Archive for ‘Nuova cronologia storica’

11 maggio 2021

Guerra contro Tartaria

56 Tartaria ideas | ancient maps, star fort, history

Le guerre, tutte quante, sono generate per distruggere gli antichi edifici che provano l’esistenza di una civiltà avanzatissima esistita sulla faccia della terra. E ciò non in un periodo remotissimo appartenente al mito bensì pochi secoli or sono. Caratteristica dell’architettura tartara sono le cupole, talora gigantesche, che oggigiorno non si è in grado di riprodurre, se non utilizzando tecnologie edili molto sofisticate.

3 maggio 2021

I Fatti degli Apostoli

Sezione degli “Atti degli Apostoli” nella Bibbia Diodati del 1607.

All’inizio, pensavo si trattasse di un errore di stampa o di una manomissione. Invece, era così. Nelle prime stesure della Bibbia gli “atti degli apostoli” si chiamavano “fatti” e non “atti”.
Pare quasi uno scherzo. Non ne avevo mai sentito parlare di questo cambiamento.
Versetti nei testi sacri sono stati nel tempo alterati, modificati, cancellati o persino aggiunti come nel caso delle “sorelle” di Cristo che non compaiono nella Diodati originale, la prima edizione della Bibbia in italiano.
Se le scritture sacre le scopriamo inattendibili, che dire dei testi antichi “laici”.
Ci sono fonti che citano perfino mese e giorno di nascita e morte di famosi personaggi, scrittori e filosofi, imperatori e condottieri presumibilmente vissuti 25 e 30 secoli fa. Non bisogna scordare, inoltre, che anticamente i calendari erano molto differenti dall’attuale. Come sono riusciti a correlare correttamente le date?
Ma come sarebbero pervenute a noi notizie così dettagliare mentre, fino a un paio di secoli fa, non c’era trascrizione certa di morti e nascite. La mole di dati statistici che si sono accumulati sugli antichi romani e greci dove si sarebbero conservati per duemila anni?!?
Qualcuno si è mai posto questa domanda?

28 aprile 2021

Forma della Terra: il bugiardo Barbero

Non credo di avere mai sentito tante fesserie assortite. Questo signore è un bugiardo patentato e andrebbe denunciato per calunnia. Tutti sanno che fino all’imposizione della scuola dell’obbligo, cogli stati nazionali, quasi nessuno credeva che la Terra fosse sferica. Tanto meno sant’Agostino. La Bibbia dice che la Terra è piatta e ferma e, fino a cento anni fa, in molte scuole, non soltanto religiose, il modello eliocentrico era una “teoria”. Altro che dire che nell’antichità e nel Medioevo tutti sapevano che la Terra è sferica. Solo lo dicevano, evidentemente, i “padroni del discorso” lo sostenevano i quali, allora come oggi, erano al soldo del padre della menzogna.

26 aprile 2021

La datazione medievale della Sindone è corretta

ATTUALITA - NAZARETH FdD il Blog

Mi piacerebbe qualcuno lo dicesse al prof. Giulio Fanti. La chiave del mistero della sacra Sindone sta in una interpretazione cronologica diversa da quella comunemente accettata. Fanti insegna all’Università di Padova. Sul frontespizio di un libro di architettura stampato a Padova nel “1607” da Pietro Bertelli …



… si legge chiaramente “i607” con la i che era l’iniziale di Iesus. Qui minuscola per cui inconfondibile con la cifra “1”. Indicava il tipo di calendario sicché si potesse capire di che cronologia si trattasse poiché, all’epoca, erano in voga diversi calendari a seconda del regno e del suo orientamento religioso. Una delle innumerevoli testimonianze d’archivio che non siamo a 2 mila anni dalla nascita del Cristo ma solo a poco più di mille. Quindi, il “mille e non più mille” è ancora valido!

24 aprile 2021

Sull’esistenza di Eratostene, un semplice ragionamento

Ieri, nella diretta colla “Superlega”, ho ribadito che di Eratostene non c’è traccia nei testi scolastici antecedenti il 1980. Mi viene in mente che poco prima era stato realizzato il programma TV Cosmos di Carl Sagan in cui si parla dell’esperimento di Eratostene. Un amico me l’ha fatto notare, rimproverandomi, il fatto che c’è abbondanza di prove che Eratostene sarebbe esistito.
Occorre precisare due fatti.
Se Eratostene, col suo famoso esperimento sulla forma della Terra, è davvero esistito come mai non c’è traccia di lui nei vecchi libri. Nei nuovi libri si dice che c’è traccia di lui nei vecchi libri ma se uno va a sfogliare i testi autenticamente antichi…

https://en.wikipedia.org/wiki/Eratosthenes

Sopra l’articolo su Eratostene nella Wikipedia in inglese ed è la seconda cosa. Ora, non trovaste strano che di un personaggio vissuto 2400 aini fa ci sia una simile massa di note biografiche, semmai più dettagliate, di personaggi vissuti un secolo fa come Einstein, Hitler o Mussolini?
Ala distruzione della biblioteca di Alessandria d’Egitto, alla caduta dell’impero romano, alle invasioni barbariche e al buio del Medioevo, sarebbero pervenute a noi più note biografiche su di lui che su di un personaggio famoso vissuto al tempo della radio o, perfino, della televisione.
Qualcheduno si è mai posto il problema della veridicità di tutte le biografie di tanti personaggi antichi? Ammesso siano mai esistiti.
Come e dove sono sopravvissuti i documenti che ne ricostruiscono la vita a distanza di 24 secoli?
Se cercate in soffitta, quasi di certo ritrovate vecchi libri e giornali di 30 o 40 anni fa. Essi sono già ingialliti, rovinati, ammuffiti se non mangiati da qualche animale.
Come possono essere sopravvissuti certi documenti a pestilenze, rivoluzioni, catastrofi naturali, furti, incendi per 50 generazioni?
Giova ricordare, infatti, che il papiro, tipico supporto di conservazione degli scritti classici, è soggetto a un notevole numero di minacce alla sua integrità che lo distrugge in breve tempo, se non vigilato con cura:

https://en.wikipedia.org/wiki/Conservation_and_restoration_of_papyrus#Threats

Biglino parla dei giganti:



22 aprile 2021

La grande tribolazione

Dott. Roberto Slaviero

21.04.21

Il circo governativo e mediatico continua il suo corso incessantemente.

Due esempi di dissonanza cognitiva, per distorcere le menti delle persone :

– se torni in Italia con tampone negativo, devi comunque fare una quarantena di 5 giorni

– anche se stai dietro al plexiglas, devi usare la maschera

La logica normale, direbbe che esistono le due possibilità e quindi od usi la maschera o stai dietro il plexiglas e se sei negativo …sei negativo e basta !

Non si fidano forse delle loro stramaledette tamponature ??

Ma veniamo alla novità del greenpass ;

parrebbe che i vaccinati ricevano un certificato valevole…..per l’ eternità forse , sono diventate persone libere per sempre ??

E NO miei cari , il certificato varrà per 6 mesi !!

Ve l’ avevano già detto ;

per il problema varianti, ogni 6 mesi vi beccate la punturina salvifica.

La nuova vitamina del futuro , 

la vitamina del controllo tecnologico transumanista.

Sarò curioso di vedere , se alcune persone , che speravano nella libertà di spostamenti post vaccino , si incazzeranno 

o meno .

Forse no, la lobotomia frontale sta raggiungendo il suo culmine.

Stanno mantenendo il parametro di 250 positivi su 100mila , per far scattare la zona rossa :

ovvero lo 0,25 % .

Una follia assoluta dal punto di vista epidemiologico.

Se ricercassero le positività per stafilococchi , streptococchi , escherichia coli o rotavirus,etc, 

le % sarebbero molto più alte , ma che gliene frega a loro !!

Speravate di liberarvi dal loro giogo , ma chi lo ha creduto si dovrà ricredere :

sono una banda di criminali, ottimamente organizzata a livello planetario e l’ unica via d’ uscita da questa guerra, sarà solo una catastrofe geologico-ambientale o militare.

