, la bolognese ferita: «La gente urlava e fuggiva dal ponte»

La ragazza è stata medicata in ospedale, dopo aver riportato ferite superficiali ed escoriazioni alle gambe e ad un fianco. Già dimessa, sta bene.

BOLOGNA — Il rumore di un forte botto, le urla, la gente in fuga. È accaduto tutto in una manciata di secondi e una giovane bolognese si è ritrovata schiacciata contro la balaustra del Westminster Bridge durante l’attentato di ieri a Londra.Fortunatamente dopo attimi di paura è riuscita ad alzarsi e ha realizzato cosa stava succedendo: il suv era a pochi metri da lei, guidato da un imam di Clapton che ha ucciso un poliziotto e una donna. La 28enne bolognese vive da sei anni a Londra ed è una dei venti feriti dell’attentato di Londra.
«Ieri pomeriggio come spesso capita quando è in pausa dal lavoro durante le belle giornate — racconta scossa sua cugina Silvia Grandi, critica d’arte e docente dell’Alma Mater — aveva deciso di fare due passi, quando all’improvviso senza rendersi conto di nulla ha sentito un forte rumore, le urla ed è stata investita dalla calca che fuggiva dall’auto impazzita».
La ragazza ha tranquillizzato immediatamente i familiari con alcuni messaggi, subito dopo l’attentato è stata trasportata in ospedale ed è stata sottoposta a controlli che hanno escluso fratture o ferite più gravi. Per questo è stata dimessa anche se «è tutt’ora sconvolta per quanto le è accaduto», continua con voce incrinata Silvia Grandi: «Abbiamo avuto tanta paura, da quello che ci ha raccontato è rimasta schiacciata contro la balaustra del ponte, travolta da altri ragazzi francesi », che invece avrebbero riportato ferite più gravi. La ragazza bolognese lavora in un noto ristorante di Regent Street, a mezz’ora a piedi dal luogo dell’attentato dove Abu Izzadeen si è scagliato a forte velocità sulla folla a bordo del suo suv, da cui è sceso per accoltellare a morte un poliziotto prima di essere ucciso da un altro agente.
A Londra anche il pugile riminese Maurizio Stecca, che era appena uscito dal Parlamento inglese quando ha visto l’attentatore. «Ha preso a correre proprio verso di noi, allora un uomo con un abito elegante è uscito da una porta laterale ha esploso tre colpi e l’ha ucciso». Un’altra bolognese che vive da anni a Londra, Irene Musumeci Klein, racconta: «Tornando a casa ho visto polizia ovunque, ma ormai non ci facciamo più caso». ( http://corrieredibologna.corriere.it/ )

Il Corriere in mano agli americani e diretto dal massone Fontana, pro-gay, pro-euro, pro droga legale, pro suicidio assistito, spaccia questi stupidi scherzi quali realtà. Senza farci mancare la “preziosa” testimonianza della usuale iper-laureata, iper-emancipata “vittima” italiota.

11 marzo 2017

La fiera delle ovvietà

Premetto che il video sotto, il quale sta diventando “virale”, non mi convince. Contiene più ipocrisie, a mio avviso, di quanto può sembrare.
Comunque, è ovvio che l’immigrazione di milioni di africani in Europa è voluta dai poteri occulti che finanziano le ONG di comune accordo con gli stati nazionali che sono sempre una emanazione dei poteri forti. Già dall’unità d’Italia, milioni di meridionali sono stati sollecitati o costretti a migrare nel centro-nord. Mussolini, sempre manipolato da loro, aveva colonizzato le paludi pontine bonificate e zone disabitate sarde con veneti e romagnoli per mescolare le razze. Oggi ciò avviene su scala europea nel progetto di super-stato europeo continentale americanizzato.
Lo avevo già scritto nel 2009, o giù di li, che quanto non avrebbero più avuto il pretesto dei “lavori che gli italiani non vogliono più fare”, li avrebbero trasformati tutti in “profughi”. Fanno il lavaggio del cervello alle masse con le parole chiave “buoinismo”, “accoglienza”, “tolleranza”.
E, almeno due o tre anni fa, vi spiegai che la tassazione esosa sugli immobili, di Monti e successori, mirava fare abbassare il prezzo delle case in modo tale che i neo-italiani potessero acquistarle, magari grazie a generosi mutui concessi da istituti di credito. Vogliono nuovi schiavi delle banche.
Altra cosa lapalissiana: la stampa, le televisioni nazionali e locali, i politici di tutti i partiti, gli organi dello stato, a cominciare dalla magistratura, sono tutti al servizio di questo progetto noto col nome di “piano Kalergy”. Del resto, come potrebbero esimersi dato che sono finanziati dallo stato? Ai politici che fanno resistenza allo ius soli e alla distruzione delle identità locali, minacciano di togliere loro il vitalizio.
Chi non l’ha ancora capito nel 2017 è solo un povero fesso.

