Archive for ‘Riferimenti visivi’

18 gennaio 2022

Anomalie visive nella Luna

Sempre qualcosa non quadra nell’illuminazione della Luna da parte del Sole. Il terminatore non corrisponde alla posizione del Sole. Fenomeno quasi sempre osservabile specie verso i margini del disco terrestre. Non è il Sole che illumina la Luna. Da cosa o da chi è provocata l’ombra che ci da soltanto l’impressione di vivere in un mondo eliocentrico?

1 gennaio 2022

Etna e isole Eolie viste da Maratea (PZ)

Gentile dott. Galuppini,

Le scrivo per sottoporre alla Sua attenzione un interessante fenomeno nella speranza che possa avere la Sua attenzione. Dalla località turistica di Maratea in Basilicata, e segnatamente dalla cima del monte San Biagio (623 m slm), è spesso possibile vedere distintamente le isole Eolie e la cima dell’Etna. Quest’ultima dista da Maratea ben 245 km in linea d’aria: una distanza superiore perché quei luoghi possano vedersi da qui, tenendo conto della curvatura della Terra.Ben conoscendo le Sue ricerche e il Suo impegno per la divulgazione di ciò che viene detta ‘Teoria della Terra Piatta’, le invio delle foto da me scattate oggi 31 dicembre che testimoniano il fenomeno anzidetto.Finora nessuno ne ha dato spiegazione: spero che Lei possa aiutarci a comprendere così come spero che questo fenomeno possa giovare alle Sue ricerche.Approfittando della presente per farle gli auguri per un sereno e proficuo 2022, Saluti.

Lettera firmata

Caro lettore, l’anomalia consiste nel fatto che la Terra, o meglio il mare, è un piano. Non viviamo sopra di una sfera fluttuante nello spazio cosmico. Tutto qui. Buon anno anche a lei!

20 dicembre 2021

Le proporzioni dei continenti non quadrano sulla carta geografica

Semplicemente perchè la proiezione di Mercatore è errata. È sbagliata perchè la Terra, essendo un piano, si restringe verso il polo Nord e si allarga verso il polo Sud. Ma ciò non quadra sulle mappe che intendono una sfera di proporzioni simmetriche fra i due presunti emisferi. Invece, funziona sulla proiezione polare azimutale equidistante detta mappa della Terra piatta.
L’Africa, il Sud America e l’Australia sono molto più grandi di quanto siano disegnate sulle carte geografiche che vediamo comunemente entro le aule scolastiche.
Se osservate la mappa Gleason, le proporzioni si correggono:

10 dicembre 2021

E le stelle stanno a guardare

Le stelle non sono soli lontanissimi. Sono sorprendenti luci tremolanti di varia forma e colore. I pianeti interni come Mercurio non presentano fasi al pari di quelli esterni alla Terra. Quindi, il modello eliocentrico non regge. Un nuovo mondo si para di fronte ai nostri occhi.

https://qph.fs.quoracdn.net/main-qimg-0de6fee204771918f6917c434bbdbaaf
6 dicembre 2021

Il Sole non illumina la Luna

rblev on Twitter: "@Alexand70818773 @sdaws5MUFC @Neloangelo314 Because the  moon is its own luminary and creates it own light! It's not a dirty, rock  ball reflecting the sun's rays. She's beautiful, ain't she?" /
Florianopolis, Brasile. Dalla spiaggia verso l’Atlantico (est) il 4 maggio 2021.

Fotografia scattata a Florianopolis nel sud del Brasile il 4 maggio all’alba. Nel modello eliocentrico, la luna dovrebbe essere illuminata da una fonte di luce che si trova dietro di essa. La fotografia dimostra, se autentica, che Selene emette la sua propria luce, come scritto nella Bibbia, e non è illuminata da Sole che si trova a 150 milioni di chilometri di distanza. Il Sole emette luce calda mentre il “satellite terrestre” irradia luce fredda. Inoltre, si nota quasi sempre che il terminatore lunare (la linea che separa la parte illuminata da quella oscura) con coincide con la posizione del Sole nel cielo.
Di tali “inconsistenze” nella “matrice” olografica in cui siamo immersi se ne trovano parecchie.

Steve on Twitter: "☀️🌔 https://t.co/ZMU0NZf2DJ" / Twitter
30 novembre 2021

Il paradosso di monte Wilson

Limite di visibilità teorica sul globo terrestre: 92 miglia (148 km). Viabilità verificata: 202 miglia (325 km) e oltre.

