Archive for ‘Terra Piatta [in italiano]’

17 giugno 2018

John Lennon e la Terra piatta

Per quale strano motivo, John Lennon e l’inseparabile Yoko Ono avrebbero dovuto lanciare palloni muniti di cinepresa? Con tutte le volte che avevano volato, non avevano visto come sono le nuvole da sopra?
Forse perchè sapevano o sospettavano che la Terra è piatta.
La morte di Lennon, assassinato da Mark Chapman l’8 dicembre 1980 analizzata in retrospettiva, appare essere una messa in scena come l’assassinio dei Kennedy e di molti altri personaggi famosi. Il mondo in cui viviamo è un palcoscenico.

L’ex componente dei Beatles John Lennon, catapultato alla celebrità con i capelloni rocker britannici negli anni ’60, è stato ucciso la scorsa notte di fronte al suo lussuoso appartamento nell’Upper West Side di Manhattan, come ha riferito la polizia. Le autorità affermano che Lennon, 40 anni, è stato trasportato di corsa su un’automobile della polizia al Roosevelt Hospital, dove è stato dichiarato morto poco dopo il suo arrivo. I medici hanno detto che aveva sette ferite profonde nel torace, sulla schiena e sul braccio sinistro, ma che non sapevano quanti proiettili lo avessero colpito. Il Dr. Stephen Lynn ha detto: “Sono sicuro che è morto quando è stato colpito”. La polizia afferma che la sparatoria è avvenuta all’esterno del Dakota, il lussuoso appartamento vecchio un secolo in cui Lennon e la moglie Yoko Ono vivevano. Si trova di fronte a Central Park. La polizia dice di aver fermato un sospetto e lo descrive come “un pazzoide” senza apparenti motivi per sparare a Lennon. Il tenente John Schick ha detto che l’uomo, sui 25 anni, verrà trattenuto tutta la notte. La moglie di Lennon non è stata ferita. Il capo degli investigatori James Sullivan ha detto che Lennon e sua moglie stavano passeggiando nel cortile del Dakota intorno alle 22,50, quando 5 colpi sono stati esplosi. Lennon ha barcollato entrando nell’edificio e poi è caduto. L’agente Anthony Palma, è stato uno dei primi ad arrivare, e ha detto ai colleghi di aver trovato Lennon riverso a faccia in giù nell’ufficio del palazzo a nove piani e lo ha portato alla macchina di servizio. Yoko Ono è stata portata in ospedale con un’altra automobile, ha detto l’agente. Palma ha detto che la donna ha avuto una crisi isterica quando i medici le hanno detto che Lennon era morto. “Dimmi che non è vero” avrebbe detto gridando. Sullivan afferma che il sospettato è un 25enne delle Hawaii che era stato visto girare intorno al Dakota da un po’ di tempo. Jack Douglas, il produttore di Lennon, ha detto che si trovava con i Lennon in uno studio di registrazione chiamato Record Plant e che l’artista era uscito intorno alle 22,30. Lennon ha detto che si sarebbe procurato qualcosa da mangiare per poi andare a casa. Un passante, Sean Strub, ha detto che stava camminando verso Sud sulla 72esima Strada quando ha sentito sparare 4 colpi. Ha detto di aver girato l’angolo e di aver visto mentre Lennon veniva caricato su un’automobile della polizia. Qualcuno ha detto di aver udito 6 colpi e che John sarebbe stato colpito due volte, afferma Strub. Al Roosevelt Hospital il Dr. Lynn ha annunciato la morte di Lennon dopo la mezzanotte. Ha detto che era stato portato in ospedale prima delle 23. “Tentativi di rianimazione estensivi sono stati provati e nonostante trasfusioni e altri metodo non c’è stato modo di rianimarlo” ha detto. “Danni significativi ai vasi sanguigni nel torace” ha detto il Dr. Lynn “e una grave emorragia, non poteva essere salvato… Sono sicuro che era già morto quando è stato colpito… la sua casa è a circa un chilometro da qui e non credo che fosse possibile salvarlo in alcun modo”.

Yoko Ono e David Geffen (produttore di Lennon) lasciano l’ospedale dopo avere avuto la conferma della morte di John.

E Lennon sapeva dell’invenzione degli UFO. Nel video sotto, finge di averne visto uno proprio nel centro di New York.

Annunci
15 giugno 2018

Eccolo il globo… piatto!