https://trenoxtutti.wordpress.com/2011/03/03/campo-di-rieducazione/

1 marzo 2017

Affitto assicurato Arriva la polizza anti-morosi

ROMA In Italia ci sono più di 7 milioni di case vuote, oltre una su cinque (22,7%). Proprio così, nessun errore: si tratta di case disabitate. Ovviamente non tutte: più della metà di queste sono case vacanza, ma secondo i dati dell’Istat (gli ultimi sono risalenti al 2011) circa 2,7 milioni di case in tutto lo Stivale sono semplicemente vuote. Perché? Una delle cause più ricorrenti è la paura di concederla in affitto per poi ricadere nel problema dell’inquilino moroso. Stipulare un contratto d’affitto vuol dire avere un reddito fisso mensile da un immobile, ma complice anche la crisi, gli inquilini che non riescono a tener fede ai pagamenti sono aumentati. Si tratta certamente di un problema di grave emergenza sociale per tante persone che non riescono ad arrivare a fine mese e a cui le istituzioni dovrebbero dedicare più attenzione, tuttavia il danno sussiste anche dalla parte del locatore che dovrà comunque attivare una lunga e dispendiosa procedura di sfratto e continuare a pagare le tasse.
Per ovviare a ciò molti italiani si stanno muovendo diversamente e Assicurazione.it, in collaborazione con Facile.it, ha fatto il punto della situazione, rilevando un fenomeno sempre più diffuso: quello dell’affitto assicurato. In sostanza si stipula una polizza con una compagnia assicurativa specializzata per cui il proprietario dell’appartamento si mette al sicuro da eventuali morosità.
Si tratta di formule che prevedono un premio variabile tra l’1,4% e il 2,5% del canone annuo e, a seconda delle clausole, possono prevedere il rimborso fino a 12 mensilità in caso di inadempienze dei pagamenti, danni o spese condominiali non versate, fino alle spese legali sostenute per lo sfratto. Ipotizzando quindi un canone di 500 euro al mese, si pagherà una quota tra gli 84 e 150 euro all’anno. Ovviamente si tratta di stime che possono variare a seconda delle caratteristiche dell’immobile, del costo dell’affitto, delle garanzie date dall’inquilino, ma è un tipo di procedura che potrebbe dare benefici a tutti, non solo ai proprietari delle case. Spesso quando locatore e locatario decidono di accendere una polizza assicurativa, l’inquilino potrebbe decidere di offrire delle garanzie in cambio di uno sconto. Molti proprietari sono disponibili a percepire meno, pur di avere una rendita sicura.
Il problema delle case vuote è molto sentito non solo in Italia ma in tutta Europa dove mediamente una casa su sei è disabitata. Riuscire a rimettere sul mercato una parte di questi alloggi sarebbe un bel passo avanti per risolvere l’annoso problema della “emergenza abitativa”.
( http://www.metronews.it/ )

È una notizia falsa. Non c’è premio assicurativo (d’importo modesto) che possa coprire la morosità. Sono stati fatti tentativi senza successo. Le case sfitte in Europa, da anni stanno studiando come darle agli immigrati che stanno facendo entrare.

ALCUNI CONSIGLI PRATICI

  • Affittare solo a chi abbia intestato beni mobili e immobili IN ITALIA. In modo tale da potere agire per via legale col famoso pignoramento del quinto dello stipendio e fermo auto.
  • Pertanto, intestare il contratto d’affitto a più persone (es. una coppia, farlo firmare a entrambe) in modo che i beni di entrambi siano pignorabili in caso di morosità.
  • Farsi dare 4 o 5 mesi di cauzione che per legge non possono compensare la pigione ma sono un deterrente alla morosità. La giurisprudenza dice che il proprietario è tenuto a restituire la cauzione ma solo dopo che l’inquilino ha saldato il dovuto.
  • Includere le spese condominiali nell’affitto. Infatti, se l’inquilino non paga la sua quota, per legge, tocca al proprietario. Es. “canone di euro 500 mensili di cui 480 di affitto (soggetto a imposizione cedolare secca) + euro 20 mensili a fini di contributo forfettario spese condominiali”.
22 febbraio 2017

Byoblu, il re delle FAKE NEWS

Video allucinante basato sulla menzogna dei poteri occulti.
Lo Stato Islamico è (come suggerisce il nome) il tentativo degli angloamericani di unire i paesi musulmani in un super-stato americanizzato, esattamente come vogliono fare con la UE.
Il terrorismo islamico è una messa in scena come abbondantemente dimostrato dai video di Tommix e di altri.
Gli immigrati vengono trasbordati al di qua del Mediterraneo sotto la coperturae delle ONG e l’egida dell’ONU con l’aiuto della CIA e del Mossad (anche questo dimostrabile). Le storielle sui riscatti e sulle migliaia di euro che pagherebbero agli scafisti sono appunto storielle. Tolto il fatto che queste persone sono considerate carne da macello in primis da quelli che dicono di volerli aiutare. Esiste un problema di sfruttamento criminale dell’immigrazione ma è tollerato se non pungolato da chi ha interesse a rimpinzare l’Europa di “consumatori”.
Due soli esempi: in Veneto un controllore di un treno è stato condannato per avere fatto scendere dal convoglio (come di norma) un “migrante” privo di biglietto. Ciò per “avvertire” che sui mezzi pubblici gli immigrati non si toccano e ciò l’ho constatato di persona.
Il massone Tremonti (Aspen) col massone Berlusconi (P2) vararono il “patto di stabilità” che impedisce agli enti locali di spendere. Tuttavia, i comuni sono OBBLIGATI a sborsare in deroga al patto di stabilità solo ed esclusivamente per l’accoglienza agli immigrati. Ho scritto diverse volte, anche in un commento lasciato su Byoblu, che stessa legge Fornero è stata varata per trasferire risorse dai cittadini italiani alla rieducazione di milioni di clandestini terzomondiali. Ci costano oltre 1000 euro il mese (35 euro al giorno) quanto, in media, un pensionato nostrano. Tutto l’aumento delle tasse edei ticket sanitari serve a compensare il fatto che milioni di stranieri hanno diritti senza il dovere di contribuire.
Potrei continuare all’infinito per dimostrare che ciò che ho scritto è la pura verità. Fra l’altro, l’accelerazione sullo ius soli è avvenuta dopo il sisma che ha causato la tragedia del Rigopiano…
Il video pare indicare che anche Claudio Messora è un disinformatore non meno di quel Attivissimo, tanto caro alla Boldrini.
ADDENDUM ‘Il Pd per riconquistare la sinistra svende la cittadinanza ai migranti’ (Il Giornale) Vedete che la Casa Bianca ordina (a Renzi in California) di fare entrare milioni di africani e tenerli qui in quanto ‘italiani’ mantenuti a vita col reddito di cittadinanza ‘pentastellato’. Stanno già preparando la cancellazione dei popoli europei togliendo loro la lingua madre: http://www.pewglobal.org/2017/02/01/language-the-cornerstone-of-national-identity/#in-u-s-many-say-speaking-english-is-important-for-being-truly-american