Per chi spera in una redenzione dei malvagi o in una ribellione della popolazione, almeno in Italia, si sbaglia di grosso.

Adesso mollano un po’ le briglia per l’ entrante estate e poi richiuderanno tutto in autunno-inverno.

In effetti, nel prossimo autunno potrebbero accadere,dipendendo anche dalla situazione climatica, diverse spiacevole sorprese :

quali ??

– i veicoli chimici, con i quali viene inoculato il mRna , sono

“lipidi cationici nanometrici”

Tali sostanze , che l’ organismo cercherà di metabolizzare , pare entro 4 o 6 o più mesi , sono potenzialmente, potenti agenti infiammatori e vari organi potrebbero venirne interessati.

– varianti virali da vaccino

Le sequenze virali iniettate , potrebbero creare nel corpo, delle forme virali tossiche , interagendo con i nostri esosomi , 

https://www.pianetachimica.it/mol_mese/mol_mese_2007/02_Esosomi/Esosomi_1.htm

e potrebbero innescare delle reazioni di contagiosità assai elevata , tipo bombe ad orologeria che possono di colpo esplodere e difficilmente curabili.

– malattie autoimmuni a medio-lungo termine , da qualche mese a pochi anni.

Un quadro non molto esaltante !!

Hanno ormai innescato una reazione a catena , di difficile ritorno.

Come una fuga radioattiva , 

fatto il danno……

Il tempo, da un anno a sta parte sembra inchiodato , il disco saltella ripetitivo e non scorre fluido.

Ma la situazione in generale è esplosiva, sia per gli enormi cambiamenti e frodi a livello politico in occidente , sia per il totale scollamento dei mercati finanziari speculativi, dalla reale realtà finanziaria.

Pensare ad esempio, che la capitalizzazione delle azioni Tesla sia credo, 6 volte la Toyota , con una vendita di circa 1 / 16 della Toyota , 

la dice lunga sulle schifezze e riciclaggio di denaro dei mercati finanziari.

Non parliamo poi del disastro sociale emotivo e degli abusi nelle scuole sui bambini tra maschere e tamponi.

A livello militare,in Ucraina , la situazione militare potrebbe precipitare da un momento all’ altro , cosi come a Taiwan o tra Grecia e Turchia e nel solito Medio Oriente senza pace.

Una miccia qualsiasi , geologica , ambientale, militare 

o finanziaria , creerà un botto enorme .

Consiglierei vivamente di non stuzzicare troppo l’ orso Russo , ci hanno già provato Napoleone ed Hitler, con risultati disastrosi.

A livello geologico, sta succedendo qualcosa di importante sulla dorsale del mare adriatico , con continui terremoti anche tra le sponde slave ed italiane

http://terremoti.ingv.it/

Un ricercatore croato , la sera prima , aveva avvisato la popolazione della zona di Petrinja , sulla possibile scossa del dicembre scorso.

Mi pare che la polizia lo abbia poi arrestato , per……procurato allarme.

Il sistema non ammette che ricercatori liberi facciano previsioni , basate, a loro dire

su formule magiche non scientifiche ;

vi ricordate il ricercatore abruzzese , anch’ egli denunciato dopo avere avvisato la popolazione ??

Il sistema dittatoriale, non permette libertà di ricerca e pensiero e questo va a danno dei suoi cittadini ;

non lo permette, perché basato su menzogne ed interessi di parte.

Comunque siamo prossimi ad un’ implosione del sistema , il vaso è traboccato.

Il governo italiano ha ordinato una marea di container per campi di emergenza…….e NON credo per i non vaccinati , come qualcuno vocifera.

Ci stiamo preparando a eventi catastrofici geologici o militari 

o a rivolte sociali , 

o ad arresti di massa , speriamo magari dei criminali che gestiscono l’ operazione Covid19 

invece dei dissidenti ??

Lo vedremo entro pochi mesi o poche settimane.

La grande tribolazione è comunque in arrivo ed è bene prepararvisi.

In queste ore a Berlino oltre 10mila persone sono nelle strade senza maschere, per protestare contro una legge parlamentare di emergenza sanitaria , che ti può chiudere in casa o in carcere quando vogliono i lor signori…….il nazismo e la gestapo esiste ancora in mezza Europa ,cosi come il bolscevismo, lo stiamo vivendo ora.

Spioni e delatori pullulano !!

L’ ora dello spurgo è arrivata e lo spurgo come dall’ inizio dei tempi sarà violento ;

il vento non soffierà 

a 30 km /ora …….

L’ intelletto umano, ha bisogno nuovamente di una scossa mortale per riprendersi dall’ oblio , almeno in Occidente.

Stavo seguendo poche ore fa, la seduta del Parlamento austriaco , nella quale un deputato ha fatto conoscere i dati ufficiali del Ema sui morti da vaccino fino al 2 aprile , che sono oltre 6000 , nonché le varie trombosi , paralisi , infarti etc…..procurati

e diceva :

non penserete mica di renderlo obbligatorio ??

E in Italia ??

Non entrerai nei ristoranti e musei senza pass vaccinale ??

E i sifilitici , gli streptococcici , gli stafilococcici, i diarreotici da rotavirus ed escherichia coli , nonché gli alitanti sgradevoli con gastrite cronica o i puzzolenti da aglio e gli scoreggiatori accaniti ??

Se sono vaccinati ben vengano…..

Non c’ è più nessuna buona semente nei crani dei nostri governanti !!

Tribolazione …..please

ARRIVA QUANTO PRIMA !!

Ah….dimenticavo

ci hanno probabilmente fregato 

anche sugli anni della Storia dei tempi dopo Cristo.

Vedetevi il piccolo video della Piazza dos Restauradores di Lisbona .

Al secondo 30, fermate il video e prendete una lente di ingrandimento e guardate l’ anno.

La prima cifra 1 è quasi la metà , in grandezza , delle altre 3 cifre,

un 1 un po’ strano, che potrebbe sembrare una i , senza punto chiaramente , di Iesus….

Se cosi fosse il 1665 diventerebbe Iesus anno 665

https://www.youtube.com/watch?v=xcCFQCzAsDU

Farneticazioni ??

Forse quell’ 1 e’ fatto cosi piccolo per una vena artistica, senza la base e la puntina calante verso sinistra , tipici dell’ 1 ??

Su quell’ obelisco ci può stare , anche perché i caratteri e le scritte sono recenti…..ma magari un piccolo messaggio in stile massonico ??

Io l’ ho visto molto recentemente di persona e vi assicuro che la prima impressione è quella , 

se vuoi pensare con i neuroni e non con i ..oglioni.

Ma guarda e passa….

Ma vi fidate ancora di questi usurpatori del pianeta , di questi distruttori e portatori di schiavitù e morte ??

Ho ascoltato recentemente su una radio, una sputtanata pseudoscientifica sulla Sacra Sindone , che viene infatti datata nel Medioevo e non 2000 anni fa…quindi circa 1000 anni fa.

Anche qui dissonanza cognitiva…Gesu’ e’ stato crocefisso 2000 anni fa, ma il Sudario è di circa 1000 anni fa.

Jesus sta proprio sulle palle ai molti indemoniati che calpestano il pianeta e ai loro suggeritori invisibili.

Avevo comunque scritto un articolo circa 6 anni fa al riguardo

https://olisticoaltapusteria.com/articolo.php?dimrelaeo5tgerg

…….

“CAPITOLO SACRA SINDONE
In ultimo vorrei portare alla conoscenza di molti, penso, alcuni studi fatti nello scorso secolo sulla SACRA SINDONE, che è nel frattempo in ostentazione al pubblico a Torino.
Sacra Sindone donata dalla Casa Savoia, legittima proprietaria, al Vaticano su richiesta di Papa Woityla non molti anni orsono”…….continua

Al tempo pensavo più ad una copertura per una “ finta morte “ del Messia , ovvero una sua Resurrezione dopo una morte apparente, un miracolo in ogni caso ( spero sempre sia andata cosi ); 

ma Sindone e qualche centinaio di anni inventati da zero per raccontarci molte frottole, per stregarci le menti, e per mettere in dubbio soprattutto la Messianità Cristica, può benissimo far parte di questo piano diabolico.