Apparentemente un nuovo pallone d’alta quota (32 km di altezza). Eccola la “sfera”… assolutamente piatta e stazionaria. Inoltre, l’orizzonte rimane a livello dell’occhio anziché scendere seguendo la curvatura della sfera..
Interessante la musica dalla colonna sonora de “Il Gladiatore”. Romani e greci classici, come li conosciamo non sono mai esistiti. I cosiddetti templi, Partenone, valle dei templi di Agrigento, Baalbeck, Karnak, Sachsayuman e le altre costruzioni megalitiche sono in rovina.
Furono magnificenti costruzioni antidiluviane squassate da tremendi sismi e tsunami. L’immane massa di sedimenti ricoprì (deposito alluvionale) le città che ora vengono beffardamente chiamate “catacombe” o “necropoli” come se davvero qualcuno le avesse intenzionalmente progettate sottoterra. Lo dimostra anche il piano di calpestio attuale che è di svariati metri, in media, più alto delle rovine romane.
La Storia che conosciamo è integralmente falsa.
L’impero bizantino e le invasioni barbariche, ad esempio, furono la ripresa dopo il Diluvio. La civiltà non fa marcia indietro al buio del Medioevo come ci fanno credere gli storici di fama, quasi tutti massoni o satanisti. A meno di un evento talmente catastrofico da annientare la civiltà dalla faccia della Terra.
I monaci emanuensi semplicemente ricopiarono gli scritti “classici” (pre-diluviani) della biblioteca di Alessandria, che andò distrutta per un motivo mai veramente chiarito.
A causa del Diluvio, le acque s’innalzarono e molte città rimasero sommerse. Ora fingono di scoprirle ma loro lo sanno, lo sanno che stanno ancora la sotto.  Uno di loro, francese nato in Marocco si chiama Franck Goddio (affrancato da + dio in inglese + dio in italiano). Avevo menzionato già in passato che la parola inglese dog (cane) fu coniata, in luogo del germanico hound, in spregio alla parola God (Dio).
I sopravvissuti malvagi della punizione divina ricostruirono la prima città, Ur, e da allora vogliono che siamo tutti “cittadini” anche se viviamo in campagna. “Cittadini italiani”, “cittadini del mondo”. Il Nuovo Ordine Mondiale è il semplice coronamento della loro celeste vanità (scusate se mi autocito). Per disprezzo dell’Onnipotente hanno chiamato il pianeta più vicino al cielo Ur-anus (buco del kulo di Ur, Ben HUR, MarkUR, il creatore del file sharing E-mule). Il cosmodromo teatro del finto programma spaziale russo sta a BaykonUR in Kazakistan la cui nuova capitale Astana è l’anagramma di Satana. Il loro dio si fa chiamare in mille altri modi, per brevità Ra (IRA , Irish RA, RAI, RA italiano, i sacrifici umani di vergini: YaRA, SaRA, ChiaRA, RA-dio, V-dio, oggi per la decima volta, il TG3 Lombardia ha informato che i musulmani hanno terminato il RAmadan, notizia in funzione anticristiana.
Bramano ricostruire la torre di Babele (capitolo 11 della Genesi) per la quale furono severamente puniti. E ci stanno riprovando sempre più pervicacemente. Anche la Bibbia è stata pesantemente artefatta. Ma non in Rivelazione 9-11 (°), l’unico passo dei testi sacri in cui il loro signore e padrone è menzionato per nome.
A noi non resta che pregare e invocare che al più presto Gesù Cristo mantenga la promessa di ritornare in terra e ogni dubbio sarà sciolto, ogni ansia sopita e ogni noia superata.
Pura fantasticheria e mere coincidenze, chi lo sa.
PS Dei drammatici eventi che procedettero il Diluvio Universale e della sua meccanica parlerò il 24 agosto ad Agerola durante PIANO DI ESISTENZA 3.

Sul nuovo ordine mondiale: QUADERNI DALLA TERRA PIATTA.
Sul meccanismo fisico del Diluvio Universale: Archeo Misteri Magazine – maggio 2018

(°)  Rivelazione 9-11 “Esse hanno su di loro un re, l’angelo dell’abisso. Il suo nome in ebraico è Abaddon,* ma in greco ha nome Apollion.*+

https://travelingcanucks.com/wp-content/uploads/2013/09/luxor-egypt13.jpg

Le immense rovine di Karnak (Egitto) che gli egittologi, falsi e bugiardi,  si ostinano a definire “egizie”.  Wikipedia dice che le colonne sono alte 14 metri,  solo alcune 21.  Ma osservando i turisti a confronto, ce ne sono forse di alte 30 metri (dicono di 3 m. di diametro ma sono almeno di 4) che nessun “nipote di Mubarak” avrebbe saputo edificare.

15 giugno 2018

Antartide: il centro del mistero e il nastro di Möbius

Il continente antartico continua a stimolare la fantasia dei navigatori di internet. La forma della Terra è uno dei più grandi misteri dei nostri tempi, una volta rotto l’incantesimo, anzi il sortilegio, del globo terrestre. Anche sul polo Nord, se ci pensate, non abbiamo vere immagini. Il sospetto è che viviamo in una sorta di nastro di Möbius in cui la geometria terrestre, avvicinandosi agli estremi, abbandona le sue proprietà euclidee. Forse il motivo per il quale non vogliono che qualcuno si avvicini troppo all’Antartide.

8 giugno 2018

Emirates lancia gli aerei senza finestrini

Il “grande circolo”. La rotta fra Nordamerica ed Europa o Asia e Nordamerica passa sempre in vicinanza del polo Nord ma la rotta diventa diritta, come è logico che sia, sulla mappa della Terra piatta.