16 febbraio 2017

Le FAKE NEWS sono… fake news

Mi fa ridere la polemica che sollazza qualcuno sulle “notizie false”. Si tratta dell’ennesimo “complottismo di facciata”. Le minacce di sanzioni da 5 mila euro?
Ma vogliamo scherzare, è tutto finto, una intimidazione per gli allocchi che ci cascano.
Spiego meglio con un esempio: poniamo che qualcuno scriva che la Boldrini è una trans brasiliana. Verosimilmente una notizia falsa.
Tuttavia, se un’autorità volesse comminare una sanzione per detta bufala, la cosa non potrebbe passare inosservata. Infatti, una multa è un atto pubblico che necessita di dispositivo e motivazione. E passibile di ricorso.
Ergo, dato che notizia uscirebbe, si verificherebbe un’esplosione di ricerche web sul fatto che sia vero o meno che la presidentessa della camera (che Dio la abbia in gloria) è una trans.
La sanzione a una “fake news” otterrebbe l’effetto opposto nel caso una notizia qualunque corrispondesse a verità. Esempio concerto: se Rosario Marcianò venisse multato per avere affermato che Valeria Solesin è viva, lui potrebbe chiedere l’esumazione del cadavere onde accertarne l’effettiva identità. Ciò richiamerebbe l’attenzione mediatica sui fatti di Parigi, cosa che nessuno vuole.
Pertanto, le polemiche sulle fake news mi sembrano, a loro volta, una bufala.
A me fa cadere le braccia che tanti (sedicenti) complottisti non lo capiscano.

fake-news

15 febbraio 2017

FAKE NEWS La bufala della Libertà

Bel video, un solo appunto sulla questione qui della meningite: le statistiche mediche, al pari di quelle sulla disoccupazione, PIL, criminalità, incidenti stradali, inquinamento, inflazione eccetera sono “aggiustate” (se non del tutto inventate) per gli scopi di disinformazione e orientamento della opinione pubblica. I numeri “ufficiali” sono, a loro volta, “notizie false”.
Poi, naturalmente, c’è il problema di fondo del non riconoscere l’afflato religioso dietro il NWO e le fake news, tutti i personaggi coinvolti nella cospirazione, alcuni menzionati nel video, sono massoni o satanisti che lavorano per nascondere e combattere Dio.

14 febbraio 2017

Trovato con l’erba a scuola: sedicenne si suicida buttandosi dal balcone

La tragedia è avvenuta nel primo pomeriggio a Lavagna, in provincia di Genova. Il ragazzo si è lanciato dal balcone di casa mentre nell’abitazione era in corso la perquisizione della Guardia di Finanza. In quel momento nell’abitazione era presente la madre.
Secondo quanto riportato dall’Ansa, il sedicenne, incensurato, si è buttato dal balcone dopo avere ammesso alla Guardia di Finanza di possedere 10 grammi di hashish. Il giovane aveva confessato ai militari di possedere il fumo a casa dopo essere stato fermato durante un controllo all’uscita del liceo.
Soccorso ancora in vita, il ragazzo è morto mentre stava per essere trasferito in elicottero al pronto soccorso del San Martino di Genova.
Proprio oggi avevamo pubblicato la lettera aperta di un professore scritta per criticare le modalità con le quali, sempre più spesso negli ultimi mesi, i controlli repressivi vengono condotti nelle scuole. Ora che il peggio si è compiuto, speriamo possa almeno servire per riflettere sulla questione. ( http://www.dolcevitaonline.it/ )

Notizia forse fabbricata. Siccome devono legalizzare le droghe onde incrementare i profitti delle multinazionali del tabacco, si scandalizzano per notizie quali questa. Basta andare a poche centinaia di km a est dall’italia che la droga nelle scuole non esiste. Nella ex Jugoslavia, ma anche Albania, Turchia (tanto per restare in “Europa”) nessun studente si sogna di andare a scuola per drogarsi anzichè imparare. Il consumo di droga è tipico dei paesi sottomessi agli USA. C’è la CIA dietro il traffico internazionale di stupefacenti. E tutti gli immigrati che Renzi e Grillo ci obbligano a tenere sui banchi di scuola, sono impiegati come pusher. Il Partito Radicale e oggi la sua reincarnazioni prima, il M5S, spingono per la legalizzazione delle droghe leggere e poi pesanti per trasformarci tipo Haiti. 40 anni fa i giornali erano zeppi di notizie manipolate sulle domme che morivano per aborto clandestino onde perorare la legalizzazione dell’aborto.
Ma, a questo punto, una precisazione va fatta. L’informazione oggi circola celermente. La colpa è dei genitori che invece di educare i loro figli, vanno a lavorare lasciando credere loro che la cosa giusta sono i soldi per lo sballo, le vacanze, il cellulare da 800 euro.
Alla fin fine, il “merito” non è tutto addossabile alla CIA.
PRECISAZIONE Il problema delle droghe non è tanto che facciamo male (più del tabacco e di vivere vicino a una arteria stradale molto trafficata). Il problema è l’assuefazione (dipendenza) che affligge molti soggetti che sono disposti a fare di tutto pur di procurarsi i soldi per lo spinello. Incluso rubare, picchiare o prostituirsi.
Vedete come i poteri occulti impiegano video “politicamente corretti” per perorare la causa “antiproibizionista”: i “risparmi”, gli “asili e ospedali”, “lotta all’evasione fiscale”.