Il nostro 2020 corrisponde in fondo al 5780 anno ebraico….

Tutto si può manipolare !

Bene direi…..

Il teatro continui pure e non perdetevi quindi il Tg serale e la numerologia coronica !!

Potrebbero essere gli ultimi Tg dell’ Era…….covidiana !!

Allegria , allegria ,allegria

come diceva il grande Mike !!

E ogni tanto date un occhio al cielo…di notte meglio e magari potreste vedere la Stella cometa o i suoi resti pulviscolari…..si insomma dai…. quella storia di Betlemme e dei Magi !!

Non serve il telescopio Hubble, serve il vostro lumicino animico spirituale , se l’ avete ancora !!

Auguroni ( https://olisticoaltapusteria.com/articolo.php?lagrandetribolazione )

21 aprile 2021

Non esiste il vaccino contro un castigo di Dio

Ci sono stranezze sbalorditive dietro l’epidemia di coronavirus. Di fatto, non esiste alcuna cura realmente efficace. Il rapporto fra contagiati e deceduti è super giù uguale sin dal primo giorno della “pan-demia” (demone Pan). Non si spiega il alcun modo la variabilità delle “ondate” in paesi dalla struttura economica simile. Ad esempio, in Gran Bretagna, USA e Francia, ci sono violente ondate alternate a periodi di contagiosità molto bassa. In altri casi, ad esempio Germania e Russia, l’epidemia avanza gradualmente senza “picchi”.
C’è poi il fattore razziale. In America e Inghilterra, i non bianchi sono molto più colpiti dal virus mentre in Italia, su oltre 100 mila decessi, praticamente non risultano stranieri morti di coronavirus, la qual cosa è statisticamente impossibile per un’epidemia naturale.
Inoltre, c’è l’enormità della panzana del “paziente 0” e “paziente 1” del febbraio 2020. Tutti sanno che il virus era presente in Italia nell’autunno 2019 già con il fenomeno delle “polmoniti interstiziali”. Quindi, non è arrivati dalla Cina via Germania attraverso “imprenditrici cinesi” e via discorrendo.
Un’altra balla che hanno tirato fuori è quella delle “varianti” per giustificare il fatto che il vaccino non funziona.
La seguente è una delle tante bufale che stanno inventando per giustificare la morte delle persone anche ben vaccinate:

Coronavirus Variant Affects Vaccinated People 8 Times More Than Unvaccinated: Study From Tel Aviv University (La variante del coronavirus colpisce le persone vaccinate 8 volte più che non vaccinate: studio dell’Università di Tel Aviv)

In a study, Tel Aviv University found that a South African variant of the Coronavirus affects vaccinated people 8 times more than those who are unvaccinated. (In uno studio, l’Università di Tel Aviv ha scoperto che una variante sudafricana del Coronavirus colpisce le persone vaccinate 8 volte di più rispetto a quelle non vaccinate). ( https://greatgameindia.com/coronavirus-affects-vaccinated-more/ )

I poteri occulti lo sapevano in autunno ed hanno escogitato la storiella di Wuhan (prendendola dal libro di Dean Koontz). A proposito di Cina, stante la dittatura assoluta vigente, non sappiamo quale sia la portata dell’infezione in quel paese in cui, per tradizione, la vita dei singoli è soggetta all’interesse nazionale.
Ciò che avviene è che è il farmaco iniettato che sta mietendo vittime e le conseguenti autopsie sembrano la copia carbone una dell’altra attestando immancabilmente che “il vaccino non c’entra”.
Altra bufala è la seguente, attuata sempre a giustificare l’assenza di efficacia di un qualunque vaccino:

https://www.francescocappello.com/2021/04/18/la-campagna-vaccinale-di-massa-crea-le-condizioni-per-la-sua-riproposizione-ciclica-impedendo-lendemizzazione-dellepidemia/

A mio modesto avviso, la pandemia è l’inizio della tribolazione biblica a cui il mondo è assoggettato nei tempi finali prima del ritorno del Messia, a mille anni esatti dalla sua dipartita in forma fisica.

PS Il covid c’era già nel 2018:

https://www.ilgiorno.it/brescia/cronaca/polmonite-1.4339539

10 aprile 2021

Dal “grande reset” alla terza guerra mondiale

Il “grande riassetto” mentale è già avvenuto con la scoperta del grande inganno del modello eliocentrico. La Terra è piatta e stazionaria. Non esistono i buchi neri, le galassie infinite, gli anni luce e nemmeno Luna e pianeti del sistema solare sono oggetti solidi sui quali prodi astronauti possono camminare.
Da ciò, tutto il castello di carte diabolico sta crollando: l’evoluzione è una teoria come la relatività e la Storia è una grassa bugia.
Nonostante la censura sempre più forsennata in quel “villaggio globale” che è internet (come profetizzato da McLuhan) e l’invenzione delle “fake news”, la verità non potrà essere tenuta nascosta a lungo.
Scrissi già tre o quattro anni fa che pur di nascondere che la Terra è piana, e il conseguente collasso del sistema educativo “globale”, gli adoratori del tizio cornuto ora sono disposti e scatenare una terza guerra mondiale.
Dopo la piaga biblica della pandemia, essi stanno accelerando i tempi. Biden è stato fato eleggere allo scopo (anche con dei brogli elettorali, probabilmente).
Avete visto che in Medio Oriente la macchina infernale del conflitto permanete è ripartita in quarta. Biden vuole solleticare la Russia sulla questione Ucraina e della Crimea per trovare l’appiglio per un conflitto totale che sia il pretesto per chiudere la rete. Forse, dico forse, l’unico sistema rimasto al Potere per salvare Copernico, Einstein, Darwin e tutti gli altri geni del male di cui Satana si è servito per architettare il Sommo Imbroglio: screditare l’esistenza di Dio e la veridicità della Bibbia negandone i principi più facilmente verificabili ossia la forma della creazione.
Quando avverrà ciò?
Ho detto che il tempo stringe. Probabilmente già dal 2023 il mondo sarà avvolto da una guerra di tutti contro tutti. Senza armi atomiche poiché esse non esistono. Significa, però, che il ritorno del Messia è vicino a mille anni dalla sua dipartita in carne ed ossa.
Non ci resta che attendere lo svolgimento degli eventi. E pregare.

3 aprile 2021

Un secondo canale di Suez in Israele a colpi di bombe atomiche

https://i.insider.com/605c6c0d106eb50019d05822?width=1000&format=jpeg&auto=webp
Studio americano per un secondo canale che unisca il mar Rosso al mar Mediterraneo.