Inaugurata la nuova prima classe. Al posto dei finestrini, verranno proiettate le immagini esterne con telecamere a fibre ottiche Finestrini virtuali.
È questa l’ultima novità in arrivo a bordo della cabina di prima classe del nuovo aereo Boeing 777-300ER della linea aerea Fly Emirates. Non un semplice esperimento o un lusso che resterà appannaggio di pochi. La compagnia infatti, nel presentare la sua nuova prima classe, ha confermato il proprio piano a lungo termine, che prevede la rimozione di tutte le finestre dagli aerei futuri perché, per ragioni di aerodinamicità, questo rende la carlinga più leggera e veloce.
(Wired)

Chissà perchè, mi sarei aspettato una notizia del genere. Le rotte aeree, che dimostrano la piattezza terrestre, non possono essere camuffate da siti quali Flyradar24 dato che i passeggeri, dai finestrini, possono osservare il profilo di isole e continenti in modo da sapere cosa sta sorvolando effettivamente il velivolo.
Questo è la motivazione di tale proposta anche se qualche  solerte “complottista” vi assicurerà che è per celare le scie chimiche.

https://cdn.newsapi.com.au/image/v1/0f27a96352e59074be251c17c10c800a?width=650

https://pianetax.files.wordpress.com/2018/06/b1b79-patent2b29142-small.jpg?w=370

E pure ‘sta notizia mi aspettavo. Il buon Marcianò tira fuori a tempo di record una ciofeka (una fake elaborato nei giorni scorsi per limitare il danno) tesa a dimostrare che i carburanti avio esistono. Basta osservare, tuttavia, gli aerei da caccia militari per accorgersi che i serbatoi non esistono e, se esistono, sono tropo piccoli per rifornire per ore di volo un velivolo supersonico dal consumo impressionante.
Ciò non esclude la modificazione del clima che, si può pensare, avvenga alzando e abbassando la pressione atmosferica attraverso onde elettromagnetiche di HAARP, MUOS ecc.

http://www.tankerenemy.com/2018/06/un-brevetto-del-cnr-conferma-che-gli.html#.WxpZehzONbo

5 giugno 2018

La Tunisia fotografata dal litorale laziale

La distanza esatta fra i due punti è di 544,5 km. Dal livello del mare, l’orizzonte dovrebbe abbassarsi di oltre 23 km.

Se la foto sotto non è un falso, ci troviamo di fronte a una prova incontrovertibile della piattezza terrestre. L’immagine mostra un tramonto sopra la Tunisia. Molto bello, non trovate?
Il fatto è che la foto è stata scatta da Scauri, frazione del comune di Minturno, in provincia di Latina. La Tunisia, inquadrabile fra Sicilia (fuori campo a sinistra) e Sardegna (fuori campo a destra) si trova oltre 500 km in linea d’aria dalla costa laziale.
Non so l’altitudine dalla quale l’immagine proviene, tuttavia, la costa africana dovrebbe situarsi una ventina di km dietro la linea dell’orizzonte, nascosta dalla curvatura terrestre.
Ma non è tutto. Sulla sfera, per definizione, la curvatura è costante in ogni direzione. Perciò, anche l’orizzonte da sinistra a destra dovrebbe apparire arcuato da tale enorme distanza.
Qual’è il mistero? La Terra è davvero piatta?

Tunisia fotografata da Scauri (LT)

È importante sottolineare che immagini di questo tipo richiedano condizioni eccezionali di visibilità, quasi mai riscontrabili.

4 giugno 2018

La Terra si è fermata ad Agerola (NA)

Vacanze alternative? Itinerari del “risveglio”? Tenetevi liberi per venerdì 24 agosto 2018. Una grossa palla sta per scoppiare. Rimanete sintonizzati!


1 giugno 2018

La Svizzera è piatta

Non verrebbe da dire che è vero, riferendosi alla orografia territoriale della confederazione elvetica. Eppure le fotografie col teleobiettivo indicano una totale assenza di curvatura della superficie terrestre anche in Svizzera.
L’amico Fernando mi invia un’interessante serie di immagini.

Oltre 100 km completamente piatti.

La Alpi lombarde viste dalla Svizzera.

25 maggio 2018

Dharma Bernardi (Elafaki) il 13 giugno a Cappella Maggiore (TV)

Oggi è 25 maggio, primo anniversario della pubblicazione del mio libro QUADERNI DALLA TERRA PIATTA. Per coincidenza, scopro che il 13 giugno ci sarà una conferenza di Dharma Bernardi a Cappella Maggiore in provincia di Treviso con l’associazione Salus Bellatrix di Francesca Salvador.

21 maggio 2018

Chiuso il canale principale di Dino Tinelli

AGGIORNAMENTO 22 MAGGIO 2018  Il canale è stato riaperto dietro ricorso di Dino:

https://www.youtube.com/user/tinellidino/videos

Una notizia triste. Purtroppo, la cricca globalista è riuscita a fare chiudere il canale principale di Dino Tinelli su Youtube. Esso conteneva quasi 900 video sulla Terra piatta molti dei quali importantissimi e irreperibili in italiano.
Il cappio si stringe attorno al collo dei portatori di verità da parte dei seguaci del portatore di luce.
Il canale vantava 18 playlist e oltre 23 mila iscritti. Ho appena espresso la mia solidarietà per telefono all’amico Dino. Mi ha confermato che si è trattato di una azione brutale e premeditata avvenuta solo due giorni prima che scadessero gli “strike”.
Dino ora userà il sue secondo canale:

https://www.youtube.com/channel/UCNDv7uy4KpLOVeSyXrsJZ0g

13 maggio 2018

Terra piatta: la prova visiva assoluta

Questo è un filmato ufficiale della NASA ripreso dalla capsula Orion Blue Origin il  2 aprile 2016 la quale è arrivata a oltre 73 km di altezza. La telecamera monta un obbiettivo a “occhio di pesce” ma, impiegando un correttore digitale, l’orizzonte rimane sempre rettilineo e a livello dell’occhio. Però, stando ai libri di scuola, la curvatura terrestre dovrebbe essere percepibile già a pochi km di distanza quando le navi scompaiono dietro l’orizzonte.