Un jet CIA della tortura si schianta con 4 tonnellate di cocaina:
http://www.ariannaeditrice.it/articolo.php?id_articolo=15728

http://www.uccronline.it/2011/09/05/gli-stretti-rapporti-tra-marco-pannella-e-licio-gelli-leader-della-p2/

11 febbraio 2017

Il “terzo livello” di Matrix

Filmato preclao che illustra adeguatamente il funzionamento del sistema di controllo della popolazione.
Marcianò insiste sulla Boldrini e su Facebook avallando la cittadinanza digitale che ci stanno imponendo i poteri occulti.
Rosario Marcianò è, a sua volta, una pedina che distrae il popolino webdipendente.
Come scrissi io una dozzina d’anni fa ormai, la convergenza digitale intende instradare ogni dibattito su internet in modo da controllare tutto e tutti.
Chi l’ha deciso che bisogna parlare continuamente di Facebook?
Chi l’ha detto che bisogna parlare della Boldrini? Un’agente dell’ONU e inserita forzosamente nelle liste di SEL? Una che parla solo di gay, immigrati, islamici, al servizio dei banchieri e del progetto di super stato europeo multirazziale, anticristiano, americanizzato basato sull’euro e la precarietà assoluta.
Con questo video, Marcianò si dimostra ulteriormente un gatekeeper dei poteri occulti. E conferma, a mio avviso, che argomenti quali veganismo, scie chimiche, vaccini e terremoti sono forme di intrattenimento di “terzo livello”.
Il primo livello è la comunicazione ufficiale (Rai, Mediaset, Corriere, Repubblica, Sole 24 ore ecc). Il secondo livello è la falsa opposizione al governo in carica (M5S, Lega, sindacati, associazioni di categoria, ambientalisti di facciata, associazioni “equo-solidali” ecc).
Poi esiste un “terzo livello” formato dai Barnard, Marcianò, Mazzucco, Chiesa, Blondet secondo i quali gli attentati islamici in Europa sono reali, il riscaldamento globale pure e Draghi e i banchieri sono “brutti e cattivi”, però non si può uscire dall’euro poichè “è tutta colpa delle province”.
Anche le cosiddette “Fake News” sono a loro volta una messa in scena intanto che il piano del NWO avanza. Povero Marcianò, spero almeno abbia un tornaconto, la sua “bella convenienza” come si dice qua in Lombardia.
ADDENDUM Altro beota è Stefano Montanari, uno che crede di combattere le porcate contro Umanità rivolgendosi alle istituzioni ufficiali e ai premi Nobel (!) cioè esattamente coloro che stanno compiendo tali misfatti. Come se uno, volendo combattere la mafia in Sicilia, si rivolgesse ai capimafia! NESSUNO SCIENZIATO “FUORI DAL SISTEMA” VIENE INSIGNITO COL PREMIO NOBEL.
http://www.stefanomontanari.net/sito/blog/2962-sipario.html

9 febbraio 2017

La lettera di “Michele” è un falso?