Nei giorni scorsi è tornato in auge il canale di Suez per via dell’incagliamento della nave portacontainers Ever Given dell’armatore giapponese Evergreen.
Gli Stati Uniti avevano preso in considerazione una proposta di utilizzare 520 bombe nucleari per ritagliarsi un’alternativa al canale di Suez attraverso Israele negli anni ’60, secondo un memorandum. Il piano non è mai stato realizzato, ma avere una via d’acqua alternativa alla via egiziana avrebbe potuto essere utile oggi, con una nave da carico bloccata nella strettoia. Secondo il memorandum del 1963, che è stato declassificato nel 1996, il piano si sarebbe basato su 520 bombe nucleari per realizzare il corso d’acqua. Il promemoria prevedeva “l’uso di esplosivi nucleari per lo scavo del canale del mar Morto attraverso il deserto del Negev“.
Naturalmente di tratta di una bufala. Sì, perché non solo le armi nucleari non esistono, sono una delle tante beffe dei poteri occulti al pari del carburante avio.
Anche il canale di Suez non è stato aperto nel 1869 bensì riaperto in quanto dragato e dissepolto. Fu rinvenuto semi-interrato dalle spedizioni napoleoniche in Egitto il cui scopo era di celare e distruggere le rovine dell’impero dei giganti. Il canale di Suez, al pari del canale di Panama, sono grandi opere tutt’oggi irrealizzabili (come il ponte di Messina), risalgono a migliaia di anni fa. Sono opera di giganti. Fu probabilmente un faraone egiziano a costruirlo. I cosiddetti antichi egizi erano, con tutta probabilità, una delle tribù di nephilim menzionate nella Bibbia. Lo prova semplicemente il fatto che tutte le costruzioni attribuite all’antico Egitto sono megalitiche e di proporzioni, nota caso, “gigantesche”.
Che a scavare il canale di Suez furono i faraoni lo scrive la stessa Wikipedia:

https://it.wikipedia.org/wiki/Canale_di_Suez#Antichit%C3%A0


La prova che il canale di Suez è assai vecchio è che in mappe rinascimentali viene riportato assieme al canale di Panama: (Buona Pasqua!)

https://nypost.com/wp-content/uploads/sites/2/2021/03/suez-satellite-36.jpg?quality=90&strip=all&w=1024
2 aprile 2021

Santa Sindone: manca l’ultimo tassello dell’indagine

Per la Sindone un’ostensione su social e tv in mondovisione

La preghiera straordinaria è prevista per il Sabato Santo 

TORINO. Una preghiera davanti alla Sindone nel Sabato Santo, una nuova Ostensione televisiva e social dopo quella di un anno fa, allo scoppio della pandemia, come segno di speranza in un tempo che resta difficile e bisognoso di conforto spirituale, è stata annunciata ieri dall’arcivescovo monsignor Cesare Nosiglia, custode pontificio della reliquia. L’evento si terrà sabato 3 aprile, alle ore 17, dalla Cattedrale in onda su TV2000, e dalle 16,30 sui social, con riflessioni e testimonianze di preparazione alla contemplazione nel silenzio «accompagnato» da un sottofondo musicale. «In questi tempi tormentati abbiamo bisogno di alimentare e comunicare la nostra speranza. E per noi credenti – ha detto monsignor Nosiglia – il modo più efficace di accrescere la speranza del mondo intero è la preghiera comune, il mettersi in ginocchio di fronte al Signore. Per questo celebriamo, anche nel prossimo Sabato Santo, giorno del silenzio davanti al sepolcro del Signore ma anche dell’attesa della sua risurrezione, una speciale liturgia di fronte alla Sindone che ci ricorda questo evento, centro vivo della nostra fede e della nostra speranza». La liturgia in diretta su TV2000 raggiungerà, tramite i satelliti, il mondo intero, grazie alla collaborazione della Segreteria per la Comunicazione della Santa Sede e del Centro televisivo vaticano. «La preghiera di fronte alla Sindone in questo 2021 – ha spiegato l’arcivescovo – non è una semplice ripetizione di quella celebrata nel 2020. Lo scorso anno ci trovavamo in una situazione di emergenza completamente sconosciuta, oggi siamo più consapevoli delle difficoltà da affrontare e degli impegni che possiamo prendere. Soprattutto, abbiamo capito che la prima nostra forza si trova nel continuare con coraggio la vita e aiutare quanti si trovano in difficoltà e necessità. E per noi, Chiesa di Torino con le altre diocesi del Piemonte, continuare significa mantenere gli impegni presi. Attendevamo a fine 2020 i giovani di tutta Europa radunati dalla Comunità di Taizé. Questo impegno è stato spostato ai giorni dopo il Natale 2021. L’ostensione straordinaria della Sindone era la proposta della Chiesa torinese a tutti i giovani. E speriamo vivamente di poterla celebrare. Perché il cammino avviato con la Comunità di Taizé si è rivelata l’occasione di approfondire non solo la nostra capacità di accoglienza ma, prima di tutto, il senso del nostro essere fratelli. Fratelli tutti, figli di un unico Padre, al di là delle distinzioni di nazionalità, lingua e religione». In Duomo saranno presenti i giovani coinvolti nel cammino di preparazione: proporranno testimonianze sul dolore e la speranza che hanno caratterizzato questo ultimo anno. – © RIPRODUZIONE RISERVATA ( https://www.lastampa.it/torino/2021/03/04/news/per-la-sindone-un-ostensione-su-social-e-tv-in-mondovisione-1.39981332 )

Nello studio della Sindone manca l’ultimo tassello, ovvero, il fatto più importante: che la reliquia non ha duemila anni benesi circa mille come verificato dalla datazione effettuata nel 1987. Del resto, di essa si ha traccia nei racconti storici a partire dal XIII secolo in poi.
Questo perchè sono stati aggiunti mille anni alla Storia con un abile metamorfosi nella scrittura delle date come da me dimostrato nel libro ANNO DOMINI – la Storia è una grassa Bugia.
Altrimenti, bisognerebbe spiegare dove si sarebbe trovato il telo sindonico per ben 1300 anni, prima di essere riconosciuto e venerato come il lenzuolo che avvolse il Cristo.

https://lanuovabq.it/storage/imgs/sindone-171645-large.jpg
30 marzo 2021

Monete italiane preunitarie confermano il dubbio sui mille anni

Nella fotografia sopra, sono raffigurate 3 monete emesse dal Regno delle Due Sicilie. Anno di emissione 1700, 1780 e 1788.
Si osserva l’evoluzione della cifra “1” del millennio che passa da una grafia identica alla lettera “I” (come nella parola “FELICITAS”, in basso a sinistra) alla cifra uno non identificabile colla lettera “i” maiuscola.

Appare lecito dubitare che la I stesse per l’iniziale di Iesus, pertanto, ai tempi si era a 7 secoli dalla nascita di Cristo e non a 17.

Sotto, un tallero coniato in Italia nel 1780. Qui la cifra “1” rammenta la grafia impiegata nei paesi dell’est europeo cioè la lettera “chi” greca (Χ) che stava per Χριστός (Cristo). Sarebbe da leggersi “Χ780”. Nel mio ultimo libro ANNO DOMINI – la Storia è una grassa Bugia, si trovano decine di esempi e di verifiche incrociate sul fatto che la prima cifra della datazione in numeri arabi era una lettera dell’alfabeto fino a circa metà del “1700”. Interessante osservare il fatto che, per confondere le acque, a un certo punto la cifra “1”, fuori dal contesto della data, venne scritta in maniera bizzarra.

http://numismaticamente.it/collezionismo-numismatico/i-talleri-1780-coniati-in-italia

https://i1.wp.com/numismaticamente.it/wp-content/uploads/2013/12/zz1.png?w=577
Conio del Regno Lombardo-veneto di Maria Teresa.

27 marzo 2021

Tutta un’altra Storia

Interessante conversazione con Stefano Viti. Condotta da Dana Eroma.
Non credo che Abramo Lincoln fosse nero. Credo invece che la tratta degli schiavi fu sostanzialmente inventata per nascondere il fatto che la razza nera era già presente nelle Americhe (esempio Haiti dove tutta la popolazione indigena è nera africana). Lincoln era un massone inglese inviato a creare quello stato artificiale, multirazziale, violento, disumanizzato chiamato Stati Uniti d’America.