Video originale dal canale Youtube di Blue Origin:

10 maggio 2018

Satelliti artificiali innaturali

Sirius XM Satellite Radio è una società statunitense di emissione radio satellitare e via web. Trasmette i canali Sirius Satellite Radio, XM Satellite Radio e Sirius XM Radio.
La cartina sotto illustra l’impronta, ossia la copertura territoriale via satellite.
È curioso costatare come la copertura ricalchi quasi perfettamente i confini degli Stati Uniti continentali includendo le aree limitrofe di Messico, Canada e Alaska.
L’emittente si avvarrebbe di 5 satelliti in orbita: due XM, due satelliti classe Sirius e uno di riserva.
In effetti, dato che la società, attraverso il servizio SiriusXM Marine, offre abbonamenti per ricevere le previsioni meteo marine, sarebbe logico la copertura si estendesse anche al mare aperto e non unicamente alle acque in prossimità delle coste. Non vi pare?
Un altro indizio che c’è qualcosa di sordido riguardo i satelliti artificiali.

Se i satelliti geostazionari a 36mila km di altezza in orbita equatoriale esistessero, dovrebbero coprire tutta la porzione di territorio compresa nell’ellisse.

1 maggio 2018

Altra prova della mancanza di curvatura nella superficie terrestre

Un uomo ha scattato una foto delle luci della città di Milwakee (Wisconsin) dalla altra riva del lago Michigan a Muskegon (Michigan). La distanza, in linea d’aria, è di 137 km (85 miglia). È stato impiegato allo scopo un cellulare Samsung Galaxy S7 con esposizione 10 secondi e ISO 400. L’uomo, di nome Cameron Mosier, ha dichiarato alla stazione TV Fox6 di avere potuto osservare le luci intermittenti in cima agli edifici di Milwakee a occhio nudo. Il fenomeno è piuttosto raro a causa della densità atmosferica la quale impedisce, normalmente, di vedere oltre qualche decina di chilometri.
Stando al calcolo della curvatura (per una sfera avente raggio di 6371 km), le luci si dovrebbero trovare a circa un km e mezzo sotto la linea dell’orizzonte visibile. Dove sta il mistero?

https://dizzib.github.io/earth/curve-calc/?d0=136.79424000007353&h0=0&unit=metric

28 aprile 2018

El Gran Engaño! ¿Te Engañarán? – Il Grande Inganno! Sarai Ingannato?

Investiga, Hemos Sido engañados, La Tierra Es Plana – Fate Le Vostre Ricerche Ci Hanno Ingannato, La Terra e’ Piatta.

26 aprile 2018

Le dimensioni delle terre nell’emisfero Sud smontano il globo terrestre


Se prendete un qualsiasi mappamondo in mano, il primo che vi capita, costaterete che gli Stati Uniti continentali (esclusi quindi Portorico, Alaska e Hawaii) sono più grandi dell’Australia. Nella realtà, non è così. Ciò che è avvenuto è che l’emisfero meridionalizzale è molto più grande di quanto riportano le cartine geografiche in quanto non si rastrema verso un punto (polo sud). In effetti, si allarga sempre più muovendosi verso l’esterno del disco terrestre.
Un calcolo approssimativo delle vere dimensioni della Terra sono presenti nel libro: QUADERNI DALLA TERRA PIATTA.

23 aprile 2018

Nuovo pallone d’alta quota conferma la terra piatta

Il pallone è stato lanciato il 27 maggio 2015 raggiungendo una quota superiore ai 29 km.

Un pallone stratosferico è stato di recente lanciato dallo stadio di Wembley (Londra) dotato di una telecamera GoPro. Le riprese confermano la piattezza terrestre in quanto l’orizzonte, sempre a livello dell’occhio, è perfettamente rettilineo attraversando il centro della lente.

17 aprile 2018

Il 18 aprile Hearth presenta l’aperitivo scientifico ” La Terra è piatta (Come difendersi dalle fake news vol.2)” alle ore 19.00 presso il bar “Pantarei” a Fisciano