Si tratta di una montagna in California, vicino a Los Angeles, dove è situato un importante osservatorio astronomico.
Il fotografo JTolan, noto per le sue ricerche con camera all’infrarosso, è salito in cima per vedere fino dove poteva arrivare utilizzando un filtro ad infrarossi. È riuscito e riprendere fattezze orografie ben dentro il Messico a centinaia di km di distanza. Ben oltre il limite consentito dalla curvatura terrestre (il cerchio). Un fatto eccezionale, se non sapessimo che la Terra è un piano.
Ironia del destino. Da un osservatorio pensato per scrutare il cosmo, si può verificare di persona che la Terra è piatta, cioè non esiste alcun universo infinito con quasar, pulsar, buchi neri, galassie e alieni.
Non è paradossale!? Buona visione.

https://it.wikipedia.org/wiki/Osservatorio_di_Monte_Wilson

ADDENDUM Le antenne omnidirezionali che si vedono nel filmato emulano i segnali satellitari.

28 ottobre 2021

I raggi crepuscolari non mentono mai

Il Sole appare trovarsi letteralmente dentro le nubi. Conferma che vediamo un cielo olografico, un cielo apparente. Ritengo che la posizione del Sole sia assoluta rispetto all’orizzonte, l’ora e la stagione. Cioè, se si sale in quota sopra le nuvole, il Sole si trova sempre nella medesima posizione, ovviamente rispetto all’ora e alla stagione.

26 ottobre 2021

Foto vere della Terra dallo spazio

https://www.facebook.com/114302093683157/videos/655505545615825

La porzione terrestre illuminata nelle “vere” fotografie NASA non coincide con l’effettiva alternanza fra luce e buio sulla terra piana. Si riscontra una evidente difformità tra ciò che la NASA dirama e la realtà dei fatti.

Summer of Science - Comparing Three 'Blue Marble' Photos of Earth -  NYTimes.com
28 settembre 2021

Astronauti senza guanti

Le immagini spaziali sono piene di errori e incongruenze, esattamente come avviene nei film. Perchè si tratta di film. Loro dispongono di un simulatore che emula anche le vibrazioni prodotte dal motore a razzo. Il simulatore estremamente realistico per l’addestramento poi viene utilizzato per produrre le “vere” immagini del lancio.

20 settembre 2021

L’Italia è grande come gli USA dallo spazio!

L’importanza delle università è proporzionale all’aderenza al modello eliocentrico copernicano. Chi mette in discussione ciò viene subito messo all’indice. Chi esce dagli schemi ha torto a priori. Ma le foto scattate nello spazio sono piene di errori e incongruenze visive.

Guarda su Facebook: https://www.facebook.com/114302093683157/videos/1219629698548968

L'Italia vista dallo Spazio, in Super HD - Focus.it
14 settembre 2021

La meccanica celeste copernicana si è rotta

Giove, in alto, con Venere e la Luna. I pianeti mostrano sempre una forma circolare come le stelle e non fasi come la Luna.

Tutti i pianeti del sistema solare dovrebbero mostrare delle fasi, come la Luna, in dipendenza della loro posizione rispetto al Sole, visti dalla Terra. Ciò che si osserva, nella realtà, sono dei dischetti sempre tondi e uniformemente illuminati. In particolare, Venere e Mercurio, che sono pianeti interni, dovrebbero quasi sempre essere poco visibili in quanto dovrebbero mostrare a noi il loro lato oscuro ossia opposto al Sole. Un grosso problema per l’eliocentrismo.

23 agosto 2021

Manca il verde

In questo presunto video “dal vivo”, delle immagini della Terra dallo spazio.
Prima di tutto, non è in diretta ma si tratta di una sommatoria di spezzoni. Dopodiché, si tratta di riprese con lo schermo verde, il colore che manca sempre, altrimenti, l’inganno sarebbe svelato.
Ancora, sulla Terra non si riconoscono mai continenti o terre emerse da un azzurro uniforme interrotto solo dal biancore delle formazioni nuvolose.
Con tutta probabilità, si tratta di riprese da palloni stratosferici sull’oceano Pacifico (con telecamera a occhio di pesce) ad altissima quota integrati come sfondo di riprese con schermo verde effettuate in area 51.
Scommetterei che le cosa stanno così.