26 marzo 2021

Dante sapeva che la terra è tonda, ecco tutte le prove

“O tu che onori scienzia ed arte” (Inf. IV, 73). Dante si rivolge così a Virgilio per esprimere il massimo riconoscimento di stima e ammirazione. E Dante non sceglie mai le parole a caso. Scienza ed arte. Virgilio è scienziato e artista. Artista della parola naturalmente, altissimo poeta (Inf. IV, 80) e, come tale, appartenente al club esclusivo dei Fabulous Five, insieme con Omero, Orazio, Ovidio e Lucano. Tutti poeti, eppure Dante antepone il merito scientifico a quello artistico o, se anche si trattasse solo di una figura retorica di inversione, sarebbe comunque un’equiparazione tra le competenze artistiche di Virgilio e quelle scientifiche. La scienza per Dante è prolungamento ed emanazione di fede e metafisica, per cui ha carattere sacrale. ( https://www.ilriformista.it/dante-sapeva-che-la-terra-e-tonda-ecco-tutte-le-prove-206043/ )

Non sanno più che pesci pigliare contro l’evidenza. Fino a un secolo fa, quasi nessuno credeva che la “teoria” del modello eliocentrico corrispondesse a realtà. È stato solo con l’affermazione del darwinismo e della Relatività di Einstein che il sistema copernicano si è imposto attraverso l’obbligo scolastico statale.
Dante non poteva avere dubbi sulla forma della Terra dato che Copernico vive tre secoli dopo di lui.
La Storia è continuamente riscritta, adesso hanno buon gioco a dire che nel Medioevo sapevano che la Terra è tonda quando Copernico è stato imposto dalla massoneria in funzione di negazione della verità biblica solo negli ultimi due secoli, grossomodo. Di un personaggio “antico” quale Eratostene, a quanto pare, non v’è traccia nei testi scolastici antecedenti il 1980.

19 marzo 2021

Mattoni senza fornace

https://i.pinimg.com/originals/83/f2/eb/83f2eb506c5d863a5b54c4798c8d08c9.jpg

Diamo per scontato che tutto sia possibile, se sta scritto sui libri di Storia.
Ma come è possibile che siano stati cotti e impiegati i miliardi di mattoni rossi che compongono i castelli antichi. E i palazzi che, sovente, non solo si ergono di decine di metri dal suolo ma hanno diversi piani sotterranei?
Certe gallerie ferroviarie sono un vero rompicapo per come paiono rivestite con perfetta curvatura da una montagna di mattoni.
Ma chi i ha messi in posto, così mirabilmente, e in condizioni di grande difficoltà architettonica? Difatti, realizzare superfici curve quali volti, archi e gallerie con poliedri ad angoli retti è impresa tutt’altro che semplice anche per dei muratori “finiti” (cioè esperti).
Di queste gallerie, abbandonate in genere, è pieno il mondo. Dicono che erano destinate a ospitare linee ferroviarie e sarebbero state costruite durante il 1800.
Al tempo, le tecnologie a disposizione per le grandi opere erano veramente primitive.
Il caratteristico profilo ellittico li contraddistingue dalle opere moderne.
Ma chi li ha costruiti veramente e quando?
Forse risalgono a molti secoli fa, realizzare da stirpi differenti da quella attuale.

Gli immobili con sotterranei di mattoni e superfici curve sono altrettanto appartenenti a un’epoca antecedente con l’esempio della villa abbandonata del filmato sotto. Oppure, si tratta di edificazioni sopra ruderi (?) di edifici assai più antichi.
In futuro, saranno queste costruzioni in mattoni, che nessuno sa più rifare se non a un costo esorbitante, ad avere valore nel settore immobiliare.

https://i.pinimg.com/originals/62/8a/3c/628a3cbf9cf427ed5fca7842af58090f.jpg
14 marzo 2021

Le città fantasma del “riassetto”

https://siviaggia.it/wp-content/uploads/sites/2/2018/06/kazan-tatarstan.jpg

Kazan capitale del Tatarstan facente parte della Federazione Russa.

La parola inglese “reset” potrebbe essere tradotta come “azzeramento” oppure “riassetto” o anche “fare tabula rasa” ossia una “ripartenza” dopo la cancellazione di un sistema civile esistente. La “tabula rasa” era per i romani antichi la tavoletta cerata in cui erano stati cancellati i segni pregressi e pronta a una nuova scrittura. Come cancellare una lavagna col cancellino.
Di “reset” si parla sempre più spesso in ambito dei poteri forti (Beppe Grillo che una loro emanazione aveva intitolato così un suo spettacolo) per la voglia o la attesa di un nuovo azzeramento imminente.
Sì, perché di riassetti ce ne sono stati parecchi finora anche se non se ne conosce il meccanismo e la finalità.
Sappiamo che le città sopravvissute al reset precedente o edificate appositamente vengono ripopolate da quote di popolazione della quale non si conosce ora la provenienza.
Dell’ultimo azzeramento, che nel mio ultimo libro ANNO DOMINI postulo essere avvenuto circa 4 secoli fa, alcune delle città vuote non sono ancora state ripopolate rimanendo città fantasma ancor oggi.
Un tipico esempio di insediamento si trova fra Russia e Cina in cui lo stile è prettamente fine-tartarico.
Obelischi e gruppi equestri sono stati rimpiazzati con monumenti di minore fattura di stampo politico-sociale. Ma molti degli edifici “medievali” sono rimasti intatti.

Altre invece, perfettamente simili, sono state ripopolate più o meno integralmente come, ad esempio, Kazan capitale del Tatarstan l’ultimo rimasuglio del vasto impero della Tartaria.
Osservando i filmati, non si può fare a meno di accostare le città come parte di un’unica pianificazione urbana, verosimilmente vecchio di alcuni secoli.

Ci sono città edificate in stile “russo” in Cina. Una stranezza. Dicono che sono state appena costruite, in realtà, appena ripopolate dal governo cinese spostando popolazioni dall’interno, agricolo e povero, della Cina. Quelle oltre il confine russo, sono ripopolate da etnie di razza bianca di origine slava.

( https://tartaria.video.blog/2021/03/13/le-citta-fantasma-del-riassetto/ )

9 marzo 2021

Le Ferrovie dei Giganti

Mentre la NASA in anni passati ha tentato di convincerci che ci sono ferrovie su Marte, una verità sconcertante emerge sulle strade ferrate terrestri.
A me aveva poco convinto la strana larghezza dello scartamento ordinario (143,5 mm) che non è una misura intera di nessun sistema di misura lineare.
Scopriamo che le prime ferrovie in Europa,non vennero costruite nel 1800 e rotti ma furono dissepolte da uno strato di fango solidificato. Le vecchie fotografie dell’epoca paiono indicare ciò.
Le principali tratte ferroviario risalgono a una civiltà che non era la nostra, a un periodo imprecisato del passato.
Infatti, viadotti e gallerie, a un attento esame, sono di epoca medievale, se non precedente, assai prima che la rivoluzione industriale mettesse a disposizione ruspe, escavatori, betoniere e “talpe” per rendere realizzabili tali grandi opere.

https://i.pinimg.com/originals/5d/13/ec/5d13ec81a38ec7d36e63ce64c0fe4806.jpg
Stazione ferroviaria “dell’Obitorio”, Australia, 1865.

Ancora più strana è la presenta di antichi trafori “ferroviari” in conteniti popolati dagli europei in secoli recenti. Tipico il caso dell’Australia e della Tasmania in cui vi sono gallerie in tutto e per tutto simili a opere ferroviari senza che non ci sia mai stata, e non vi sia tuttora, una esigenza di trasporto ferroviario, ne passeggeri o merci.
Da decenni circolano voci sulla esistenza di tunnel sotterranei che attraversano l’Europa e probabilmente tutto il mondo.
C’è chi ha avanza l’ipotesi che tali perforazioni già esistenti siano state riutilizzate per esempio nel tunnel sotto la manica e nella TAV Torino-Lione. I no-tav hanno dato il pretesto per la militarizzazione dei cantieri per cui nessuno può avvicinarsi ai cantieri verificando se il buchi nelle montagna siano veramente scavati o solamente liberati dalle frane che li avevano nascosti per secoli e semplicemente riutilizzati.
ma se così è, chi ha costruito tali magnifiche opere?
Spossiamo avanzare l’ipotesi che siano state le tribù dei giganti create dagli spiriti decaduti.

https://www.abc.net.au/news/image/6625262-3x2-700x467.jpg
Galleria scoperta in Tasmania in tutto e per tutto simile a una opera ferroviaria in Europa. Ma quale è la sua età?
https://tartaria.video.blog/2019/03/05/who-built-the-tasmanias-historic-idiotic-railway-tunnel/

Come si riconoscono, in genere, le gallerie risalenti al periodo pre-riassetto?
L’indizio principale è costituito dal profilo dell’imboccatura della galleria e forma di uovo come nella foto sotto. Inoltre, dalla ricca ornamentazione e decorazione degli ingressi con megaliti e perfino statue e fregi di foggia medievale.