terra piatta bufala
Il 18 aprile sarà presentato il secondo aperitivo scientifico firmato Hearth presso il bar “Pantarei” a Fisciano alle ore 19.00.
L’evento “La Terra è piatta (Come difendersi dalle fake news vol.2)” nasce dalla collaborazione tra Hearth e Cartesar Spa.
Lo scopo dell’aperitivo scientifico è quello di aiutare la popolazione a difendersi dalle fake news diffuse in maniera virale soprattutto in internet. All’evento saranno presenti diversi ospiti che apriranno un dibattito in merito all’argomento.
Il presidente di Hearth Gaetano Genovese ha così presentato l’evento: “Il secondo appuntamento dell’aperitivo scientifico vedrà susseguirsi relatori con carriere completamente diverse tra loro, tutte però convergenti verso tematiche ambientali. Sensibilizzare la popolazione attraverso queste iniziative è quello che ci preme, una sorta di comunicazione ambientale 2.0, alla nostra maniera.”
Il programma della serata prevede alle ore 19.00 l’apertura del banchetto informativo. Sarà possibile tesserarsi nel corso della serata all’associazione Hearth.
Dopo i saluti da parte del presidente di Hearth Gaetano Genovese e del presidente della “Pro Loco” di Fisciano Donato Aliberti seguiranno gli interventi dei vari relatori.
Tra gli interventi ci sarà quello di Carlotta De Iullis, responsabile risorse umane di “Cartesar”, un’azienda che produce carta riciclata per ondulatori utilizzando come materia prima esclusivamente la carta da macero.
Un altro ospite all’evento sarà Nunzio Mario Noschese, studente di giurisprudenza, consigliere didattico del Dipartimento di Giurisprudenza, collaboratore di UniSound, radio ufficiale dell’Università degli Studi di Salerno. Parlerà delle fake news in ambito scientifico e in particolare dei meccanismi con cui il web contribuisce a diffonderle.
Vincenzo Carmine Noviello, dottore in ingegneria informatica con indirizzo alle telecomunicazioni, offrirà una breve divulgazione sugli aspetti tecnici che ci sono alla base del fenomeno della diffusione delle notizie false.
Un grande contributo sarà dato da Mimmo Sessa, geologo membro della Società Geologica Italiana, tesoriere dell’ordine dei Geologi della Campania e socio di “AISAM” (Associazione Italiana Scienze dell’Atmosfera e Meteorologia). Da sempre impegnato nel diffondere la cultura scientifica e attento ai problemi del territorio riporterà alcuni esempi di “bufale” in ambito geologico.
Martina Masullo, laureanda in “Corporate Communication and Media” all’Università degli Studi di Salerno, giornalista pubblicista e social media editor presenterà il suo libro “Nel mondo delle fake news”. Un libro che affronta l’attualissimo tema delle fake news.
L’avvocato Antonietta De Leo illustrerà i risvolti giuridici nel campo delle fake news.
L’evento si propone come un’opportunità per riflettere in maniera coinvolgente su temi attuali. ( https://www.zerottonove.it/18-aprile-hearth-aperitivo-scientifico/#Gd8fhlsKBSAVQvWv.99 )

Da me subodorato e previsto sin da subito. La questione delle fake news, implementata in Italia dagli agenti dei poteri occulti quali la Boldrini, è uscita per contrastare la rivelazione che la Terra è piatta e stazionaria. Per la serie contenere il danno.
Poi, per la serie “protettorato di straccioni”:

Di Maio: “Se qualcuno pensa di utilizzare l’attacco in Siria per sganciare l’Italia dai nostri alleati storici, cioè l’Occidente e i Paesi della NATO, allora mi troverà sempre contrario. Il M5S non ha mai detto di volersi allontanare dai nostri alleati storici.”

https://www.ilfattoquotidiano.it/2018/04/17/siria-di-maio-salvini-dichiarazioni-irresponsabili-bene-gentiloni-sbagliato-sganciare-italia-da-alleati/4297567/

12 aprile 2018

A rigor di logica… terra piatta


11 aprile 2018

Il terrapiattismo, altra follia a Cinque Stelle: “Possibile che la Terra sia sferica?”