L’immagine è chiaramente un disegno.
16 agosto 2021

Risposta a Michele Vassallo sull’orbita solare

Rispondo brevemente all’amico Michele. Bisogna dare a Cesare quel che è di Cesare.
L’idea dell’orbita solare ovale sopra il piano terrestre non è di Dino Tinelli bensì dell’amico Calogero Greco:

La proposta di modello di Greco non è affatto campata per aria. In Sudafrica, il sorge spunta da nord-est mente in Australia, che si trova alla medesima latitudine sud, invece il sole sorge da sud-est. Questo rende problematica la mappa azimutale Gleason. Tuttavia, sappiamo grazie alle rotte aeree che la Gleason è sostanzialmente corretta. Quindi, forse è il sole che compie una traiettoria non perfettamente circolare facente perno sul polo Nord. Probabilmente ellittica come dimostrerebbe l’analemma solare.
Il motivo per cui nell’emisfero australe, perfino in Antartide, noi stiamo organizzando un viaggio esplorativo. La scelta migliore è sepre diverificare coi propri occhi: astronomia zetetica.

Amazon.com: Riley Creative Solutions 1892 Flat Earth Map - Alexander  Gleason's New Standard Map of The World 24 x 36 Large Wall Art Poster:  Posters & Prints
3 agosto 2021

I filmati del sole di mezzanotte in Antartide sono fasulli?

Il muro di ghiaccio alto 30 metri che costituisce l’anello antartico. Secondo alcune rilevazioni sarebbe lungo oltre 100.000 km circondando le terre e i mari conosciuti.

Non c’è il sole di mezzanotte in Antartide? O forse alcuni video lo provano. Ma sono falsi. Perché sono falsi? Perciò abbiamo organizzato un’intera spedizione coraggiosa sul suolo antartico.


12 luglio 2021

Virgin Galactic mostra che la Terra è piatta

A 47 km di altezza, nessuna traccia di curvatura. Eppure ci dicono che le navi scompaiono dietro l’orizzonte a pochi km di distanza a livello del mare.

Alla fine Richard Branson ce l’ha fatta! Il suo sogno di andare nello spazio è diventato realtà grazie al primo volo spaziale con equipaggio completo della sue navicella VSS Unity. Oltre a lui a bordo c’erano i due piloti Dave Mackay e Mike Masucci, il capo istruttore Beth Moses, l’ingegnere capo delle operazioni presso l’azienda, Colin Bennet, e infine Sirisha Bandla, vicepresidente degli affari governativi e delle operazioni di ricerca di Virgin Galactic.

La partenza è avvenuta ieri alle 16.40 dallo Spaceport america situato nel New Mexico e tutto si è svolto nel migliore dei modi. L’aereo VMS Eve è salito correttamente a 15.000 metri di altezza, poi è avvenuto lo sgancio della navicella VSS unity che ha acceso correttamente i motori continuando il suo viaggio fino ad un’altezza di 86 km dal suolo. Dopo 4 minuti passati in condizione di microgravità è iniziata la fase di ritorno e anche l’atterraggio è stato portato a termine senza problemi.

Tra il fortunato pubblico che ha potuto seguire l’evento c’era anche Elon Musk, amico e competitor di Branson, che si è complimentato per la riuscita dell’impresa. Il magnate di Virgin Galactic l’ha definita “l’esperienza di una vita“, e tutto il suo entusiasmo traspare dalle prime parole pronunciate nel momento di massima altitudine della missione. ( https://www.hdblog.it/tecnologia/articoli/n541016/virgin-galactic-branson-volo-spazio-vss-unity/ )

Però, l’orizzonte è sempre piatto nel video sopra. Chissà dove sono andati veramente. Probabilmente,il lancio è vero ma con nessuno a bordo. Hanno registrato le scene interne dentro un aerei ZeroG. Oppure l’assenza di gravità è stata emulata nella caduta libera al rientro in atmosfera. Notare che nessuno impugna un cellulare per registrare un breve filmato a 360° e inquadrare la Terra fuori dall’oblò.

1 luglio 2021

Montagne della Scozia riprese da 850 km confermano che la Terra è un piano

ellissimo video prodotto dal nostro caro amico francese Nouvelle Géographie PLANétaire e tratto da un video di FLAT EARTH LT. In queste riprese oltre ad osservare le montagne della Scozia a 850Km di distanza possiamo notare come il profilo dell’orizzonte sia sempre piatto e ben differente da quello delle simulazioni basate su Google Earth. Ho disattivato i commenti così che non si intrufolino i soliti detrattori stipendiati dal sistema per confondere le carte in tavola e difendere un modello immaginario che vedrebbe una Terra sferica sfrecciante per l’universo in perenne equilibrio gravitazionale impossibile da dimostrare con i calcoli (vedere “problema dei tre corpi”). Un caro saluto a tutti gli amici. Link al video originale: https://youtu.be/TT2WXEgEnbo