Un altro particolare piuttosto interessante è rappresentato dai viadotti ferroviari antichi i quali hanno la stessa fattura costruttiva e larghezza dei cosiddetti “acquedotti romani”. Forse degli acquedotti erano ferrovie o viceversa… per caso, la pendenza dei binari è simile a quella dell’acqua?

https://media.gettyimages.com/photos/semmering-railway-ancient-steamer-on-viaduct-over-kalte-rinne-lower-picture-id56463116
Il gigantesco viadotto di Semmering in Austria.
6 marzo 2021

La festa è finita e ne perdiamo memoria

Va oltre la mia capacità di comprensione il fatto che esista qualcuno che crede alla veridicità di certi filmati. Energumeni si scalmanano per un video pure brutto.
Si tratta di falsi evidenti realizzati al computer neanche tanto realistici.
Mi viene il sospetto che i demoni che controllano la gente che lavora ai “programmi spaziali” stiano perdendo smalto. Le loro produzioni cinematografiche sono sempre meno credibili. Secondo padre Amorth, un demone può possedere fino a 10mila persone.
Un altro fatto strano. Noto nelle trasmissioni in diretta in rete che sempre più gente ha buchi di memoria e amnesie.
Stiamo forse iniziando a perdere collettivamente la memoria del vecchio mondo in prospettiva di un “riassetto” imminente?
Al modo in cui s’è persa memoria della Tartaria in pochi decenni?
Ci avete fatto caso anche voi?

OT I massoni sono talmente patetici. Bergoglio va a rendere omaggio a Ur, la prima città che gli illuminati fondarono dopo il diluvio universale. Leggete qua:

https://pianetax.wordpress.com/2018/06/15/eccolo-il-globo-piatto/

 
3 marzo 2021

Il “modernismo” è l’allontanamento dalla Bibbia. E basta

Ogni affermazione scientifica è diametralmente opposta alla sacra scrittura, sempre.

Il “modernismo” o “progresso” non è altri che un piano diabolico per negare la veridicità della Bibbia. La cosiddetta scienza non è altro che la negazione per filo e per segno della veridicità biblica.
Tutto è iniziato, 5 secoli fa, colla escogitazione del sistema eliocentrico copernicano che ha reso invalida la Bibbia letteralmente dalle fondamenta, sin dal suo primo libro, quello della Genesi.
Due secoli e mezzo fa, hanno aggiunto mille anni alla Storia per aggregare il figlio di Dio al mito. Dopodiché, le rivoluzioni americana, francese e russa non sono state altro che una carneficina di preti e suore nel conventi addossando loro le colpe delle diseguaglianze sociali dovute agli stessi borghesi massoni che avevano architettato le “rivoluzioni”.
Infine, dopo le carneficine delle due guerre mondiali, sempre da loro provocate, il 68 anche esso una rivoluzione esclusivamente in funzione anticristiana per sbrindellare, nelle leggi degli stati, i sacramenti e i comandamenti.
Ogni rivoluzione ha sempre un afflato anti-tradizione, si bruciano biblioteche e simboli che rammentino l’esistenza di Dio e la autenticità delle sacre scritture. In Medio Oriente, vi sono costantemente guerre alimentate ad arte per obliterare tracce dei giganti e delle città pre-diluviane semi-sepolte da un diluvio di fango.
Devo ammettere che il video è ottimo e che Marco Alonzo qui fa un bel servizio alla verità.
Oggi siamo alla fase finale, il periodo in cui vige il “cyber-modernismo” in cui i nuovi modelli sono il finto Bill Gates (attore che propugna i vaccini colla moglie trans) ed Elon Musk che promuove l’esistenza di uno spazio infinito e di una “ecologia a batteria”.

 
17 febbraio 2021

La diga diabolica

Esiste un blocco mentale, un argine impalpabile che alberga in certi personaggi che si definiscono autentici difensori della fede cristiana tesi a mantenere l’ortodossia cattolica. Tutti critici, apertamente o meno, del massone Bergoglio (che come un draghi qualunque saluta con buongiorno, buonasera, e mai sia lodato Gesù Cristo o Dio vi benedica, ma ci vuole tanto a capirlo che è un attore?!).
Immaginate a chi riferisco: a don Minutella, Antonio Socci, don Nitoglia, Blondet e Lamendola, la dottoressa De Mari e al nuovo entrato Andrea Cionci.
Questi personaggi così puri e duri nel ricercare la verità non si azzardano, tuttavia, a parlare di terra sferica o falsificazione della Storia. Due terrificanti inganni satanici che sono i piedistalli sui quali il demonio ha costruito il suo orripilante regno di apostasia. Con cui sta bellamente gremendo le gradinate dell’Inferno.
Altrimenti, sarebbero costretti a fare i conti con se stessi e ammettere che tutto il loro credo, vedi Decimo Toro, è fuffa, per questo non ne parlano.
Ne dell’evidentissima sostituzione di suor Lucia di Fatima.
Mi chiedo, con che coraggio ‘sti signori blaterano del “terzo segreto” senza menzionare il fatto che la vera suor Lucia è stata rimpiazzata con una impostora attorno al 1960? In coincidenza o meno, con il progetto del concilio vaticano secondo. Un cieco no, ma un ipovedente subito si accorge che non si tratta della medesima donna:

https://pianetax.wordpress.com/2017/05/26/la-sostituzione-di-suor-lucia-di-fatima-con-una-sosia/

https://pianetax.wordpress.com/2020/05/12/la-donna-vestita-di-sole/

Il solo Lamendola, in una recente intervista, si è azzardato a citare 11 settembre e sbarco sulla Luna come complotti, dentro il recinto dei “complottisti dal freno amano tirato”. Recinto eretto dagli agenti del NWO come Mazzucco, Snowden, Assange e altri il cui scopo è di creare un falso complottismo che salvi l’intento anticristico del quadro generale.
Questo, sappiatelo, è il vero e unico complotto.

Suor Lucia dos Santos

10 febbraio 2021

Stasera si parla di Tartaria e di “nuova cronologia”

Sul canale Beyond Technology di Francesco Lucà. Con la partecipazione di Giuseppe Turrisi. L’appuntamento è alle ore 21:00. Non mancate!

Testi di approfondimento: QUADERNI DALLA TERRA PIATTA (volume 2°)ANNO DOMINI – la Storia è una grassa Bugia.

 

 

1 febbraio 2021

La narrazione di Alessandro Barbero

La concezione cosmologica nelle antiche religioni.

Un tizio come Barbero è stato mandato in scena per confermare una narrazione fantastica. Non è vero che si è sempre saputo che la Terra fosse sferica. In America e in Europa, solo verso la fine dell’800, con l’affermazione della scuola statale laica, si è imposto il modello eliocentrico.
Tutti popoli del passato hanno sempre creduto a una terra piana e stazionaria. Personaggi come Eratostene non sono mai esistiti prima del 1980. Sfido chiunque a trovare traccia di lui nei libri scolastici stampati dagli anni ’70 in precedenza.
La scoperta dell’America è stata una messa in scena, Colombo era uno dei Colonna e sapeva benissimo che avrebbe trovato l’America. L’emigrazione di massa verso il “nuovo mondo” fu pungolata per giustificare l’esistenza di intere magnifiche città già completamente edificate e misteriosamente abbandonate da stirpi di giganti. Come ho scritto nel mio ultimo libro ANNO DOMINI – la Storia è una grassa Bugia, prima del 1800 non sappiamo niente di certo a livello storico. L’impero di Tartaria era sempre presente nelle mappe antiche. Il dottor Barbero ne ha mai parlato?