Convegno terra piatta

Brescia, 10 apr – Galileo si sta rivoltando nella tomba, ma anche Eratostene di Cirene crediamo che stia facendo altrettanto. A Rivoltella del Garda, una frazione di Desenzano (Bs), nella giornata di sabato si sono dati appuntamento per un convegno i “terrapiattisti”, ovvero i sostenitori dell’assurda teoria che la Terra sia piatta. Si trattava della seconda “Conferenza nazionale di discussione sulla reale forma della terra” e no, non vi stiamo prendendo in giro, e nemmeno loro sono dei goliardi che pensano di mettere in atto una colossale burla. Ci credono davvero e ne hanno le prove… bontà loro.
“Non abbiamo la presunzione di conoscere la forma della terra – ha spiegato Pamela Morrigan, tra le relatrici – ma abbiamo avuto modo di sperimentare, con i semplici mezzi a disposizione, che di sicuro non ha la forma sferica che ci vogliono far credere”.
Almeno non sono presuntuosi, quanto alla sanità mentale però, avremmo dei dubbi. In programma c’era anche un esperimento sul lago di Garda che purtroppo è saltato causa foschia. Si trattava di una semplice prova visiva tra la spiaggia di Rivoltella e quella di Toscolano Maderno, che avrebbe permesso di constatare, secondo i presenti, che il pianeta non è sferico: infatti se la terra fosse curva, come potremmo vedere Toscolano da Rivoltella? Non dovrebbe essere nascosto dalla curvatura? Invece a quanto pare una foschia complottista non ha permesso lo svolgersi del preciso ed accurato esperimento. Tra i relatori della giornata anche Albino Galuppini, scrittore e “studioso” bresciano: “Sono diversi anni che mi occupo di questa tematica e siamo alla ricerca di risposte alle nostre domande”. Risposte che secondo i partecipanti si otterrebbero solo «appiattendo» il pianeta.
Pianeta che, sempre secondo i sostenitori di questa teoria sarebbe anche fermo in quanto non esisterebbero prove che la Terra si muova, come se secoli di studi, da Copernico in avanti sino a giungere alle esplorazioni spaziali, semplicemente non fossero mai esistiti. “Il nostro obiettivo è ricercare la verità – ha spiegato Roberto Avitabile informatico dell’Anas di Roma e, guarda caso, attivista del M5S – capire come stanno le cose potrebbe cambiare le sorti del mondo”. Già, letta così sembrerebbe che ci si stia relazionando con un circolo ellenico di pensatori, invece questi “ricercatori della verità” sono refrattari ad ogni spiegazione: i viaggi spaziali? Complotto, non siamo mai stati nello spazio figurati sulla Luna. Galileo? Si sbagliava, e anche Copernico. Sarà voglia di Medio Evo come un qualsiasi gruppo di rievocazione storica che si è preso un po’ troppo sul serio? Temiamo di no, i loro abiti tradivano la loro modernità, almeno di facciata.
Come si può spiegare a costoro in maniera inoppugnabile che la Terra non è piatta? Beh magari si potrebbe cominciare ricordando loro proprio l’esperimento di Eratostene di Cirene che già più di 2000 anni fa misurò la lunghezza del meridiano terrestre – e quindi la sua circonferenza – con una buona approssimazione proprio accorgendosi della differenza dell’ombra degli obelischi che si trovavano a Siene, l’odierna Assuan, e Alessandria d’Egitto: alla stessa ora dello stesso giorno dell’anno, infatti, a Siene i raggi del Sole erano perfettamente perpendicolari, non proiettando alcuna ombra, mentre ad Alessandria l’obelisco la proiettava sul terreno formando un angolo di circa 7 gradi. Supposti i raggi solari paralleli, come sono, allora per forza la Terra doveva essere curva, ed Eratostene ne misurò appunto la sua circonferenza.
Se vogliamo arrivare a mezzi più empirici e odierni, senza scomodare la storia che, per i “terrapiattisti” potrebbe essere ascrivibile a leggenda (sic!), ci sono delle semplici esperienze che possiamo fare per capire che la terra è tonda. Se siamo al mare, ad esempio, ci basterà guardare una nave in navigazione verso l’orizzonte per vederla gradualmente sparire: prima scomparirà lo scafo, poi le sovrastrutture, appunto perché la curvatura del pianeta ne nasconderà prima la parte più bassa e poi quella più alta man mano che si allontanerà dall’osservatore. Sempre restando la mare, ma qui dobbiamo andare sulla costa tirrenica o comunque occidentale della nostra penisola, quando il Sole sta per tramontare ci basterà sdraiarsi sulla sabbia e fissare l’astro fino a che sparisce sotto l’orizzonte, ed in quel preciso momento alzarsi di scatto: per un istante lo rivedremo ancora. Questo succede perché il nostro punto di vista, salendo di quota, allarga un po’ il nostro orizzonte trattandosi di una sfera. Lo stesso principio alla base di un altro esperimento, questa volta da fare in montagna possibilmente durante una giornata di cielo terso: man mano che saliremo verso la vetta vedremo che il nostro sguardo arriverà più lontano rispetto al punto di partenza. Non siete ancora convinti? Allora guardate la Luna: l’ombra che la Terra proietta su di essa durante le varie fasi calanti o crescenti è curva, e solo un oggetto curvo può proiettare un’ombra simile. Ancora una? Gli altri pianeti del sistema solare ad un’osservazione anche con un telescopio poco potente appaiono di forma sferica, perché la Terra dovrebbe fare eccezione? Serve altro per convincervi? Aspettate qualche anno, quando saranno operativi i nuovi aerei transcontinentali iperveloci che viaggeranno ai confini dell’atmosfera terrestre, e guardate fuori dal finestrino, allora, come gli astronauti, vedrete che la Terra è rotonda e non piatta.

Vittorio Sasso ( https://www.ilprimatonazionale.it/approfondimenti/83270-83270/ )

Cercano di buttarla in “caciara” (cioè in politica), non sapendo come reagire. È vero, Roberto Avitabile appartiene al M5S. Io invece denuncio dal 2008 che il Movimento 5 Stelle è il più grosso pericolo per l’Italia. Creato da Casaleggio (Grillo è solo un attore in scena) per conto della CIA per fare gli interessi degli Stati Uniti al pari di Tsipras in Grecia, Podemos in Spagna eccetera. Sfido chiunque a dimostrarmi il contrario.
Un libro per chi vuole approfondire l’argomento “forma della Terra”: QUADERNI DALLA TERRA PIATTA.