17 giugno 2021

Sotto via Montenapoleone a Milano

Gentile Albino,
ho scoperto da poco il tuo sito “pianeta x”. Pur interessandomi di complottismo da moltissimi anni sono sempre rimasto scettico sul fenomeno Terra piatta, ma ultimamente mi sto assolutamente ricredendo soprattutto x il fatto incontestabile, perlomeno mi sembra sia la prova clou più, forse, di quella delle rotte aeree, che non esista la curvatura, secondo la formula che hai riportato nel sito, e che sembra non esistere realmente su entrambi gli angoli…insomma sto rivedendo tutto sotto una nuova ottica. Sulla falsità della storia: negli anni 90 leggevo già Cesco Ciapanna che scrisse centinaia di pagine sulle menzogne della storia e molto di più, dalle bugie del darwinismo, allo studio della lingua italiana piena di doppi sensi, e codici vari…Per quel che riguarda la faccenda del fango. Prima ancora di avere internet, mi son sempre chiesto che cosa ci facevano le rovine di tutta l’antichità sotto terra e la storia del fango che è uscita ora è assolutamente credibile. Ciapanna diceva di non leggere i libri di storia, tutti falsificati, ma di guardare semplicemente il paesaggio e… aveva ragione. Qui dove vivo ora, in Toscana, ci sono molti ruderi sparsi qua e là, anche di case con muri spessi e robusti…dopo cent’anni di abbandono crolla tutto e dopo un po’ sparisce anche il resto…quindi come si può dire che i ruderi dell’antica Roma e dell’antichità abbiano duemila anni… Ho visto i disegni del Piranesi che mostrano tutt’altro. Altro che Truman shows…Dio coi suoi angeli, è molto più vicino di quanto crediamo, dall’empireo gestisce tutto, la pantomima diabolica invece è affare di satana che è condannato a stare qui con noi sul piano…Ti allego tre foto che mi sembrano interessanti. Le scattai io qualche anno fa a Milano, in Via Montenapoleone. Stavano facendo dei lavori di interramento di alcuni tubi, nel centro strada e, sotto a pochi centimetri dall’asfalto(!) vennero fuori alcuni il capitelli di “antiche” colonne della Milano capitale Romanica. Ai tempi non fermarono i lavori, quindi già sapevano della loro esistenza, infatti dopo aver messo i tubi riasfaltarono tutto senza dare spiegazioni. Ma in centro a Milano è così. Quando fecero il parcheggio sotterraneo in Corso Matteotti, vicinissimo a Montenapoleone, sempre più o meno nello stesso periodo, le mura romaniche vennero fuori sotto a pochi centimetri di fango dall’asfalto, antichi muri in mattoni rossi… Sotto al moderno c’è subito l’impero “romano” e mancano tutti gli strati di tutte le epoche successive, qualcuno mi ha detto che gli uomini per 1700 anni sono vissuti nella capanne, ma certe sciocchezze io nn le commento neanche…l’impero romano cioè quello, forse, non dove abitavano i nostri avi di chissà quando, ma i nostri bis bis nonni prima del disastro che ha portato via l’antica civiltà preesistente.Comprerò i tuoi libri. Grazie per il tuo ottimo lavoro di divulgazione.Un saluto
Giorgio

4 giugno 2021

Le città vuote, fotografie di quale epoca?

Prendo spunto dal video sopra tradotto da Dino Tinelli. La fotografia in bianco e nero si diffuse solamente dopo il 1850. Almeno ci dicono così. Nella seconda metà del 1800, le città maggiori eano ampiamente abitate e c’erano già i giornali quotidiani. Molto difficile che interi quartieri di templi megalitici disabitati possano essere sfuggiti.
I casi sono due: o le immagini sono fasulle o scattate i luoghi differenti da quelli menzionati.
La seconda ipotesi è che le fotografie siano autentiche ma risalenti a secoli fa, subito dopo il “grande riassetto”. Secondo la mia teoria esposta nei libri, l’ultimo riassetto è avvenuto attorno il (1)630 quando scomparvero gli ultimi mostri medievali (draghi e altre chimere) creati dai Nephilim.
Quindi, la storia della fotografia non è quella che ci hanno detto a partire dai dagherrotipi in poi.

More On Tartaria: A Missing Legacy – Part II | Unariun Wisdom
Vecchia fotografia di Mosca.
14 Maggio 2021

FISICO NUCLEARE Valerio Rossi Albertini – Mauro Dalsogno – Agostino Favari

File:Logo Telenorba.png - Wikipedia

Bel confronto sulla televisione pugliese Telenorba. Alla fine, il fisico nucleare si è incarognito non riuscendo a smentire l’inesistenza della curvatura terrestre fra Ragusa e Malta. Buona visione!