di Michele

Ho cercato di essere una brava persona, ho commessi molti errori, ho fatto molti tentativi, ho cercato di darmi un senso e uno scopo usando le mie risorse, di fare del malessere un’arte.
Ma le domande non finiscono mai, e io di sentirne sono stufo. E sono stufo anche di pormene. Sono stufo di fare sforzi senza ottenere risultati, stufo di critiche, stufo di colloqui di lavoro come grafico inutili, stufo di sprecare sentimenti e desideri per l’altro genere (che evidentemente non ha bisogno di me), stufo di invidiare, stufo di chiedermi cosa si prova a vincere, di dover giustificare la mia esistenza senza averla determinata, stufo di dover rispondere alle aspettative di tutti senza aver mai visto soddisfatte le mie, stufo di fare buon viso a pessima sorte, di fingere interesse, di illudermi, di essere preso in giro, di essere messo da parte e di sentirmi dire che la sensibilità è una grande qualità.
Tutte balle. Se la sensibilità fosse davvero una grande qualità, sarebbe oggetto di ricerca. Non lo è mai stata e mai lo sarà, perché questa è la realtà sbagliata, è una dimensione dove conta la praticità che non premia i talenti, le alternative, sbeffeggia le ambizioni, insulta i sogni e qualunque cosa non si possa inquadrare nella cosiddetta normalità. Non la posso riconoscere come mia.
Da questa realtà non si può pretendere niente. Non si può pretendere un lavoro, non si può pretendere di essere amati, non si possono pretendere riconoscimenti, non si può pretendere di pretendere la sicurezza, non si può pretendere un ambiente stabile.
A quest’ultimo proposito, le cose per voi si metteranno talmente male che tra un po’ non potrete pretendere nemmeno cibo, elettricità o acqua corrente, ma ovviamente non è più un mio problema. Il futuro sarà un disastro a cui non voglio assistere, e nemmeno partecipare. Buona fortuna a chi se la sente di affrontarlo.
Non è assolutamente questo il mondo che mi doveva essere consegnato, e nessuno mi può costringere a continuare a farne parte. È un incubo di problemi, privo di identità, privo di garanzie, privo di punti di riferimento, e privo ormai anche di prospettive.
Non ci sono le condizioni per impormi, e io non ho i poteri o i mezzi per crearle. Non sono rappresentato da niente di ciò che vedo e non gli attribuisco nessun senso: io non c’entro nulla con tutto questo. Non posso passare la vita a combattere solo per sopravvivere, per avere lo spazio che sarebbe dovuto, o quello che spetta di diritto, cercando di cavare il meglio dal peggio che si sia mai visto per avere il minimo possibile. Io non me ne faccio niente del minimo, volevo il massimo, ma il massimo non è a mia disposizione.
Di no come risposta non si vive, di no si muore, e non c’è mai stato posto qui per ciò che volevo, quindi in realtà, non sono mai esistito. Io non ho tradito, io mi sento tradito, da un’epoca che si permette di accantonarmi, invece di accogliermi come sarebbe suo dovere fare.
Lo stato generale delle cose per me è inaccettabile, non intendo più farmene carico e penso che sia giusto che ogni tanto qualcuno ricordi a tutti che siamo liberi, che esiste l’alternativa al soffrire: smettere. Se vivere non può essere un piacere, allora non può nemmeno diventare un obbligo, e io l’ho dimostrato. Mi rendo conto di fare del male e di darvi un enorme dolore, ma la mia rabbia ormai è tale che se non faccio questo, finirà ancora peggio, e di altro odio non c’è davvero bisogno.
Sono entrato in questo mondo da persona libera, e da persona libera ne sono uscito, perché non mi piaceva nemmeno un po’. Basta con le ipocrisie.
Non mi faccio ricattare dal fatto che è l’unico possibile, io modello unico non funziona. Siete voi che fate i conti con me, non io con voi. Io sono un anticonformista, da sempre, e ho il diritto di dire ciò che penso, di fare la mia scelta, a qualsiasi costo. Non esiste niente che non si possa separare, la morte è solo lo strumento. Il libero arbitrio obbedisce all’individuo, non ai comodi degli altri.
Io lo so che questa cosa vi sembra una follia, ma non lo è. È solo delusione. Mi è passata la voglia: non qui e non ora. Non posso imporre la mia essenza, ma la mia assenza si, e il nulla assoluto è sempre meglio di un tutto dove non puoi essere felice facendo il tuo destino.
Perdonatemi, mamma e papà, se potete, ma ora sono di nuovo a casa. Sto bene.
Dentro di me non c’era caos. Dentro di me c’era ordine. Questa generazione si vendica di un furto, il furto della felicità. Chiedo scusa a tutti i miei amici. Non odiatemi. Grazie per i bei momenti insieme, siete tutti migliori di me. Questo non è un insulto alle mie origini, ma un’accusa di alto tradimento.

P.S. Complimenti al ministro Poletti. Lui sì che ci valorizza a noi stronzi.

Ho resistito finché ho potuto.

A me sembra palesemente un falso, è scritta troppo bene. Come le lettere dei “gay suicidi contro l’omofobia” o ” i migranti suicidi perchè non possono avere il wifi libero”.
Siccome i poteri occulti devono fare passare l’eutanasia e il “diritto al suicidio” si sono inventati robacce di questo tipo.
È una “fake news”, un’istigazione per psicolabili a farla finita. (Uno dei motti massonici è “ab Chao ordo”).

5 febbraio 2017

Homeschooling: come gli USA ci trasformano nel Kossovo

Non solo gli USA ci stanno tagliando di tutto per finanziare l’ingresso, il mantenimento e cura di milioni di negri, magrebini e indiani, Ma stanno smobilitando l’obbligo scolastico.
Questo video è una bufala in modo che gli immigrati non vadano nelle scuole riconosciute dallo stato italiano, si creino le loro scuole private etniche chiaramente a pagamento e in inglese. Anche gli italiani ad un certo punto si dovranno rivolgere agli istituì a pagamento, stile USA.
Se l’insegnamento parentale poteva essere sostenibile fino a qualche decennio fa, l’attuale crisi economica e la complessità del mondo moderno impedisce a dei genitori “normali” di crescere correttamente i propri figli da soli. A meno di non volere degli handicappati di fronte ai figli dei cinesi che in estate vanno a studiare in Cina dove le scuole sono serie e si insegna a stare in società (peraltro indispensabile in un paese popolato da un miliardo e mezzo di persone). Perquesti signori, basta che un bambino sappia usare internet, beva la Coca-Cola e guardi i filmoni di cassetta al cinema ed è già “”diplomato”.
Questi sono attori di Hollywood con la complicità di certi ambienti esoterici nostrani.
Che poi la scuola sia una fonte di indottrinamento, è ovvio, lo stato (come il diavolo) non fa mai niente per niente. Tuttavia, indottrinamento scolastico è preferibile e meno subliminale di quello effettuato da TV, radio o da internet.