21 gennaio 2021

Danimarca: vandalizzata la sirenetta

Sulla sua base la scritta ‘Pesce razzista’ 03 Luglio 2020

(ANSA) – ROMA, 03 LUG – ‘Pesce razzista’: l’ennesimo vandalismo ai danni della Sirenetta ha assunto la forma di una scritta sulla pietra su cui siede da 107 anni la statua più famosa della Danimarca, al molo Langelinie a Copenaghen. lo riporta il Copenaghen Post precisando che non è chiaro chi abbia sfregiato la Sirenetta e perché. Tra le ipotesi della polizia, un qualche legame con gli attivisti che in tutto il mondo sostengono il movimento Black Lives Matter e che nelle ultime settimane hanno vandalizzato o distrutto monumenti e statue di personaggi storici legati al colonialismo o alla discriminazione razziale. ( https://www.lanuovasardegna.it/italia-mondo/2020/07/03/news/danimarca-vandalizzata-la-sirenetta-1.39040244 )

Massoni e satanisti, attraverso la “longa manus” dei centri sociali fanno queste cose per due motivi:
Il primo è quello di giustificare la distruzione della “sirenetta” che è la pietrificazione di una sirena, metà donna e metà pesce, uno dei tanti “mostri” creati dai giganti. Episodio simile, qualcuno di voi lo ricorderà, era avvenuto già in Sardegna qualche anno fa.
Il secondo motivo è di fare credere esista una maggioranza “antirazzista” in modo da rendere “democratico” il piano Kalergi. Loro stanno facendo affluire annualmente centinaia di migliaia di terzomondiali non bianchi in Europa. Dopo qualche mese di “rieducazione” nei campi di “accoglienza”, vengono distribuiti alla chetichella in tutta Europa per ammorbare le differenze sociali e culturali a formare il “popolo europeo” multirazziale degli Stati Uniti d’Europa. Sul modello massonico degli Stati Uniti d’America, logicamente.

18 gennaio 2021

Chi ha tagliato gli alberi giganti?

Hyperion, il più alto albero (conosciuto) al mondo
L’albero più alto al mondo nel parco delle sequoie in California (116 metri), un residuo del “vecchio ordine mondiale”?

Di questa tesi, che furono gli arcangeli a tagliare i maestosi alberi fatti crescere dai giganti, ne avevo già parlato nel secondo volume del libro QUADERNI DALLA TERRA PIATTA:


https://tartaria.video.blog/2019/09/17/quaderni-dalla-terra-piatta-volume-2/


e pure nel mio ultimo libro ANNO DOMINI:


https://pianetax.wordpress.com/anno-domini/

NON CI SONO FORESTE SULLA TERRA PIATTA (video integrale in italiano a cura di Dino Tinelli)

14 gennaio 2021

Mille anni mai trascorsi

7 maggio 2019

1000 ANNI DI STORIA RUBATA - ABBIAMO DIMENTICATO TUTTI [LE BUGIE DEGLI STORIANI TUTTA LA VERITÀ SU DI NOI]

Un millennio che non è mai accaduto.
La più grande falsificazione della storia. Quello che è successo nell’intervallo tra la storia rubata è cosa da sapere. E se ricordiamo questi eventi è anche una grande domanda.https://www.youtube.com/embed/ZRzgTbtLXio?modestbranding=0&controls=1&rel=0&showinfo=1&enablejsapi=1&origin=https%3A%2F%2Fveykcxqjm6jk2h6jp5nhcxiyqy–zen-yandex-ru.translate.goog

Il millennio che non fu

Václavské ná .., Praga

la creazione della cronologia tradizionale, c’erano circa duecento diverse opzioni per le date, che adattano la storia al concetto biblico. Inoltre, la gamma di queste opzioni era impressionante: più di 3500 anni, cioè il periodo dalla “Creazione del mondo” alla “Natività di Cristo”, rientrano nell’intervallo tra il 3483 e il 6984 aC.

E così, per portare tutte queste disparate opzioni in un’unica forma plausibile, il monaco gesuita Petavius ​​e il cronologo Scaligero furono coinvolti nel caso.

La cronologia della storia antica e medievale, che al momento è considerata l’unica vera e studiata nelle scuole e nelle università, è stata creata nei secoli XVI-XVII della nostra era. I suoi autori sono il cronologo dell’Europa occidentale JOSEPH SCALIGER e il monaco gesuita cattolico DIONYSUS PETAVIUS.

Hanno portato la diffusione cronologica delle date, per così dire, a un denominatore comune. Tuttavia, i loro metodi di datazione, come quelli dei loro predecessori, erano imperfetti, errati e soggettivi. E, a volte, questi “errori” erano di natura deliberata (ordinata). Di conseguenza, la storia è stata estesa di mille anni e questo millennio in più è stato pieno di eventi e personaggi fantasma che non erano mai esistiti prima.

Joseph Scaliger e Dionysius Petavius

Successivamente, alcune delusioni ne diedero origine ad altre e, crescendo come una palla di neve, trascinarono la cronologia degli eventi nella storia del mondo nell’abisso di pile virtuali che non avevano nulla a che fare con la realtà.

Questa dottrina cronologica pseudoscientifica di SCALIGER-PETAVIUS, un tempo, fu seriamente criticata da figure di spicco della scienza mondiale. Tra questi ci sono il famoso matematico e fisico inglese Isaac Newton, l’eminente scienziato francese Jean Garduin, lo storico inglese Edwin Johnson, gli educatori tedeschi – il filologo Robert Baldauf e l’avvocato Wilhelm Kammaer, gli scienziati russi – Peter Nikiforovich Krekshin (segretario personale di Pietro I) e Nikolai Alexandrovich Morozov, Lo storico americano (di origine bielorussa) Emmanuel Velikovsky

Isaac Newton, Petr Nikiforovich Krekshin, Nikolai Alexandrovich Morozov, Emmanuel Velikovsky

Inoltre, già ai nostri giorni, il testimone del rifiuto della cronologia scaligeriana è stato raccolto dai loro seguaci. Tra questi – Accademico dell’Accademia Russa delle Scienze, Dottore in Fisica e Matematica, Professore, Laureato del Premio di Stato della Russia, Anatoly Timofeevich Fomenko (autore di NUOVA CRONOLOGIA in collaborazione con il Candidato di Scienze Matematiche Gleb Vladimirovich Nosovsky), Dottore in Fisica e Matematica, Vladimir Vyacheslavovich Kalashnikov, dottore in scienze fisiche e matematiche, vincitore del premio Lenin, il professor Mikhail Mikhailovich Postnikov e uno scienziato tedesco – lo storico e scrittore Yevgeny Yakovlevich Gabovich.

Anatoly Timofeevich Fomenko, Gleb Vladimirovich Nosovsky, Vladimir Vyacheslavovich Kalashnikov, Evgeny Yakovlevich Gabovich

Ma, nonostante il lavoro di ricerca disinteressato di questi scienziati, la comunità storica mondiale usa ancora nel suo arsenale scientifico, come standard, le basi della crudele cronologia “scaligeriana”. Fino ad ora, non esiste una ricerca completa, fondamentale e oggettiva sulla “Cronologia del mondo antico” che soddisfi le moderne esigenze della scienza storica.

Come venivano registrate le date nel Medioevo

Nei secoli XV, XVI e XII, dopo l’introduzione in circolazione del calendario “GIULIANO”, e poi, e “GRIGORIANO”, che porta la cronologia “DALLA NASCITA DI CRISTO”, le date furono scritte in numeri romani e arabi, ma non come oggi, ma INSIEME CON LETTERE.

Ma sono già riusciti a “dimenticarsene”.

Nell’Italia medievale, Bisanzio e Grecia, le date erano scritte in numeri romani.