10 aprile 2018

I terrapiattisti italiani hanno provato a dimostrare che la terra è piatta

Volevano fare anche un ‘esperimento’, ma purtroppo non è stato possibile per la foschia.

https://video-images.vice.com/articles/5acc83561eaf4d0006bad7f7/lede/1523352409766-slack-imgs.jpeg?crop=1xw%3A0.8457xh%3B0xw%2C0.0007xh&resize=1250%3A*
Tra i relatori e gli organizzatori della conferenza c’era Albino Galuppini, autore di Quaderni dalla Terra piatta volume 1, il “primo libro moderno in formato cartaceo” in italiano sulla terra piatta. Il libro tratta diversi temi, dai rapimenti alieni alla cripto-zoologia, dal Nuovo Ordine Mondiale alla profezia di Malachia sull’ultimo papa, dai misteri dell’Antartide alla “beffa delle missioni lunari Apollo.” La prefazione è di Dino Tonelli, youtuber terrapiattista piuttosto noto a cui dobbiamo alcuni degli splendidi video di cui ho già parlato in altra sede.
“Non abbiamo la presunzione di conoscere la forma della terra ma abbiamo avuto modo di sperimentare, con i semplici mezzi a disposizione, che di sicuro non ha la forma sferica che ci vogliono far credere,” ha spiegato a Brescia Oggi Pamela Morrigan, una delle relatrici.
E in effetti al termine della conferenza era previsto un esperimento sul campo—che doveva consistere nel vedere se da Rivoltella si vedesse Tuscolano Maderno, dall’altra parte del lago, nonostante la curvatura terrestre.
L’esperimento non si è svolto per problemi meteorologici. ( https://www.vice.com/it/article/43b7yb/terrapiattisti-italiani-conferenza )

Un altro articolo di stampa sulla nostra conferenza del 7 aprile scorso a Rivoltella del Garda.

9 aprile 2018

La terra non è sferica? A Desenzano il ritrovo dei terrapiattisti

Alcune persone – in barba a ogni logica – affermano che la terra è piatta, arrivando ad aggiungere – uccidendo nuovamente Galileo – che è anche ferma e si trova in posizione centrale rispetto all’universo
La terra ha forma sferica e si muove. Questa verità è accettata da millenni (i greci lo sapevano già) e unanimemente condivisa dalla scienza. Insomma: non ci sono dubbi, si tratta di un dato di fatto e chiunque sositene il contrario afferma cose fantasiose e false.
Ma alcune persone, nel 2018, non la pensano così e – in barba a ogni logica – affermano che la terra è piatta, arrivando ad aggiungere – uccidendo nuovamente Galileo – che è anche ferma e si trova in posizione centrale rispetto all’universo.
E’ il caso, almeno secondo quanto riferito dall’edizione odierna di Bresciaoggi, del piccolo gruppo di “esperti” che nei giorni scorsi si sono trovati a Rivoltella del Garda (frazione di Desenzano), al ristorante Le Muse, per condividere i propri dubbi e per “dimostrare” empiricamente al mondo l’indimostrabile.
I terrapiattisti, infatti, hanno spiegato al quotidiano bresciano di aver “avuto modo di sperimentare, con i semplici mezzi a disposizione, che di sicuro non ha la forma sferica che ci vogliono far credere”. Quali mezzi? Secondo loro – ad esempio – se la terra fosse curva sarebbe impossibile vedere Desenzano da Rivoltella, perché tutto sarebbe nascosto dalla curvatura. Fantasie ovviamente e per cancellarle basterebbe porre la domanda qualsiasi professore di Scienze.
Ma evidentemente il web, il parere dell’amico senza titoli in materia e il passaparola, talvolta, sono più convincenti della scienza. ( http://www.bsnews.it/2018/04/08/la-terra-non-e-sferica-desenzano-il-ritrovo-dei-terrapiattisti/ )

Brescia News ci va giù duro, evidentemente, un redattore innominato, prezzolato e pungolato dal direttore, è pronto ad attaccare coloro che mettono in discussione la geografia canonica. Per chi vuole saperne di più: QUADERNI DALLA TERRA PIATTA.

https://pbs.twimg.com/profile_images/1368476899/logofbsnews_400x400.png

8 aprile 2018

Quelli che…«la terra è piatta e non gira!»

Foto di gruppo davanti a un orizzonte senza curvature: sarebbe la «prova regina»

E se la terra fosse piatta? Se quello che fino ad oggi abbiamo imparato sui banchi di scuola fosse tutta una bufala? La scienza ci ha insegnato che la forma della terra è simile a quella di una sfera, per l’esattezza si tratterebbe di un ellissoide di rotazione, ma non tutti la pensano così. Correnti di pensiero che sembravano superate definitivamente dopo Copernico, Keplero e Galileo, hanno ripreso vigore negli ultimi anni dall’America e c’è tanta gente che, adesso, non ha paura di dire quello che pensa: «la terra è piatta e non gira, perchè è il nostro pianeta il vero centro dell’universo». «TERRAPIATTISTI» vengono chiamati, e sono qui fra noi: i seguaci di queste nuove teorie si stanno diffondendo anche in Italia e proprio ieri a Rivoltella un gruppo di sostenitori si è riunito al ristorante «Le muse» per discutere e sperimentare le teorie che difendono il modello della «Flat Earth», la terra piatta. Si trattava della seconda «Conferenza nazionale di discussione sulla reale forma della terra» e nessuno era qui per scherzare: prove, esperimenti e deduzioni, secondo i terrapiattisti, possono confutare tutto ciò che fino ad oggi la scienza ci ha insegnato. «Non abbiamo la presunzione di conoscere la forma della terra – ha spiegato Pamela Morrigan, tra le relatrici – ma abbiamo avuto modo di sperimentare, con i semplici mezzi a disposizione, che di sicuro non ha la forma sferica che ci vogliono far credere». L’ESPERIMENTO in programma ieri sul lago è purtroppo saltato causa foschia. Si trattava di una semplice prova visiva tra la spiaggia di Rivoltella e quella di Toscolano Maderno, che avrebbe permesso di constatare, secondo i presenti, che il pianeta non è sferico: infatti se la terra fosse curva, come potremmo vedere Toscolano da Rivoltella? Non dovrebbe essere nascosto dalla curvatura? Peccato per la stramaledetta foschia. Tra i relatori della giornata anche Albino Galuppini, scrittore e studioso bresciano: «Sono diversi anni che mi occupo di questa tematica e siamo alla ricerca di risposte alle nostre domande». Risposte che secondo i partecipanti si otterrebbero solo «appiattendo» il pianeta. PIATTO E FERMO: a parere dei sostenitori di questa teoria non esisterebbero prove che la terra si muova. «Il nostro obiettivo è ricercare la verità – ha spiegato Roberto Avitabile informatico dell’Anas di Roma – capire come stanno le cose potrebbe cambiare le sorti del mondo». I suoi esperimenti sono confluiti in una ricerca dal titolo «La terra è un globo?», pubblicata anche sul blog dell’Anas. •