2 febbraio 2017

Sondaggio: il 56% vuole l’uomo forte

fake-news

ROMA – Cresce la voglia dell’ ‘ uomo forte’ . Il 56 per cento degli italiani pensa infatti che “per salvare l’ Italia” ci vorrebbe una personalità dotata di “ampi poteri”. Lo dice un sondaggio della Directa, compiuto su un campione di 1000 persone rappresentativo della popolazione italiana, contattato telefonicamente. Contrari all’ idea dell’ intervento dell’ ‘ uomo forte’ si è invece pronunciato il 41,1 per cento degli intervistati, mentre il 2,6 per cento non ha risposto. Nel maggio ‘ 91, in un sondaggio svolto sempre dalla Directa, solo il 10,2 per cento si era espresso a favore dell’ ‘ uomo forte’ , mentre l’ 83,8% si era espresso contro, mentre il 6 per cento non aveva risposto. La Directa ha poi chiesto al campione chi avesse ragione fra Silvio Berlusconi e Saverio Borrelli, circa l’ opportunità di arrestare Paolo Berlusconi. Il 78,3 per cento ha dato ragione al procuratore di Milano, il 14,1 al leader di Forza Italia. (La Repubblica)

Numero inventato come tutti i sondaggi politici. Non sanno che pesci pigliare, non vogliono farci votare. Allora, come in America, cercano l’uomo forte, una “droga” più potente. Si parla di Mario Draghi per salvare la sbobba melensa costituita dal NWO. Stiamo attenti amici, in Italia l’ultima volta che abbiamo voluto l’uomo forte siamo finiti con gli scarponi di cartone sulle gelide rive del Don e con le pezze al culo. Okkio!


30 gennaio 2017

Terroristi della porta accanto Jihadismo in Italia: sarebbero 110 i “foreign fighers” presenti nel nostro Paese

Molti di loro utilizzano in modo efficace le nuove tecnologie informatiche, i social network e la comunicazione digitale. Metà sono di “seconda generazione” (Il Populista)

Notizia del tutto destituita di fondamento.
Isis (Iside) è una creazione dei poteri occulti per costringere il parlamento italiano ad approvare lo ius soli, le adozioni gay, droga libera, dare soldi alle banche e tenersi l’euro (una moneta unica fa comodo alle multinazionali).
Hanno finanziato personaggi schifosi quali Grillo, Boldrini, Renzi, Monti, Bergoglio, Librandi e Casaleggio per fare pressione sulla “casta” minacciandola di toglierle privilegi, se non approva tali cose.
Anche il terremoto del Centro Italia, per me, è stata una minaccia per farci aprire le frontiere più di quanto siano aperte ora.
ADDENDUM ‘Canada, spari nella moschea di Quebec City: sei morti. Arrestato studente franco-canadese’ (La Repubblica) Falsa notizia per esorcizzare il fatto che in Europa il piano di costruzione del super-stato anticristiano americanizzato sta vacillando.

Jihadismo in Italia: sarebbero 110 i

19 gennaio 2017

L’appello del Dj Fabo: ‘Presidente vorrei essere libero di morire’

Vedete si tratta di una foto di scena. Al pari degli attentati “islamici”, una sceneggiata per costringere l’Europa continentale a unirsi in nome della società “multiculturale”, McDonalds, Uber, Apple e tutto ciò che caratterizza l’americanizzazione.

Il video di Fabiano Antoniani a Mattarella sull’eutanasia”Sono sempre stato un ragazzo molto vivace. Un po’ ribelle, nella vita ho fatto di tutto. Ma la mia passione più grande è sempre stata la musica. Così divento Dj Fabo”. Inizia così l’appello di Fabiano Antoniani al Presidente Mattarella affinché intervenga sul fine vita. In seguito ad un grave incidente stradale Dj Fabo oggi è un ragazzo di 39 anni cieco e tetraplegico. (ANSA)

Come prevedibile, gli adoratori del tizio cornuto, dopo i registri delle unioni civili, partono alla carica con queste “notizie false” in favore dell’eutanasia. I fasulli lanci d’agenzia sulle “stragi di migranti” e del famoso bambini siriano Aylan, completamente inventata per costringere l’Europa ad accollarsi milioni di africani e arabi in funzione anticristiana.
Per non dire delle “fake news” secondo le quali legalizzare la marijuana incrementa il PIL, guarisce il cancro, diminuisce il debito pubblico e previene la comparsa della forfora sui capelli. Onde cancellare il reato d’immigrazione clandestina, oltre a imporci personaggi schifosi quali Kyenge e Balotelli, hanno assoldato gente come i grillini e parlamentari di tutti i partiti in cambio di 10 mila euro netti mensili e ogni tipo di privilegio.
Lo scopo è abrogare ogni legge civile mutuata dai 10 Comandamenti e dai Sacramenti. E badate, nessuna di queste cose verrebbe approvata da un referendum democratico a suffragio universale.
Nel frattempo, distruggono e distraggono la società con le 3V: vaccini, veganismo e vaucher.