“NUMERI ROMANI, i numeri degli antichi romani, – diceva l’enciclopedia, – Il sistema dei numeri romani si basa sull’uso di segni speciali per le cifre decimali:

I = 1 (insol)
X = 10 (decem)

C = 100 (centum)

M = 1000 (mille)

e le loro metà:

V = 5 (quinque)

L = 50 (quinquaginta)

D = 500 (quingenti)

I numeri naturali vengono scritti ripetendo questi numeri. Inoltre, se un numero grande viene prima di uno più piccolo, si sommano

XII = 12

IX = 9

(il principio di addizione), se quello più piccolo è prima di quello più grande, allora quello più piccolo viene sottratto da quello più grande (il principio di sottrazione). L’ultima regola si applica solo per evitare di ripetere lo stesso numero quattro volte “.

Si ritiene, inoltre, che i numeri romani siano apparsi molto tempo fa, molto prima della nuova era, al tempo degli “antichi romani”. Allo stesso tempo, i numeri fino a cinquanta sono stati registrati utilizzando tre icone:

I = 1

V = 5

X = 10

Perché esattamente questi e solo tali segni sono stati usati per piccoli numeri? Probabilmente, all’inizio, le persone operavano su piccoli valori. Solo in seguito sono entrati in uso grandi numeri. Ad esempio, più di cinquanta, centinaia e così via. Quindi sono stati richiesti nuovi segni aggiuntivi, come:

L = 50

C = 100

D = 500

M = 1000

Pertanto, è logico credere che i segni per piccoli numeri fossero l’originale, il primo, il PIÙ ANTICO. Inoltre, inizialmente, per scrivere numeri romani, non è stato utilizzato il cosiddetto sistema di “addizione e sottrazione” di segni. È apparsa molto più tardi. Ad esempio, i numeri 4 e 9, a quei tempi, erano scritti così:

4 = IIII

9 = VIIII

Questo può essere visto chiaramente nell’incisione medievale dell’Europa occidentale dell’artista tedesco Georg Penz “TIME TRIUMPH” e sulla miniatura del vecchio libro con una meridiana.

Le date nel Medioevo secondo i calendari “GIULIANO” e “GRIGORIANO”, cronologia principale dal “COMPLEANNO DI CRISTO”, erano scritte in lettere e numeri.

X = “Cristo”

La lettera greca “Xi”, prima della data scritta in numeri romani, un tempo significava il nome “Cristo”, ma è stata successivamente modificata nel numero 10, che indica dieci secoli, cioè un millennio.

Pertanto, c’è stato uno spostamento cronologico delle date medievali di 1000 anni, quando gli storici successivi hanno confrontato due diversi modi di registrazione.

Come venivano registrate le date in quei giorni?

Il primo di questi metodi era, ovviamente, registrare la data per intero.

Sembrava così:

I secolo d.C.

II secolo d.C.

III secolo d.C.

“I secolo dalla nascita di Cristo”, “II secolo dalla nascita di Cristo”, “III secolo dalla nascita di Cristo”, ecc.

Il secondo modo era la notazione abbreviata.

Le date sono state scritte in questo modo:

X. I = da Cristo I secolo

X. II = da Cristo II secolo

X. III = da Cristo III secolo

ecc. dove “X” non è il numero romano 10, ma la prima lettera della parola greca per “Cristo”.

Immagine del mosaico di Gesù Cristo sulla cupola della “Hagia Sophia” a Istanbul

La lettera “X” è uno dei monogrammi medievali più comuni, ancora presente in icone antiche, mosaici, affreschi e miniature di libri. Simboleggia il nome di Cristo. Pertanto, l’hanno messo davanti alla data scritta in numeri romani nel calendario che precede la cronologia “dal COMPLEANNO DI CRISTO” e l’ha separata con un punto dai numeri.

È da queste abbreviazioni che sono nate le designazioni dei secoli adottate oggi. È vero, la lettera “X” è già letta da noi non come una lettera, ma come il numero romano 10.

Quando la data era scritta in numeri arabi, davanti a loro veniva posta la lettera “I”, la prima lettera del nome “Gesù” scritta in greco e anch’essa separata da un punto. Ma in seguito, questa lettera è stata dichiarata una “unità”, che presumibilmente significa “mille”.

I.400 = da Gesù 400 ° anno

Pertanto, la registrazione della data “I” punto 400, ad esempio, in origine significava: “Da Gesù il 400 ° anno”.

Questo modo di scrivere è coerente con il precedente, poiché I. 400 è il 400 °

Da Gesù 400 ° anno = 400 ° anno dall’inizio di X. I al n. e. = X. I secolo.

anno “dalla Natività di Gesù” o “400 ° anno dall’inizio del X. I secolo dC. e. “

Ecco un’incisione inglese medievale, presumibilmente datata 1463. Ma se guardi da vicino, puoi vedere che la prima cifra, uno (cioè mille) non è affatto una cifra, ma la lettera latina “I”. Esattamente la stessa della lettera a sinistra nella parola “DNI”. A proposito, l’iscrizione latina “Anno domini” significa “dalla Natività di Cristo” – abbreviata in ADI (da Gesù) e ADX (da Cristo). Di conseguenza, la data scritta su questa incisione non è il 1463, come affermano i cronologi moderni e gli storici dell’arte, ma 463 “da Gesù”, cioè “Dalla Natività di Cristo”.

Questa vecchia incisione dell’artista tedesco Johans Baldung Green reca il timbro dell’autore con una data (presumibilmente 1515). Ma con un forte aumento di questo stigma, puoi vedere chiaramente all’inizio della data la lettera latina “I” (da Gesù) esattamente la stessa del monogramma dell’autore “IGB” (Johannes Baldung Green), e il numero “1” è scritto in modo diverso qui.

Ciò significa che la data su questa incisione non è il 1515, come affermano gli storici moderni, ma 515 dalla “Natività di Cristo”.

Sul frontespizio del libro Description of Adam Olearius

Muscovy ”raffigura un’incisione con una data (presumibilmente 1566). A prima vista, la lettera latina “I” all’inizio della data può essere considerata come un’unità, ma se guardiamo da vicino, vedremo chiaramente che questo non è affatto un numero, ma una lettera maiuscola “I”, esattamente la stessa di questo frammento da

vecchio testo tedesco scritto a mano.

Pertanto, la data reale dell’incisione sul frontespizio del libro medievale di Adam Olearius non è il 1566, ma il 566 della “Natività di Cristo”.

La stessa lettera latina maiuscola “I” compare all’inizio della data su una vecchia incisione raffigurante lo zar russo Alexei Mikhailovich Romanov. Questa incisione è stata realizzata da un artista medievale dell’Europa occidentale, come abbiamo già capito, non nel 1664, ma nel 664 – dalla “Natività di Cristo”.

E in questo ritratto della leggendaria Marina Mnishek (moglie del Falso Dmitry I), la “I” maiuscola ad alto ingrandimento non sembra affatto la numero uno, non importa come proviamo a immaginarla. E sebbene gli storici attribuiscano questo ritratto al 1609, il buon senso ci dice che la vera data dell’incisione è il 609 della “Natività di Cristo”.

Sull’incisione dello stemma medievale della città tedesca di Norimberga, è scritto in grande: “Anno (cioè data) da Gesù 658”. La lettera maiuscola “I” davanti alle cifre della data è rappresentata così chiaramente che è impossibile confonderla con qualsiasi “unità”.

Questa incisione è stata fatta, senza dubbio, nel 658 d.C. A proposito, l’aquila bicipite, situata al centro dello stemma, ci dice che Norimberga in quei tempi lontani faceva parte dell’Impero russo.

Esattamente lo stesso, le stesse lettere maiuscole “I” possono essere viste nelle date sugli antichi affreschi del “Castello di Chilienne” medievale, situato nella pittoresca riviera svizzera sulle rive del Lago di Ginevra vicino a Montreux.

( https://zen.yandex.ru/media/bylina/1000-let-ukradenoi-istorii-my-vse-zabyli-loj-istorikov-vsia-pravda-o-nas-5ccfb4f0ac1ad900b3c6a16d )