Maria Lisa Piaterra ( http://www.bresciaoggi.it/territori/garda/quelli-che-la-terra-%C3%A8-piatta-e-non-gira-1.6417634 )

 

8 aprile 2018

PIANO DI ESISTENZA 2 – Pam Morrigan

È stata una grande esperienza formativa la seconda edizione della conferenza PIANO DI ESISTENZA tenutasi a Rivoltella del Garda. Sfortunatamente, le condizioni meteo con notevole foschia, ci hanno impedito di effettuare misurazioni. In ogni caso, Pam Morrigan e i suoi amici sono stati fantastici. C’era una giornalista di Bresciaoggi (secondo quotidiano di Brescia) ma non saprei dire se e quando pubblicherà qualcosa. Il mio libro sulla Terra Piatta ha destato particolare interesse e ringrazio nuovamente tutti coloro che lo hanno acquistato.

4 aprile 2018

La storia ridicola della stazione spaziale cinese Tiangong

Sonda cinese

Il “palazzo celeste” doveva cadere il primo aprile, giorno di Pasqua e del pesce d’aprile al contempo.
Adesso i giornali bufalari italioti scrivono che poteva colpire il centro-sud Italia. Stranamente le regioni che devono ripopolare con i milioni di africani che Renzi e Grillo stanno facendo entrare in funzione anticristiana ora mantenuti col “reddito di cittadinanza”. Prima, collo Steve Jobs Act, hanno ridotto gli italiani alla fame, costringendoli a lavorare per 2 euro l’ora. Dopodiché, il pupazzo Di Maio è entrato in scena incassando un sacco di voti lasciando credere che il r.d.c. sia destinato agli italiani in difficoltà.
L’orario 11:30 è doppiamente significativo: per la numerologia 113 sta anche per 11 marzo data di cui ho giù parlato. Poi, nella celebrazione solenne di Pasqua, che di solito inizia alle 11, dopo circa mezz’ora avviene la consacrazione dell’ostia. Per questo massoni e satanisti, nell’elaborare la beffa, hanno indicato le 11:30 come ora della caduta dal cielo (riferimento a lucifero e ai suoi angeli decaduti) della inesistente stazione spaziale cinese.
Già il “coniglio di giada” (Yutu) si era “guastato” appropriatamente poiché le foto mostravano un colore del suolo incompatibile con quelle prodotte dalla NASA durante le fantomatiche missioni Apollo. La sonda si chiamava Chang’e3 Yutu che letto in inglese (nuova lingua unica “globale”) significata “Anche tu cambia i tre (cioè la Trinità)” ennesimo messaggio subliminale diabolico.

27 marzo 2018

Il cambiamento di colore del Sole segna l’inizio dell’era dell’Acquario?

Sole giallo o bianco?

Negli anni ’70 e ’80 il colore del Sole tendeva visibilmente al giallo. Il colore del cielo aveva sfumature verdi.

abbronzatura sole bianco

Il Sole nel 2018 è assolutamente bianco candido. Il cielo è integralmente azzurro.

Molto probabilmente, il mutamento di colore del Sole, da giallo a bianco, indica un cambiamento epocale. Basta guardare l’astro in cielo per vedere che è bianco, non più giallo. Usciamo dal periodo buio della menzogna eliocentrica per abbracciare i mille anni di prosperità e pace che precedono la fine del mondo.
Il sole può cambiare colore come avviene quasi tutti i giorni in luoghi speciali quali Medjugorje (video sotto). Per altre epoche, con tutta probabilità, assume sfumature di colorazione azzurra, arancione, lilla e rosa, chi lo sa.
Non si sa bene quando sia iniziata l’era dell’Acquario, probabilmente nel 2012. Sono di quel periodo i primi video sulla terra piatta, fenomeno web che esplose in USA nel 2013-2014 e, a partire dal 2015, nel resto del mondo.
Ammetto che un po’ il sole giallo mi mancherà.