11 Maggio 2021

Guerra contro Tartaria

56 Tartaria ideas | ancient maps, star fort, history

Le guerre, tutte quante, sono generate per distruggere gli antichi edifici che provano l’esistenza di una civiltà avanzatissima esistita sulla faccia della terra. E ciò non in un periodo remotissimo appartenente al mito bensì pochi secoli or sono. Caratteristica dell’architettura tartara sono le cupole, talora gigantesche, che oggigiorno non si è in grado di riprodurre, se non utilizzando tecnologie edili molto sofisticate.

16 aprile 2021

Il monte Bianco visibile a 538 km di distanza

Monte Bianco fotografato da Bordeaux (Francia).

Non ci può essere alcun altro dubbio. Se la foto è autentica, la Terra non può essere un globo.

https://beyondrange.wordpress.com/2018/07/11/in-flight-pictures-mont-blanc/

A tale distanza, gli oggetti dovrebbero essere nascosti da ben 22,7 km di curvatura. Il monte Bianco è alto “solo” 4,8 km, pertanto, la sua visibilità sarebbe impossibile da quella distanza. A meno di non pensare che la Terra sia un piano. In verità, la foto è stata scattata da un aeroplano, comunque, impossibile che il Bianco sia visibile da quella distanza anche alla quota di crociera di un velivolo di linea.

https://earthcurvature.com/

30 marzo 2021

Monete italiane preunitarie confermano il dubbio sui mille anni

Nella fotografia sopra, sono raffigurate 3 monete emesse dal Regno delle Due Sicilie. Anno di emissione 1700, 1780 e 1788.
Si osserva l’evoluzione della cifra “1” del millennio che passa da una grafia identica alla lettera “I” (come nella parola “FELICITAS”, in basso a sinistra) alla cifra uno non identificabile colla lettera “i” maiuscola.

Appare lecito dubitare che la I stesse per l’iniziale di Iesus, pertanto, ai tempi si era a 7 secoli dalla nascita di Cristo e non a 17.

Sotto, un tallero coniato in Italia nel 1780. Qui la cifra “1” rammenta la grafia impiegata nei paesi dell’est europeo cioè la lettera “chi” greca (Χ) che stava per Χριστός (Cristo). Sarebbe da leggersi “Χ780”. Nel mio ultimo libro ANNO DOMINI – la Storia è una grassa Bugia, si trovano decine di esempi e di verifiche incrociate sul fatto che la prima cifra della datazione in numeri arabi era una lettera dell’alfabeto fino a circa metà del “1700”. Interessante osservare il fatto che, per confondere le acque, a un certo punto la cifra “1”, fuori dal contesto della data, venne scritta in maniera bizzarra.

http://numismaticamente.it/collezionismo-numismatico/i-talleri-1780-coniati-in-italia

https://i1.wp.com/numismaticamente.it/wp-content/uploads/2013/12/zz1.png?w=577
Conio del Regno Lombardo-veneto di Maria Teresa.

15 marzo 2021

Breve storia delle pseudoscienze di Marco Ciardi

https://img.ibs.it/images/9788836000135_0_221_0_75.jpg

Le pseudoscienze, spesso, non faticano ad attecchire nonostante ne sia stata dimostrata l’infondatezza. Nel suo ultimo libro, “Breve storia delle pseudoscienze” (Hoepli 2021), lo storico della scienza Marco Ciardi conduce il lettore alle origini del fenomeno, illustrando tempi e modi in cui tali teorie hanno preso forma.

https://www.ibs.it/breve-storia-delle-pseudoscienze-libro-marco-ciardi/e/9788836000135

Tuttavia, che dicono le “vere scienze” del fatto che l’Himalaya si vede a mille chilometri di distanza? Il che sarebbe geometricamente impossibile, se la Terra fosse una sfera.

9 febbraio 2021

Luna e cielo olografico

Una stella visibile attraverso la Luna. Sono i Fenomeni Lunari Transitori.

Una stella visibile attraverso la Luna. Sono i Fenomeni Lunari Transitori.

Un filmato catturato da un astronomo russo conferma la mia ipotesi che l’universo (= il Cielo) sia olografico cioè non materiale. Secondo i soliti noti, si tratta solo di aberrazioni atmosferiche o scherzi del caso.
Una ennesima dimostrazione è la Luna che si accartoccia mentre tramonta. Essa è una luminaria ossia una luce nel cielo che rischiara la notte. La sua luce raffredda contrariamente a quella solare che riscalda. Muta di colore ed è traslucida comparendo occasionalmente stelle e pianeti all’interno del suo disco.
Infine, è capitato che di lune se ne scorgessero due in cielo per un breve periodo come se si trattasse di un “inconveniente nella matrice”.