15 gennaio 2017

Carrie Fisher e Rosario Marcianò vittime della sindrome aerotossica

Carrie FisherIl signor marcianò non perde occasione per scendere nell’arena del più squallido complottismo.
Tutti sanno che la morte dell’attrice è stata simulata. Al pari di quelle recenti di George Michael, David Bowie e molte altre. Da noi, noto il caso di Moana Pozzi anche se non di recente.
Queste persone, piene di soldi fino a scoppiare, fingono di dipartire per vivere una vita normale, almeno per il resto dei loro giorni. La attrice in questione dichiarò di avere vissuto in maniera traumatizzante la straripante notorietà derivatale dall’avere interpretato il ruolo della principessa Leila. Non poteva nemmeno andare in bagno in aeroporto senza venire additata a causa del fantastico successo della saga di Guerre Stellari.
Alcuni di queste morti sono state inscenate per a creare nuovo personaggi. È stato il caso di Bill Hicks reinventato come Alex Jones, il finto “truther”.
Marcianò, si svela anche in questo post come gatekeeper. Non meno di Attivissimo e Mazzucco, non esita a tirare in ballo il mondo del cinema che è, a sua volta, una arma di distrazione di massa al pari della TV. Mazzucco fa il complottista ma invita i suoi accoliti a guardare assiduamente la TV a caccia di “fake news”. Esponendoli al più grande mezzo di formazione di pubblica opinione e influenza psicologica che sia mai stato inventato. Mentre, un vero complottista dovrebbe avere gettato la TV fuori dalla finestra già da una decina d’anni.
Anche Luogocomune si sta velocemente rivelando un covo di cialtroni, celebrolesi e massoni travisati da paladini della verità. Esempio banale fra mille che si potrebbero fare. Mazzucco ha sempre indicato, per gli attentati di Oklahoma City e 11 settembre, le immani incongruenze nei fatti e la questione dei passaporti a riprova che si trattava di “fake news”. Gli identici rilievi si potrebbero muovere agli attentati “islamici” in Europa (dato che hanno la medesima matrice). Tuttavia, per il regista rintanatosi in Calabria, al pari del suo compagno di merende Giulietto Chiesa, gli attentati di Parigi, Bruxelles, Nizza e Berlino sarebbero assolutamente autentici. E la cura è senz’altro di rafforzare l’euro, la UE e finanziare col reddito di cittadinanza milioni di clandestini africani e arabi “altrimenti si arruolano nell’Isis”.
Nei giorni scorsi, ho ricevuto diversi messaggi di critica per la mia presa di posizione su Marcianò. A costoro rispondo che, prima di scrivermi, farebbero bene fare girare le rotelle del cervello anzichè mandarlo all’ammasso.
ADDENDUM Con questo, non voglio negare l’esistenza delle scie chimiche che ho visto e fotografato personalmente molte volte da casa mia.

23 settembre 2016

La figlia della ex ministra Fornero in pensione a 39 anni?

di Michel Martone.

Una carriera accademica perfetta e un profilo prestigioso quello della figlia del ministro. Nata nel 1974, Silvia Deaglio, a soli 24 anni è già laureata in medicina, dunque con ben quattro anni d’anticipo rispetto alla categoria degli sfigati elaborata dal sottosegretario
(La) Deaglio si è specializzata in oncologia nel 2002 e ottiene un dottorato in genetica umana nel 2006. Nel 2005, appena conseguito il Master e mentre svolge un dottorato in Italia, la giovane professoressa, ottiene un incarico presso il prestigioso Beth Israel Deaconess Medical Center di Harvard, il celebre college di Boston. Poi diventa responsabile della ricerca alla Hugef, una fondazione che si occupa di genetica. Alcune sue ricerche sono state finanziate dalla Compagnia di Sanpaolo, fondazione che è la prima azionista della banca Intesa Sanpaolo, di cui sua madre era vicepresidente.

Silvia Deaglio è tornata oggi all’attenzione dei media dopo la notizia su un suo pre-pensionamento: la Deaglio sarebbe in pensione dal 2013, e cioè alla giovanissima età di 39 anni. La notizia ovviamente non è stata presa molto bene dagli esodati e da tutte le vittime della controversa riforma della mamma.
Interrogata dai giornalisti la Deaglio ha risposto: “Il mio curriculum parla chiaro. E l’INPS anche”. ( http://ilgiornalenews.com/ )

A parte che mi sembra una notizia confezionata (“fake news”). Mi fa ridere la gente che s’incazza per una roba simile. A me non sembra di possedere un’intelligenza da genialoide. Dal 2005 sto in intenet e dal 2005 ripeto con ossessione maniacale che non bisogna dare soldi all’INPS.
In Italia, comanda la gente che non lavora, pure il sistema previdenziale serve, al pari del resto, per togliere soldi agli scemi che glieli danno a finanziare i parassiti: vedi pensioni-baby, vitalizi dei parlamentari, sindacalisti, falsi invalidi del Sud eccetera. Tutte categorie che GUARDACASO, NON SONO STATE TOCCATE DALLA RIFORMA FORNERO. Hanno solo allungato l’età pensionabile di chi i contributi li ha veramente versati. Non hanno toccato NULLA dei privilegi di casta, a partire dai magistrati, diplomatici e dipendenti di camera, senato e quirinale.
Suvvia, se ‘ste cose le avevo capite io 20 anni fa e scritte in rete da oltre 10 anni, ci potevano arrivare anche gli idioti che oggi s’incazzano! Non c’è mica bisogno d’essere quel gran genio della figlia della Fornero.

La FIGLIA DELLA EX MINISTRA FORNERO IN PENSIONE a 39 ANNI…TUTTI DEVONO SAPERE! - IlGiornaleNews.com

1 agosto 2016

Le strade lastricate di notizie fasulle dai seguaci di Iside

https://lh3.googleusercontent.com/-giTbfZ46t7I/V58l9bBwhdI/AAAAAAABEjM/HB_PIykrOCEPfuJdUlK9Xmg3fe8668-sg/w426-h273/PST_IMG_COD_579f25de55d4c.JPG.jpg
Notizia completamente inventata. A Milano hanno bisogno di costruire moschee e attivare feste islamiche nelle scuole pubbliche come auspicato dall’arcivescovo babilonico Scola. Berlusconi  (P2) ha fatto perdere Salvini nella sua città presentato un impresentabile c come Parisi. Neanche milanese. Hanno fatto eleggere la finta musulmana in consiglio comunale regalandone preferenze inesistenti. Una che appartiene ai Fratelli Musulmani, una massona ne più ne meno della Boldrini.
L’odoro di zolfo trapela da ogni poro ormai.
D’altronde, anche sul Duomo bene mimetizzata, un suo posticino l’ha anche una statuetta di Iside (Isis) divinità femminile dei massoni. Si da molto da fare, anche se non brilla “de luntan”.
Devo avere già raccontato questo episodio. Anni fa, ero a Venezia con amiche e ci fermammo a pranzo in pizzeria. Una delle miriadi fra le calli. Notai che nel menù v’era elencata una “pizza Lucifero”. Mi voltai e vidi sull’altro lato della piazzetta su cui s’affacciava la pizzeria un tempio massonico e casa massonica che dir si voglia. Ecco spiegato la “presenza” nel menù.
Il machete è lo status symbol del “profugo” alla moda. Ci hanno fatto un filma. E’ un coltellaccio impiegato per tagliare la canna da zucchero in Centro America. ‘Terzo blogger ateo ucciso a colpi di machete in Bangladesh’,’Germania, uccide donna incinta e ferisce altre due persone con machete. “Killer è un giovane siriano richiedente asilo”.
Sembra che sia esiziale per le “donne incinte” e i “blogger atei”, categoria platonica.
Se volete diventare terroristi di Serie A (mi raccomando seguite il calcio!) dovete assolutamente procurarvi un machete degno di rispetto!
Ormai gli “sporcaccioni” non si vergognano più di niente, nemmeno di propinarci notizie talmente assurde come quella pubblicata da un organi di stampa altrettanto inverosimili quali Il Giornale.
La notizia si riferisce a Venezia ma tutto il mondo è paese, o no?
Fra l’altro, Venezia è stata teatro della messa in scena del “funerale laico con tre religioni” di Valeria Solesin. Probabilmente, una donna mai esistita, un carattere fittizio creato per “unire l’Europa”.
Meditano la rivincita contro Dio.
Ma cosa possiamo farci. Loro controllano il popolo bue attraevo i media, il “lavoro”, le “ferie”, la droga, le sigarette, il superenalotto, il calcio. La gente comune non riesce a capire neanche ciò che legge sul menù al ristorante!

22 aprile 2016

Il giochetto sporco dei sondaggi immaginari

Fonte: http://offskies.blogspot.it/Renzi trivellato dal referendum.
Nell’ultima settimana il Pd passa dal 33,1% al 31,8% (-1,3%). E il 47% degli intervistati ritiene il premier più debole.
Nonostante Renzi esulti, la realtà è che il referendum sulle trivelle non gli ha portato consensi elettorali.
Anzi. Secondo le intenzioni di voto dell’Istituto Ixè, in esclusiva per Agorà (Rai3), nell’ultima settimana il Pd passa dal 33,1% al 31,8% (-1,3%) mentre il Movimento 5 Stelle sale dal 25,4% al 26,3%, guadagnando lo 0,9%. Crescono anche la Lega Nord al 14,4% (+0,6%) e Forza Italia al 10,4% (+0,5%). Se si votasse oggi, l’affluenza sarebbe al 60%. (Il Giornale)

La sarabanda dei sondaggi completamente inventati si mostra sempre più chiara.
Quattro anni fa scrissi che i media italiani avevano ricevuto l’ordine dal Dipartimento di Stato  di creare la falsa dicotomia Renzi-Grillo. Se notate, quando sale uno, scende l’altro e viceversa.
Il Giornale (di Berlusconi che mantiene Alfano e Verdini nel governo a tutela dei propri interessi) appoggia il presidente del consiglio fuorviando i suoi lettori: fa credere che solo il 47% degli italiani sia insoddisfatto di Renzi. La percentuale effettiva, a naso, direi che è dal 65 al 75 per cento. Considerato che il pentolaio fiorentino ormai è inviso anche a molta sinistra (almeno quella degna di questo nome).
Il quotidiano di Forza Italia puntella l’esecutivo.
Vedete che è tutto fasullo, allo scopo di salvare l’euro e il progetto criminale di super-stato continentale. Sì, perchè con l’appoggio del M5S in Italia, gli angloamericani si apprestano a fare uscire “democraticamente” la Gran Bretagna dalla UE. Lo scrissi a poche ore dall’annuncio della bizzarra alleanza UKIP-M5S.
Ma in Italia, il terzetto Renzi-Grillo-Berlusconi ha un cruccio grande. Approvare il referendum costituzionale che, come si sa, non ha quorum.
Nella recentissima consultazione sulle “trivelle”, Berlusconi e Grillo hanno finto di essere contro Renzi perchè, piazzato da solo con enorme dispendio di denari, sapevano benissimo che il quorun non sarebbe stato raggiunto.
Se nel referendum costituzionale, credo fissato a ottobre, Forza Italia, M5S e Lega si schierassero contro le “riforme” renziane non passerebbero.
Secondo me, ve l’ho già scritto pure, a Washington stanno cercando un escamotage, “ravanando” nella nostra costituzione, per fare approvare le modifiche costituzionali senza la consultazione popolare. Magari invocando che “nei sondaggi” per la maggioranza degli italiani il “sì” vincerebbe.
Lo avevo detto nel 2010 quando il duo comico Grillo-Casaleggio aveva lanciato l’idea dei sondaggi online “per risparmiare”. Vogliono abrogare completamente la democrazia diretta rimpiazzandola coi sondaggi d’opinione manipolabili a piacimento.
In fondo fanno bene, il volgo, istupidito dalla TV, è disposto a credere ai sondaggi.